Notifiche
Cancella tutti

LA GIUNTA MILITARE DEL NIGER È SOSTENUTA DAL PENTAGONO. L'OBIETTIVO NON DETTO DI WASHINGTON: "RIMUOVERE LA FRANCIA DALL'AFRICA"

   RSS

1
Topic starter

La giunta militare del Niger è sostenuta dal Pentagono. L'obiettivo non detto di Washington: "Rimuovere la Francia dall'Africa"

Esiste un vero e proprio "movimento popolare antimperialista" nell'Africa occidentale?

Prof Michel Chossudovsky

Fonte: Global Research

Domenica 20 agosto 2023

https://www.globalresearch.ca/divide-and-rule-italys-pm-giorgia-meloni-is-bidens-political-asset-u-s-behind-niger-coup-detat-americas-hegemonic-wars-against-europe-and-africa/5828714

 

Introduzione

Secondo i rapporti, "Un movimento popolare antimperialista" si è spontaneamente sviluppato in tutta l'Africa occidentale francofona a sostegno del Conseil National pour la sauvegarde de la Patrie (CNSP)  (Consiglio nazionale per la salvaguardia della patria) del Niger, salito al potere il 26 luglio 2023 in un colpo di Stato militare contro il governo eletto del presidente Mohamed Bazoum, sostenuto dal presidente francese Emmanuel Macron. Bazoum è stato tra i fondatori nel 1990 del "Parti Nigerien pour la Democratie et le Socialisme".

Le manifestazioni in Niger da parte dei sostenitori del governo CNSP hanno in gran parte preso di mira la Francia chiedendo il ritiro delle truppe francesi:

"I manifestanti hanno tentato di assaltare l'ambasciata francese per esprimere la loro indignazione per i decenni di dominazione coloniale e neo-coloniale che il loro paese ha sofferto". (Liberation News [1])

Sotto la pressione della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS) (guidata dal presidente della Nigeria Bola Ahmed Tinubu), nonché dell'Unione africana e delle Nazioni Unite, la giunta militare del Niger ha "rifiutato di reinstallare il presidente deposto" (8 agosto 2023).

"Il presidente della Nigeria Bola Tinubu, ... che ora è il presidente dei 15 membri della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS), aveva minacciato pochi giorni dopo l'ascesa al potere del CNSP di guidare un intervento militare per reimporre Bazoum. (Black Agenda Report, enfasi aggiunta)

Negli ultimi sviluppi, migliaia di giovani si sono riuniti nello stadio di Niamey, per iscriversi come volontari [2] in difesa del loro paese.

Le minacce dell'ECOWAS hanno contribuito a "costruire una maggiore animosità contro la Francia e gli Stati Uniti".

 

Questo "movimento antimperialista" è una realtà? Oppure è falso?

Mentre l'ECOWAS è descritta come un'organizzazione che (non ufficialmente) serve gli interessi neocoloniali sia della Francia che degli Stati Uniti, le persone in tutta l'Africa occidentale non sono consapevoli del ruolo del Conseil National pour la Sauvegarde de la Patrie (CNSP) del Niger.

Il cosiddetto "Movimento popolare antimperialista" (integrato dai progressisti contro la guerra, dai sindacati, ecc.) è stato deliberatamente fuorviato. La giunta militare CNSP del Niger non è impegnata a combattere il neocolonialismo sponsorizzato dagli Stati Uniti nell'Africa sub-sahariana. Al contrario: la leadership militare del CNSP è (indirettamente) controllata dal Pentagono. Almeno cinque membri anziani della giunta militare del Niger hanno ricevuto il loro addestramento negli Stati Uniti.

Il generale Abdourahamane Tiani, che ha guidato il colpo di Stato e che è attualmente a capo della giunta militare del CNSP, ha ricevuto il suo addestramento militare presso il College of International Security Affairs [3] (CISA) della National Defense University (NDU). La CISA è il "fiore all'occhiello del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per l'istruzione e la costruzione di capacità di partner nella lotta al terrorismo, alla guerra irregolare e alla deterrenza integrata a livello strategico" (enfasi aggiunta)

Il generale di brigata Barmou, che attualmente rappresenta la giunta militare, ha iniziato il suo addestramento militare negli Stati Uniti a Fort Moore [4], Columbus, Georgia e presso la National Defense University [5] (ND)

Il generale di brigata Barmou e la sua squadra sono classificati dal Wall Street Journal come "i buoni":

"Al centro del colpo di stato del Niger c'è uno dei generali preferiti dagli americani... [Generale Barmou]". Nelle parole di Victoria Nuland (7 agosto 2023):

"... Il generale Barmou, ex colonnello Barmou, è qualcuno che ha lavorato a stretto contatto con le forze speciali statunitensi per molti, molti anni.

Tacitamente riconosciuto dal Vice Segretario di Stato americano Nuland, sia il generale A. Tiani che il generale di brigata Barmou in termini di profilo militare e background sono "amici dell'America".

Questi "bravi ragazzi" – che hanno la "benedizione neocon" di Victoria Nuland – guiderebbero un genuino movimento di base contro l'imperialismo statunitense? La risposta è ovvia!

Ciò che dovrebbe essere compreso, è che Parigi esercita la sua influenza neo-coloniale all'interno dell'ECOWAS, mentre Washington controlla entrambe le parti, vale a dire l'ECOWAS e la giunta militare CNSP del Niger. Controlla anche numerosi governi africani in tutto il continente.

Visibilmente c'è uno scontro tra Stati Uniti e Francia, a malapena riconosciuto dai media. Ciò che si sta svolgendo è la creazione di divisioni politiche all'interno dell'Africa occidentale, che potrebbero potenzialmente portare a conflitti armati.

La maggior parte degli analisti non ha riconosciuto che la giunta militare del CNSP ha uno stretto rapporto con il Pentagono. L'amministrazione Biden ha casualmente rifiutato di descrivere la cacciata del presidente M. Barmou come un "colpo di Stato" o un "cambio di regime".

Ricordate il movimento di protesta del 2013 in Egitto, anch'esso caratterizzato da un movimento di protesta di massa (che è stato oggetto di manipolazione):

I media hanno ritratto le forze armate egiziane come ampiamente "sostenitrici" del movimento di protesta, senza affrontare la stretta relazione tra i leader dietro il colpo di stato militare e le loro controparti statunitensi.

Non facciamoci illusioni. Mentre ci sono importanti divisioni all'interno dell'esercito, i vertici egiziani alla fine prendono ordini dal Pentagono.

Il ministro della Difesa, generale Abdul Fatah Al-Sisi, che ha istigato il colpo di Stato diretto contro il presidente Morsi, si è laureato al War College degli Stati Uniti, Carlisle, Pennsylvania.

Il generale Al Sisi era in collegamento permanente per telefono con il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Chuck Hagel fin dall'inizio del movimento di protesta. (Michel Chossudovsky, 4 luglio 2013 [6])

 

L'obiettivo non dichiarato di Washington è "rimuovere la Francia dall'Africa"

Il deposto presidente Mohamed Bazoum ha il sostegno del presidente francese Emmanuel Macron. Bazoum è stato rimosso da una giunta militare che è direttamente sostenuta dal Pentagono.

L'obiettivo non dichiarato della missione di Victoria Nuland [7 agosto 2023] era quello di "negoziare", in modo ovviamente ufficioso l'"allineamento" di Niamey con Washington contro Parigi. Questo obiettivo è stato sostanzialmente raggiunto.

Inoltre "USAFRICOM ha una base militare in Niger [7]. L'esercito americano ha collaborato regolarmente con le sue controparti nigerine che ora operano sotto gli auspici della giunta militare CNSP.

 

Nel 2022, la Repubblica del Mali ha preparato il terreno. Tagliare i legami con la Francia

Nonostante la sua retorica anticoloniale in gran parte diretta contro la Francia, il capo di Stato del Mali (ad interim), il colonnello Assimi Goita, è anche un fedele strumento del Pentagono. Ha ricevuto il suo addestramento militare negli Stati Uniti, collaborando attivamente anche con le forze speciali dell'esercito degli Stati Uniti ("Berretti verdi"). Confermato dal WP [8], il colonnello Assimi Goita partecipò a un programma di addestramento USAFRICOM noto come Flintstock [9]. Ha anche studiato presso la Joint Special Operations University  [10] presso la MacDill Air Force Base in Florida [11].

Vale la pena notare che nel gennaio 2022, la Repubblica del Mali guidata dal colonnello Assimi Goita – che è un "amico dell'America" e uno strumento del Pentagono – aveva già nel 2022 preparato il terreno per "rimuovere la Francia dall'Africa".

Il colonnello Assimi Goita (immagine sopra: secondo da sinistra) ha emesso una direttiva per "porre fine ai legami diplomatici, militari ed economici con la Francia". Ha anche confermato la fine dell'adesione del Mali all'ECOWAS.

Contemporaneamente, annunciò che il francese sarebbe stato abolito come lingua ufficiale del Mali. Questo mi ricorda il Ruanda sotto Paul Kagame che, a partire dalla fine del 1990, è diventato un "protettorato degli Stati Uniti" di lingua inglese in Africa centrale [12]. (Vedi allegato intitolato Breve storia delle relazioni USA-Francia [13])

 

Al popolo africano. Con la nostra solidarietà

Con amara ironia, il processo di "decolonizzazione francese" (cioè "Parigi fuori dall'Africa") non garantisce l'instaurazione di forme democratiche di governo. Al contrario, tende a favorire lo sviluppo egemonico del neocolonialismo statunitense e la militarizzazione del continente africano, che deve essere fortemente contrastato.

Il modello di militarizzazione degli Stati Uniti (insieme all'imposizione di politiche macroeconomiche neoliberiste di "trattamento d'urto"), si è sviluppato in diversi paesi francofoni dell'Africa sub-sahariana.

 

Prof. Michel Chossudovsky

 

 

  1. https://www.liberationnews.org/with-grip-over-west-africa-slipping-imperialist-powers-consider-invasion-of-niger/
  2. https://www.globalresearch.ca/thousands-pledge-resist-imperialist-backed-intervention-niger/5829774
  3. CISA Home (ndu.edu)
  4. https://www.army.mil/Moore
  5. https://www.ndu.edu/
  6. https://www.globalresearch.ca/was-washington-behind-egypts-coup-detat/5341671
  7. https://www.globalresearch.ca/divide-and-rule-italys-pm-giorgia-meloni-is-bidens-political-asset-u-s-behind-niger-coup-detat-americas-hegemonic-wars-against-europe-and-africa/5828714
  8. https://www.washingtonpost.com/world/asia_pacific/mali-coup-leader-was-trained-by-us-special-operations-forces/2020/08/21/33153fbe-e31c-11ea-82d8-5e55d47e90ca_story.html
  9. https://www.africom.mil/what-we-do/exercises/flintlock
  10. https://www.jsou.edu/
  11. https://www.macdill.af.mil/
  12. https://www.globalresearch.ca/divide-and-rule-italys-pm-giorgia-meloni-is-bidens-political-asset-u-s-behind-niger-coup-detat-americas-hegemonic-wars-against-europe-and-africa/5828714
  13. Ibidem

 

 

Articolo correlato:

"Divide et impera": la premier italiana Giorgia Meloni è la "risorsa politica" di Biden. Gli Stati Uniti dietro il colpo di stato in Niger. Le guerre egemoniche dell'America contro l'Europa e l'Africa

https://www.globalresearch.ca/divide-and-rule-italys-pm-giorgia-meloni-is-bidens-political-asset-u-s-behind-niger-coup-detat-americas-hegemonic-wars-against-europe-and-africa/5828714

Prof Michel Chossudovsky, August 20, 2023

 

Questa argomento è stata modificata 8 mesi fa 2 volte da oldhunter
1 risposta
0

Un articolo interessante che va contro l'analisi che si legge in diversi siti. Non è detto però che tutta le gente che viene addestrata negli USA faccia poi, una volta tornati in patria gli interessi americani in Africa. È probabile che gli USA abbiano capito che la Francia non ha più un futuro coloniale in Africa e che, per evitare che la Cina conquisti tutto il continente, come sta facendo, sia opportuno agire in proprio anche contro gli interessi francesi. Staremo a vedere.

Condividi: