Notifiche
Cancella tutti

Il mito infranto di al Jazeera


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 33516
Topic starter  

Dimissioni a catena nell'ufficio di corrispondenza di Beirut per silenzi e censure sulle crisi di Damasco e Bahrain. La molto mitizzata al Jazeera perde pezzi. A causa della sua copertura faziosa della crisi in Siria e anche della crisi nel piccolo Bahrain, una primavera araba che non fa notizia.

Alcuni membri di primo piano dell'ufficio di Beirut della tv qatariota hanno annunciato le dimissioni o si sono già dimessi, secondo quanto riportato dal quotidiano libanese al-Akhbar. Il «managing director» dell'ufficio di corrispondenza di Beirut, Hassan Shaaban, una settimana fa ha anticipato che se ne andrà, dopo che il corrispondente di al Jazeera Ali Hashem e il producer Mousa Ahmad se n'erano andati. Tutti in segno di protesta per i servizi giornalistici (e le censure), sugli avvenimenti in corso «nella regione araba» e in particolare in Siria e Bahrain.

Secondo quanto riporta il giornale, Ali Hashem ha preso la decisione dopo che al Jazeera «ha rifiutato di mostrare foto che lui aveva scattato in Siria di fighters armati impegnati in scontri con l'esercito siriano a Wadi Khaled». L'emittente, al contrario, «lo ha ripreso come fosse uno shabeeh», ossia un membro delle temute milizie pro-Assad.
Sempre Ali Hashem si era infuriato per il rifiuto opposto da al Jazeera di coprire la repressione ordinata dal re del Bahrain contro i manifestanti che chiedono (pacificamente) quello stesse riforme democratiche pretese dall'opposizione siriana. Nel Bahrain, il giornale fa dire a Ali Hashem, «noi vediamo scene di gente massacrata dalla macchina repressiva del Golfo, ma per al Jazeera, l'unica parola possibile è il silenzio».

Idem il producer dell'ufficio di Beirut, Mousa Ahmad, che protestava perché al Jazeera aveva «totalmente ignorato» il recente referendum promosso da Assad sulle riforme costituzionali del regime (fine del regime monopartitico del Baath e limiti di tempo ai mandati presidenziali), che pure aveva visto la partecipazione del 57% del corpo elettorale.
Il mito di al Jazeera, «la Bbc del Medio Oriente», era già andato in pezzi durante gli otto mesi della guerra civile libica, in cui il Qatar, con soldi, soldati e potere di fuoco mediatico, aveva combattuto sfacciatamente a fianco degli insorti anti-Gheddafi.

Il giornalista Afshin Rattansi, che ha lavorato per al Jazeera, dice che «sfortunatamente» questa tv, che aveva cominciato «rivoluzionando» l'informazione nel mondo arabo, è diventata «la voce monocorde della posizione anti-Assad del governo qatariota». Rattansi rende omaggio «al coraggio di quei giornalisti che dicono: "attenzione, non è così che noi dovremmo coprire questo tema perché lì in mezzo c'è gente di al Qaeda che si muove". Il modo con cui al Jazeera ha coperto la storia della Siria è completamente unilaterale».

Un giudizio condiviso anche da Don Debar, giornalista e militante contro la guerra, anche lui un passato in al Jazeera: nelle sue prese di posizione l'emittente è stata «pesantemente» guidata dal governo del Qatar. «E' così dall'aprile 2011 - dice Debar -. Il capo del bureau di Beirut se ne va e molta altra gente se ne va a causa della copertura faziosa e della mano pesante del governo qatariota nel dettare la linea editoriale sulla Libia prima e sulla Siria adesso».

Michele Giorgio
Fonte: www.ilmanifesto.it
13.03.2012


Citazione
Pellegrino
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2635
 

Al Jazeera era un "mito" solo per questi mentecatti del Manifesto.


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14304
 

Al Jazeera era un "mito" solo per questi mentecatti del Manifesto.

😀 la loro tecnica squallida è sempre quella.
Prima sostengo le veline imperialiste, poi dico "ah ma non sapevo, mi dispiace."

Non sapeva perché ha oculatamente censurato le voci che raccontavano un'altra storia.

Tipo in LIbia," ma quanto sono eroici i ribelli del CNT, si dice siano armati dall'Occidente, ah quelle malelingue che sostengono il sanguinario dittatore...."

poi arrivano i rapporti di amnesti e msf...

ed allora ritirano i remi in barca e tirano fuori la squallida ingenuità di facciata:

"ma come è possibile, loro, quegli angioletti pro democrazia? no no così non va bene, però ci fidiamo di Jalil che se dice che non lo farà più sarà senz'altro vero"


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8264
 

Questo e' un articolo, (in inglese) ripreso dalla Tv Russa da Marinella Correggia, sullo stesso argomento:

http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=106

La situazione mediorientale e' complessa, una attenzione corretta dei media progressisti o alternativi occidentali potrebbe influire molto sugli avvenimenti.

Forse in Italia con il sito www.sibialiria.org e' stato fatto un piccolissimo passo in questa direzione.


RispondiCitazione
Condividi: