UNA VERGOGNA BRITAN...
 
Notifiche
Cancella tutti

UNA VERGOGNA BRITANNICA


mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

 

Fra le tante vergogne di origine inglese ecco l'ultima

La rivista britannica Glamour UK ha inserito un "uomo trans" incinto nella sua copertina di giugno. "Vi presentiamo Logan Brown, la star della copertina del Pride di giugno di Glamour", ha scritto la rivista su Twitter. Questo è il mese dell'orgoglio gay.

Logan Brown ha posato con un body painting di abiti maschili. Indossava un abito aperto e una camicia bianca, per mostrare il pancione della gravidanza. Sopra, una cravatta.

"Sono un uomo trans incinto ed esisto", ha dichiarato Brown alla rivista. "Non importa quello che dicono gli altri, io sono letteralmente la prova vivente". Brown è uno scrittore e un assistente sociale per bambini. Ha condiviso il suo viaggio come "uomo transgender" incinto sul suo blog, Up The Duff Man, e ha attirato l'attenzione dei giornalisti di Glamour UK.

L'intervista ha avuto luogo due settimane prima del parto di Brown. La bambina che aspettava era una femmina ed è stata chiamata Nova Mills Brown. Il 17 maggio il transgender ha postato su Instagram la notizia della nascita della figlia.

 "Sono cresciuto in una famiglia molto unita", ha detto l’uomo incinto. "Quindi mettere al mondo un bambino in una relazione queer è la sensazione più bella di tutte". Sta scrivendo un libro, la cui traduzione libera è “Il ventre di mio padre: il miracolo del parto maschile”.

Sui social network il servizio è stato oggetto di critiche. L'influencer e attivista per la "de-transizione" (il processo di inversione della transessualità) Oli London ha criticato la rivista femminile per la presenza di un "uomo trans". Proprio quando si pensa che le aziende più "snob" non possano cadere più in basso, la rivista Glamour UK ha messo in copertina questo "uomo incinto" per dare il via al Mese dell'Orgoglio Gay", ha dichiarato.

"Bud Light time, @GlamourMagUk", ha aggiunto London, in riferimento alla birra statunitense che ha subito boicottaggi e perdite economiche da quando, in aprile, ha lanciato una campagna con la partecipazione dell'influencer trans Dylan Mulvaney.

"Ogni bambino mai nato ha avuto una gestazione nel corpo di una donna", ha dichiarato la scrittrice Helen Joyce, condividendo il servizio di Glamour UK. "Ma c'è solo un modo per apparire sulla copertina di una rivista per aver compiuto questo miracolo quotidiano".

"Quindi, una donna etero incinta per la copertina del mese dell'orgoglio LGBT di @GlamourMagUK", ha dichiarato l'attivista per i diritti gay Fred Sargeant.

Brown è una donna e ha una relazione con un uomo. "Questo ha perfettamente senso al giorno d'oggi", ha osservato Sargeant. "Il mese dell'orgoglio è diventato una gara tra persone trans per vedere chi riesce a perdere completamente di vista il motivo per cui la data è stata creata".

Scusatemi! Ma io non riesco e non saprei come commentare questa notizia! La pubblico solo per mostrare in che direzione l’indecenza e l’inversione dei valori stanno andando! Credo solo a una cosa: ci penserà Madre Natura a rimettere in ordine le cose come vorrà e quando vorrà, con l’aiuto del grande Jupiter!

Fonte: https://revistaoeste.com/mundo/revista-britanica-e-criticada-por-capa-com-homem-trans-gravido/

 

AFRICA PIU' CIVILE DELL'EUROPA

Il Presidente dell'Uganda Yoweri Museveni ha difeso la legge anti-LGBTQIA+ recentemente approvata. La sua presa di posizione arriva nonostante le minacce di tagli agli aiuti e di sanzioni da parte dell'Unione Europea (UE) e degli Stati Uniti.
Per quanto riguarda le minacce di tagliare gli aiuti dell'UE e le sanzioni statunitensi, il presidente ugandese ha affermato che "se interferiscono con il nostro commercio, lo faremo con altri", in un discorso tenuto mercoledì davanti ai parlamentari del suo partito, il Movimento di Resistenza Nazionale.
- L'omosessualità non è genetica, non è ormonale. È il disorientamento morale e psicologico di una persona - ha dichiarato il presidente.
Ha inoltre affermato che l'omosessualità è "una sorta di malattia" e che alcune persone possono essere aiutate a "tornare alla normalità". In questo senso, ha difeso la legge dicendo che non criminalizza i "malati", ma coloro che cercano di reclutare persone in questo "disorientamento" o che violentano i bambini.
Il testo giuridico punisce con la pena di morte l'"omosessualità aggravata", un termine ampio usato per riferirsi a relazioni intime con un minore o altri gruppi vulnerabili.
I gruppi ugandesi per i diritti umani riuniti nella coalizione di organizzazioni Convocation for Equality (CFE), l'Ufficio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e il Programma congiunto delle Nazioni Unite sull'HIV/AIDS (UNAIDS) (tutti al servizio di ONG americane ed europee) hanno già espresso il loro rifiuto di questa legge.
Da parte loro, gli Stati Uniti hanno minacciato lunedì scorso (29) di imporre sanzioni contro il Paese "per una tragica violazione dei diritti umani universali".
L'Unione Europea ha avvertito le autorità ugandesi che il mantenimento della legge contro l'omosessualità "danneggerà" le sue relazioni internazionali.

Questa argomento è stata modificata 12 mesi fa 4 volte da mystes

sarah hanno apprezzato
Citazione
Petrus
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1037
 

E' una vergogna pubblicare articoli in cui ci si riferisce alla pervertita in copertina con pronomi maschili.
Se fai così hanno vinto loro.


RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1465
Topic starter  

Sono d'accordo con lei e col presidente africano: è una vergogna!


RispondiCitazione
Condividi: