Notifiche
Cancella tutti

Statue coperte: articolo da IRIB


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 4907
Topic starter  

Da qui: http://italian.irib.ir/analisi/commenti/item/210335-il-vero-motivo-delle-polemiche-sulla-visita-di-rohani

Il vero motivo delle polemiche sulla visita di Rohani

Basta ricordarsi un attimo chi sono, in tutto il pianeta Terra, coloro che non vogliono uno sviluppo delle relazioni tra Iran ed Europa; quando scoprirete chi sono, sarà ormai facile capire chi si nasconde dietro tutte le polemiche che riguardano e riguarderanno la visita del presidente iraniano Rohani in Italia e Francia.

Andiamo a scavare nel passato

Non bisogna cercare tanto per capire chi sono i nemici di un Iran forte ma soprattutto un Iran amico dell'Europa. Il 14 Luglio 2015, quando viene formato l'accordo nucleare, le uniche tre (anzi due) nazioni al mondo ad esprimere il loro scontento sono Arabia Saudita, Canada e Israele; ho scritto appositamente "due" tra parentesi perchè dichiaro con fierezza che non riconosco l'esistenza di nessuna nazione chiamata Israele ma solo l'esistenza di una auto-proclamata entità di questo nome che occupa terra altrui.

Ad ogni modo, Israele ha continuato nei mesi che sono seguiti ad ostacolare in tutti i modi la ripresa delle relazioni con l'Iran e gli affari con questo paese. Mentre le sei potenze hanno dichiarato da tempo che il programma nucleare iraniano e' unicamente civile, a Tel Aviv stanno ancora a dire che Teheran farà la bomba; insomma, ogni diceria viene usata per mostrare l'Iran come pericolo.

Ci spostiamo a Riyadh. Lì i fatti di cronaca sono recentissimi e non c'è bisogno di rispolverare tanto la memoria. Il regime saudita ha fatto di tutto per coinvolgere l'Iran in un nuovo giro di tensioni ed impedirne l'ascesa velocissima sullo scenario mondiale.

Arabia Saudita e Israele hanno potere mediatico in Italia?
E' naturale che la risposta e' sì. Certo che ce l'hanno e se siamo realisti, senza accusare nessuno, hanno anche "uomini di fiducia" in Italia tra i potenti. Ed e' chiaro che in occasione della visita di Rohani, hanno usato queste forze per rovinarla.

Senza riuscirci, perchè gli accordi economici, la parte più importante sono stati fatti; senza riuscire perchè la visita e' stata di grande successo pure in altri sensi e Rohani ha rappresentato benissimo la volontà degli iraniani di dialogare con l'Occidente e soprattutto con la cristianità con quel "preghi per me" detto al Papa.
La serie di sforzi ostili

A cercare di rovinare la visita di Rohani ci pensa, guardate che coincidenza, il rabbino capo di Roma, Riccardo di Segni, che bolla l'Iran negazionista e protesta contro la visita. L'Ansa e alcuni giornali danno anche spazio alla notizia che però non crea l'effetto sperato. Rohani, che in Iran manda il messaggio di auguri pure in occasione delle ricorrenze ebraiche (lo ha fatto per il Rosh Hashanah, il nuovo anno), tutto è tranne che negazionista o anti-ebreo.

Il cerimoniale diplomatico

Ma come dimostrano le notizie di queste ore, qualcuno, e chiaramente non si saprà chi, ha un'idea brillante; fare un qualcosa da addossare all'Iran per fare vedere a tutti che si tratterebbe di un paese "chiuso, retrogrado e ignorante". Quindi quel qualcuno, decide di coprire le statue col nudo e di lanciare poi accuratamente la notizia. Inizialmente la notizia viene astutamente riferita in maniera che sia il povero Iran ad essere messo in cattiva luce.

E' intelligente Rohani che alla conferenza stampa a Roma fa intendere che non è stato l'Iran a chiedere la copertura di quelle statue.

Grande, l'intervento di Vittorio Sgarbi che ricorda che nello stesso Iran ci sono tante opere dell'antichità simili che non vengono certo coperte.

Non si capisce di chi è la colpa ma intanto, un pò di danno si e' fatto, anche perchè non tutti hanno poi saputo che non erano stati gli iraniani a volere la copertura di quelle statue.

Il vino

Con la stessa politica qualcuno ha cercato pure di sollevare la polemica sulla questione del vino. Questa volta e' veramente l'Iran a chiedere che se le sue autorità vengono invitate a cena, le bevande alcoliche non ci siano. La ragione e' semplice perchè esiste un famoso detto del profeta dell'Islam che proibisce al musulmano persino di presenziare ad un banchetto in cui e' presente il vino. Qualcuno ha cercato di farne polemica ricordando che l'Italia per rispetto dell'ospite e poterlo invitare ad una cena lo ha tolto mentre i francesi non lo hanno voluto fare invitando Rohani ad una colazione di lavoro.

E in Francia?

I poteri di cui abbiamo parlato non esistono solo in Italia. Anzi, sono molto più forti in Francia. Giovedì, si apprende, c'e' stata una protesta delle Femen ed e' probabile che ci siano altre critiche sulla visita di Rohani, anche se sta acquistando 114 Airbus, un contratto di portata storica, e ha firmato l'accordo per la costruzione di una fabbrica di automobili con la Peugeot e lo farà forse anche con la Renault.

I cari vecchi terroristi dell'MKO

Sia in Italia che in Francia c'e' stato anche qualche tentativo degli MKO, i terroristi che dal 1979 in poi hanno ucciso migliaia di persone in Iran e che sono caduti in disgrazia soprattutto dopo che la loro base militare in Iraq, Camp Ashraf, e' stata evacuata. Hanno cercato di sollevare le stesse questioni, il fatto che la pena di morte esiste in Iran ed hanno anche raccontato tante bugie. Sui social media postano foto di lapidazioni nei paesi arabi dicendo che sono dell'Iran. Ad ogni modo, sono insignificanti ma ad esserci ci sono.

Domande finali

Statue, vino, accuse false sulla lapidazione (non esiste nel codice penale iraniano), il fatto di dare la mano o meno alle donne...

La domanda e' se sia questo ciò che conta dell'Iran. O formulata in altro modo, dobbiamo chiederci se la vogliamo dar vinta a coloro che non vogliono relazioni buone e forti tra Iran e Italia e si aggrappano a queste cose, per lo più false.

Se Rohani e i suoi non avessero apprezzato "la cultura" e "la civiltà" e fossero stati solo alla ricerca dei contratti, avrebbero iniziato le visite in Europa con la Germania, che al momento e' anche il principale partner economico dell'Iran nell'Ue.

E poi, dobbiamo soffermarci sul fatto che Rohani non dà la mano alle donne o vogliamo ricordare che e' il leader dell'unico paese islamico non invaso dall'Isis che sta combattendo contro questo gruppo terroristico?

Vogliamo dire che e' il presidente dell'unica nazione islamica dove cristiani ed ebrei (e pure zoroastriani, sabei, sikh, ecc...) hanno la loro libertà di culto e si trovano bene.

Vogliamo dire che e' il presidente dell'unica nazione islamica che invia satelliti nello spazio, e dove le donne sono il 65% degli studenti universitari?

Vogliamo dire che e' l'Iran ha stipulato accordi per 17 miliardi con l'Italia e che può essere "ossigeno" per le imprese italiane?

A coloro che sono ostili all'Iran per intolleranza o lo sono perchè sono assoldati da Israele ed Arabia Saudita, chiediamo di trovare vie più intelligenti per inseguire i loro obbiettivi. Tutto sommato, la gente, non è ignorante come pensate voi!


Citazione
Black_Jack
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1577

RispondiCitazione
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 4907
Topic starter  

Doppione!

Mi spiace. Scusami Helios.

Truman, per favore, ci pensi tu?

Credo che se cancello io rimanga il commento.


RispondiCitazione
lanzo
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 744
 

D'accordo. MA, a parte le statue che di certo non avrebbero scandalizzato un uomo di cultura, l'infingardaggine italica si e' invece dimostrata con il bando del vino al pranzo ufficiale. Hollande invece li ha sfanculati.


RispondiCitazione
Maria Stella
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 1429
 

Resta evidente come il sole l'imbecillità degli italiani: sarebbe bastato non ricevere l'iraniano in un museo colmo di statue semi nude... Qui abbiamo l'ignoranza degli adddetti alla accogliienza e quella di chi avrebbe dovuto seguire i lavori.... il resto è giustificazionismo idiota.. saremo sempre inadatti e derisi... se gli stipendioni ti piovono dall'alto senza che tu abbia dovuto faticare per imparare a ragionare, se basta inserirsi nella solita parrocchia e saper fare affaruccoli pro partiti (mafia capitale docet) avremo sempre la nomea meritata di essere poco professionali ed incapaci.. tranne i rifiutati dal sistema -truffa italiano: i nostri ragazzi all'estero sono ricercati in se e per se... se poi qualcuno si piglia il solito raccomandato.. spesso ce lo rispedisce al mittente.. ma i giornali non ce lo raccontano.. tanto l'imbecilloto ce lo mette sul groppone papa' e tutti si inchinano..


RispondiCitazione
Matt-e-Tatty
Noble Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 2484
 

Resta evidente come il sole l'imbecillità degli italiani: sarebbe bastato non ricevere l'iraniano in un museo colmo di statue semi nude... Qui abbiamo l'ignoranza degli adddetti alla accogliienza e quella di chi avrebbe dovuto seguire i lavori.... il resto è giustificazionismo idiota.. saremo sempre inadatti e derisi... se gli stipendioni ti piovono dall'alto senza che tu abbia dovuto faticare per imparare a ragionare, se basta inserirsi nella solita parrocchia e saper fare affaruccoli pro partiti (mafia capitale docet) avremo sempre la nomea meritata di essere poco professionali ed incapaci.. tranne i rifiutati dal sistema -truffa italiano: i nostri ragazzi all'estero sono ricercati in se e per se... se poi qualcuno si piglia il solito raccomandato.. spesso ce lo rispedisce al mittente.. ma i giornali non ce lo raccontano.. tanto l'imbecilloto ce lo mette sul groppone papa' e tutti si inchinano..

Quando si invita un capo di stato, si mostra la storia, l'arte e la cultura del paese, a volta l'industria, le opere edili, in genere quanto c'è di migliore nel paese.

Nel caso specifico la delegazione iraniana, essendo formata da persone colte, avrebbe apprezzato. Ma tornando all'ipotesi di invitare la delegazione in un luogo più sobrio, non è possibile.
Non si sarebbe raggiunto lo scopo di sputtanare la delegazione iraniana, servivano le statue coperte per farli passare per talebani appena usciti da una grotta che hanno lapidato due o tre bambine cieche prima di prendere l'aereo.


RispondiCitazione
Condividi: