Notifiche
Cancella tutti

Gad Lerner

Pagina 1 / 2

pietroancona
Famed Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 2649
Topic starter  

Gad Lerner!

Ha sospirato felice per lo scampato pericolo! Lo spiega a lunga in un articolo lunghissimo pubblicato su Repubblica il giornale sionista del PD. I tranvieri di Genova si sono divisi! e quindi sono stati sconfitti. Il loro messaggio durissimo contro le privatizzazioni non si estenderà a tutta l'Italia e dovranno tornare con le orecchie abbassate al lavoro senza fottersi la testa. Ma chi si credono di essere per volere intervenire nelle grandi scelte di politica economica e sociale del Paese e del mondo? Chi cazzo sono? Gente che guadagna 1200 o 1400 euro al mese e che deve limitarsi a guidare l'autobus o a controllare i biglietti dei passaggeri.
La politica la debbono lasciare a gente come Letta oppure come lo stesso Lerner che da giornalista certo non a 1200 euro al mese ha potuto farsi una proprietà milionaria fantastica e financo com pretese culturali: una grande azienda vinicola nel Piemonte. Non è cosa che gli hanno fatto ereditare i genitori venendo dal Libano in Italia. Ma in Italia a servire l'Ideologia e la Cultura che serve ai potenti ci si guadagna bene, molto bene
http://www.iuli.it/vigneti3.html


Citazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

Che i tramvieri genovesi siano stati sconfitti è tutto da dimostrare ...

Intanto la privatizzazione è saltata o comunque ha avuto una pesantissima battuta d'arresto ....

E comunque, anche se su altri piani l'accordo locale raggiunto è certamente insufficiente, i tramvieri genovesi hanno "seminato" ... già a Roma la prossima settimana si annunciano mobilitazioni simili ... è stata un' altra tappa di quella "sollevazione" e di quell' "assedio" cominciati a Roma il 18 e 19 Ottobre ....

E poi, con me, caschi male ... ho "memoria storica" almeno quanto te se non di più ... quando, negli anni ottanta del secolo scorso, i confederali in genere e la Cgil - di cui tu eri un autorevole dirigente - più ancora degli altri ... cominciarono a caldeggiare "regolamentazioni" del diritto di sciopero in funzione anti - Cobas .... "regolamentazioni" che oggi rendono oggettivamente impraticabile, in tempi troppo lunghi, uno sciopero come quello dei tramvieri di Genova ... che anzi era formalmente "illegale" sin dal primo giorno ... cosa che certamente ha contribuito alla necessità di trovare un accordo prima possibile .... non ricordo proprio tue particolari "dissociazioni" da tutto questo ...

Lerner è certo un pessimo elemento ... non è certo un "rivoluzionario" ... non lo era nemmeno quando scriveva da Parigi per "Lotta Continua" .... quando il gruppo politico omonimo già non esisteva più ed il quotidiano sopravvissuto con lo stesso nome era sostanzialmente diventato un "organo ufficioso" dei radicali di Pannella ed ammiccava pure a Craxi .... ma non credo che il problema dirimente per dare un giudizio politico su di lui sia il fatto di avere messo in piedi un vigneto in Piemonte ... o di essere nato in Libano .... o peggio ancora, il fatto di essere, pur del tutto ateo come scelta personale, di origine ebraica ...

E' che tutti i media italiani e la stragrande maggioranza dei cosiddetti "giornalisti", come dice Beppe Grillo, sono letteralmente un cesso .... e Lerner, che oggi è pure "disoccupato", forse anche un tantino meno della media generale ... a "L'Infedele" qualche voce contraria allo "stato di cose presenti" capitava pure di sentirla .... in molti altri talk-show è invece molto più difficile ... sicuramente a Ballarò o da Vespa non succede ...

Ripeto, caro Pietro ... hai una storia personale gloriosa .... ma se "esternassi" un tantino meno ... o se contassi talvolta fino a dieci prima di spingere voluttuosamente il tasto "invio" ... a volte certe considerazioni fuorvianti o veramente del tutto secondarie te le risparmieresti ... e saresti più credibile per quanto riguarda tutto il resto ...


RispondiCitazione
pietroancona
Famed Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 2649
Topic starter  

Che i tramvieri genovesi siano stati sconfitti è tutto da dimostrare ...

Intanto la privatizzazione è saltata o comunque ha avuto una pesantissima battuta d'arresto ....

E comunque, anche se su altri piani l'accordo locale raggiunto è certamente insufficiente, i tramvieri genovesi hanno "seminato" ... già a Roma la prossima settimana si annunciano mobilitazioni simili ... è stata un' altra tappa di quella "sollevazione" e di quell' "assedio" cominciati a Roma il 18 e 19 Ottobre ....

E poi, con me, caschi male ... ho "memoria storica" almeno quanto te se non di più ... quando, negli anni ottanta del secolo scorso, i confederali in genere e la Cgil - di cui tu eri un autorevole dirigente - più ancora degli altri ... cominciarono a caldeggiare "regolamentazioni" del diritto di sciopero in funzione anti - Cobas .... "regolamentazioni" che oggi rendono oggettivamente impraticabile, in tempi troppo lunghi, uno sciopero come quello dei tramvieri di Genova ... che anzi era formalmente "illegale" sin dal primo giorno ... cosa che certamente ha contribuito alla necessità di trovare un accordo prima possibile .... non ricordo proprio tue particolari "dissociazioni" da tutto questo ...

Lerner è certo un pessimo elemento ... non è certo un "rivoluzionario" ... non lo era nemmeno quando scriveva da Parigi per "Lotta Continua" .... quando il gruppo politico omonimo già non esisteva più ed il quotidiano sopravvissuto con lo stesso nome era sostanzialmente diventato un "organo ufficioso" dei radicali di Pannella ed ammiccava pure a Craxi .... ma non credo che il problema dirimente per dare un giudizio politico su di lui sia il fatto di avere messo in piedi un vigneto in Piemonte ... o di essere nato in Libano .... o peggio ancora, il fatto di essere, pur del tutto ateo come scelta personale, di origine ebraica ...

E' che tutti i media italiani e la stragrande maggioranza dei cosiddetti "giornalisti", come dice Beppe Grillo, sono letteralmente un cesso .... e Lerner, che oggi è pure "disoccupato", forse anche un tantino meno della media generale ... a "L'Infedele" qualche voce contraria allo "stato di cose presenti" capitava pure di sentirla .... in molti altri talk-show è invece molto più difficile ... sicuramente a Ballarò o da Vespa non succede ...

Ripeto, caro Pietro ... hai una storia personale gloriosa .... ma se "esternassi" un tantino meno ... o se contassi talvolta fino a dieci prima di spingere voluttuosamente il tasto "invio" ... a volte certe considerazioni fuorvianti o veramente del tutto secondarie te le risparmieresti ... e saresti più credibile per quanto riguarda tutto il resto ...

Non so chi sei perchè nascondi la tua identità con uno pseudonimo. Ti invito a non fare riferimenti a quello che io sono stato nella CGIL o altrove dal momento che non sapendo chi sei non sono in grado di risponderti come meriti. Quando si parla e si fanno riferimenti alla storia di una persona bisogna averà l'onestà che tu non hai di dire chi sei magari io potrei regolarmi meglio. Criticare o insinuare coperti da una maschera è esercizio da vili. Parla delle cose che scrivo se vuoi ma non di me dal momento che io non posso parlare di te che sei mascherato.


RispondiCitazione
pietroancona
Famed Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 2649
Topic starter  

Che i tramvieri genovesi siano stati sconfitti è tutto da dimostrare ...

Intanto la privatizzazione è saltata o comunque ha avuto una pesantissima battuta d'arresto ....

E comunque, anche se su altri piani l'accordo locale raggiunto è certamente insufficiente, i tramvieri genovesi hanno "seminato" ... già a Roma la prossima settimana si annunciano mobilitazioni simili ... è stata un' altra tappa di quella "sollevazione" e di quell' "assedio" cominciati a Roma il 18 e 19 Ottobre ....

E poi, con me, caschi male ... ho "memoria storica" almeno quanto te se non di più ... quando, negli anni ottanta del secolo scorso, i confederali in genere e la Cgil - di cui tu eri un autorevole dirigente - più ancora degli altri ... cominciarono a caldeggiare "regolamentazioni" del diritto di sciopero in funzione anti - Cobas .... "regolamentazioni" che oggi rendono oggettivamente impraticabile, in tempi troppo lunghi, uno sciopero come quello dei tramvieri di Genova ... che anzi era formalmente "illegale" sin dal primo giorno ... cosa che certamente ha contribuito alla necessità di trovare un accordo prima possibile .... non ricordo proprio tue particolari "dissociazioni" da tutto questo ...

Lerner è certo un pessimo elemento ... non è certo un "rivoluzionario" ... non lo era nemmeno quando scriveva da Parigi per "Lotta Continua" .... quando il gruppo politico omonimo già non esisteva più ed il quotidiano sopravvissuto con lo stesso nome era sostanzialmente diventato un "organo ufficioso" dei radicali di Pannella ed ammiccava pure a Craxi .... ma non credo che il problema dirimente per dare un giudizio politico su di lui sia il fatto di avere messo in piedi un vigneto in Piemonte ... o di essere nato in Libano .... o peggio ancora, il fatto di essere, pur del tutto ateo come scelta personale, di origine ebraica ...

E' che tutti i media italiani e la stragrande maggioranza dei cosiddetti "giornalisti", come dice Beppe Grillo, sono letteralmente un cesso .... e Lerner, che oggi è pure "disoccupato", forse anche un tantino meno della media generale ... a "L'Infedele" qualche voce contraria allo "stato di cose presenti" capitava pure di sentirla .... in molti altri talk-show è invece molto più difficile ... sicuramente a Ballarò o da Vespa non succede ...

Ripeto, caro Pietro ... hai una storia personale gloriosa .... ma se "esternassi" un tantino meno ... o se contassi talvolta fino a dieci prima di spingere voluttuosamente il tasto "invio" ... a volte certe considerazioni fuorvianti o veramente del tutto secondarie te le risparmieresti ... e saresti più credibile per quanto riguarda tutto il resto ...

Non so chi sei perchè nascondi la tua identità con uno pseudonimo. Ti invito a non fare riferimenti a quello che io sono stato nella CGIL o altrove dal momento che non sapendo chi sei non sono in grado di risponderti come meriti. Quando si parla e si fanno riferimenti alla storia di una persona bisogna averà l'onestà che tu non hai di dire chi sei magari io potrei regolarmi meglio. Criticare o insinuare coperti da una maschera è esercizio da vili. Parla delle cose che scrivo se vuoi ma non di me dal momento che io non posso parlare di te che sei mascherato.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

Nel merito ... però nulla ... vero ?

Che la Cgil sia stato, almeno dal 1976, sempre il principale nemico di ogni autorganizzazione dal basso dei lavoratori, è un dato inconfutabile ...

Che abbia teso a "criminalizzare" chiunque la contestasse "da sinistra", pure .... remember la linea dei sacrifici dell'Eur ? remember Lama all'Università occupata di Roma nel 1977 a fare, paro paro, quello che Caradonna ed Almirante avevano fatto nel 1968 ?

Negli ottanta poi, passata la piccola parentesi dell'opposizione al taglio della scala mobile ( che comunque fu più battaglia del Pci di Berlinguer che non della Cgil di Lama, per non parlare poi di un certo Del Turco, che tu dovresti aver conosciuto molto bene ... ), è nata la fobia rappresentata dai Cobas ... che cominciavano ad affermarsi prima nelle scuole, poi tra i macchinisti delle ferrovie ed infine proprio nei trasporti pubblici locali ... chi si ricorda del Comitato di Lotta dell'Atac di Roma, che bloccò per una settimana la città come oggi a Genova ?

E lì la Cgil, anche più di Cisl e Uil ... entrò nel panico più totale ... anche perchè in gran parte i Cobas nascevano proprio dalle sue file ... e cominciò a caldeggiare soluzioni appunto di "regolamentazione" del diritto di sciopero .... che di fatto, in breve tempo, trasformarono lo sciopero da "diritto dei lavoratori" come sancirebbe la Costituzione ... in esclusivo "diritto dei sindacati" e della loro nomenklatura burocratica....

E da allora è cominciata la sarabanda dei preavvisi di almeno 10 giorni, delle procedure "di raffreddamento", delle "fasce orarie protette", del non poter scioperare magari nei fine settimana o a fine mese, delle "commissioni di garanzia" che regolarmente garantiscono solo padroni e controparti di potere, delle "precettazioni" prefettizie ecc. ecc. ... rendendo difficile se non impossibile, e comunque formalmente "illegale", scioperare in modo efficace e duraturo, almeno nei cosiddetti servizi pubblici "essenziali" ... peraltro allargati a dismisura, come concetto di servizio pubblico ed essenziale .... addirittura a situazioni privatissime come banche ed assicurazioni ...

I problemi che si pongono oggi a Genova sono quindi anche figli di queste scelte scellerate della Cgil e degli altri "bonzi" sindacali dell'epoca ... non ho nessuna fiducia nei sindacati/istituzione, nemmeno in quelli autonomi come la Faisa/Cisal che ha diretto lo sciopero genovese .... ma è innegabile che una spada di Damocle come i 500 euro di multa al giorno ad ogni singolo lavoratore, oltre la normale trattenuta dello sciopero, abbia pesato non poco nella scelta di arrivare ad un accordo prima possibile ... non ti sembra ?

Quindi, magari .... prima di parlare di "sconfitte" dei lavoratori che comunque non ci sono state ... o di eleggere nientemeno Lerner a "nemico principale" .... confondendo struttura e sovrastruttura ... e condendo pure il tutto con un pizzico di xenofobia ( che c'entra che è nato in Libano?) per non dire di peggio ... forse un pò di sacrosanta autocritica non sarebbe male ... n'est pas ?

P.S. Ti ricordi quello che dicevi, non tantissimo tempo fa ... contro lo sciopero ad oltranza dei netturbini palermitani ... situazione non troppo dissimile da quella dei tramvieri genovesi dei giorni scorsi ? E quelli, se ben ricordo, oltre a problemi di privatizzazione, avevano pure qualche mese di ritardo nel pagamento degli stipendi ... minchia ! ..... come si dice dalle tue parti .... almeno un minimo di coerenza ...


RispondiCitazione
Black_Jack
Noble Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 1577
 

Una cosetta sulla CGIL.
Ho fatto per circa 20 un certo lavoro dipendente, in un'azienda pubblica molto nota con un contratto da favola, quando è peggiorato me ne sono andato.
Appena entrati bisognava prepararsi per un esame ministeriale per ottenere la completa abilitazione al lavoro ossia all'assunzione a tempo indeterminato; era un esame stupidissimo che si poteva preparare con un due ore al giorno per una ventina di giorni a essere scrupolosi, ma si poteva fare anche in meno perché gli esaminatori erano anziani signori in pensione che vedevano quei ragazzini che si presentavano con il massimo della benevolenza.
Eppure la maggior parte dei neo assunti in attesa di conferma (ossia che dovevano ancora sostenere questo esame) avevano una paura terribile di questa prova, non si sa perché e quindi, come sempre, su questa "esigenza di sicurezza" fioriva il mercato delle vacche con le varie sigle sindacali.
Insomma un giorno incontro la rappresentante sindacale della CGIL Sandra (vero nome), ci salutiamo e lei mi chiede da quando sono entrato; e ti trovi bene? Gli rispondo di sì.
E fra quanto hai l'esame?
Un mesetto.
Sei iscritto al sindacato?
Non ancora ma lo farò senza dubbio.
Ecco allora ti volevo dire...se ti iscrivi alla CGIL tramite me...ti facciamo passare l'esame senza problemi, eh?
Io gli ho detto che mi sarei iscritto alla CGIL comunque ma senza aiuti per l'esame. Detto con calma.
Ma ero incazzatissimo e andai di corsa da Gianni che era il capo della CGIL per la categoria e gli dico che era successo questo e quell'altro, che è una vergogna, che noi siamo comunisti...
"Hai capito male, conosco Sandra non può averti detto una cosa simile"
No, non ho capito male è andata proprio così.
"Allora è una cosa molto grave. Mi informerò, stai sicuro"
Naturalmente non gliene fregava una mazza.

E questo cari piccini succede in TUTTE le categorie con TUTTI i lavoratori che vanno dal sindacato solo per chiedere favori o protezione.

E almeno nella mia categoria anche i sindacati di base erano semplicemente ridicoli.
Meno male che me ne potevo andare, va'...


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

Una cosetta sulla CGIL.
Ho fatto per circa 20 un certo lavoro dipendente, in un'azienda pubblica molto nota con un contratto da favola, quando è peggiorato me ne sono andato.
Appena entrati bisognava prepararsi per un esame ministeriale per ottenere la completa abilitazione al lavoro ossia all'assunzione a tempo indeterminato; era un esame stupidissimo che si poteva preparare con un due ore al giorno per una ventina di giorni a essere scrupolosi, ma si poteva fare anche in meno perché gli esaminatori erano anziani signori in pensione che vedevano quei ragazzini che si presentavano con il massimo della benevolenza.
Eppure la maggior parte dei neo assunti in attesa di conferma (ossia che dovevano ancora sostenere questo esame) avevano una paura terribile di questa prova, non si sa perché e quindi, come sempre, su questa "esigenza di sicurezza" fioriva il mercato delle vacche con le varie sigle sindacali.
Insomma un giorno incontro la rappresentante sindacale della CGIL Sandra (vero nome), ci salutiamo e lei mi chiede da quando sono entrato; e ti trovi bene? Gli rispondo di sì.
E fra quanto hai l'esame?
Un mesetto.
Sei iscritto al sindacato?
Non ancora ma lo farò senza dubbio.
Ecco allora ti volevo dire...se ti iscrivi alla CGIL tramite me...ti facciamo passare l'esame senza problemi, eh?
Io gli ho detto che mi sarei iscritto alla CGIL comunque ma senza aiuti per l'esame. Detto con calma.
Ma ero incazzatissimo e andai di corsa da Gianni che era il capo della CGIL per la categoria e gli dico che era successo questo e quell'altro, che è una vergogna, che noi siamo comunisti...
"Hai capito male, conosco Sandra non può averti detto una cosa simile"
No, non ho capito male è andata proprio così.
"Allora è una cosa molto grave. Mi informerò, stai sicuro"
Naturalmente non gliene fregava una mazza.

E questo cari piccini succede in TUTTE le categorie con TUTTI i lavoratori che vanno dal sindacato solo per chiedere favori o protezione.

E almeno nella mia categoria anche i sindacati di base erano semplicemente ridicoli.
Meno male che me ne potevo andare, va'...

Quello che racconti è abbastanza un classico ... specie negli ambienti pubblici o para-pubblici quando governati da giunte di centro-sinistra ... anche se episodi simili, pure da parte Cgil, non sono nemmeno mancati in casi , come la giunta Alemanno al Comune di Roma, governati invece dal centrodestra ...

La cosa poi diventa addirittura parossistica ... in situazioni come il mondo delle cooperative .... quasi sempre dirette da ceto politico Pd .... o al massimo dai ciellini ... dove Cgil o Cisl, ma a volte tutte e due in tandem, diventano spesso tout court il "megafono del padrone" ... vedi, ad esempio, lo sciopero dei facchini delle coop a Bologna ... che giustamente sabato scorso hanno individuato nella sede Cgil il loro obiettivo di contestazione ... se non addirittura la loro diretta controparte ...

Però sarebbe anche sbagliato generalizzare ... ho conosciuto quadri Cgil onestissimi ed irreprensibili .... e che spesso hanno subito pesantissime rappresaglie padronali ... trovando a volte però scarsa o nessuna difesa da parte del sindacato di appartenenza ... ricordo il clamoroso caso di un delegato Cgil alla Fincantieri di Palermo ( vero, Pietro ?) che denunciava le infiltrazioni mafiose negli appalti ... e che fu lasciato solo, dalla Cgil, di fronte al licenziamento padronale ed alle rappresaglie appunto della mafia ...

E poi, va anche detto che la stragrande maggioranza dei fondatori del variegato mondo dell'autorganizzazione e del sindacato di base ... è proprio di provenienza Cgil ....

Vero comunque anche il fatto che non sempre anche il "sindacalismo di base" è questo esempio di antagonismo del tutto inattaccabile ... capita a volte che tende a ritagliarsi uno "spazietto di minoranza" .... e per il resto, tirare a campare ...

Ma, come si suol dire, la perfezione non è di questo mondo .... e comunque fare sindacato conflittuale sul serio è oggi oggettivamente anche assai difficile ... bisogna un pò essere "eroi" ... e non tutti, anche se onestuomini, possono essere pure "eroi" ...


RispondiCitazione
aristanis
Reputable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 282
 

Che strano, ne parlava anche BaronCorvo mesi fa qui: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=142601

il mondo è proprio piccolo


RispondiCitazione
Black_Jack
Noble Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 1577
 

Che strano, ne parlava anche BaronCorvo mesi fa qui: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=142601

il mondo è proprio piccolo

ma l'ho detto varie volte che avevo cambiato nick.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 30947
 

Ripeto, caro Pietro ... hai una storia personale gloriosa .... ma se "esternassi" un tantino meno ... o se contassi talvolta fino a dieci prima di spingere voluttuosamente il tasto "invio" ... a volte certe considerazioni fuorvianti o veramente del tutto secondarie te le risparmieresti ... e saresti più credibile per quanto riguarda tutto il resto ...

Non so chi sei perchè nascondi la tua identità con uno pseudonimo. Ti invito a non fare riferimenti a quello che io sono stato nella CGIL o altrove dal momento che non sapendo chi sei non sono in grado di risponderti come meriti. Quando si parla e si fanno riferimenti alla storia di una persona bisogna averà l'onestà che tu non hai di dire chi sei magari io potrei regolarmi meglio. Criticare o insinuare coperti da una maschera è esercizio da vili. Parla delle cose che scrivo se vuoi ma non di me dal momento che io non posso parlare di te che sei mascherato.

Ancora con questa storia dello "pseudonimo" dietro il quale ci si nasconde!
Anch'io e molti altri, anzi la stragrande maggioranza, qui sopra usa uno pseudonimo. Anche il tuo nome, pietroancona, in fondo è uno pseudonimo perché niente e nessuno ci assicura che tu sia effettivamente pietroancona e non qualche altro che usa il nome di pietroancona.
Radisol non ti ha accusato di qualche delitto (in tal caso capirei la tua pretesa di sapere chi è) ma ti ha solo rivolto qualche critica ... non sarebbe stato meglio rispondere nel merito piuttosto che nascondersi dietro la questione dello pseudonimo?
Piuttosto non condivido questo rivangare il passato da parte di radisol, oltretutto per rispondere a una ben fondata denuncia da parte di pietroancona di quello che lerner fa e dice, ha fatto e detto (lerner, non pietroancona caro radisol) contro gli scioperanti genovesi.
Probabilmente quasi ognuno di noi (compreso Lerner e compreso il presidente della repubblica) è stato qualcosa di molto diverso da quello che è attualmente. Perciò, quello che conta è soprattutto ciò che si è attualmente e se pietroancona è stato un burocrate sindacale che ha addirittura favorito l'introduzione di leggi capestro contro i lavoratori, questo è un problema della sua coscienza. Quello che mi interessa è il pietroancona di oggi non di ieri.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

Si, ma a parte l'utilità di analizzare e comprendere come siamo arrivati a questo punto ... e soprattutto la responsabilità in questo senso dei sindacati confederali e della Cgil anche più degli altri ... l'attacco durissimo del Pietro Ancona allo sciopero ad oltranza dei netturbini palermitani ... è di qualche mese fa, non degli anni ottanta del secolo scorso ....

E visto che la situazione dei netturbini di Palermo, aggravata da un arretrato di mesi nel percepimento dello stipendio, era pressochè identica a quella dei tramvieri genovesi di oggi ... tentata privatizzazione del servizio da parte del comune ... giunte di centrosinistra in entrambi i casi .... c'è decisamente qualcosa che non quadra ...


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 30947
 

I problemi che si pongono oggi a Genova sono quindi anche figli di queste scelte scellerate della Cgil e degli altri "bonzi" sindacali dell'epoca ... non ho nessuna fiducia nei sindacati/istituzione, nemmeno in quelli autonomi come la Faisa/Cisal che ha diretto lo sciopero genovese .... ma è innegabile che una spada di Damocle come i 500 euro di multa al giorno ad ogni singolo lavoratore, oltre la normale trattenuta dello sciopero, abbia pesato non poco nella scelta di arrivare ad un accordo prima possibile ... non ti sembra ?

500€ di multa al giorno? Ma questa Atm genovese è in mano proprio a dei pazzi!
Spero che i lavoratori genovesi rispediscano al mittente queste multe pazzesche.
E grillo che dice di questa faccenda visto che in Tv l'ho sentito preannunciare qualcosa del tipo: "da genova dovrà partire la rivoluzione" ...democratica, s'intende!

Poi vorrei chiederti che accidenti è questa Faisa/Cisal ... un sindacato di destra? un sindacato di base? E quel sindacalista dell'assemblea per votare sull'accordo o meno chi sarebbe? un "bonzo" della triplice o un sindacalista di questa Faisa/Cisal? Immagino che quando ha fatto l'assemblea per la votazione dell'accordo non abbia detto nemmeno una sillaba sulla questione delle multe.
Ti ringrazio per tue eventuali migliori informazioni.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

Le multe derivano dalla legge sulla precettazione ... e le commina la Prefettura .... non è che le eventuali cifre riscosse vanno all' Atm ... le incassa lo stato, l' Agenzia delle Entrate... sono cartelle esattoriali ...

Delle multe si sapeva ... 250 euro il primo giorno ... 500 dal secondo in poi ... si è deciso di sfidare la cosa .... ed in verità già nel 2003 ci furono scioperi selvaggi e formalmente "illegali" degli autisti dei bus di tutta Italia ... anche allora le multe furono comminate ... ma non mi risulta che poi nessuno le abbia veramente pagate .... lo stesso per il caso dei netturbini palermitani di cui parlavo prima ... ma ignoro i particolari tecnici della cosa ...

La Faisa/Cisal è il classico sindacato autonomo, senza particolare connotazione politica .... per dirti, a Roma questa sigla ha di fatto "fiancheggiato" la dissennata gestione Atac di Alemanno, anche se un pizzico meno di quanto lo abbiano fatto, molto più spudoratamente, Cisl e Uil .... a Genova, invece, nascendo anni fa da una scissione della Cgil, la Faisa ha una coloritura alquanto "de sinistra" ...

Credo che il tizio che ha concluso l'assemblea fosse proprio della Faisa/Cisal .... questa sigla, avendo indetto per prima e da sola lo sciopero "selvaggio" ... tutte le altre hanno aderito a metà del primo giorno, quando già tutti i loro iscritti si erano astenuti dal lavoro ... ha avuto un ruolo da protagonista anche nella trattativa e poi nella assemblea finale ... ripeto, a Genova nascono da una scissione della Cgil e quindi in qualche modo sono "compagni" ... hanno avuto l'intelligenza di capire che la "pentola a pressione" dei lavoratori stava per saltare ed hanno cavalcato l'onda .... comunque non sono certo "rivoluzionari" .... nè pretendono di esserlo ...

E forse si sono anche "imbarcati" in qualcosa di più grosso di loro ...

Comunque, se la votazione in assemblea è stata veramente scandalosa ... non so se hai visto il filmato .... personalmente credo che l'accordo raggiunto non sia però questa schifezza .... l'obiettivo principale, lo stop alla privatizzazione, lo ha centrato .... ed anche quello agli ulteriori tagli salariali che erano stati proposti da Doria ... poi è chiaro che quando i lavoratori in lotta si sentono forti dell'unità conseguita ed anche del sostanziale appoggio dell'opinione pubblica ... si pensa di risolvere tutto, anche le fregature salariali e normative prese precedentemente .... ma la trattativa era sulla privatizzazione e sul nuovo "piano di risanamento" dell'azienda di trasporti ... e non su altro ...

E si pensa di risolvere anche le questioni che invece hanno "caratura nazionale" ... e rispetto alle quali i tramvieri genovesi non possono certo "portare la croce" da soli ...

Come dicevo, hanno "seminato" ... come già le iniziative del 18 e 19 Ottobre a Roma ... come le lotte durissime dei lavoratori della logistica ...
come i tramvieri romani ai primi di novembre .... è evidente che la situazione è in divenire ... e che finalmente si stanno creando le condizioni di una "rivolta" sociale più ampia e generale ... ma non si può fare e reggere a lungo la "rivolta" in una sola città, in una sola categoria lavorativa, in una sola azienda ...


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 30947
 

Le multe derivano dalla legge sulla precettazione ... e le commina la Prefettura .... non è che le eventuali cifre riscosse vanno all' Atm ... le incassa lo stato, l' Agenzia delle Entrate... sono cartelle esattoriali ...

Delle multe si sapeva ... 250 euro il primo giorno ... 500 dal secondo in poi ... si è deciso di sfidare la cosa .... ed in verità già nel 2003 ci furono scioperi selvaggi e formalmente "illegali" degli autisti dei bus di tutta Italia ... anche allora le multe furono comminate ... ma non mi risulta che poi nessuno le abbia veramente pagate .... lo stesso per il caso dei netturbini palermitani di cui parlavo prima ... ma ignoro i particolari tecnici della cosa ...

La Faisa/Cisal è il classico sindacato autonomo, senza particolare connotazione politica .... per dirti, a Roma questa sigla ha di fatto "fiancheggiato" la dissennata gestione Atac di Alemanno, anche se un pizzico meno di quanto lo abbiano fatto, molto più spudoratamente, Cisl e Uil .... a Genova, invece, nascendo anni fa da una scissione della Cgil, la Faisa ha una coloritura alquanto "de sinistra" ...

Credo che il tizio che ha concluso l'assemblea fosse proprio della Faisa/Cisal .... questa sigla, avendo indetto per prima e da sola lo sciopero "selvaggio" ... tutte le altre hanno aderito a metà del primo giorno, quando già tutti i loro iscritti si erano astenuti dal lavoro ... ha avuto un ruolo da protagonista anche nella trattativa e poi nella assemblea finale ... ripeto, a Genova nascono da una scissione della Cgil e quindi in qualche modo sono "compagni" ... hanno avuto l'intelligenza di capire che la "pentola a pressione" dei lavoratori stava per saltare ed hanno cavalcato l'onda .... comunque non sono certo "rivoluzionari" .... nè pretendono di esserlo ...

E forse si sono anche "imbarcati" in qualcosa di più grosso di loro ...

Comunque, se la votazione in assemblea è stata veramente scandalosa ... non so se hai visto il filmato .... personalmente credo che l'accordo raggiunto non sia però questa schifezza .... l'obiettivo principale, lo stop alla privatizzazione, lo ha centrato .... ed anche quello agli ulteriori tagli salariali che erano stati proposti da Doria ... poi è chiaro che quando i lavoratori in lotta si sentono forti dell'unità conseguita ed anche del sostanziale appoggio dell'opinione pubblica ... si pensa di risolvere tutto, anche le fregature salariali e normative prese precedentemente .... ma la trattativa era sulla privatizzazione e sul nuovo "piano di risanamento" dell'azienda di trasporti ... e non su altro ...

E si pensa di risolvere anche le questioni che invece hanno "caratura nazionale" ... e rispetto alle quali i tramvieri genovesi non possono certo "portare la croce" da soli ...

Come dicevo, hanno "seminato" ... come già le iniziative del 18 e 19 Ottobre a Roma ... come le lotte durissime dei lavoratori della logistica ...
come i tramvieri romani ai primi di novembre .... è evidente che la situazione è in divenire ... e che finalmente si stanno creando le condizioni di una "rivolta" sociale più ampia e generale ... ma non si può fare e reggere a lungo la "rivolta" in una sola città, in una sola categoria lavorativa, in una sola azienda ...

Quindi, per 5 giorni di sciopero ogni lavoratore dovrebbe pagare 2250€ ! cose da pazzi!
Se lo sciopero era "selvaggio" ed è stato indetto da quella Faisa/Cisal allora questa dovrebbe farsi carico del problema delle multe (io credevo che fossero comminate dall'Atm! pensa te!)
Comunque se, come dici, hanno centrato gli obiettivi principali, allora lode alla Faisa/Cisal ...anche se sono alquanto sbrigativi nel conteggio dei voti d'assemblea.
Ciao e grazie per le utili informazioni.


RispondiCitazione
radisol
Illustrious Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 8261
 

E' la Faisa e non la Fisal ...

E comunque sono previste sanzioni anche per le organizzazioni sindacali che hanno indetto lo sciopero ... alla fine, nel caso di Genova, almeno dal secondo giorno tutte quelle esistenti ... mi sembra la mancata riscossione per due o tre mesi dei contributi sindacali ...

Una legge di merda che ne ha ripresa una precedente di epoca fascista ... riuscendo persino a peggiorarla ....

Comunque, come dicevo, credo che esistono buoni accorgimenti legali per non pagare ... nè i lavoratori nè i sindacati .... in effetti finora si è sempre riusciti a non pagare ...

Ma la forma di ricatto pesante rimane tutta ... e sicuramente ha pesato pure sulle conclusioni della trattativa ...


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: