Pensatori strategic...
 
Notifiche
Cancella tutti

Pensatori strategici e studiosi occidentali che avevano avvertito del rischio di un grande conflitto in Ucraina


ekain3
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 143
Topic starter  
"La cosa paradossale della guerra in #Ucraina è il numero totale di pensatori strategici e studiosi #occidentali che avevano avvertito del rischio di un grande conflitto in Ucraina. Nessuno li ha ascoltati e ora abbiamo degli stupidi che danno la colpa solo alla Russia e a Putin. 🙄🤦🏻 ♂️
Una piccola raccolta di alcuni di questi avvisi, da #HenryKissinger a #Mearsheimer sono presentati qui (compilati da RnaudBertrand): 
1. 1. *George #Kennan, lo stratega di politica estera americana*, l'architetto della strategia della guerra fredda statunitense. Già nel 1998 aveva avvertito che l'espansione della NATO era un "tragico errore" che avrebbe alla fine provocato una "cattiva reazione da parte della Russia".
2. *Henry #Kissinger*, nel 2014. Ha avvertito che "per la Russia, l'Ucraina non può mai essere solo un paese straniero" e che l'Occidente ha quindi bisogno di una politica mirata alla "riconciliazione".
È stato anche irremovibile sul fatto che "l'Ucraina non dovrebbe entrare nella NATO"
3. *John Mearsheimer* - probabilmente il principale studioso di geopolitica negli Stati Uniti oggi - nel 2015: "L'Occidente sta portando l'Ucraina sulla via delle primule e il risultato finale è che l'Ucraina sta per essere distrutta [... ] Quello che stiamo facendo è infatti incoraggiare quel risultato. "
4. * Jack F. Matlock Jr.*, ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica dal 1987-1991, ha avvertito nel 1997 che l'espansione della NATO è stata "il più profondo errore strategico, [che incoraggia] una catena di eventi che potrebbe produrre la più grave minaccia alla sicurezza [... ] dal crollo dell'Unione Sovietica"
5. Il segretario alla Difesa di Clinton *William Perry* ha spiegato, nelle sue memorie, che per lui l'allargamento della NATO è la causa della "rottura nei rapporti con la Russia" e che nel 1996 era così contrario che "in forza della mia convinzione, ho considerato di dimettermi".
6. *Stephen Cohen*, famoso studioso di studi russi, avverte nel 2014 che "se spostiamo le forze NATO verso i confini della Russia [... ] ovviamente militarizzerà la situazione [e] la Russia non si tirerà indietro, questo è un fatto."
7. *Il direttore della CIA Bill Burns* nel 2008: "L'ingresso ucraino nella NATO è la più brillante di tutte le linee rosse per [Russia]" e "Devo ancora trovare qualcuno che vede l'Ucraina nella NATO come qualcosa di diverso da una sfida diretta agli interessi russi". (Era allora ambasciatore a Mosca nel 2008 quando ha scritto questo memo). Ora è direttore della CIA. '08 memo 'Nyet significa Nyet: L'allargamento della NATO in Russia'
8. Il giornalista russo-americano *Vladimir Pozner*, nel 2018, ha dichiarato che: l'espansione della NATO in Ucraina è inaccettabile per i russi, che deve esserci un compromesso in cui "venga garantito che l'Ucraina non diventerà membro della NATO. "
9. *Malcolm #Fraser, 22° primo ministro dell'Australia*, ha avvertito nel 2014 che "lo spostamento verso est [da parte della NATO è] provocatorio, poco saggio e un segnale molto chiaro alla Russia". Aggiunge che questo porta ad un "problema difficile e straordinariamente pericoloso".
10. *Paul #Keating, ex Primo Ministro australiano, nel 1997*: espandere la NATO è "un errore che potrebbe classificarsi alla fine fra gli errori di calcolo strategici che hanno impedito alla Germania di prendere il suo pieno posto nel sistema internazionale [all'inizio del 20°]"
11. *L'ex segretario della Difesa statunitense Bob Gates* nelle sue memorie del 2015: "Muoversi così velocemente [per espandere la NATO] è stato un errore. [... ] Cercare di far entrare Georgia e Ucraina nella NATO è stato davvero eccessivo [e] una provocazione particolarmente monumentale"
12. *Pat Buchanan*, nel suo libro del 1999, A Republic, Not an Empire: "Spostando la NATO sul portico della Russia, abbiamo programmato il confronto del ventunesimo secolo. "
13. Nel 1997, un gruppo di individui tra cui *Robert McNamara, Bill Bradley e Gary Hart scrissero una lettera a Bill Clinton* avvertendo che "lo sforzo guidato dagli USA per espandere la NATO è un errore politico di proporzioni storiche" e "favorirebbe l'instabilità" in Europa.
Oggi è frangia, posizione traditrice.
14. *Dmitriy Trenin* ha espresso preoccupazione per il fatto che l'Ucraina fosse, nel LT, il fattore più potenzialmente destabilizzante nelle relazioni USA-Russe, dato il livello di emozione e nevralgia scatenati dalla sua ricerca di adesione alla NATO.
15. *Sir Roderic Lyne, ex ambasciatore britannico in Russia*, ha avvertito un anno fa che "[spingere] l'Ucraina nella NATO [... ] è stupido a tutti i livelli. "Aggiunge "se vuoi iniziare una guerra con la Russia, questo è il modo migliore per farla. "
16. Sempre l'anno scorso, il *famoso economista Jeffrey #Sachs*, scrivendo una rubrica sul FT avvertiva che "l'allargamento della NATO è completamente fuorviante e rischioso. I veri amici dell'Ucraina, e della pace globale, dovrebbero chiedere un compromesso USA/NATO con la Russia. "
17. *Fiona Hill* :"Abbiamo avvertito [George Bush] che il signor Putin avrebbe visto i passi per avvicinare l'Ucraina e la Georgia alla NATO come una mossa provocatoria che probabilmente avrebbe provocato un'azione militare russa preventiva. Ma alla fine, i nostri avvertimenti non sono stati ascoltati. "
18. *Aleksandr Dugin*, nel 1997, aveva previsto tutto quello che Putin ha fatto, nel suo libro "Fondazione della geopolitica. "
TUTTI sapevano che tentare di legare l'Ucraina alla NATO era come attraversare la linea rossa della Russia, ma ora la gente vuole trattare la Russia come il Cattivo della storia ”
Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 2 volte da ekain3

Citazione
Condividi: