POLIZIA EUROPEA: VI...
 
Notifiche
Cancella tutti

POLIZIA EUROPEA: VIA LIBERA ALLA SORVEGLIANZA TOTALE


Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

EUROPOL la NSA europea

Da adesso il coordinamento fra le polizie europee potrà acquisire e conservare i dati delle persone. Non solo quelli relativi a chi è sospettato di aver commesso un reato ma di tutti. Ignorate le preoccupazioni delle associazioni per i diritti civili.

Il Garante privacy Ue Wojciech Wiewiórowski a poche ore di distanza dalla pubblicazione sulla Gazzetta ha reso pubblico la misura, ha manifestato con una nota ufficiale, il suo dissenso. Totale dissenso. Wiewiórowski fino ad ora è stata l’unica voce che ha provato ad opporsi.  Tace la politica, tace la sinistra. Tace il mainstream.

Spesso notiamo come alcune nazioni estere non abbiano alcun riguardo per la privacy internettiana dei propri cittadini, che i dati siano utilizzati senza ritegno per ottimizzare i sistemi di sorveglianza. In tal senso, l’Unione Europea si è sempre dimostrata una virtuosa eccezione, tuttavia un recente emendamento si è assicurato di garantire all’Europol quegli stessi poteri invasivi che critichiamo aspramente ai Governi autoritari. 

Facciamo un passo indietro. L’Europol è l’agenzia UE che coordina le polizie dei Paesi Membri quando queste sono impegnate in indagini relative al crimine organizzato di portata internazionale. Come tutte le attività di sicurezza governative, l’Europol non è soggetta alle leggi sulla privacy digitale codificate nel GDPR, tuttavia esistono comunque alcune limitazioni attraverso cui si tutelano i cittadini da eventuali abusi. Limitazioni garantite tra le altre dal Data Subject Categorisation (DSC), il quale è appena stato annichilito.

Senza troppe cerimonie e nel silenzio generale, il 27 giugno 2022 Parlamento e Consiglio UE si sono assicurati di formalizzare un emendamento che è immediatamente entrato in vigore. La modifica alla legge europea ha ampliato nettamente i poteri dell’Europol, entità che in passato era peraltro finita nel mirino dello European Data Protection Supervisor (EDPS), l’autorità di sorveglianza indipendente che vigila sulla tutela della privacy da parte delle istituzioni europee.

Lo scorso gennaio, l’EDPS aveva denunciato che il modo di gestire i dati da parte dell’Europol fosse contrario alle norme di legge, ovvero che l’agenzia poliziesca preservasse illegalmente nei propri archivi le informazioni di soggetti non coinvolti nei crimini al centro delle indagini. Per risolvere l’abuso, l’organo di vigilanza aveva imposto che le informazioni raccolte venissero scremate e regolarizzate nell’arco di dodici mesi, pena la cancellazione coatta di quanto contenuto sui server.

Con il recente emendamento, l’Unione Europea non si è solamente assicurata di annullare i presupposti su cui si appoggiava la decisione dell’EDPS, ma ha anche provveduto a intensificare considerevolmente l’efficienza della sorveglianza poliziesca. L’Europol può infatti ora trattare i dati dei non indagati al pari di coloro che hanno legami con la malavita e tale variazione ha valore retroattivo, quindi va di fatto ad annullare l’ordine di adeguamento.

Non solo, come spiega la stessa polizia europea, l’aggiornamento assicura ai suoi uffici la possibilità di sviluppare e applicare nuove tecnologie ai fini di combattere la malavita internazionale, nonché garantisce maggiore spazio di manovra nell’ottenimento dei dati digitali direttamente dalle aziende private. Considerando che nel 2023 dovrebbe entrare in campo il progetto europeo di gestione dei dati criminali attraverso sistemi di machine learning e Big Data, INFINITY, le tempistiche non possono che sollevare qualche preoccupazione.

L’Europol sostiene che l’emendamento appena siglato andrà a rinvigorire le funzioni dell’EDPS, una posizione che non è però condivisa dall’EDPS stessa, la quale parla invece di «indebolimento del diritto fondamentale alla protezione dei dati». L’organo di vigilanza sottolinea quindi che i nuovi poteri polizieschi non siano compensati da tutele adeguate e fa notare che ora starà all’Europol autonormarsi per non sfociare in ulteriori abusi. Non certo una garanzia.

FONTE: https://www.nogeoingegneria.com/ingegneria-sociale/bruxelles-da-via-libera-alla-sorveglianza-totale-delleuropol-la-polizia-europea/

POSSIAMO LOTTARE CONTRO QUESTO ORRORE, CERCA SU TELEGRAM:

ENTRA IN V_V


ekain3 hanno apprezzato
Citazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

Tranquilla, ci pensa già google con android, ma anche apple con ios e tutti i cinesi, a raccogliere i nostri dati per schedarci.

La polizia europea può condividere solo  i dati statici  che sono i dati ufficiali come documenti di identità, residenza, lavoro, ecc.  Per contro apple,  google ed i cinesi condividono i dati dinamici  che sono i dati del nostro comportamento come telefonate, spostamenti, localizzazioni bleutoot e nfc, accessi a siti web  dati, ecc

Hai mai fatto caso che ricevendo una chiamata da un numero che non è nei tuoi contatti spesso appare sullo schermo il nome e cognome di chi ti sta chiamando?  Allo stesso modo se fai una chiamata col numero di telefono spesso appare subito nome e cognome di chi chiami anche se non è nei contatti. E per sommo dileggio alla fine della chiamata il tuo cellulare ti chiede su vuoi aggiungere nome e cognome del corrispondente ai tuoi contatti.

Domanda: da dove prendono nomi e cognomi se non sono nel tuo cellulare?
Risposta: tutti i cellulari inviano i numeri delle chiamate fatte o ricevute al server di google o di apple o dei cinesi per cercare negli elenchi telefonici mondiali a chi appartiene. Con  l'occasione si memorizzano tutti i tuoi dati  si costruisce una rete delle tue frequentazioni telefoniche. Se chiami qualcuno di notte è diverso da se lo chiami di giorno ed è diverso da se lo chiami quando il tuo compagno/a (la vostra relazione è già schedata da tempo) è al lavoro.

Simpatico vero? L'europol è l'ultimo dei tuoi problemi di privacy!

 

Questo post è stato modificato 5 mesi fa da cedric

ducadiGrumello hanno apprezzato
RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 238
Topic starter  

Sì, ci ledono la privacy da anni ma qui c’è una chiara presa di posizione normativa!!

Ho anche sentito che l’Europol potrà entrare in casa senza mandato e sarà superiore alle polizie nazionali.

E quando non sarà più costituita da persone ma da robot allora saranno veramente cazzi.


RispondiCitazione
Condividi: