Notifiche
Cancella tutti

L’industria militare tedesca si prepara ad accogliere i lavoratori espulsi dal settore auto


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14446
Topic starter  
eh son posti di lavoro, mica possiamo contestare....direbbero i sindacalisti italioti, come ogni volta davanti ai no tav, no dal molin, no ponte e no progetti mafiosi

________________

In Germania il settore auto sta andando in crisi e si prepara a licenziare molti lavoratori che, però, potranno essere assorbiti dall’industria militare che alimenta la guerra in Ucraina
 
21 Aprile 2024
Le case automobilistiche tedesche sono in crisi. L’elettrificazione e la concorrenza cinese stanno riportando sul mercato del lavoro migliaia di lavoratori altamente qualificati. Fortunatamente, molti stanno puntando su un settore che non può assumere abbastanza velocemente: la difesa.
 
Però se un settore non funge, un altro subentra: dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia due anni fa, i produttori di armi hanno vissuto una sorta di inversione di fortuna e ora stanno cercando lavoratori qualificati sul mercato.
 
Così, mentre il produttore di pneumatici Continental licenzia 7450 dipendenti,  Hensoldt, che produce sensori di difesa aerea fondamentali per intercettare i missili russi in Ucraina, ha visto notevoli assunzioni, soprattutto ingegneri, provenienti dalle case automobilistiche.
 
“Approfittiamo dei problemi di altri settori per costruire la nostra forza lavoro”, ha dichiarato l’ex CEO Thomas Mueller, a cui è succeduto Oliver Doerre in aprile. L’azienda prevede di assumere 700 nuovi dipendenti nelle varie divisioni quest’anno.
Parte della spinta ad assumere più lavoratori ha a che fare con le enormi sfide che l’Ucraina deve affrontare nel settore difesa. Per ogni proiettile di artiglieria che il Paese ha in magazzino, la Russia ne ha dieci, secondo il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy. Mentre le aziende stanno aumentando rapidamente, l’Unione Europea non è stata in grado di produrre armi o munizioni abbastanza rapidamente da soddisfare la domanda bellica.
Rheinmetall, il più grande produttore di armi della Germania, prevede che le vendite supereranno i 10 miliardi di euro quest’anno, rispetto ai 7,2 miliardi di euro del 2023. Prevede di espandere la produzione annuale di proiettili di artiglieria a 700.000 pezzi entro il 2025, un aumento di dieci volte rispetto a prima dell’invasione russa, e ha assunto circa 4.000 persone a livello globale dall’inizio del 2022. Le candidature hanno continuato ad aumentare.
 
L’anno scorso, 108.000 persone hanno fatto domanda per un posto di lavoro presso l’azienda solo in Germania, come ha dichiarato il CEO Armin Papperger durante la telefonata sugli utili dell’intero anno dell’azienda a marzo. Avendo già ricevuto circa 38.500 candidature quest’anno, l’azienda è sulla buona strada per superare questi numeri.
 

Prototipo di nuovo carro tedescoean
 
Il produttore di ingranaggi Renk ha visto più che raddoppiare le candidature dal 2021, e questi numeri sono destinati ad aumentare ulteriormente nel 2024, afferma il Direttore delle Risorse Umane Brigitte Schnakenbourg. Anche la qualità delle candidature è migliorata, ha aggiunto. “Riceviamo molte più candidature non richieste da persone con profili eccellenti”.
 
Sebbene Schnakenbourg non abbia ancora visto un gran numero di ex lavoratori dell’auto entrare in azienda, tra il ridimensionamento delle case automobilistiche e la rinnovata attrattiva del settore per i lavoratori, pensa che questo possa accadere con il tempo. Si trattoo solo di veder realizzati i tagli che molte aziende, come ad esempio anche Bosch, intendono effettuare.
 

La guerra è un’operazione keynesiana?

Letta in questo modo la guerra in Ucraina appare accadere proprio al momento giusto per la Germania, perché glli ordini di armi vengono, almeno in parte, a compensare le calanti vendite ddel settore auto a livello europeo e le difficoltà di tutta l’industria.
 
Il pagamento di questi aiuti proviene direttamente dallo stato tedesco, che ha investito 28 miliardi in  di euro aiuti per il paese in guerra, dagli alleati come Paesi Bassi o Danimarca e magari perfino dagli USA, che ora hanno approvato 61 miliardi di dollari di aiuti .
 
Questi aiuti si convertiranno in armi e proiettili che qualcuno dovrà costruire, i dipendenti che l’industria dell’auto tedesca, non più competitiva, non riesce più a impiegare. Una operazione keynesiana che si convertirà però in guerra e distruzione a est.

Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3223
 

Una domandina: ma questi non sono forse 'aiuti di stato' proibiti in via generale ?

La guerra sta facendo saltare gli equilibri di Maastricht: cosa dobbiamo attenderci, una iperinflazione oppure una profonda recessione ?

 


dana74 hanno apprezzato
RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14446
Topic starter  

secondo me entrambe le cose, siamo in stagflazione, il peggiore degli scenari. Formalmente secondo me non possono essere considerati aiuti di stato, è un trasferimento di manodopera da un settore ad un'altro. Viziato e forzoso, sicuramente.


RispondiCitazione
Condividi: