Notifiche
Cancella tutti

In difesa dell'euro (in italiano)

Pagina 3 / 3

sankara
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 546
 

Il venditore si assume invece il rischio che l'acquirente del bene possa aver a sua volta reipotecato la garanzia fornita e non sia in grado di fornirgliela a scadenza dietro rimborso del prestito. Nella fattispecie non ci sono stati mai problemi, o sono stati rarissimi, ma “nell'insieme” probabilmente (eufemismo per "quasi certamente") ci sono. Cioè “nell'insieme” le reipotecazioni sono superiori ai titoli e la cosa funziona solo perchè non sono di fronte rimborsi “nell'insieme”.

Mincuo, sbaglio o con il termine "reipotecazioni" possiamo comprendere quello di "cartolarizzazioni", considerate alla base della crisi del 2008 ed attraverso cui le banche riuscivano a rivendere i mutui subprime trasferendone il rischio ad altri operatori nei mercati finanziari?
Svariati economisti sul web spiegano che attraverso la cartolarizzazione le banche sarebbero passate dal classico modello “originate and hold” al nuovo modello “originate and distribute". In termini più semplici: la banca, una volta concesso il mutuo, invece di dover attendere vari anni di rate per ottenere indietro l’intera somma prestata più gli interessi ("originate and hold"), con la cartolarizzazione rivende il mutuo ad un’altra istituzione finanziaria ("originate and distribute") recuperando immediatamente i suoi soldi e conseguendo un profitto. In base a queste descrizioni, "cartolarizzazioni" e "società veicolo" risulterebbero un'invenzione moderna. Dal tuo commento ne ricavo invece che "si è sempre fatto così"...sto sbagliando?


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 6059
 

Cartolarizzazione è una cosa un po' diversa. Magari ci arriveremo.
Qui più semplicemente è "possibile" che una banca (o più) in realtà non messa bene abbia ricevuto in REPO 99 EUR a fronte del suo Titolo N° 124587 di valore 100 EUR, ma contemporaneamente da un'altra controparte ha ricevuto altri 99 EUR sempre però a fronte del medesimo Titolo N° 124587. Quindi ha dato la stessa garanzia 2 volte. Cioè ha dato 100 di garanzia per quasi 200 ricevuti. (I titoli non vengono dati materialmente, come una volta, sono scritture).
Una truffa sostanzialmente.
Ora se un po' richiedono i loro soldi (non rinnovano) la banca ce li ha. O li va a prendere ipotecando. Ma se TANTI richiedono quei soldi e non ci sono o la banca non ha da ipotecare o non si fidano a ipotecare?
Quello è lo squeeze o se vuoi una crisi di liquidità spiegata in modo semplice. Perchè ognuno si precipita a chiedere i suoi soldi e allora è "nell'insieme" che si vede la faccenda...

E uno così capisce meglio anche qualche funzione accessoria dei QE nei quali i soldi alla banca glieli dà la Banca Centrale in cambio di titoli o in REPO (LTRO). Che potrebbe, in parte o talvolta, nascondere anche ciò che non viene detto.....


RispondiCitazione
sankara
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 546
 

Cartolarizzazione è una cosa un po' diversa. Magari ci arriveremo.
Qui più semplicemente è "possibile" che una banca (o più) in realtà non messa bene abbia ricevuto in REPO 99 EUR a fronte del suo Titolo N° 124587 di valore 100 EUR, ma contemporaneamente da un altra controparte ha ricevuto altri 99 EUR sempre però a fronte del medesimo Titolo N° 124587. Quindi ha dato la stessa garanzia 2 volte. Cioè ha dato 100 di granzia per quasi 200 ricevuti.
Una truffa sostanzialmente.

Se stavolta ho compreso bene, volendo provare a fare un'altra azzardata analogia, è un po' come con lo scandalo della Banca romana di fine Ottocento, dove risultò che l'istituto aveva duplicato abusivamente alcune delle serie già emesse di banconote..banche che tra l'altro allora erano autorizzate ad emettere banconote in misura non superiore ad un certo ammontare di capitale sociale...e qui mi fermo, non vorrei far deragliare oltre la discussione..grazie per le precisazioni!


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 6059
 

Si può andare anche molto più vicini nel tempo, in Italia. 🙂
Poi quella situazione, dovuta anche alle NPL, è stata mascherata in vario modo....

P.S. Riguardo ai tassi oggi se investi in BOT 100 EUR hai un rendimento negativo. Cioè ne riavrai meno di 100 a scadenza.
Se ti tieni in tasca i 100 EUR avrai solo 100 EUR ma non un rendimento negativo. Questo è un problema che poi ha rilevanza nella questione della liquidità. E anche nella questione di ridurre il contante e obbligarti all'elettronico. Che non è come l'hanno raccontata....


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 6059
 

Una banca, per finire, può usare i REPO per semplice intermediazione. Ad esempio dà i titoli in REPO e prende i soldi in prestito a un certo tasso e quei soldi poi li presta in REPO a un altro in cambio ugualmente di titoli, ma a un tasso maggiore, tale che guadagna sulla differenza.
I titoli infine, per allacciarmi alla tua domanda sulle cartolarizzazioni, possono esere a loro volta titoli di debito. Era il caso dei subprime ad esempio.
A parte il REPO che è garantito da titoli poi c'è il mercato dell'eurodollaro che sono come ho detto tutti i depositi di dollari off-shore cioè non in Banche USA. Che sono depositi a termine, (overnight, Tomorrow next, 1 week, 1month, 3 month, 6 month ecc.). E rappresentano insieme ai depositi "normali" a vista o vincolati dei residenti (il tuo c/c ad esempio) un'altra parte importante del mercato monetario.


RispondiCitazione
Pagina 3 / 3
Condividi: