Notifiche
Cancella tutti

Il Giappone stampa yen e il Pil sale del 3.5%

Pagina 2 / 2

braveheart
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 804
 

@ Penta

L'ignorante e lo spocchioso sei tu, che vuoi far passare un aumento della domanda interna, che si ripercuote sul PIL nel brevissimo periodo, per un possibile aumento dei prezzi.
E io non ho parlato ne di 0,9 ne di altre percentuali.
Torna alle elementari, capra.


RispondiCitazione
mazzam
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 743
 

I soldi servono per lavorare,o lavorare serve per fare i soldi?Il lavoro serve per vivere o vivere serve per lavorare?

"stampare soldi" serve per la spesa corrente o per investimenti?

Gli investimenti sono solo bombe e beni di consumo? O anche restauro,sistemazione ambiente,ospedali,istruzione,ricerca ecc?

La politica che ruolo deve avere?

Stampare soldi serve a farteli uscire dal bancomat la mattina per cappuccio e brioches.


RispondiCitazione
gelsomino
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 93
 

Se stampare i soldi non serve a niente perchè le banche private non lasciano questa prerogativa agli Stati ?


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Non ho capito Mazzam.Il potere d'aquisto che hai in tasca da spendere (in senso lato,non tu..non ti conosco) e'stato creato da qualcuno all'origine o si crea da solo?


RispondiCitazione
gelsomino
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 93
 

Non ho capito Mazzam.Il potere d'aquisto che hai in tasca da spendere (in senso lato,non tu..non ti conosco) e'stato creato da qualcuno all'origine o si crea da solo?

Sì, e poi: è nato prima l'uovo o la gallina? 8)


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Rispondimi tu,secondo te,gelsomino


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Pensavo.Se possiedo un potere d'aquisto esso e' espresso in moneta generalmente.E'stato generato (il potere d'aquisto,non il simbolo in se) dal lavoro o attivita svolta (e'endogeno,sempre il potere d'aquisto) il simbolo che lo rappresenta pero proviene dalle tasche di un'altro (datore di lavoro o cliente che sia) e per lui vale lo stesso,la sua opera (anche immateriale,che so,una lezione di inglese) ha generato il potere d'aquisto,rappresentato da quel simbolo che proviene pero da un'altro ancora.All'origine del circuito deve esserci un attore economico,stato o banca che sia,come viene immesso?A debito,per consuetudine (al di la del giusto o sbagliato) quindi viene dato previa "promessa di restituzione"rappresentata da un contratto chiamato titolo.Quindi se quel simbolo deve tornare alla matrice (alla scadenza) in tasca alla gente non rimane nulla,rimane cioe si,i beni e servizi prodotti,posso accumulare quelli creati dal lavoro per intermediazione di scambio tramite la moneta,posso accumulare pomodori,mobili,case (per semplificare) ma il simbolo torna indietro.E come fare a permettere il risparmio del simbolo rappresentativo di un ammontare di potere d'aquisto?A permettere di accumulare,non spendere un piccolo tesoretto?Tesaurizzarlo diciamo?Be in questo sistema quando quel simbolo torna indietro,ne puo partire uno maggiorato contemporaneamente.Allora aumenta il debito complessivo.Oppure arriva un simbolo in piu dall'esterno del sistema,perche si e'venduto un bene o servizio all'esterno (o si e'venduto di PIU di quello aquistato) in cambio di potere d'aquisto generalmente accettato qui al nostro interno (perche cambiabile col nostro simbolo).Ma ribaltando i ruoli come fa quel paese ad avere avanzo di moneta,se il suo sistema e'come il nostro?Avra in qualche misura aumentato il suo debito?E ma anche il suo debito deve tornare indietro poi...

Nel sistema monetario attuale sembra che non possano esistere risparmi e contemporaneamente azzeramento di tutti i debiti.

Sara tutto sballato e semplicistico,va bene,ma pensiamo una cosa.

E' possibile risparmio di moneta,in situazione di :

1.Zero debiti nel mondo tutto
2.Divieto assoluto di stampare e spendere moneta libera da debito per "decreto"

?

Il discorso sulle risorse finibili non rinnovabili e sovrappopolazione e mancata redistribuzione equa va bene,importante,forse piu importante,ma non inclusi nel ragionemento.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

C'è qualche contraddizione di troppo nel tuo discorso. Stai facendo molta confusione.


RispondiCitazione
Arazzi
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 204
 

E' curioso (e divertente) notare quanto si irrita certa gente ogni volta che si sussura la frase "stampare moneta", tipo l'aglio con i vampiri. Invece che arrabbiarsi e tentare inutilmente di discutere con loro ripetendo le solite cose perchè non divertirsi un pò?

stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta stampalamoneta


RispondiCitazione
mazzam
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 743
 

Non ho capito Mazzam.Il potere d'aquisto che hai in tasca da spendere (in senso lato,non tu..non ti conosco) e'stato creato da qualcuno all'origine o si crea da solo?

Potere d'acquisto de che?
Si conviene che:
- un pezzo di carta ti paga la micca.
- il contenitore/distributore dei pezzi di carta si chiama banca
- per questo bisogna che la banca sia sempre bella piena di carta
- si stampa carta nominalmente valutata su convenzione e si riempie il distributore
- vai al bancomat esce carta a fronte della quale il panettiere decide di darti la micca
- finché al panettiere va bene così, cosa ci sia dietro la carta non importa a nessuno. Anzi siamo tutti d'accordo a non indagare troppo, soprattutto il panettiere che è una vita che da pane contro carta.
(Vedere cosa sta succedendo con l'oro tedesco)
- that's it

Il mondo è fallito è una cosa chiara a tutti ( mi sembra di ricordare che ci sia un circolante pari a 25 volte la ricchezza mondiale ). Ma prenderne coscienza costerebbe troppo e si rinvia il più possibile, e meno male se no oggi alla mezza niente micca?

😀


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Cazzo che lezione di economia maccam.Meno male che c'e' ancora gente che vuole "indagare" come te e tutto ha capito.Ottimo,il panettiere,la carta,25 volte,tutti dicono e i rettili stampano e ridono.E il mondo sta cadendo,giusto,non c'e' piu quella divinita a sostenerlo (quella del cartone Pollon).In effetti


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 6059
 

Io (non solo io) ho dei dubbi sulla politica perseguita. E' una strada stretta comunque. Non c'entrano "keynesiani" le ricette "magiche" o che ne so. Sono cose per bambini quelle. Da un certo punto di vista ha condizioni (deflazione, cambio forte, alte riserve valutarie) che sono ideali per misure espansive, dall'altro debito a lungo, popolazione vecchia, fragilità degli Istituti bancari specie i medio-piccoli a fronte del rialzo dei tassi a lungo inevitabile sono contrarie. Hanno comunque alzato 2 punti fiscalmente per drenare.
Bisogna vedere quale somma di cose prevale. Nell'immediato lo stimolo c'è, per export soprattutto, e per il clima di fiducia, vedi sia il Tankan ultimo (grandi imprese) che lo Shoko Chukin (piccole-medie imprese).
Ma la volatilità sui bond è schizzata, nonostante la BoJ sia conosciuta come una con la mano d'acciaio.
E i mercati hanno reagito maluccio, vedi il Nikkei.
Gli hedge fund non sono per niente stupidi, solo che i ragionamenti non sono quelli della Sora Lella. Quindi tutto bene, fiducia e avanti Savoia!
Intanto con un cuscino finanziario per sotto però. Quello immediato.
Oggi all'ingrosso la situazione è questa:
US decennale 2%. Germania 1,5%, Giappone 0,85%
Ma questi sono i nominali
I reali al netto dell'inflazione sono:
US 2% - (+1,20%) = 0,80% (e anche il più prudente che tiene solo i tarocchi legali sa che vale almeno 0%).
Germania 1,45% -(+1,20%) = 0,25%
Giappone 0,85% - (-0,90%) = 1,75%

Una volta che inglobi un'inflazione superiore in un modello Giapponese anche solo di un punto e mezzo (non è che deve esserci domattina, non è così) hai i tassi Giapponesi che non sono più competitivi e non pagano un premio di rischio, considerato debito e impegni a lungo (compreso retirement, pensioni). Inoltre hai il cambio meno sostenuto con QE.
Quindi c'è rischio di sell-off sui bond, e lì sono guai grossi per il sistema bancario. La leva è notevole quando hai il 250% di debito/Pil, non è uno scherzo. Hanno una duration di circa 6 anni o giù di lì a memoria per cui rinnovano debito pari al 40% di PIL all'anno, non noccioline, se mi ricordo bene).
Oppure i tassi aumentano, ma se aumentano bisogna che il PIL (e il gettito fiscale) sostenga e bene se no sono guai, con cosa pagano gli interessi. (Ah già, stampano di più, nei telefilm).
Inoltre il cambio devono cercare di tenerlo artificialmente basso in quel caso, specie se non c'è ripresa mondiale. Se no l'export specie in Asia non lo vedo così bene. Ma lì è un altro problema, di sterilizzazione.
Una strada stretta. Non che non debba andare bene ma non è una ricetta facile che "lo sapevano tutti". Meno che loro, che sono da 20 anni in deflazione e provano a uscirne, ma non ci avevano mai pensato.
Non sono degli incompetenti alla BOJ e nemmeno al MOF.
Infatti il quiz è questo per me: loro sono in grado di valutare 10.000 cose e hanno intrapreso quella strada. Quindi uno prima di vendersi rischio Giappone come verrebbe da fare ci pensa e sa che molte cose a lui sfuggono, non le può valutare. Se invece, dato che il Giappone non è un Paese libero, sono in parte condizionati da USA, allora è un altro discorso, più lungo ancora. E' proprio un'altra storia.


RispondiCitazione
mazzam
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 743
 

Cazzo che lezione di economia maccam.Meno male che c'e' ancora gente che vuole "indagare" come te e tutto ha capito.Ottimo,il panettiere,la carta,25 volte,tutti dicono e i rettili stampano e ridono.E il mondo sta cadendo,giusto,non c'e' piu quella divinita a sostenerlo (quella del cartone Pollon).In effetti

Ciao. Ah... Ti chiedo scusa! Volevano essere due considerazioni leggere e domenicali così per dir la mia, mica una lezione. Chiaro che d'ora in avanti non mi azzarderò.
Mi scuso anche per le tesi abborracciate e la totale mancanza di preziose percentuali ma, dicevo, era domenica..
Considero, alla carlona, un' ultima volta poi zitto, leggerò te.

Tra il mio post e la tua sgradevole risposta il nikkey ha perso il 15%.
Cosa c'è da indagare? Che cosa non sai?
Non sai che siamo agli sgoccioli di tutto, che ogni materia prima è stata perforata alla morte ovunque si trovasse, che a breve saremo 9 mld. di umani affamati e freddolosi, che i conti tra disponibilità e bisogni son fatti tutti e non c'è modo di uscirne, che la ricchezza è finanziaria che una vera energia alternativa per tutti quanti ancora te la sogni, che i depositi bancari non esistono, tranne spiccioli, perché perennemente investiti nella incommensurabile volatilità dei mercati e che ai depositi in oro degli stati è meglio dare una controllatina. Non lo sapevi? Aspettavi me con i dati?

Mai dai...


RispondiCitazione
nuvolenelcielo
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 637
 

Qualsiasi aumento di ricchezza suppone un aumento di povertà per qualcun'altro.

lol

questa qua è da appendere in qualche hall of fame.


RispondiCitazione
Italiano
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 756
Topic starter  

ECONOMIA
10/06/2013

Balzo del Pil del Giappone
La Borsa di Tokyo rimbalza

Crescita meglio delle attese: + 4,1%
Per l’indice Nikkei rialzo del 4,94%

Il Giappone ha avuto a gennaio-marzo 2013 una crescita annualizzata del 4,1% e una sui tre mesi precedenti dell’1%: si tratta di valori, in base alla seconda lettura fornita dal governo, migliori di quelli diffusi poche settimane fa e pari, rispettivamente al 3,5% e allo 0,9%.

Il saldo delle partite correnti del Giappone segna un surplus ad aprile di 750 miliardi di di yen (quasi 6 miliardi di euro), grazie all’indebolimento della divisa nipponica che ha incrementato il valore dei margini da investimenti esteri, più che compensando il deficit commerciale salito a 818,8 miliardi.
Il dato, diffuso dal ministero delle Finanze, è più che doppio sia rispetto alle previsioni di un avanzo di 310 miliardi sia ai 373,5 miliardi di aprile 2012.

La Borsa di Tokyo rimbalza e chiude a +4,94%, con i dati sull’occupazione Usa diffusi venerdì, solidi ma non tanto da aprire a modifiche nella politica monetaria della Fed, e per la revisione al rialzo del Pil giapponese di gennaio-marzo (da +3,5% a +4,1% annualizzato e da +0,9% a +1% congiunturale): il Nikkei così a quota 13.514,20.

http://www.lastampa.it/2013/06/10/economia/balzo-del-pil-del-giappone-la-borsa-di-tokyo-rimbalza-lUmIxdPfMgSAiUumF93eYJ/pagina.html


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: