Notifiche
Cancella tutti

Poteva mancare Auschwitz?


PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4112
Topic starter  

In Germania il popolo si schiera contro l'immigrazione incontrollata, il partito anti islamico e anti immigrazione AfD arriva a risultati a due cifre nei sondaggi, il potere della Merkel si sgretola e i giornali e la tv non sanno più come mentire senza essere presi a pernacchie. E il regime cosa fa? Fa risorgere Auschwitz!! Ecco cosa fa!

Seconda giornata del processo contro la guardia di Auschwitz Reinhold H., 94 anni!!!! accusato di aver contribuito ad ammazzare (Beihilfe zum Mord) 170 000 persone . Il quasi certo colpevole (il processo è una truffa mediatica) ammette di essere stato di servizio ad Auschwitz ma di non aver ammazzato nessuno. È il momento dei testimoni che devono raccontare l'orrore. Il giudice chiama a testimoniare il 91enne Justin Sonder e la 92enne Erna de Vries.

http://www.spiegel.de/panorama/justiz/auschwitz-wachmann-vor-gericht-ueberlebende-berichten-vom-kz-a-1077137.html

Sonder dopo aver descritto il viaggio orribile di due giorni nel vagone senza luce, conferma quello che altri prigionieri hanno dichiarato, cioè appena sceso sulla rampa un SS gli ha messo in mano una cartolina che lui avrebbe dovuto inviare a casa con la scritta : sono arrivato bene al campo di lavoro di Monowitz. La cartolina serviva ad ingannare il popolo circa lo scopo della deportazione ad Auschwitz.
Sonder ha descritto il processo di selezione, la paura e l'incertezza durante l'attesa. "Sono sopravvissuto a 17 selezioni" dice il Sonder e descrive come è stato operato al ginocchio, senza anestesia, da un certo Dr Fischer il quale dopo la guerra si è rifugiato nella DDR ed è diventato pediatra. Questo medico gli ha dipinto con lo Iodio una croce uncinata sul ginocchio. Sonder racconta ancora come fosse, per fortuna, capitato in una camerata dove c'era gente che soffriva di febbre petecchiale e dove le SS non si arrischiavano a mettere piede.

Erna de Vries dopo aver lavorato a tagliare canne nell'acqua soprca è stata nessa nel blocco 25, il blocco della morte. Arriva il momento dell'appello. Tutte in piedi.."il mio numero è stato chiamato io andai da un SS che mi ha spinto dentro una porta e mi ha detto : "tu hai più fortuna che cervello". Himmler aveva deciso che 85 donne, di sangue misto come me dovevano essere inviate al campo di Ravensbrueck. Ha avuto appena il tempo di dire addio a sua madre, la quale gli aveva sempre detto che sarebbe sopravvissuta ad Auschwitz e che doveva raccontare quello che aveva visto.


Citazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

il senso di colpa è il miglior metodo per controllare le masse...

ce n'è per tutti i gusti

il peccato originale dell'olocausto (ma solo quello dei giudei)
quello del debito pubblico
e infine quello della c02

😉

ne arriveranno altri appena uno di questi inizia a venir meno


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 16537
 

Quando la generazioni tedesche controllate a dovere instillando in loro la grave colpa dell'eolocausto si sveglieranno l'Europa avrà un risorgimento.
E forse anche noi con loro che, ricordiamolo, con Lutero sono stati i primi a ribellarsi alla chiesa di roma mentre tutti gli altri erano sottomessi. Quindi tolti di mezzo di ostacoli hanno tutta la capacità di risorgere.


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3055
 

Seconda giornata del processo contro la guardia di Auschwitz Reinhold H., 94 anni!!!! ml

[i]Sonder dopo aver descritto il viaggio orribile di due giorni [...].

Erna de Vries dopo aver lavorato a tagliare canne nell'acqua soprca è stata nessa nel blocco 25, il blocco della morte [...].

Ma i due sopravvissuti hanno la benche' minima relazione con "l'imputato", o fanno solo da "rievocatori" circostanziali?


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4112
Topic starter  

Seconda giornata del processo contro la guardia di Auschwitz Reinhold H., 94 anni!!!! ml

[i]Sonder dopo aver descritto il viaggio orribile di due giorni [...].

Erna de Vries dopo aver lavorato a tagliare canne nell'acqua soprca è stata nessa nel blocco 25, il blocco della morte [...].

Ma i due sopravvissuti hanno la benche' minima relazione con "l'imputato", o fanno solo da "rievocatori" circostanziali?

Mario, l'imputato è accusato di 'Beihilfe zum Mord' una generica accusa di aver contribuito con il suo servizio di guardia (!!!) al campo all'uccisione di 170 000 detenuti.
L'unico scopo del processo è ricordare all'opinione pubblica tedesca l'olocausto.
Inutile dire che la cosa è vergognosa e penosa nello stesso tempo. Ma già, qualcuno si sente con l'acqua alla gola e allora tutto fa brodo.


RispondiCitazione
venezia63jr
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1229
 

Pero' sti vecchi, ancora in gamba!! Auschwitz fa miracoli se ancora riescono
ad aprire la bocca. Tutti quelli sopravvissuti godono di una salute di ferro, piu' dei cavalieri di vittorio veneto.
Il senso di colpa e' possibile solo se dietro ci sono i fucili puntati.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 16537
 

il senso di colpa è il miglior metodo per controllare le masse...

ce n'è per tutti i gusti

il peccato originale dell'olocausto (ma solo quello dei giudei)
quello del debito pubblico
e infine quello della c02

😉

ne arriveranno altri appena uno di questi inizia a venir meno

indubbiamente. Prima che ci svegliamo a capire che sono solo str..... il tempo c'è tutto perchè si inventino di tutto e di piu.
Tanto sono in pochi impegnati a voler sapere il vero.
Quindi a noi non resta altro da fare che NON avere sensi di colpa del peccato originale e magari avere dei sensi di fastidio che qualcuno di propini la questione gender fingendo in questo modo di liberarci quando invece lo scopo è rovinare ulteriormente le menti e soggiogarci nel rovinare il maschile e il femminile già rovinato con il peccato originale che non esiste, ma che serviva ad originarne altri.
Con i risultati che vediamo tutt'ora nella società.


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3055
 

Pietro, la mia domanda era parzialmente retorica (diciamo al 50%).
Perche' comunque avevo il dubbio che, perlomeno, i "testimoni" scelti avessero una qualche relazione diretta con l'imputato.
A quanto pare invece, come dice, sono semplicemente li' a rappresentare di nuovo il dramma, cioe' a ridire cose assunte per certissime e sacrosante, ma facendolo in prima persona.
Almeno a Norimberga ebbero la sobrieta' di decretare che certi fatti si assumevano per noti "senza bisogno di ulteriori prove".


RispondiCitazione
venezia63jr
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1229
 

Il senso di colpa funziona sulle generazioni che vengono dopo, che conoscono la storia dai soli libri o programmi e film, adesso il problema e' che ogni persona vicina a te puo' essere un delatore e
puo' denunciarti, quello che hanno sperimentato aldila' del muro, e' stato messo in funzione da questa parte.


RispondiCitazione
helios
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 16537
 

Il senso di colpa funziona sulle generazioni che vengono dopo, che conoscono la storia dai soli libri o programmi e film, adesso il problema e' che ogni persona vicina a te puo' essere un delatore e
puo' denunciarti, quello che hanno sperimentato aldila' del muro, e' stato messo in funzione da questa parte.

La colpa ai tedeschi la insegnavano anche al di la del muro.
Come si potevano trovar d'accordo al di qua o al di la del muro su questo fatto è anche facile capirlo.


RispondiCitazione
andriun
Trusted Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 68
 

Il senso di colpa funziona sulle generazioni che vengono dopo, che conoscono la storia dai soli libri o programmi e film, adesso il problema e' che ogni persona vicina a te puo' essere un delatore e
puo' denunciarti, quello che hanno sperimentato aldila' del muro, e' stato messo in funzione da questa parte.

purtroppo da poche verità, si fa tanta dietrologia.

Ho assistito ad un documentario dove veniva raccontato che una soldato inglese/americano durante il periodo di prigionia era riuscito a scambiarsi gli abiti con un detenuto ebreo, al fine di poter raccontare quando sarebbe stato liberato, la vita d'inferno che conducevano. L'ebreo gli parlò anche delle camere a gas, però senza mai vederle, ma in modo da indurre l'americano a sospettare che esistessero davvero. Tanto che un giorno prima di essere liberato, non vedendolo più, lo credette morto o come si diceva al campo "passato per il camino". Molti anni dopo seppe per casualità, che il suo amico ebreo era vivo e vegeto anche se ovviamente molto anziano e che si era rifugiato in America sotto falso nome. E' evidente che fu trasferito.

Ciò può anche non vuole significare nulla, ma quello che risulta ovvio, visto le sceneggiate ancora messe in piedi, senza che vi sia uno straccio di prova, che l'Europa, Germania compresa quindi, ha forti interessi economici da salvaguardare con Israele e i suoi alleati.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

@andriun

interessi economici o semplicemente sotto scacco?


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3719
 

Seconda giornata del processo contro la guardia di Auschwitz Reinhold H., 94 anni!!!! ml

[i]Sonder dopo aver descritto il viaggio orribile di due giorni [...].

Erna de Vries dopo aver lavorato a tagliare canne nell'acqua soprca è stata nessa nel blocco 25, il blocco della morte [...].

Ma i due sopravvissuti hanno la benche' minima relazione con "l'imputato", o fanno solo da "rievocatori" circostanziali?

La seconda che ha scritto.


RispondiCitazione
pderenz44
Trusted Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 63
 

Pensa ai 5 stelle a favore della legge antinegazionista quanto sono democratici e ai teorici 5 stars che in Siria e in Libia c' e' "confusione"o ad Onfray teorico dell'ateismo ma filosionista , una variante di Henry Levy .e della sua correttezza , sono d'accordo della risposta internazionalista della "umma" all 'imperialismo west cristiano


RispondiCitazione
Condividi: