Notifiche
Cancella tutti

Certo che il Brasile.....


ignorans
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 305
Topic starter  

http://www.analisidifesa.it/2016/12/brasile-ne-ammazza-piu-il-crimine-della-guerra/

Certo che il Brasile sembra un postaccio...


Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3208
 

Postaccio se si cercano emozioni forti, come certuni che si inoltrano in zone a rischio alla ricerca di droga, ninos de rua ed altro. Se fai il turista ( come me: tre volte in Brasile senza problemi ) tranquillo e avvertito dei rischi tutto quelo che ti puo' capitare li' e' esattamente quello che ti puo' capitare altrove. Ma, lo ripeto perche' l'ho visto, tanti cercano emozioni forti, italiani in testa, specialmente uomini soli...


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 365
 

Le grandi città nei quartieri "normali" sono più o meno come tutte le altre sudamericane.
Se stai a Copacabana o Ipanema basta che non esci con un Rolex al polso, maglietta e ciavatte come tutti, e non succede niente.
Normalmente se ammazzano un europeo (maschio) è perché si era impegolato in questioni di droga, di minorenni o - più raramente - perché si erano convinti che fosse un poliziotto in borghese (comunque se vai da solo in una favela fai una stupidaggine che già di per sé è molto sospetta).

Se invece vai a fare turismo di avventura bel nord del Brasile, tipo Parà o Amazonas, rischi veramente grosso.
Già Belém è una città molto pericolosa appena esci dalle quattro vie centrali ma la cosa che non avevo mai visto è l'atmosfera fuori, nell'interno dello Stato, se prendi gli autobus locali e ti addentri con l'insano proposito di arrivare a tappe con quel tipo di mezzo fino a Manaus.
Però attenzione, i locali sono certamente delle bestiacce ma i cattivi veri sono "sempre" gli occidentali. Quelli sono terrificanti, per lo più mezzi mafiosi o camorristi come, curiosità, i vari produttori di mozzarelle campane che vanno tutti in gruppo in massa in Colombia...perché? Boh...


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3208
 

Si, Fortaleza e' una delle piazzeforti della camorra...cosi' mi e' stato riferito.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 365
 

Si, Fortaleza e' una delle piazzeforti della camorra...cosi' mi e' stato riferito.

Johannesburg era (parlo di una ventina di anni fa) il distaccamento africano del terrorismo fascista che era legato naturalmente ai razzisti dell'apartheid e indirettamente a certe frange inglesi più o meno governative eccessivamente filo atlantiche.

Anche a Tokyo si trovava qualcosa di nero italico.
C'erano anche tanti arabi a Tokyo, di giorno stavano a bivaccare in un parco della città facendo i mezzi prostituti e pare che in effetti qualche gruppetto "serio" lo avessero messo su anche lí.
D'altra parte i venditori ambulanti in quella città erano o sono tutti (tutti) sudtirolesi.

Pattaya in Thailandia era una centrale della banda della Magliana e in generale alcune note località balneari a sud di Bangkok erano il feudo di gruppi di criminalità italiana, alcuni molto rivali fra loro.
Quello che avevo capito è che c'era una fazione romana e una settentrionale (che però forse era anche qualcos'altro oltre che "settentrionale" ma non ne sono sicuro).
I gruppi e i gruppetti soprattutto quando vanno all'estero diventano importantissimi.
Ci sono cose come i Cavalieri di Colombo in America, la Famija Piemunteisa, il Fogolar Furlan...uno ci ride su poi scopre un sacco di cose...


RispondiCitazione
Condividi: