Notifiche
Cancella tutti

monete complementari, sardex, tibex, scec.....

Pagina 2 / 3

Rosanna
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3536
 

Come al solito spadaccino e gaia interagiscono con gli altri tramite commenti provocatori, irritanti, fuori tema o comunque sempre OFFENSIVI PER L'INTERLOCUTORE , con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi ... naturalmente si sentono in grado di sapere tutto, conoscono i retroscena del potere, danno i loro giudizi taglienti e sarcastici ... come se la verità fosse solo di loro appartenenza ... in modo particolare disprezzano i 5 stelle e tutti coloro che nutrono qualche speranza nel Mov ... questo loro atteggiamento è un segnale di intolleranza, arroganza e faziosità ...

Dunque per contribuire al dialogo, posto un intervento di un mio amico

"Lo Scec e il Simec sono due cose molto differenti inoltre ricordiamo che la conferenza sullo Scec e il Sardex e altre monete complementari è stata pubblicizzata dal M5S in parlamento, il quale sta pensando di utilizzarlo in molto comuni da loro amministrati. Anche Morra ne aveva parlato.

https://www.youtube.com/watch?v=SESMKmnwJbI


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 11 mesi fa
Post: 10314
 

come al solito ros, capogruppo degli ultras 5s sentenzia

8)

morra o chi per lui potrebbe spiegarci come si può MANGIARE o RISCALDARSI o PAGARE L'AFFITTO con ste cose?

😆 😆 😆


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

non sono un esperto delle monete complementari e di come funzionano , mi sembra interessante riuscire a capire se sono utili a livello locale ad aiutare a sopperire alle crisi di liquidità. Da quello che ho capito il fatto che siano monete che non generano interessi (ad interessi zero) abbiano una velocità maggiore di circolazione nell'economia rispetto alle monete ufficiali , favorendo di più gli scambi.Vengono usate in tutto il mondo e da molti decenni .Mi sembra comunque interessante provare ad informarsi sull'argomento per verificare il funzionamento e l'eventuale efficacia ed utilità di queste monete a livello locale in un periodo in cui vi è una mancanza di liquidità che blocca l'economia sopratutto di tante piccole e medie imprese , il resto 5* fetecchie & simili non mi interessano.Saluti.

Delle sue schermaglie verbali in essere con spadaccinonero, Scifraroc, sono interessata meno di niente.
Quanto alle "fetecchie" non erano indirizzate a lei ma a SanPap, se vuole far suo un altro contro commento non mi sembra una partenza con il piede giusto.
Lei stesso dichiara di non essere esperto di monete complementari, quindi perché si esercita in ironia?
Se invece vuole approfondire l'argomento in rete trova materiale a volontà.
La sottoscritta ha trattato di monete complementari quando lei vestiva alla marinara, quelle hanno un senso, giustamente, se manca la valuta obbligatoria diversamente restano "monopoli" come scritto da spada. 👿 😯 😉


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3719
 

Come al solito spadaccino e gaia interagiscono con gli altri tramite commenti provocatori, irritanti, fuori tema o comunque sempre OFFENSIVI PER L'INTERLOCUTORE , con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi ... naturalmente si sentono in grado di sapere tutto, conoscono i retroscena del potere, danno i loro giudizi taglienti e sarcastici ... come se la verità fosse solo di loro appartenenza ... in modo particolare disprezzano i 5 stelle e tutti coloro che nutrono qualche speranza nel Mov ... questo loro atteggiamento è un segnale di intolleranza, arroganza e faziosità ...

Lei sproloquia!!!!

Le corre l'obbligo di dimostrare quanto ha appena dichiarato, perché oltre le mani grondanti sangue innocente, come le ho già scritto in home, sputa fiele.

Quanto al suo "amico" se si tratta di Fabio Contini può risparmiarmelo. 👿 👿


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?

Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

http://www.unionesarda.it/articolo/economia/2013/03/27/sardex_moneta_a_chilometri_zero_ecco_come_funziona_e_quanto_vale-2-309460.html

Grazie conoscevo l'articolo; e per inciso ho avuto il piacere di parlare con il dr Contu (citato nell'articolo) e la dr Valtolina (non citata)

Evidentemente per mia incapacità, capisco il meccanismo fino a quando opera all'interno del circuito, non lo capisco più quando il circuito ha rapporti con l'esterno (fisco, fornitori): le compravendite all'interno del circuito non diventano anche compravendite di cui rendere conto all'esterno del circuito (fisco) ? Fisco che deve essere pagato in Euro.

http://www.sardiniapost.it/economia/sardex-risponde-allarticolo-repubblica-non-evasori/

Non è questo che volevo dire; lo so che non c'è nessuna evasione fiscale; quando ho incontrato il dr Contu siamo andati al ristorante, da perfetto ospite ha pagato lui il conto, lo ha pagato con la carta Sardex, e la fattura era una normalissima fattura in Euro.
Se alla fine tutto si traduce in una nomale fatturazione, perché conviene appartenere al circuito ?
Mi scusi l'insistenza ma ad un convegno (non gestito da Sardex, anzi credo non ci fosse proprio nessuno di Sardex) sulle monete alternative si potevano fare domande ed una telecamera riprendeva il dibattito, naturalmente ho fatto la mia domanda e mentre parlavo hanno spento la telecamera. Mi è rimasta la sgradevole sensazione che stessero parlando per sentito dire, o se preferisce che non gradivano risposte a cui non sapevano rispondere.

non sono un esperto delle monete complementari e di come funzionano , mi sembra interessante riuscire a capire se sono utili a livello locale ad aiutare a sopperire alle crisi di liquidità. Da quello che ho capito il fatto che siano monete che non generano interessi (ad interessi zero) abbiano una velocità maggiore di circolazione nell'economia rispetto alle monete ufficiali , favorendo di più gli scambi.Vengono usate in tutto il mondo e da molti decenni .Mi sembra comunque interessante provare ad informarsi sull'argomento per verificare il funzionamento e l'eventuale efficacia ed utilità di queste monete a livello locale in un periodo in cui vi è una mancanza di liquidità che blocca l'economia sopratutto di tante piccole e medie imprese , il resto 5* fetecchie & simili non mi interessano.Saluti.

Tu hai capito perfettamente, tutto si gioca sugli interessi ( in un periodo storico di tassi nulli o negativi, di deflazione, ... !!!)
Il problema è che il Sardex non si adatta alla situazione che stiamo vivendo. E non ha un respiro nazionale. Ti sei chiesto perché ogni regione dovrebbe avere il suo "Sardex" ?
Una moneta parallela potrebbe essere di aiuto per risolvere l'attuale situazione ? certo che si. La Germania moderna è uscita dalla stagnazione seguita alla prima guerra mondiale proprio grazie ad una moneta parallela, ma di concezione totalmente diversa ... e perché aveva una sua banca centrale; se ti interessa cerca "effetti di pagamento MeFo" (acronimo di Metallurgische Forschungsgesellschaft) e leggi con mente economica finanziaria e non politica (i MeFo se li sono inventati Hitler e il suo ministro ebreo dell'economia)


RispondiCitazione
Scifraroc
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 243
Topic starter  

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?

Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

http://www.unionesarda.it/articolo/economia/2013/03/27/sardex_moneta_a_chilometri_zero_ecco_come_funziona_e_quanto_vale-2-309460.html

Grazie conoscevo l'articolo; e per inciso ho avuto il piacere di parlare con il dr Contu (citato nell'articolo) e la dr Valtolina (non citata)

Evidentemente per mia incapacità, capisco il meccanismo fino a quando opera all'interno del circuito, non lo capisco più quando il circuito ha rapporti con l'esterno (fisco, fornitori): le compravendite all'interno del circuito non diventano anche compravendite di cui rendere conto all'esterno del circuito (fisco) ? Fisco che deve essere pagato in Euro.

http://www.sardiniapost.it/economia/sardex-risponde-allarticolo-repubblica-non-evasori/

Non è questo che volevo dire; lo so che non c'è nessuna evasione fiscale; quando ho incontrato il dr Contu siamo andati al ristorante, da perfetto ospite ha pagato lui il conto, lo ha pagato con la carta Sardex, e la fattura era una normalissima fattura in Euro.
Se alla fine tutto si traduce in una nomale fatturazione, perché conviene appartenere al circuito ?
Mi scusi l'insistenza ma ad un convegno (non gestito da Sardex, anzi credo non ci fosse proprio nessuno di Sardex) sulle monete alternative si potevano fare domande ed una telecamera riprendeva il dibattito, naturalmente ho fatto la mia domanda e mentre parlavo hanno spento la telecamera. Mi è rimasta la sgradevole sensazione che stessero parlando per sentito dire, o se preferisce che non gradivano risposte a cui non sapevano rispondere.

non sono un esperto delle monete complementari e di come funzionano , mi sembra interessante riuscire a capire se sono utili a livello locale ad aiutare a sopperire alle crisi di liquidità. Da quello che ho capito il fatto che siano monete che non generano interessi (ad interessi zero) abbiano una velocità maggiore di circolazione nell'economia rispetto alle monete ufficiali , favorendo di più gli scambi.Vengono usate in tutto il mondo e da molti decenni .Mi sembra comunque interessante provare ad informarsi sull'argomento per verificare il funzionamento e l'eventuale efficacia ed utilità di queste monete a livello locale in un periodo in cui vi è una mancanza di liquidità che blocca l'economia sopratutto di tante piccole e medie imprese , il resto 5* fetecchie & simili non mi interessano.Saluti.

Tu hai capito perfettamente, tutto si gioca sugli interessi ( in un periodo storico di tassi nulli o negativi, di deflazione, ... !!!)
Il problema è che il Sardex non si adatta alla situazione che stiamo vivendo. E non ha un respiro nazionale. Ti sei chiesto perché ogni regione dovrebbe avere il suo "Sardex" ?
Una moneta parallela potrebbe essere di aiuto per risolvere l'attuale situazione ? certo che si. La Germania moderna è uscita dalla stagnazione seguita alla prima guerra mondiale proprio grazie ad una moneta parallela, ma di concezione totalmente diversa ... e perché aveva una sua banca centrale; se ti interessa cerca "effetti di pagamento MeFo" (acronimo di Metallurgische Forschungsgesellschaft) e leggi con mente economica finanziaria e non politica (i MeFo se li sono inventati Hitler e il suo ministro ebreo dell'economia)

si conosco i mefo ed il loro utilizzo per uscire dalla deflazione da parte dei nazionalsocialisti, il sardex è una cosa completamente diversa per questo credo non possa avere un utilità a livello nazionale, il punto è se può servire , come credo di aver capito, a livello locale per dare respiro alle piccole e medie imprese facilitandone gli scambi in mancanza di liquidità .


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?

Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

http://www.unionesarda.it/articolo/economia/2013/03/27/sardex_moneta_a_chilometri_zero_ecco_come_funziona_e_quanto_vale-2-309460.html

Grazie conoscevo l'articolo; e per inciso ho avuto il piacere di parlare con il dr Contu (citato nell'articolo) e la dr Valtolina (non citata)

Evidentemente per mia incapacità, capisco il meccanismo fino a quando opera all'interno del circuito, non lo capisco più quando il circuito ha rapporti con l'esterno (fisco, fornitori): le compravendite all'interno del circuito non diventano anche compravendite di cui rendere conto all'esterno del circuito (fisco) ? Fisco che deve essere pagato in Euro.

http://www.sardiniapost.it/economia/sardex-risponde-allarticolo-repubblica-non-evasori/

Non è questo che volevo dire; lo so che non c'è nessuna evasione fiscale; quando ho incontrato il dr Contu siamo andati al ristorante, da perfetto ospite ha pagato lui il conto, lo ha pagato con la carta Sardex, e la fattura era una normalissima fattura in Euro.
Se alla fine tutto si traduce in una nomale fatturazione, perché conviene appartenere al circuito ?
Mi scusi l'insistenza ma ad un convegno (non gestito da Sardex, anzi credo non ci fosse proprio nessuno di Sardex) sulle monete alternative si potevano fare domande ed una telecamera riprendeva il dibattito, naturalmente ho fatto la mia domanda e mentre parlavo hanno spento la telecamera. Mi è rimasta la sgradevole sensazione che stessero parlando per sentito dire, o se preferisce che non gradivano risposte a cui non sapevano rispondere.

non sono un esperto delle monete complementari e di come funzionano , mi sembra interessante riuscire a capire se sono utili a livello locale ad aiutare a sopperire alle crisi di liquidità. Da quello che ho capito il fatto che siano monete che non generano interessi (ad interessi zero) abbiano una velocità maggiore di circolazione nell'economia rispetto alle monete ufficiali , favorendo di più gli scambi.Vengono usate in tutto il mondo e da molti decenni .Mi sembra comunque interessante provare ad informarsi sull'argomento per verificare il funzionamento e l'eventuale efficacia ed utilità di queste monete a livello locale in un periodo in cui vi è una mancanza di liquidità che blocca l'economia sopratutto di tante piccole e medie imprese , il resto 5* fetecchie & simili non mi interessano.Saluti.

Tu hai capito perfettamente, tutto si gioca sugli interessi ( in un periodo storico di tassi nulli o negativi, di deflazione, ... !!!)
Il problema è che il Sardex non si adatta alla situazione che stiamo vivendo. E non ha un respiro nazionale. Ti sei chiesto perché ogni regione dovrebbe avere il suo "Sardex" ?
Una moneta parallela potrebbe essere di aiuto per risolvere l'attuale situazione ? certo che si. La Germania moderna è uscita dalla stagnazione seguita alla prima guerra mondiale proprio grazie ad una moneta parallela, ma di concezione totalmente diversa ... e perché aveva una sua banca centrale; se ti interessa cerca "effetti di pagamento MeFo" (acronimo di Metallurgische Forschungsgesellschaft) e leggi con mente economica finanziaria e non politica (i MeFo se li sono inventati Hitler e il suo ministro ebreo dell'economia)

si conosco i mefo ed il loro utilizzo per uscire dalla deflazione da parte dei nazionalsocialisti, il sardex è una cosa completamente diversa per questo credo non possa avere un utilità a livello nazionale, il punto è se può servire , come credo di aver capito, a livello locale per dare respiro alle piccole e medie imprese facilitandone gli scambi in mancanza di liquidità .

a me sembra un misto tra baratto e fidelizzazione; i problemi di liquidità li risolvi solo parzialmente: le tasse e i fornitori non facenti parte del circuito li devi comunque pagare con la moneta di stato; per non parlare del credito bancario. Se si potesse estendere il "Sardex" a tutto il territorio nazionale la "fidelizzazione" diventerebbe una forma di incremento del consumo dei prodotti nazionali; ma non si può, per legge.
Ti ricordi quando nacquero le radio private, coprivano aree limitate, poi cominciarono ad allearsi e si scambiavano le frequenze, e le aree coperte si espandevano ... bisognerebbe trovare una strategia analoga ...


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 679
 

quelle hanno un senso, giustamente, se manca la valuta obbligatoria diversamente restano "monopoli" come scritto da spada. 👿 😯 😉

Concordo. E' palesemente così.

Con imprenditori impelegati in mille obblighi fiscali, utenze da pagare e un economia sempre più interconnessa come si fa a dare valdità a questi pseudomonete parallele.


RispondiCitazione
Fabio Conditi
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 57
 

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?
Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

Per comprendere appieno le monete complementari tipo Sardex, è necessario aver compreso bene il funzionamento della moneta elettronica bancaria che anche tu usi tutti i giorni.
La maggior parte delle persone pensa che quando riceve un bonifico, riceve Euro, in realtà riceve una "promessa" di pagamento in Euro, che però non viene quasi mai ritirata in contanti, soprattutto dalle aziende.
Supponiamo di chiamare Banchex questa moneta bancaria elettronica e chiamiamo Euro solo i contanti : fino a che non cambiamo i Banchex in Euro, essi rimangono una semplice scrittura elettronica che ci dice che siamo "a credito" per quella cifra e che possiamo utilizzarla per fare altri pagamenti perchè viene accettata da tutti.
Questo è un passaggio fondamentale che deve essere capito e se vuoi comprenderlo meglio ti consiglio di leggere questo mio articolo http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16663 .

Considera che il sistema bancario ha creato tantissimi Banchex, molti più dei contanti che ha, tanto che di tutto il denaro che usiamo, solo il 7% sono Euro in contanti, il 93% sono Banchex, creati dal nulla dalle banche attraverso i prestiti e per questo soggetti continuamente ad un interesse.
Quindi in realtà quando facciamo una fattura, il pagamento non ci viene fatto in Euro (contanti) ma in Banchex (moneta elettronica), che però vengono accettati da tutti, anche dallo Stato per il pagamento delle tasse.
Supponi ora che un soggetto privato o pubblico, ovviamente affidabile, crei un'altra moneta elettronica e la chiami Denarex.
Se un gruppo più o meno ampio di soggetti dichiara di utilizzare ed accettare Denarex per i pagamenti, quando emetti fattura il pagamento ti verrà fatto in Denarex e potrai utilizzarlo con tutti i soggetti appartenenti a quel circuito.
Se lo Stato facesse parte di quel circuito o fosse lui a creare il Denarex, potresti anche pagarci le tasse e probabilmente tutti l'accetterebbero come pagamento.
Il problema è che se il Denarex non è accettato dallo Stato per il pagamento delle tasse, può essere utilizzato solo all'interno del circuito, ma per il resto è uguale al Banchex, e valgono entrambi un Euro.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Per capire poi il problema del pagamento delle tasse, faccio un esempio semplice.
Un falegname deve fare 100 casette in legno da giardino, fa parte di un circuito Denarex dove c'è anche un grossista di legname da cui può comprare il materiale che gli costa 800 Euro per ogni casetta.
Visto che lo Stato non accetta Denarex, dovrà trovare Banchex per pagare l'IVA (solo la differenza tra l'IVA ricevuta e quella pagata, 22% di 20.000 Euro, cioè 4.400 Euro) e pagare le tasse sull'utile (ipotesi aliquota 40% su utile di 20.000 Euro, cioè 8.000 Euro).
Però non ha dovuto chiedere un prestito alla banca in Banchex (se glielo danno!) e pagare interessi (se gli fanno il 10% in un anno su 80.000 Euro fanno 8.000 Euro!).
Spero di esserti stato utile.


RispondiCitazione
Scifraroc
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 243
Topic starter  

grazie del contributo informativo Fabionew.


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?
Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

Per comprendere appieno le monete complementari tipo Sardex, è necessario aver compreso bene il funzionamento della moneta elettronica bancaria che anche tu usi tutti i giorni.
La maggior parte delle persone pensa che quando riceve un bonifico, riceve Euro, in realtà riceve una "promessa" di pagamento in Euro, che però non viene quasi mai ritirata in contanti, soprattutto dalle aziende.
Supponiamo di chiamare Banchex questa moneta bancaria elettronica e chiamiamo Euro solo i contanti : fino a che non cambiamo i Banchex in Euro, essi rimangono una semplice scrittura elettronica che ci dice che siamo "a credito" per quella cifra e che possiamo utilizzarla per fare altri pagamenti perchè viene accettata da tutti.
Questo è un passaggio fondamentale che deve essere capito e se vuoi comprenderlo meglio ti consiglio di leggere questo mio articolo http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16663 .

Considera che il sistema bancario ha creato tantissimi Banchex, molti più dei contanti che ha, tanto che di tutto il denaro che usiamo, solo il 7% sono Euro in contanti, il 93% sono Banchex, creati dal nulla dalle banche attraverso i prestiti e per questo soggetti continuamente ad un interesse.
Quindi in realtà quando facciamo una fattura, il pagamento non ci viene fatto in Euro (contanti) ma in Banchex (moneta elettronica), che però vengono accettati da tutti, anche dallo Stato per il pagamento delle tasse.
Supponi ora che un soggetto privato o pubblico, ovviamente affidabile, crei un'altra moneta elettronica e la chiami Denarex.
Se un gruppo più o meno ampio di soggetti dichiara di utilizzare ed accettare Denarex per i pagamenti, quando emetti fattura il pagamento ti verrà fatto in Denarex e potrai utilizzarlo con tutti i soggetti appartenenti a quel circuito.
Se lo Stato facesse parte di quel circuito o fosse lui a creare il Denarex, potresti anche pagarci le tasse e probabilmente tutti l'accetterebbero come pagamento.
Il problema è che se il Denarex non è accettato dallo Stato per il pagamento delle tasse, può essere utilizzato solo all'interno del circuito, ma per il resto è uguale al Banchex, e valgono entrambi un Euro.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Per capire poi il problema del pagamento delle tasse, faccio un esempio semplice.
Un falegname deve fare 100 casette in legno da giardino, fa parte di un circuito Denarex dove c'è anche un grossista di legname da cui può comprare il materiale che gli costa 800 Euro per ogni casetta.
Visto che lo Stato non accetta Denarex, dovrà trovare Banchex per pagare l'IVA (solo la differenza tra l'IVA ricevuta e quella pagata, 22% di 20.000 Euro, cioè 4.400 Euro) e pagare le tasse sull'utile (ipotesi aliquota 40% su utile di 20.000 Euro, cioè 8.000 Euro).
Però non ha dovuto chiedere un prestito alla banca in Banchex (se glielo danno!) e pagare interessi (se gli fanno il 10% in un anno su 80.000 Euro fanno 8.000 Euro!).
Spero di esserti stato utile.

Grazie per il tempo che mi hai dedicato e la cortesia con cui mi hai risposto ma ... è esattamente quello che stavo dicendo io con altre parole.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Non mi risulta che i gestori del Denarex facciano prestiti; e se li fanno quali sono gli importi trattabili (migliaia di euro, centinaia, milioni) ? che garanzie chiedono ? se qualcosa va storto non si rifanno sulle garanzie oppure dicono 'non importa, andrà meglio la prossima volta' ?

Vero quello che dici negli altri due punti.

Resto della mia idea che il Denarex si adatti a realtà circoscritte e che possa ben poco contro la crisi che stiamo vivendo.


RispondiCitazione
Rosanna
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3536
 

E la fatturazione dei beni o dei servizi come avviene ?
E la tassazione ?
Come viene fissato il cambio Sardex-Euro ?
L'acquisto dei materie prime al di fuori del circuito, che sicuramente avviene in Euro, come si trasforma in Sardex per la fissazione dei prezzi interni al circuito ?
Se qualcuno me lo spiega lo ringrazio anticipatamente, sono veramente interessato.

Per comprendere appieno le monete complementari tipo Sardex, è necessario aver compreso bene il funzionamento della moneta elettronica bancaria che anche tu usi tutti i giorni.
La maggior parte delle persone pensa che quando riceve un bonifico, riceve Euro, in realtà riceve una "promessa" di pagamento in Euro, che però non viene quasi mai ritirata in contanti, soprattutto dalle aziende.
Supponiamo di chiamare Banchex questa moneta bancaria elettronica e chiamiamo Euro solo i contanti : fino a che non cambiamo i Banchex in Euro, essi rimangono una semplice scrittura elettronica che ci dice che siamo "a credito" per quella cifra e che possiamo utilizzarla per fare altri pagamenti perchè viene accettata da tutti.
Questo è un passaggio fondamentale che deve essere capito e se vuoi comprenderlo meglio ti consiglio di leggere questo mio articolo http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=16663 .

Considera che il sistema bancario ha creato tantissimi Banchex, molti più dei contanti che ha, tanto che di tutto il denaro che usiamo, solo il 7% sono Euro in contanti, il 93% sono Banchex, creati dal nulla dalle banche attraverso i prestiti e per questo soggetti continuamente ad un interesse.
Quindi in realtà quando facciamo una fattura, il pagamento non ci viene fatto in Euro (contanti) ma in Banchex (moneta elettronica), che però vengono accettati da tutti, anche dallo Stato per il pagamento delle tasse.
Supponi ora che un soggetto privato o pubblico, ovviamente affidabile, crei un'altra moneta elettronica e la chiami Denarex.
Se un gruppo più o meno ampio di soggetti dichiara di utilizzare ed accettare Denarex per i pagamenti, quando emetti fattura il pagamento ti verrà fatto in Denarex e potrai utilizzarlo con tutti i soggetti appartenenti a quel circuito.
Se lo Stato facesse parte di quel circuito o fosse lui a creare il Denarex, potresti anche pagarci le tasse e probabilmente tutti l'accetterebbero come pagamento.
Il problema è che se il Denarex non è accettato dallo Stato per il pagamento delle tasse, può essere utilizzato solo all'interno del circuito, ma per il resto è uguale al Banchex, e valgono entrambi un Euro.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Per capire poi il problema del pagamento delle tasse, faccio un esempio semplice.
Un falegname deve fare 100 casette in legno da giardino, fa parte di un circuito Denarex dove c'è anche un grossista di legname da cui può comprare il materiale che gli costa 800 Euro per ogni casetta.
Visto che lo Stato non accetta Denarex, dovrà trovare Banchex per pagare l'IVA (solo la differenza tra l'IVA ricevuta e quella pagata, 22% di 20.000 Euro, cioè 4.400 Euro) e pagare le tasse sull'utile (ipotesi aliquota 40% su utile di 20.000 Euro, cioè 8.000 Euro).
Però non ha dovuto chiedere un prestito alla banca in Banchex (se glielo danno!) e pagare interessi (se gli fanno il 10% in un anno su 80.000 Euro fanno 8.000 Euro!).
Spero di esserti stato utile.

Grazie a fabionew per i suoi interventi sempre competenti e chiari ...

8) 8)


RispondiCitazione
Rosanna
Famed Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 3536
 

Come al solito spadaccino e gaia interagiscono con gli altri tramite commenti provocatori, irritanti, fuori tema o comunque sempre OFFENSIVI PER L'INTERLOCUTORE , con l'obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi ... naturalmente si sentono in grado di sapere tutto, conoscono i retroscena del potere, danno i loro giudizi taglienti e sarcastici ... come se la verità fosse solo di loro appartenenza ... in modo particolare disprezzano i 5 stelle e tutti coloro che nutrono qualche speranza nel Mov ... questo loro atteggiamento è un segnale di intolleranza, arroganza e faziosità ...

Lei sproloquia!!!!

Le corre l'obbligo di dimostrare quanto ha appena dichiarato, perché oltre le mani grondanti sangue innocente, come le ho già scritto in home, sputa fiele.

Quanto al suo "amico" se si tratta di Fabio Contini può risparmiarmelo. 👿 👿

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6576

ARRIVA LA CENSURA ! (LE REGOLE DI COMEDONCHISCIOTTE)

Cari lettori,
Capita a volte che uno spazio pensato per diffondere e discutere idee venga da qualcuno frainteso come un luogo dove è lecito azzuffarsi.
Dopo ripetuti richiami a diversi utenti ci sembra il caso di ricordare a tutti le regole minime di comportamento nel sito.

Per questo abbiamo deciso di pubblicare questo breve articolo sulla “netiquette” del sito: per ricordare a tutti che la diversità di opinione e il dibattito, anche duro, sono benvenuti e incoraggiati, ma nel rispetto degli altri utenti, degli autori e dei collaboratori del sito.

1. Il rispetto degli altri utenti.

Su Comedonchisciotte si incontrano persone che provengono da storie personali ed esperienze politiche profondamente diverse. Ribadiamo che è nostra opinione che questo sia uno dei maggiori pregi del sito: il convivere di punti di vista anche radicalmente diversi.

Proprio per questo non è lecito aggredire l'altro in quanto diverso, né presupporre che egli sia in malafede. Si discute sugli argomenti proposti, o su nuovi argomenti, se utili. A volte non si troverà un accordo. Non è un problema. Per chi vuole avere certezze ci sono già tanti altri posti (per alcuni c'è la Chiesa, per altri il partito, oppure il TG di Fede, o Il Giornale di Feltri, o L'Unità, ....)

Per questo gli insulti personali non sono tollerati e vengono rimossi senza preavviso. ....

8) 8)


RispondiCitazione
Fabio Conditi
Trusted Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 57
 

Grazie per il tempo che mi hai dedicato ma ... è esattamente quello che stavo dicendo io con altre parole.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Non mi risulta che i gestori del Denarex facciano prestiti; e se li fanno quali sono gli importi trattabili (migliaia di euro, centinaia, milioni) ? che garanzie chiedono ? se qualcosa va storto non rifanno sulle garanzie oppure dicono 'non importa, andrà meglio la prossima volta' ?

Vero quello che dici negli altri due punti.

Resto della mia idea che il Denarex si adatti a realtà circoscritte e che possa ben poco contro la crisi che stiamo vivendo.

La crisi economica che stiamo vivendo è voluta ed artificiale, non deriva da scarsità di beni e servizi, ma da scarsità monetaria.

Per questo motivo una moneta complementare può essere di aiuto, perchè potrebbe fornire uno strumento alternativo alla moneta ufficiale, soprattutto se a crearla fosse una istituzione pubblica come lo Stato o il Comune.

Ma se vogliamo risolvere il problema principale, dobbiamo riformare completamente il sistema monetario, utilizzando solo una moneta emessa da uno Stato (o meglio da un Organismo pubblico, indipendente e democratico), libera dal debito e di proprietà dei cittadini.
http://monetapositiva.blogspot.it/


RispondiCitazione
SanPap
Reputable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 475
 

Grazie per il tempo che mi hai dedicato ma ... è esattamente quello che stavo dicendo io con altre parole.

Ci sono però dei vantaggi :
- per avere un prestito in Denarex non pago interessi;
- chi gestisce il Denarex non specula in borsa come le banche;
- non c'è il rischio del bail-in.

Non mi risulta che i gestori del Denarex facciano prestiti; e se li fanno quali sono gli importi trattabili (migliaia di euro, centinaia, milioni) ? che garanzie chiedono ? se qualcosa va storto non rifanno sulle garanzie oppure dicono 'non importa, andrà meglio la prossima volta' ?

Vero quello che dici negli altri due punti.

Resto della mia idea che il Denarex si adatti a realtà circoscritte e che possa ben poco contro la crisi che stiamo vivendo.

La crisi economica che stiamo vivendo è voluta ed artificiale, non deriva da scarsità di beni e servizi, ma da scarsità monetaria.

Per questo motivo una moneta complementare può essere di aiuto, perchè potrebbe fornire uno strumento alternativo alla moneta ufficiale, soprattutto se a crearla fosse una istituzione pubblica come lo Stato o il Comune.

Ma se vogliamo risolvere il problema principale, dobbiamo riformare completamente il sistema monetario, utilizzando solo una moneta emessa da uno Stato (o meglio da un Organismo pubblico, indipendente e democratico), libera dal debito e di proprietà dei cittadini.
http://monetapositiva.blogspot.it/

Parole sante le tue.


RispondiCitazione
Pagina 2 / 3
Condividi: