Notifiche
Cancella tutti

L'Occidente spazzerà sotto il tappeto le accuse di Biolab in Ucraina, proprio come quelle del traffico di organi in Kosovo

   RSS

0
Topic starter

https://libya360.wordpress.com/2022/08/13/west-will-brush-ukraine-biolab-allegations-under-the-carpet-just-like-those-of-kosovo-organ-trafficking/

di Aleksandar Pavic

 
Il controllo narrativo occidentale entra in gioco per spostare la colpa, nascondere i colpevoli o assicurarsi che le linee di domanda scomode non vengano mai perseguite.
 
 
 
 
In una crisi dopo l'altra, il controllo narrativo occidentale prende il sopravvento per spostare la colpa, nascondere i colpevoli o assicurarsi che le linee di domanda scomode non vengano mai perseguite
 
Subito dopo la recente discesa a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha denunciato Nicholas Burns, l'ambasciatore americano in Cina, per "aver mantenuto un silenzio imbarazzato" riguardo alla "prodezza insolente".
 
Il silenzio è stato un bel cambiamento rispetto a come Burns era stato esplicito un mese prima al World Peace Forum di Pechino, dove aveva chiesto alla Cina di smettere di trasmettere la "propaganda russa" "che accusava la NATO di aver iniziato" il conflitto in Ucraina. Ha colto l'occasione per accusare il portavoce del ministero degli Esteri cinese di "dire bugie sui laboratori americani di armi biologiche, che non esistono in Ucraina".
 
Ma quello era successo allora e questo è successo ora nell'"ordine basato sulle regole" dell'Occidente, dove ogni occasione richiede un nuovo insieme di regole. Pertanto, è ovvio che, per il momento, Burns manterrà anche un "silenzio imbarazzato" su un altro evento potenzialmente tettonico - l'ultima, ancora più schiacciante dichiarazione sui presunti laboratori biologici gestiti dagli Stati Uniti in Ucraina fatta dal Ministero della Difesa russo il 4 agosto. Il tenente generale Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione nucleare, biologica e chimica delle forze armate russe, ha affermato che Mosca sta valutando la possibilità di un coinvolgimento degli Stati Uniti nella pandemia di Covid-19, oltre a indagare sulla ricerca finanziata dagli Stati Uniti di vari altri agenti patogeni.
 
Il motivo del silenzio di Burns non è difficile da indovinare: le gravi accuse fatte nella presentazione di Kirillov, se adeguatamente indagate e dimostrate vere, potrebbero servire come un atto d'accusa per quello che potrebbe essere l'uso dell'Ucraina da parte degli Stati Uniti come vasto campo di test per i patogeni. E poiché i media occidentali per lo più hanno scelto di ignorarlo, l'ambasciatore non avrebbe certamente rilasciato una dichiarazione che essi avrebbero dovuto citare, richiamando l'attenzione sulla questione.
E ora che Twitter ha sospeso l'account del ministero degli Esteri russo per aver osato citare parti chiave della presentazione mediatica di Kirillov sulle possibili origini del Covid-19, Burns e la compagnia non devono dire nulla.
Se è stato deliberatamente rimosso dalla memoria dai social media, allora è come se non fosse mai successo.
 
Questo è il modus operandi delle élite occidentali: non è la verità che conta, ma gestire con successo la narrazione in modo che non lasci spazio a dubbi nella mente delle persone. In altre parole, pensano di poter fare quello che vogliono.
 
Forse dovremmo ricordare a noi stessi la formula occidentale del dopo Guerra Fredda annunciata durante i giorni inebrianti dei primi anni 2000, un'era segnata da un'altra famosa citazione politica americana, "siamo un impero ora e, quando agiamo, creiamo la nostra stessa realtà”. Come scrisse con nonchalance il consigliere politico di Tony Blair, Robert Cooper, sulle pagine di The Guardian nell'aprile 2002: “La sfida per il mondo postmoderno è abituarsi all'idea dei doppi standard. Tra di noi operiamo sulla base delle leggi e della sicurezza cooperativa aperta. Ma quando abbiamo a che fare con tipi di stati più antiquati al di fuori del continente postmoderno dell'Europa, dobbiamo tornare ai metodi più rozzi di un'era precedente: forza, attacco preventivo, inganno, tutto ciò che è necessario per affrontare coloro che ancora vivono nel mondo del 19° secolo di ogni stato per se stesso. Tra di noi osserviamo la legge, ma quando operiamo nella giungla, dobbiamo anche usare le leggi della giungla”.
 
Due decenni dopo, nonostante l'ascesa di Cina e Russia e l'inesorabile evoluzione del mondo verso il multipolarismo, le abitudini imperiali sono dure a morire, di solito fino a quando non colpiscono il muro della realtà, come sta accadendo attualmente in Ucraina ed è destinato ad accadere a Taiwan. Ma torniamo a Burns per un momento. È tutt'altro che nuovo nel suo intento di far rispettare i doppi standard nella "giungla". Prima del suo attuale lavoro su come colpire il Drago a Taiwan e l'Orso su quasi tutto, si è distinto come partigiano e apologeta dell'aggressione illegale della NATO contro la Serbia negli anni '90, che ha portato alla secessione unilaterale del Kosovo.
Nel frattempo, nel 2009, quando era sottosegretario di Stato americano per gli affari politici, Burns ha spiegato ai media  https://www.voanews.com/a/a-13-2008-02-18-voa33-66807672/374142.html
che il riconoscimento dell'indipendenza di Pristina era in realtà un'espressione dell'"interesse degli Stati Uniti per le buone relazioni con la Serbia". Si esprimerà, a tempo debito, in modo simile nei confronti della Cina e di Taiwan? Fuori dall'Occidente, è ancora tutto una giungla per Burns e i suoi simili, e i "nativi" devono essere trattati di conseguenza. Quindi, nelle parole di Burns, il soggiorno di Pelosi a Taiwan e la promessa di continuare il sostegno degli Stati Uniti all'isola è in realtà un segno dell'interesse dell'America per le sue buone relazioni con la Cina.
 
Un'altra importante figura anglo-americana visibile nel panorama della crisi Kosovo-Cina-Ucraina è l'inglese Geoffrey Nice, che ha guadagnato notorietà internazionale come procuratore del Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY), il cui unico scopo era spostare la colpa per la sanguinosa rottura di ispirazione occidentale di quel paese multietnico e composto da più nazioni, esclusivamente sui serbi. Oltre al perseguimento selettivo dell'ex presidente serbo Slobodan Milosevic per "crimini contro l'umanità", l'eredità dell'ICTY di Nice include anche accuse di distruzione di prove relative al traffico di organi umani in Kosovo. https://www.b92.net/eng/news/crimes.php?yyyy=2019&mm=01&dd=15&nav_id=105987
 
Nice ha successivamente offerto i suoi servizi legali all'ex presidente del Kosovo Hashim Thaci, una delle figure principali non solo del traffico ma della presunta "estrazione forzata" di organi umani di prigionieri ancora vivi, per lo più serbi, come delineato in uno straordinario Rapporto del Consiglio d'Europa  del 2011, "Trattamento disumano delle persone e traffico illecito di organi umani in Kosovo".  http://www.assembly.coe.int/committeedocs/2010/ajdoc462010prov.pdf
 
Il rapporto cita anche le agenzie antidroga di "almeno cinque paesi" che affermano che Thaci "esercitò un controllo violento sul traffico di eroina e altri narcotici". Il successivo tentativo di Nice di screditare il rapporto è stato, tuttavia, brillantemente sezionato e smascherato dalla giornalista americana Diana Johnstone come l'ultimo tentativo da parte di un rappresentante delle "ipocrite democrazie occidentali" di riservare i privilegi di una "cultura dell'impunità" esclusivamente a se stessi e loro clienti.
Naturalmente, i clienti nella "giungla" devono ancora pagare per l'ombrello imperiale del "doppio standard", quindi alla fine Nice avrebbe accusato Thaci di dovergli "quasi mezzo milione di euro" per il suo lavoro per il governo del Kosovo .
 
Zakharova di recente ha descritto in modo più completo la casa degli orrori a cui Thaci avrebbe presieduto: “Il Kosovo è il territorio del trapianto 'nero'. Le persone sono state sezionate vive, prelevando organi interni per venderli alle persone in Occidente... In Occidente stavano in fila per le operazioni di trapianto di organi. E hanno iniziato a ricevere questi organi quando il Kosovo si è trasformato in un terribile buco nero in cui sono scomparse persone, che non sono state solo uccise, ma uccise per vendere i loro organi interni”.    https://generico.ru/2022/08/03/zakharova-called-kosovo-the-territory-of-experiments-of-black-transplantologists/
 
Per parafrasare le parole immortali di Franklin D. Roosevelt che giustificano il sostegno degli Stati Uniti al dittatore nicaraguense Anastasio Somoza, possono essere figli di puttana, ma sono i nostri figli di puttana. 
 
''He may be a son of a bitch but he is our son of a bitch.''  https://quote.org/quote/he-may-be-a-son-of-a-637777
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Questa argomento è stata modificata 4 settimane fa 6 volte da ekain3
Condividi: