Notifiche
Cancella tutti

Bloggher siriana NON ESISTE


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14461
Topic starter  

con tutta la stampa asservita, con tutti i lobotomizzati che dimenticano le prove false sulla Libia, questi ci riprovano con la Siria usando le stesse tecniche, tanto la gente non si indigna né tantomeno si RICORDA della truffa umanitaria su falsi pretesti tutt'ora in atto contro la Libia

Blogger siriana omosessuale rapita: ma esiste davvero?
Posted by LadyKidz on 9 giugno 2011 in Attualità, News

Tutto ha avuto inizio con il presunto arresto di Amina Abdallah, una giovane siriana autrice del blog A Gay Girl in Damascus in cui pochi giorni fa la cugina della ragazza, Rania, ne aveva denunciato il rapimento facendo esplodere una vera e propria campagna di ricerca direttamente sul web.

Il mondo si è mobilitato nel dare attenzione all’improvvisa scomparsa si Amina che, però, potrebbe non esistere affatto ed essere solo un semplice fake.

Ad avanzare l’ipotesi della bufala sono stati proprio dei giornali stranieri che avrebbero dimostrato che le foto di Amina pubblicate sul blog in realtà apparterrebbero ad una ragazza inglese di nome Jelena Lecic, mai stata in Siria e mai stata amministratrice di alcun blog.

In particolare un giornalista statunitense ha avviato una piccola inchiesta alla ricerca di maggiori informazioni sul caso e a quanto pare nessuno avrebbe mai visto Amina dal vivo, tanto meno i suoi amici della comunità internettiana. “Nella comunità LGBT molti credono che lei non esista. Nessuno l’ha mai vista di persona. Forse, semplicemente, non ho parlato con le persone giuste, quelle che la conosco e potrebbero confermare la sua identità.”

In ogni caso il mistero su Amina Abdallah continua a smuovere l’interesse del web e non solo. Pochi giorni fa infatti la Bbc ha invitato in studio Jelena Lecic mostrando al pubblico statunitense la donna che ha inconsapevolmente prestato il volto ad Amina.

A fine articolo vi segnaliamo il video dell’intervista alla donna londinese lasciando a voi i commenti su questa strana, bizzarra e misteriosa storia di A Gay Girl in Damascus.

http://www.donna10.it/blogger-siriana-omosessuale-rapita-ma-esiste-davvero-8450.html

Martedì mattina Jelena Lecic, una donna londinese di 37 anni, ha visto la sua faccia sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo. Era diventata, a sua insaputa, il simbolo della protesta siriana e la martire della conseguente repressione. Per un giorno. Il tempo di far emanare al suo ex-marito un comunicato in cui invitava i media a rimettere nel cassetto quelle immagini e continuare le loro indagini.

IL GIALLO DELLA BLOGGER RAPITA
Perché assume sempre più i contorni di un giallo la vicenda di Amina Arraf, la blogger siriana che è stata rapita lunedì notte da un commando armato a Damasco. La ragazza, che scriveva sotto lo pseudonimo di Amina Abdallah, non era molto gradita dal Presidente Bashar Al-Assad: Amina derideva il regime online, attraverso il suo seguitissimo blog; Amina aveva apertamente appoggiato le proteste dal popolo siriano; infine, Amina è lesbica. Non a caso il suo blog si chiama «A Gay Girl in Damascus», «Una ragazza gay a Damasco».

http://www.vanityfair.it/news/mondo/2011/06/08/amina-blogger-siriana-rapita-jelena-lecic-facebook


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14461
Topic starter  

Mercoledì 8 Giugno 2011, 17:25 in Fotoblog
Amina Arraf blogger dissidente siriana, il mistero delle foto sul web!
Valentina Pierallini avatar Valentina Pierallini

Fotografa freelance,writer,editor e blogger.
Argomenti Correlati

Amina Arraf, blogger siriana, blogger siriana lesbica, dissidente siriana, gay girl in damascus, siria
ShareThis

Amina-Arraf-who-holds-dua-007.jpg

"L'uccello vola libero, non conosce catene, i confini non significano nulla, quando hai le ali", l'ultimo post di Amina.

Il mistero di infittisce!Chi è veramente Amina Arraf? Conosciuta come blogger siriano-americana, femminista e lesbica, attivista anti-Assad, rapita di notte da uomini armati due giorni fa. "Gay Girl in Damascus", questo il titolo rivoluzionario del suo blog, al quale dava un "linguaggio molto occidentale" e che ha scatenato la rete in una gara di solidarietà!

La giovane dissidente non è mai stata conosciuta di persona, ma intervistata sempre solo tramite e-mail da tutti i maggiori media mondiali. Amina un mese fa era stata arrestata da due uomini armati entrati in casa sua, minacciando di stuprarla, ma grazie al padre (era appoggiata da una famiglia liberale) è stata rilasciata.

Due sere fa in una strada di Damasco, tre uomini avrebbero prelevato Amina spingendola in un'auto davanti a un'amica che è riuscita a dare l'allarme.

Al momento si sta indagando sulla veridicità delle immagini della blogger, in quanto sulla pagina Facebook di Amina sono comparse delle foto successivamente pubblicate sul sito del Guardian, dove una donna inglese si è riconosciuta e sostiene di essere lei la donna nelle foto.

Se non è lei la ragazza nelle foto chi è davvero Amina?E dov'è ora?
http://photofinish.blogosfere.it/2011/06/amina-arraf-blogger-dissidente-siriana-il-mistero-delle-foto-sul-web.html


RispondiCitazione
Pellegrino
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 2635
 

...i "blogger"....
tutte le volte che sento questa parola mi si torcono e budella....


RispondiCitazione
buran
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 301
 

...i "blogger"....
tutte le volte che sento questa parola mi si torcono e budella....

Anche a me. Come a suo tempo con il "popolo dei fax"


RispondiCitazione
yahuwah
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1142
 


RispondiCitazione
Condividi: