Notifiche
Cancella tutti

154 anni fa inziava lo sterminio del popolo duosiciliano


helios
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 16537
Topic starter  

11 Maggio 1860 – Mille avanzi di galera sbarcarono a Marsala. Non erano mille, erano 702. Violenti malfamati, protetti dagli Inglesi, con a capo un Criminale massone di nome Giuseppe Garibaldi, ladro di cavalli, a cui avevano mozzato le orecchie in Argentina perché beccato in flagranza di reato.

Un’orda barbarica scese dal Piemonte !

“Parlavano una strana lingua e bestemmiavano in continuazione…
donne stuprate, uomini e bambini uccisi e trucidati. Interi paesi bruciati e rasi al suolo. Ogni ricchezza venne saccheggiata…”

I crimini commessi dai lombardo-piemontesi contro il popolo meridionale sono INENARRABILI.
Furono talmente EFFERATI che ancora oggi vengono taciuti.
Altro che fratelli d’Itaglia! Non siamo nemmeno parenti.
Quante menzogne, quanti massacri, quanto sangue e quante lacrime abbiamo versato e stiamo versando per questa Italia bugiarda.

Tu che conosci la verità sei pregato di divulgarla, farla conoscere a tutti. Cerca le verità sepolte e riportale alla luce. Divulgale a chi ignora. Il Regno delle due Sicilie era il terzo Stato più ricco al mondo. L’Unità d’Italia ha distrutto l’Italianità ed il buon rapporto fra gli stessi Italiani. Prima dell’Unità da noi ci si cibava di Bellezza fra arte e cultura in quei palazzi, che erano i più belli d’Europa.

Francesco II di Borbone profetizzò che non ci sarebbero rimasti neanche gli occhi per piangere. Infatti è e sarà così con questa maledetta falsa Unità, da ora e per le generazioni a venire.

Il Regno delle due Sicilie ed il Veneto distrutti nel 1861, insieme alla Sardegna, La Dalmazia e l’Istria distrutte alla fine del secondo conflitto mondiale. L’italianissima Corsica data in pasto alla ferocia degli aguzzini francesi. Briga e Tenda e la Contea di Nizza cedute alla stessa Francia. Il tricolore massonico ebraico rothschildiano ha seminato solo morte e fatto versare tanto sangue innocente.

L’unità d’Italia è stato un crimine contro l’umanità.

VIDEO

http://www.informarexresistere.fr/2015/05/14/154-anni-fa-iniziava-lo-sterminio-del-popolo-duosiciliano/


Citazione
cantonenordovest
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 107
 

Pochi sanno che la truppa voleva combattere e vi furono moti di ribellione avverso i comandanti che avevano venduto il Regno agli invasori Sabaudo-Garibaldini. Questi moti salvarono (almeno in parte) l’onore del Sud

Il moto più eclatante fu l’uccisione a schioppettate del generale abruzzese Fileno Briganti x mano dei suoi stessi soldati . La truppa , i soldati Napoletani procedettero ad un giudizio sommario per alto tradimento !

Questo episodio essi vollero per salvare il proprio onore di soldati (mentre gli ufficiali se lo vendettero)

http://it.wikipedia.org/wiki/Fileno_Briganti

[..]

www.sudindipendente.superweb.ws/index_file/Page494.htm

il generale Fileno Briganti non affrontò i garibaldini, si ritirò semplicemente: ma nei pressi di Mileto (Catanzaro) fu intercettato dai soldati, che, per l’evidente tradimento, lo finirono a fucilate


RispondiCitazione
mincuo
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 6059
 

Non mi risulta che fossero 702.
Garibaldi si fermò prima nel porto di Talamone, vicino ad Orbetello, dove il maggiore Giorgini lo rifornì di 4 cannoni, 3 o 400 fucili e circa centomila proiettili. Lì sbarcarono 232 uomini, comandati da Zambianchi, per fare una rivolta in Abruzzo, ma a Grotte di Castro furono sconfitti dalle truppe papaline.

L’8 maggio Garibaldi comandò che tutti rimanessero a bordo, dopo le decine di saccheggi e violenze che i garibaldini avevano fatto a Talamone. Successivamente imbarcarono non si sa se 1000 o 2000 tra disertori e delinquenti liberati dalle Questure, più fece rifornimento di carbone e altre armi (imprecisate).
Poi ripartí il 9 maggio e sbarcò a Marsala il giorno 11.
Quindi 702 mi sembrano pochi...

Comunque non furono i Garibaldini a vincere un esercito di 40.000 persone e oltre.
Di più fecero le piastre oro Turche date dagli Inglesi, e i posti di potere promessi....


RispondiCitazione
Kansimba
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 194
 

Si narra che il generale Landi per la disastrosa battaglia di Calatafimi fosse stato profumatamente pagato o gli fossero state promesse ingenti somme per il tradimento.
Al momento della riscossione però le cambiali risultarono fasulle e il "poveraccio" ebbe un coccolone e ne morì!

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_150ANNI/PIR_150ANNISITO/PIR_Schede/PIR_Vincitori/PIR_Lebattaglie/PIR_BattagliadiCalatafimi/PIR_Allegati/PIR_Il%20tradimento%20di%20Landi


RispondiCitazione
ilcomplottista
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 203
 

Sono 154 anni di occupazione.
E chi, se non gli inglesi, sanno fare bene le guerre coloniali !
E noi a leggere sui libri di scuola (che ci impongono) la storiella del "grido di dolore" di un popolo che anela alla libertà e alla unità!
E il plebiscito, avvallato come volontà popolare dal parlamento piemontese, tre giorni prima della votazione!
Quando mi trovo in qualche città e vedo Piazza del Plebiscito, penso a quei napoletani che nella loro piazza ogni tanto manomettono la targa aggiungendo la parola FINTO.
E infine penso alla shoa, quella dei tanti uomini del sud che irriducibili non si sono piegati all'invasore e sono morti di stenti con una palla al piede nella Fortezza di Fenestrelle e nel Canavese, e poi sciolti nella calce viva.
Altro che fratelli d'Italia !!!! Leggete, studiate e documentatevi.
Sono 154 anni di menzogne!!


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 4113
 

Un popolo che non ha memoria è condannato a ripetere gli stessi errori. E così la recita con cui massacrarono il Sud facendo finta di unificare l'Italia si ripete oggi in grande con la distruzione dell'Italia per fare l'Europa.


RispondiCitazione
annibale51
Prominent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 845
 

uhm...da cittadino veneto sono contento di leggere queste cose scritte da persone del sud. Spero che la gente si svegli e si accorga che questa Italia controllata di fatto dagli Inglesi, dalla massoneria e dal Vaticano da quando è nata non è stata mai capace di dare sviluppo, legalità e serenità ai suoi cittadini. 30 milioni di emigrati in 150 anni, morti in disordini repressi a cannonate, altri milioni di morti inutili in WWI e WWII alleati con i signori di sopra, l' abbandono dell' esercito dell' 8 settembre '43, tangenti, burocrazia, disuguaglianza sociale nonostante un imposizione fiscale del 60%, baby pensionati e iper pensionati alla faccia di altri cittadini indigenti, grande imprenditoria assistita succhia risorse e beni statali, la "svendita" degli ultimi 20 anni del patrimonio nazionale per inseguire un unità europea che non arriverà mai e che di fatto ha causato un disastro finanziario e morale sulla strgrande maggioranza della popolazione secondo me non ancora esploso mentre ha arricchito come dei paperoni alcuni oligarchi. La Giustizia?...boh! Ma cosa ha dato quest' Italia ai suoi cittadini? Qualche mondiale di calcio e qualche lustro di sviluppo per congiuntura internazionale attorno ai '60...stop! Io vedo in questi tempi sempre meno persone di buona volontà del nord o del sud ancora disposte a impegnarsi, a lavorare seriamente e onestamente per mantenere tale degrado: gli onesti si son rotti i maroni e stanno tirando i remi in barca...speremo ben...


RispondiCitazione
annibale51
Prominent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 845
 

Sempre che i signori di sopra per tener unito il tutto non stiano preparando una WWIII. Altri milioni di morti, azzeramento del debito , e vai così..notte!


RispondiCitazione
Nieuport
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 307
 

Che poi, se si deve dire tutto, nemmeno il Granducato di Toscana, pacifico e civilissimo, lo stato che ha abolito la pena di morte 200 anni prima dell'Inghilterra, ci ha guadagnato molto dall'annessione al Piemonte dei Savoia.


RispondiCitazione
cantonenordovest
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 107
 

20 marzo 1861 : la resa del Sud a Civitella del Tronto (TRE giorni dopo l’Unità)

Ecco un glorioso episodio di storia patria (l’altra Patria) che piano piano riemerge nella coscienza popolare , dalle nebbie dell’oblio dei programmi scolastici ministeriali

a) http://it.wikipedia.org/wiki/Civitella_del_Tronto

una famosa pagina di storia legata a Civitella un [Comune della provincia di Teramo] e alla sua fortezza è quella relativa al Risorgimento

Nel 1860, dopo aver attraversato L’Emilia-Romagna e le Marche, l’esercito di Vittorio Emanuele II di Savoia il 26 ottobre strinse d’assedio Civitella, durante il quale i soldati Borbonici resistettero per ben duecento giorni.

Nonostante che il Regno delle Due Sicilie finisse il 13 febbraio 1861 con la caduta di Gaeta , e la resa venisse suggellata il 17 marzo con la proclamazione in Parlamento, a Torino, del Regno d’Italia – Civitella continuò a combattere , cadendo solamente il 20 marzo 1861, quindi TRE GIORNI DOPO che fu sancita l’Unità d’Italia

Questo episodio ne fa l’ultima roccaforte Borbonica che si arrese, accettando di fatto, la fine del Regno delle Due Sicilie


RispondiCitazione
Condividi: