Notifiche
Cancella tutti

Dagli USA il monito inquietante: “guerra vera”, ma con la Cina


dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14158
Topic starter  

Dagli USA il monito inquietante: “guerra vera”, ma con la Cina. “Immaginiamo quando”

 
31 Gennaio 2023
 

The “big idea” la chiama il Washington post. Consisterebbe nell’arrivare a uno scontro con l’altra superpotenza: non la Russia ma la Cina.
Lo scenario è vecchio di pochi giorni. Parte da sabato, quando Michael Minhian, generale dell’aeronautica degli Stati Uniti che ha servito come comandante dell’Air Mobility Command, dice che nel 2025 si combatterà.
L’idea è che nel giro di un paio di anni si arriverà a un conflitto caldo, diretto, armato fra Stati Uniti e Cina. Nel frattempo gli USA hanno nominato un comitato speciale che lavorerà sulle relazioni con la Cina.

Parole che sembrano venire da un passato remoto, quelle di Mike Gallagher (a capo del comitato di cui sopra). Il deputato repubblicano ha parlato di “vincere questa nuova guerra fredda con la Cina comunista“; mentre Minihan ha motivato i suoi presentimenti: “Le elezioni presidenziali di Taiwan sono nel 2024 e offriranno a Xi una ragione. Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti sono nel 2024 e offriranno a Xi un’America distratta. La squadra di Xi, il motivo e l’opportunità sono tutte allineate per il 2025“.

La NATO e l’Asia

Nel frattempo la NATO allarga i suoi orizzonti. Nei giorni scorsi c’è stato un attacco all’Iran e ieri l’ambasciata Ucraina – in particolare il consigliere Mychajlovyč Podoljak – ha collegato l’evento proprio con l’impegno iraniano nel conflitto ucraino. Subito è stato convocato a Teheran dalle autorità iraniane per rispondere di ciò che aveva detto. Non trapelano grandi smentite al momento; pare anzi che nell’attacco ci sia un coinvolgimento di Israele come reprimenda per l’appoggio iraniano ai russi.
Si aprono quindi diversi fronti, non solo quello ucraino, ma anche quelli asiatici; senza contare le nuove tensioni sulla Mauritania, che pure coinvolgono Cina e USA.

Il tutto a dipingere uno scenario non proprio roseo. I conflitti si moltiplicano e surriscaldano le faglie mondiali di guerra, mentre noi discutiamo se sia giusto o no far partecipare Zelensky a Sanremo.
Di certo l’apertura di Macron all’invio di Jet non migliora le cose: una ‘no fly zone’ aprirebbe al conflitto nel cure dell’Europa. Da lì all’abbattimento di aerei russi – e alla terza guerra mondiale – ci passa spaventosamente poco.

video con Borgonovo al link 
 
 

Il capo della NATO chiede alla Corea del Sud di "aumentare" gli aiuti militari all'Ucraina

Jens Stoltenberg ha esortato Seul a "intensificare" il sostegno militare all'Ucraina, citando altri governi che hanno cambiato le loro politiche di esportazione di armi alle forze di Kiev.

Stoltenberg è attualmente impegnato nella prima tappa di un viaggio in Asia che mira a rafforzare i legami con gli alleati della regione a fronte del conflitto in Ucraina e della competizione occidentale con la Cina. https://headtopics.com/us/nato-s-chief-urges-south-korea-to-step-up-military-support-for-ukraine-34722036

solo le ultime dichiarazioni di chi dice di voler cercare la pace con la Russia, ha fortemente bisogno di farla con il suo cervello, ne avesse mai uno. Joe Pannolone Biden non manderà i jets, vuole la pace ma solo dopo che la RUssia sarà cancellata dalla faccia della terra.....ma non vuole la guerra con la RUssia ma ce l'ha con la Cina.....poi chiede alla corea del sud di inviare armi all'ucraina che tanto poi rimanesse sfornita ci pensano gli usa a coprirla...allo sbando proprio

La NATO è pronta per un confronto diretto con la Russia, ma l’alleanza deve riarmarsi - L’ammiraglio Rob Bauer, capo del comitato militare della NATO.

A suo avviso, gli obiettivi strategici della Federazione russa vanno oltre i confini dell’Ucraina. Allo stesso tempo, Bauer ha chiarito che non crede nella guerra nucleare, dal momento che il presidente Putin non è pazzo. Il punto in cui Bauer parla della decisione della NATO di andare in Afghanistan e in Iraq è interessante, passandola come una scelta consapevole e legittima, mentre l’intervento della Russia la delinea come una minaccia per la stessa NATO. Da Saker Italia Notizie  

 

ISRAELE TRA RUSSIA E UCRAINA - Ron Prosor, nuovo ambasciatore d'Israele in Germania, ha dichiarato che Israele sostiene l'Ucraina "dietro le quinte" molto più di quanto si pensi. Prosor ha detto che "l'esercito israeliano interrompe regolarmente la fornitura di armi dall'Iran alla Siria e al Libano. Tra questi ci sono droni e missili iraniani che la Russia usa in Ucraina". Secondo Prosor, Israele preferisce "rimanere nell'ombra" a causa della presenza della Russia in Siria e della numerosa comunità ebraica sul territorio russo. In precedenza i media israeliani avevano suggerito che anche se Israele decidesse di fornire all'Ucraina solo sistemi d'arma "difensivi", ciò potrebbe rivelarsi un boomerang. "I russi potrebbero iniziare a fornire moderni sistemi di difesa aerea, come l'S-300 e l'S-400, all'Iran e alla Siria. Mosca potrebbe sostenere che questi sistemi proteggono solo i Paesi del Medio Oriente dagli attacchi aerei israeliani", ha scritto il quotidiano Haaretz. https://t.me/guerrieriperlaliberta/18388

 

Lavrov ha parlato del "messaggio" che Antony Blinken gli ha fatto avere attraverso il ministro degli Esteri egiziano.

"Confermo di aver ricevuto il messaggio di Blinken. Abbiamo sempre detto che la Russia è pronta ad ascoltare qualsiasi proposta seria che miri a risolvere la situazione. Il messaggio reitera semplicemente che la Russia deve fermarsi, la Russia deve andarsene, e poi tutto andrà bene."

Ma Blinken non ha menzionato qual è il vero interesse degli Stati Uniti e dell'Occidente, cosa che invece ha fatto il Segretario Generale della NATO Stoltenberg durante la sua visita in Corea del Sud. In uno dei suoi discorsi ha detto che la Russia deve perdere, la Russia deve essere sconfitta, e l'Occidente non può permettersi che l'Ucraina perda, perché allora l'Occidente perderebbe. E il mondo intero perderebbe, ha detto Stoltenberg. In altre parole, si è permesso di parlare non solo a nome dei membri dell'Alleanza Nord Atlantica, ma anche del resto del mondo, dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina, senza averne titolo. @LauraRuHK https://t.me/youlistenedmayak/25263

Il capo della NATO chiede alla Corea del Sud di "aumentare" gli aiuti militari all'Ucraina

Jens Stoltenberg ha esortato Seul a "intensificare" il sostegno militare all'Ucraina, citando altri governi che hanno cambiato le loro politiche di esportazione di armi alle forze di Kiev. Stoltenberg è attualmente impegnato nella prima tappa di un viaggio in Asia che mira a rafforzare i legami con gli alleati della regione a fronte del conflitto in Ucraina e della competizione occidentale con la Cina. https://headtopics.com/us/nato-s-chief-urges-south-korea-to-step-up-military-support-for-ukraine-34722036

 

JUST IN - Biden: U.S. will not provide F-16 jets to Ukraine. @disclosetv https://t.me/RossellaFidanza/34868

Pechino ha dichiarato che gli Stati Uniti sono "l'iniziatore e il più grande promotore" della crisi ucraina, commentando le affermazioni di Washington secondo cui le aziende statali cinesi starebbero fornendo aiuti non letali alla Russia. Se il governo statunitense volesse aiutare il popolo ucraino e vedere la crisi finire il prima possibile, dovrebbe "smettere di inviare armi e di raccogliere i benefici della guerra", ha dichiarato lunedì la portavoce del Ministero degli Esteri cinese Mao Ning durante un briefing. La portavoce del Ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha dichiarato che Pechino non accetterà "di essere aiutata da Mosca" e che i media occidentali hanno riportato la settimana scorsa come "sospetti e accuse infondate". Ha dichiarato che Pechino non accetterà "ricatti infondati" o discriminazioni contro le aziende cinesi da parte di Washington. https://www.azerbaycan24.com/en/beijing-explains-us-role-in-ukraine-conflict/ - https://t.me/RossellaFidanza/34872

 

Il capo del Pentagono promette il nucleare all'alleato asiatico

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha riaffermato l'impegno "ferreo" di Washington nei confronti della Corea del Sud, promettendo di dispiegare l'intera gamma di capacità militari convenzionali e nucleari degli Stati Uniti, se necessario, per scoraggiare quelle che ha descritto come azioni sempre più "destabilizzanti" da parte della Corea del Nord.

In un editoriale pubblicato martedì dall'agenzia di stampa Yonhap, nel corso della sua terza visita a Seoul come capo della difesa statunitense, Austin ha affermato che solo la presenza di migliaia di truppe americane e dei mezzi militari "più avanzati" ha garantito sette decenni di pace nella penisola - e ha detto che le parti stanno costantemente esplorando modi per aumentare le loro "attività di deterrenza".

"Siamo impegnati a fare ancora di più, tra cui esercitazioni da tavolo sempre più complesse basate su scenari incentrati sulle minacce nucleari nella penisola e visite ai siti strategici statunitensi che ospitano le nostre capacità più avanzate per dimostrare il ruolo che queste capacità possono svolgere in caso di crisi o conflitto", ha aggiunto. https://www.farsnews.ir/en/news/14011111000514/Penagn-Chief-Makes-Nclear-Pledge-Sh-Krea https://t.me/RossellaFidanza/34887

 

Il capo dell'intelligence ucraina minaccia attacchi alla Russia

La Russia continuerà ad avere "problemi" fino a quando non si ritirerà dall'Ucraina e ripristinerà la sua integrità territoriale, ha avvertito il massimo funzionario dell'intelligence di Kiev, Kirill Budanov, in un'intervista rilasciata martedì al Washington Post. Il capo della Direzione dei servizi segreti ucraini ha affermato che Kiev ha persone che piazzano esplosivi sul territorio russo, alludendo a una potenziale serie di attacchi terroristici a breve. Alla domanda sul suo coinvolgimento nell'attacco al ponte di Crimea a ottobre e nei due attacchi con i droni alle basi aeree russe a dicembre, Budanov si è rifiutato di confermare che dietro gli attacchi ci fossero le sue forze speciali.  Tuttavia, ha avvertito che ci saranno altri attacchi di questo tipo. https://www.azerbaycan24.com/en/ukrainian-intelligence-chief-threatens-attacks-on-russia/

 


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14158
Topic starter  

intanto un paio di mesi fa succedeva questo:

 

Semiconduttori e Cina: in risposta alle sanzioni USA le società cercano capitali sul mercato, con l’aiuto del governo

 Di

L’industria cinese dei semiconduttori, colpita dalle sanzioni, è pronta a ricevereun’ancora di salvezza molto necessaria attraverso il capitale raccolto da nuove quotazioni pubbliche e fondi comuni di investimento, secondo gli ultimi dati relativi al mercato azionario e ai finanziamenti, mentre Pechino raddoppia la spinta all’autosufficienza del Paese in materia di chip in presenza di restrizioni commerciali statunitensi più severe.

Questo mese sono state approvate le richieste di offerta pubblica iniziale (IPO) di nove società legate alla catena logistica dei semiconduttori in Cina, tra cui sei società di progettazione di circuiti integrati (IC), un’azienda di confezionamento di chip, una produttrice di wafer e un fornitore di materiali di confezionamento, secondo quanto riportato dai documenti della borsa valori nazionale. Si prevede che queste IPO raccoglieranno un totale di 21,6 miliardi di yuan (3 miliardi di dollari) dagli investitori.
La produttrice di wafer al silicio che sta per essere quotata in borsa è la Semiconductor Manufacturing Electronics (Shaoxing) Corp, affiliata al più grande e avanzato produttore di chip del Paese, la Semiconductor Manufacturing International Corp (SMIC). Nello stesso mese dell’anno scorso erano state approvate solo sette IPO legate ai chip.
Le ultime approvazioni di IPO arrivano dopo il via libera ricevuto all’inizio del mese da Hua Hong Semiconductor, quotato a Hong Kong e secondo produttore cinese di chip, per la sua quotazione di 2,5 miliardi di dollari presso il Science and Technology Innovation Board di Shanghai, noto anche come Star Market.

“Queste attività di IPO sono state costanti per quanto riguarda le dimensioni delle transazioni negli ultimi trimestri, e altre sono in arrivo”, ha dichiarato Gary Ng, economista senior per l’Asia-Pacifico della banca d’investimento francese Natixis. “Un maggior numero di IPO consentirà ai produttori di chip cinesi di accedere facilmente al capitale e di impiegare maggiori risorse per la ricerca e lo sviluppo”. Ng ha indicato che la ricerca e lo sviluppo nel settore comporterà “un processo complicato e lungo, ma è importante per contrastare le restrizioni statunitensi”.

Nei primi 11 mesi di quest’anno, 46 aziende legate ai semiconduttori che si occupano di progettazione, produzione, componenti e materiali sono state quotate in borsa sul mercato Star, rispetto alle 19 aziende dello stesso periodo dell’anno precedente, secondo il servizio cinese di dati societari Qichacha.
Un aumento del capitale viene raccolto anche dalle società di gestione dei fondi cinesi, che hanno lanciato diversi fondi legati ai semiconduttori per convogliare il denaro degli investitori al dettaglio verso i titoli dei chip.
ICBC Credit Suisse Asset Management – una joint venture tra la statale Industrial and Commercial Bank of China, il più grande istituto di credito commerciale al mondo per asset, e la 166enne banca d’investimento svizzera Credit Suisse – ha lanciato la scorsa settimana un nuovo fondo che ha come benchmark l’indice dei titoli dei chip della Cina continentale.
Tutti questi afflussi di nuovi investimenti riflettono un’opportunità per l’industria cinese dei semiconduttori di far fronte alle ultime restrizioni commerciali degli Stati Uniti e all’accresciuto controllo di Washington sulle aziende che fanno parte della catena di fornitura di chip del Paese.

Il 7 ottobre, il Bureau of Industry and Security (BIS), un’agenzia del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, ha implementato aggiornamenti che limitano ulteriormente la capacità della Cina di ottenere chip di calcolo avanzati, sviluppare e mantenere supercomputer e produrre semiconduttori avanzati utilizzati in applicazioni militari, comprese le armi di distruzione di massa.
Ciò ha fatto seguito alla direttiva di Washington che, a settembre, ha impedito a Nvidia e Advanced Micro Devices di fornire i loro chip all’avanguardia ai clienti in Cina. In agosto, l’amministrazione Biden ha promulgato il Chips and Science Act per incrementare le capacità di produzione di circuiti integrati in America.

Da quando è stato vietato l’uso dei chip negli Stati Uniti, il mercato dei capitali secondari cinese per le aziende di semiconduttori è stato guidato dal “patriottismo” e dal potenziale sostegno del governo… invece che dal ciclo tecnologico a breve termine”, ha affermato Ng, economista di Natixis. Ha citato come esempio le azioni della SMIC, società a doppio listino, che sono scese dello 0,9% a Hong Kong ma hanno guadagnato l’8% a Shanghai dall’inizio di ottobre. Però c’è un problema a livello di indice settoriale tecnologico: l’indice dei chip dello Star Market (il NASDAQ cinese), che comprende le 50 principali società di semiconduttori del Paese, è sceso del 27% da un anno all’altro al 24 novembre, secondo i dati della società statale Chin

https://scenarieconomici.it/semiconduttori-e-cina-in-risposta-alle-sanzioni-usa-le-societa-cercano-capitali-sul-mercato-con-laiuto-del-governo/


RispondiCitazione
Condividi: