Gianluca Freda - Co...
 
Notifiche
Cancella tutti

Gianluca Freda - Come eravamo

Pagina 1 / 4

Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 33516
Topic starter  

Durante il discorso di Ahmadinejad all’ONU ho provato una terribile invidia per gli iraniani. E non perché siano iraniani o perché la loro società e la loro cultura mi sembrino preferibili alla mia. Conosco troppo poco il loro paese per poter dire se si viva meglio qui o da loro. Di una cosa, però, adesso sono sicuro: loro sono un paese. E questo è molto di più di quanto si possa dire di qualsiasi entità politico-territoriale esistente in Europa.

L’Iran è uno stato nazionale che può esercitare ed esercita, nel bene e nel male, tutte le prerogative della propria sovranità. Possiede una cultura autoctona, di cui va fiero. Talmente fiero che non ha neppure bisogno di spiegarla al resto del mondo. Nel corso della perdurante campagna di criminalizzazione della Repubblica Islamica, l’occidente ha raccontato sugli usi e i costumi dell’Iran tali e tante frottole che non basterebbe un saggio per elencarle tutte. Solo sul caso Sakineh sono state dette tante assurdità da riempire un capitolo di una quarantina di pagine. Si è parlato di lapidazioni, che in Iran non esistono più dal 2002, senza dire che il periodo d’oro delle lapidazioni in Iran è stato quello dello Scià, cioè il periodo in cui in Iran comandavano gli americani. Si è parlato di processi per adulterio, che in Iran sono, di fatto, inesistenti. Si è blaterato a vanvera sulla condizione della donna nel matrimonio, senza dire che nell’Iran sciita il divorzio esiste da 1400 anni, cioè da quando esiste l’Islam. E no, il diritto di chiedere la separazione non spetta affatto soltanto al marito, come hanno farneticato i nostri organi di stampa. In Iran divorzia, in media, una coppia su sette. A Teheran, la media è di una su quattro. Di fronte a tutte queste menzogne, le autorità iraniane sono intervenute con smentite puramente sporadiche, mostrandosi – giustamente – più divertite che indignate dall’immagine puerile che i media occidentali forniscono sul loro paese. La loro cultura e i loro costumi sono solidi, condivisi e contribuiscono a dare un senso profondo al vivere sociale. Non hanno il minimo bisogno  dell’apprezzamento estero e se all’occidente certi aspetti della cultura sciita non piacciono, i problemi sono tutti nostri. E pure grossi.

Si ha la netta impressione che nel delirante starnazzare dei media nostrani, oltre al consueto servilismo verso i dominanti statunitensi, vi sia una robusta componente d’invidia. L’Iran è oggi ciò che gli stati europei erano fino a 65 anni fa e hanno poi cessato di essere dopo la conquista da parte degli americani: una nazione con una forte identità nazionale, che si manifesta nelle leggi, nella politica interna ed estera, nella produzione letteraria, nella musica, nel cinema, nella religione. Potremmo semplicemente dire: l’Iran è una nazione. Punto. E “nazione” è un concetto di cui a noi è rimasta soltanto una vaga e dolorosa reminiscenza. E’ per questo che l’Iran ci fa rabbia, spingendoci, non di rado, a strepitare bugie e stupidaggini come galline impazzite. Ci fa rabbia la sua coesione culturale e nazionale, che neppure le “rivoluzioni colorate” organizzate in grande stile dai suoi nemici riescono a scalfire. Ci rammenta di quando anche noi avevamo una nostra letteratura, un nostro cinema, una nostra identità nazionale. Ci fa pensare a quando e a come abbiamo perduto tutto questo, il che è molto pericoloso per chi ce ne ha privato. La memoria è sempre pericolosa per chi fonda il proprio potere sull’oblio, come Orwell ci aveva ben insegnato. E’ importante che si dimentichi anche lui. Gli strepiti sguaiati dei media servono anche a questo: a non farci riflettere troppo. Se riflettessimo, potremmo renderci conto che abbiamo gettato alle ortiche una cultura millenaria per sostituirla con quella imposta con la violenza delle armi e del sopruso dallo straniero occupante.

Il quale straniero, un tempo, era almeno portatore di una cultura di alto livello. Ora che la sua stella declina, anche la sua cultura si decompone, riducendosi alle proprie molecole costitutive senza più un principio di coesione che le elargisca il soffio della vita. Le sparatorie, il sangue, gli omicidi, la suggestione delle immagini, la retorica nazionalista, sono ancora presenti nella letteratura e nel cinema che il padrone fabbrica per tenerci distratti. Ma non possiedono più quella valenza di  significato, quella progettazione identitaria, quella ricchezza di prospettive sul futuro che servivano a dare un senso almeno alla nostra servitù, se non alla speranza di una liberazione. Sono solo immagini e parole vuote, ripetute ipnoticamente, di cortissimo respiro; l’equivalente di un calmante che serva a tenerci buoni e a farci dimenticare il dolore per questa sera, nell’attesa che si scopra un nuovo e più efficace sistema di riferimenti esistenziali che il padrone, impegnato com’è a risolvere i propri guai, non ha più il tempo né la voglia di ricercare per noi. Viviamo e dormiamo senza più sapere perché e i nostri sonni sono agitati dalla consapevolezza che i sogni e gli incubi che vengono a visitarci in questo dormiveglia irrequieto non sono più neanche nostri. Ci fanno rabbia le nazioni come l’Iran, che hanno conservato non solo la capacità di sognare i propri sogni, anziché quelli altrui, ma anche l’indipendenza necessaria per poterli un giorno rendere concreti. Vorremmo che almeno non ci privassero del nostro sedativo, che non spezzassero le fantasie analgesiche del nostro dormiveglia.

Ci infuriamo, pertanto, quando l’Iran, nella persona del suo presidente, ci ricorda in continuazione che i miti fondanti della nostra servitù sono solo fantasie che altri hanno edificato per noi. Non sopportiamo, ad esempio, di sentirgli ripetere che l’olocausto è una colossale menzogna, perché dentro di noi sappiamo bene che è così e ci sentiamo umiliati dall’inganno, dalla credulità con cui ci siamo caduti, dall’impotenza lamentevole a cui ci ha condotto. Schiumiamo di inutile furia quando le favole del terrorismo, dell’11 settembre, della democrazia putrefatta e marcescente a cui ci hanno incatenati vengono smontate sotto i nostri occhi di sguatteri sonnolenti e tremanti.

L’Iran è una nazione che può permettersi di abbandonare la sala conferenze del palazzo dell’ONU quando lo ritiene opportuno, non quando lo ordina il padrone.
L’Iran può permettersi, per bocca del suo presidente, di demolire con un sogghigno le fanfaluche del decano dei giornalisti americani ( http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3615 ), ricordandogli che l’occidente non è mai stato “il mondo”, come ama definirsi nei momenti di esaltazione lisergica, ma solo una piccola componente di esso. Una componente che ha irrimediabilmente perduto la supremazia militare e culturale che le consentiva di imporre agli altri popoli la propria definizione di “civiltà”.

L’Iran può permettersi di sghignazzare, gioiosamente ed a lungo, sulle accuse di “sessismo” con cui le donnette d’occidente (di sesso maschile e femminile) vorrebbero lapidarlo. Anzi, può permettersi di non capire neppure il significato di questa parola, che esiste solo in occidente e che non siamo più in grado di incuneare, a forza di bombe, nei vocabolari altrui. Per tutto il resto del mondo, il sesso è un dato di fatto, non una teoria o un’ideologia, e coincide con ruoli sociali definiti e specifici. La nostra attitudine a trasformare le realtà della natura in deliranti astrazioni simboliche non ha più artigli per scavarsi una sordida tana nel territorio degli altri popoli. Resta solo una fonte di divertimento e di parziale sconcerto per tutti coloro che assistono increduli alla nostra morte demografica, mentre ci aggrappiamo ostinati alle disquisizioni scolastiche che hanno trasformato le nostre donne in esseri fastidiosi, inutili ed inadatti alla procreazione, pretendendo pure – tra l’ilarità generale – di imporre al resto dell’universo il nostro “cupio dissolvi”.

L’Iran possiede – come ha orgogliosamente sottolineato Ahmadinejad nell’intervista rilasciata a Larry King – le risorse alimentari, minerarie, industriali ed energetiche per fare a meno di noi.  Siamo noi che abbiamo bisogno dell’Iran, non viceversa. E dobbiamo andare, come ladri di notte, a mercanteggiare con i loro rappresentanti la compravendita dei beni che ci servono per sopravvivere e che il dominus non è più in grado di garantirci, di soppiatto, tentando di non farci scoprire dal padrone, che ogni tanto si accorge della nostra infedeltà e ci convoca d’urgenza per redarguirci. Come ha fatto di recente Gideon Meir, ambasciatore israeliano in Italia, accorgendosi che le nostre importazioni dall’Iran sono raddoppiate rispetto al primo semestre dell’anno scorso ( http://conflittiestrategie.splinder.com/post/23358406#more-23358406 ) .

L’Iran possiede non solo le capacità militari e strategiche, ma anche la preparazione sociale per proteggersi dai propri nemici. I suoi cittadini sono soldati o figli di soldati che hanno combattuto contro l’Iraq una guerra spaventosa e sanguinosa in difesa della propria repubblica. Non giovinastri cialtroni con il piercing al sopracciglio, rimbecilliti da Facebook e da Lady Gaga. L’Iran non deve elemosinare da nessuno, neppure dai russi, la protezione territoriale della nazione. E’ una nazione pacifica, che non ha mai aggredito militarmente nessun altro paese nel corso della sua storia, ma che non esita a difendersi quando viene attaccata e a sfruttare l’incapacità militare altrui per rafforzarsi ed espandersi. Come ha saputo fare, con grande abilità, sfruttando la debolezza dell’esercito invasore americano in Iraq. Fabbrica da sè le armi, ormai altamente sofisticate, che servono alla difesa del proprio territorio, senza dover sopportare la presenza di basi straniere nemiche nelle proprie città, senza doversi porre sotto l’egida di organizzazioni militari internazionali che vanificano e umiliano ogni speranza di indipendenza politica, senza dover tollerare la corruzione e l’incapacità di politicanti-marionetta insediati ai vertici delle istituzioni dai conquistatori al solo scopo di mantenere in permanenza il paese nella condizione mortificante di possedimento coloniale.

L’Iran è tutto ciò che noi avremmo potuto essere senza il 25 aprile, quando, per vigliaccheria, abbiamo iniziato a chiamare “liberazione” ciò che era in realtà la disfatta più completa e umiliante che il nostro paese avesse mai subìto in tutta la sua storia. Per questo brucio d’invidia per gli iraniani e per il mondo, ricco di futuro, in cui si trovano a vivere.

Se 65 anni fa avessimo avuto un briciolo della loro fierezza, oggi avremmo ancora il diritto di chiamarci italiani e di dare un senso a questa definizione. Siamo invece un buco nero di paura, di annebbiamento morale, di servilismo ormai congenito e costantemente corroborato per via mediatica, dal quale nessun Ahmadinejad potrebbe più farci uscire. Neppure se un Ahmadinejad, qui tra le mura della nostra prigione, fosse anche solo lontanamente immaginabile.

Gianluca Freda
Fonte: http://blogghete.blog.dada.net/
Link: http://blogghete.blog.dada.net/archivi/2010-09-27
27.09.2010


Citazione
Erwin
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1162
 

Estrema onestà intellettuale da parte di una persona che mantiene in prima pagina del suo sito la falce ed il martello,amarissima finale considerazione/ammissione:
..."L’Iran è tutto ciò che noi avremmo potuto essere senza il 25 aprile, quando, per vigliaccheria, abbiamo iniziato a chiamare “liberazione” ciò che era in realtà la disfatta"...
Sicuramente verrà punito per questo dalla "nuova resistenza" che tutela la "vecchia".
Ancor più chiaramente afferma:
..."Non sopportiamo, ad esempio, di sentirgli ripetere che l’olocausto è una colossale menzogna, perché dentro di noi sappiamo bene che è così e ci sentiamo umiliati dall’inganno, dalla credulità con cui ci siamo caduti, dall’impotenza lamentevole a cui ci ha condotto"...
Qui il Freda ha firmato la sua cancellazione definitiva dal "consorzio civile" sterminazionista,dei fedeli dell'olocaustianesimo auschwitziano ( e dintorni).Il papa dei preti pedofili lo accomunerà al vescovo Williamson, con ovvia scomunica!

Ci sono solo due possibilità per capire un simile posizionamento:
1)Il Freda è impazzito
2)Il Freda ha un notevole coraggio personale
Propendo per il 2)


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14384
 

splendido articolo


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3200
 

Si, magnifico, però attenzione a quanto asserito dal Dipartimento di Stato a proposito del discorso di Ahamadinejad all'ONU: l'attribuzione dei fatti dell' 11 Settembre ad ambienti dei servizi americani 'deviati' è stato qualificato come '..imperdonabile..': è una sentenza di morte. Anche noi nella nostra Italia abbiamo avuto uomini coraggiosi che si sono opposti al comando americano, e sono stati TUTTI eliminati. Chi il prossimo? Chi ha voglia del 'martirio'?


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 16537
 

Sarebbe una cosa meravigliosa se molti incominciassero a capire il senso delle parole e magari capire che 'liberazione' vuole dire solo essere stati liberati e non essere passati sotto un altro dominio ancora più umiliante.

Si, magnifico, però attenzione a quanto asserito dal Dipartimento di Stato a proposito del discorso di Ahamadinejad all'ONU: l'attribuzione dei fatti dell' 11 Settembre ad ambienti dei servizi americani 'deviati' è stato qualificato come '..imperdonabile..': è una sentenza di morte. Anche noi nella nostra Italia abbiamo avuto uomini coraggiosi che si sono opposti al comando americano, e sono stati TUTTI eliminati. Chi il prossimo? Chi ha voglia del 'martirio'?

questo atteggiamento si chiama paura.
La stessa paura che ha avuto badoglio e il re che non sono stati uccisi da nessun nemico ma, da veri incoscienti, hanno lasciato la nazione in balia di una resa incondizionata che nemmeno gli anglo-americani avevano chiesto.
La stessa paura o sottomissione che hanno avuto quei DC che hanno dato un territorio in permanenza agli occupanti senza nemmeno informare la popolazione.Per giunta hanno messo il segreto di stato sulle cessioni e la popolazione non è in grado di sapere che genere di arsenali ha vicino casa
E questo non vuole dirglielo il parlamento del proprio stato e non l'occupante americano. La differenza sostanziale è questa.

Si tratta di paura. Termine che nel nostro vocabolario ha ancora quel senso e non come il termine 'liberazione' che è stato completamente rivoltato.


RispondiCitazione
Maria Stella
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1429
 

Conosco troppo poco il loro paese per poter dire se si viva meglio qui o da loro. Di una cosa, però, adesso sono sicuro: loro sono un paese. E questo è molto di più di quanto si possa dire di qualsiasi entità politico-territoriale esistente in Europa.

Condivisibile quando afferma che comunque sia l'Iran è un Paese, e questo non può dirsi di noi.
Afferma con onestà di non conoscer come ci si vive, mi chiedo allora da dove prenda la sfilza di certezze sull'Iran che qui snocciola e che presuppongono che da anni ed anni tutti ci raccontino balle su questo Paese bellissimo. Può essere, ma sembra inverosimile. Se dobbiamo fidarci sulla parola di questo o di quello, per me significa che non sappiamo nulla, se non che una donna colpevole di aver messo le corna al marito doveva essere ammazzata , pare lapidata. E che ora di fronte al polverone mass mediatico hanno scelto di cambiare imputazione e , non potendo dire che è stata la donna ad ammazzare il marito, la condannano per aver collaborato alla uccisione del marito. Vero? Falso?Nessuno lo sa, nessuno può sapere. E' certo che in nome di un principio ed un orgoglio non so di che, ammazzano una donna, per me tra loro e quei barbari che hanno ammazzato una donna in circostanze simili in america, donna oltretutto psicolabile, non c'è nessuna differenza. Per me sia gli uni che gli altri sono solo degli ASSASSINI.


RispondiCitazione
Hassan
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 416
 

E che ora di fronte al polverone mass mediatico hanno scelto di cambiare imputazione e

Disinformata come al solito. Non hanno "cambiato" alcuna imputazione. La tipa era accusata sia di adulterio che di OMICIDIO. E per questo la impiccano (giustamente). Inizierò a pensare che quelli che si stracciano le vesti per questa ASSASSINA di sakineh hanno un minimo di coerenza il giorno in cui si stracceranno le vesti per un UOMO iraniano condannato a morte per aver ucciso la moglie. Ma fino ad oggi questi ipocriti occidentali son sempre stati zitti sulle esecuzioni di questa categoria di condannati a morte, siano essi iraniani o statunitensi.

Per il resto, Freda è una rarità (in senso positivo), persino all'interno della stessa "informazione alternativa". L'articolo è stupendo e perfetto, ineccepibile dall'inizio alla fine.

ps. non c'è bisogno di "vivere in Iran" per capire che sono un "paese". Basta seguire la politica internazionale per capire che loro, per adesso, si muovono autonomamente come solo le nazioni vere possono fare. Noi invece facciamo i servetti, squallidi, viscidi, e senza un minimo di dignità.


RispondiCitazione
cortesia
Active Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14
 

Articolo da diffondere, con una postilla del sottoscritto, orgoglioso nipote di partigiani (comunisti):

a)La Resistenza continua. La Liberazione deve ancora essere effettuata. Grazie a mussolini e alla sua cricca siamo stati ridotti a colonia, ma non bisogna perdere la speranza.

b)la Patria non muore il 25 Aprile del 1945, ma il 10 Giugno1940. Per chi non se lo ricordasse, è la data dell'entrata in guerra.

c)Il Profeta e Maestro della nostra Nazione è Giuseppe Mazzini. Se vogliamo tornare ad essere Popolo, dobbiamo ripartire dal suo pensiero.


RispondiCitazione
ignorans
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 305
 

Anche per me l'articolo è magnifico e Freda è il migliore, come ho già affermato in altro post. Anch'io ho ascoltato il discorso che CDC ha messo in un post e aggiungo una cosa che Freda forse dimentica. Allah.
Ora, io non sono musulmano, ma questo continuo riferirsi a Dio da parte di Ahmadinejad era bellissimo. Conferiva una forza enorme a tutto il discorso....quando uno comincia un discorso ringraziando Dio il compassionevole, ecc, ecc, è emozionante. Veramente si capisce perchè qualcuno si è messo in testa di distruggere l'islam. L'islam ha quella forza del "naturale", del "vero", che è in grado ancora di rompere i coglioni ai progetti laico-globalizzanti. La religione comferisce a questa gente una purezza che noi, torbidi e confusi atei, distrutti da un uso smodato dei media e della "ragione", abbiamo oramai sepolto.


RispondiCitazione
Erwin
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1162
 

Dove stia il "bellissimo"in una superstizione subrabbinica non riesco a capirlo.Se solo si capisse che tutto il monoteismo fa capo al libro scritto dai rabbini ebrei per gli ebrei,...per il dominio dei "Gojim"(i non ebrei),credo cesserebbe tutto l'entusiasmo!


RispondiCitazione
stefanodandrea
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 748
 

Più bello dell'articolo di Freda è il commento di Cortesia.
Tuttavia io distinguerei. Dopo il 25 aprile ci siamo dati una costituzione che non prevedeva il federalismo o il presidenzialismo e che comprendeva una costituzione economica tra le migliori pensabili. Abbiamo mantenuto leggi elettorali proporzianali. Abbiamo mantenuto e sviluppato l'IRI. Abbiamo mantenuto a lungo il monopolio pubblico della TV a diffusione nazionale. Abbiamo espresso posizioni equilibrate sulla questione mediorientale. Fino al 1991 non abbiamo partecipato a nessuna guerra di aggressione. Abbiamo abolito la mezzadria, emanato lo statuto dei lavoratori, introdotto l'equo canone, goduto di una scuola che, se cominciava ad avere i (forse in certo modo ineliminabili) difetti della scuola di massa allo stesso tempo era seria ed è stato un grande strumento di mobilità sociale (dalle mie parti, la lattaia che portava il latte in testa ha tirato fuori quattro professori universitari).
In mille modi abbiamo seguito una nostra strada, autonoma e indipendente, sia pure in un mondo diviso in due, dove noi stavamo da una parte. Tanto che mantenevamo in vigore gran parte della disciplina dei rapporti politici ed economici emanata sotto il fascismo (legge bancaria, legge fallimentare, assicurazioni, iri), segno che essa godeva del consenso generale del paese: democristiani, comunisti e socialisti almeno.

Come ha scritto Aldo Giannulli recentemente, il crollo della Repubblica è avvenuto nel 1991 (o 1993) ma la responsabilità è da far ricadere già sull'ultimo pentapartito e sul partito comunista ormai intento soltanto a far perdere (e a perdere esso stesso) le tracce della della sua storia.

E' il partito unico delle due coalizioni che ha condotto la nazione allo sfacelo e alla totale sudditanza dagli USA. Dobbiamo saper distinguere se vogliamo trovare una via d'uscita.
La visione di Freda, con il quale concordo sempre al 90%, rischia di stendere un velo pietoso sulla nosttra storia, rendendo omogenei periodi che, seppure non sono mai stati esaltanti, sono per molti versi diversissimi tra loro.
Viva l'Italia libera, socialista e anticonsumista


RispondiCitazione
Mondart
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 39
 

Chapeau.


RispondiCitazione
brunotto588
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 38
 

Che aggiungere ... Vive la fesse ?


RispondiCitazione
geopardy
Eminent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 35
 

Molte cose dell'analisi sono vere, ma il mondo non inizia quel 25 aprile, bisogna ricordarselo sempre.
Noi nazione abbiamo sempre stentato ad esserlo, con un'istituzione globale come la Chiesa al suo interno e con tutte le coglionerie fatte nei confronti del sud.
A quel tempo, purtoppo, iniziava già la guerra fredda e la paura dei russi era ben presente, dato che si sono fermati al Brennero solo per glli accordi con gli "alleati".
Hitler agiva già contro di essi, non contro gli americani e lo stesso fece Mussolini.
La "paura" del comunismo da parte degli abbienti e dei religiosi era enorme e la DC propendeva per entrambi.
L'unico baluardo al tempo sembravano essere gli americani ed in tal senso hanno agito.
Non dimentichiamoci che in guerra il pareggio non esiste.
La corruzione era già dilagante al tempo del Crispi, ma anche prima.
Non abbiamo saputo sfruttare neanche i vantaggi della prima guerra mondiale vinta, figuriamoci quella di fatto persa (nonostante i partigiani i partigiani).
Ciao.


RispondiCitazione
ignorans
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 305
 

Dove stia il "bellissimo"in una superstizione subrabbinica non riesco a capirlo.Se solo si capisse che tutto il monoteismo fa capo al libro scritto dai rabbini ebrei per gli ebrei,...per il dominio dei "Gojim"(i non ebrei),credo cesserebbe tutto l'entusiasmo!

Mah, io credo che dei veri "cristiani" non sarebbero andati in Iraq o in Afghanistan e magari non si sarebbero fatti sottomettere dagli americani. La religione può essere qualcosa di molto forte, dipende come è vissuta. Certo il cristianesimo che ci giunge dal Vaticano è solo l'ombra della luce.....


RispondiCitazione
Pagina 1 / 4
Condividi: