Balasso Genitori se...
 
Notifiche
Cancella tutti

Balasso Genitori senza educazione

Pagina 2 / 3

rossland
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 318
 

@MarioG
Hai ragione. Diciamo che volendo stare sulla "parità di diritti", pur trovando grottesca la posizione di una coppia gay di scimiottare la coppia etero mettendo su casetta e famiglia (posizione peraltro minoritaria fra i gay stessi, i quali in maggioranza coerentemente rifiutano il concetto stesso di famiglia, figuriamoci di famiglia con prole), posso arrivare ad accettare che una coppia gay possa avere un bambino in adozione.
Il quale bambino forse sarà felice di poter lasciare l'orfanatrofio e forse no, perché altra cosa che invece non consentirei è l'adozione di neonati. Insomma, se un bambino in età di dire la sua accetta, non oppongo troppi ostacoli ideologici...


RispondiCitazione
ohmygod
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 570
 

Balasso:-Meglio sarebbe se, invece di stare in famiglia, davanti al televisore, i bambini stessero tutto il tempo con tanti altri bambini della loro età e giocassero, inventandosi giochi, organizzandosi autonomamente, imparando il senso della responsabilità e della fantasia.

un Grazie ai commenti per avermi fatto risparmiare la costruzione scalante "dell'illusione cognitiva" da dedicare al coyote passo del Balasso.

questa la trovo terribilmente affascinante, occorerebbe "vivisezionarla".
i bambini, naturale che sia ovvio, avvertono il desiderio di avere a che fare, nelle stanze della vita, con i loro simili e d'altronde il loro silenzioso punto di vista prende spunto dal vivere nelle stanze dei grandi.
quando si è bambini le cose non si sanno, si vivono: ahha, bleah.

così astrazione terribilmente mostruosa nella sua fascinazione: il grande bambino degli sposi esposti, la fatima pappina che giocava a briscola con il fatimo trump di olino. data l'accelerazione incontrollata della costante Dominio ne restò imbrigliato e la sua rete inavvertitamente tirò su pure damocle.
Web, da allora non ci siamo più lasciati eppure non ci siamo più visti da allora. allora costituisce l'inizio terribilmente mostruoso della fascinazione.


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

@MarioG
Hai ragione. Diciamo che volendo stare sulla "parità di diritti", pur trovando grottesca la posizione di una coppia gay di scimiottare la coppia etero mettendo su casetta e famiglia (posizione peraltro minoritaria fra i gay stessi, i quali in maggioranza coerentemente rifiutano il concetto stesso di famiglia, figuriamoci di famiglia con prole), posso arrivare ad accettare che una coppia gay possa avere un bambino in adozione.
Il quale bambino forse sarà felice di poter lasciare l'orfanatrofio e forse no, perché altra cosa che invece non consentirei è l'adozione di neonati. Insomma, se un bambino in età di dire la sua accetta, non oppongo troppi ostacoli ideologici...

Rossland, questa cosa del bambino felice di lasciare l'orfanotrofio non esiste.
Lo dicevo anche nel post più in alto. Se guardi le statistiche, fino a qualche anno fa c'erano 30 domande di adozione (che peraltro si chiama disponibilità all'adozione e non domanda) per ogni bambino adottabile. Ad oggi siamo intorno alle 20-25 coppie per bambino adottabile.
Si pensa sempre che i minori adottabili presenti nei vari istituti siano chissà quanti ma non è vero. In realtà in Italia sono pochissimi, come in ogni paese occidentale, ecco perché la gente spende cifre intorno ai 30 mila euro per andare ad adottare all'estero (e anche qui ce ne sarebbe da dire).
Il problema è che ci sono molti bambini nelle case famiglie (gli orfanotrofi non esistono più da parecchio) che non sono adottabili e il loro destino può prendere tre strade:

1) il rientro in famiglia
2) l'affido
3) l'adozione

La terza è di gran lunga la più improbabile perché raramente le loro situazioni si sbloccano al punto di renderli adottabili
La prima è a volte poco auspicabile ma, dopo un periodo di affido, è la più frequente.
La seconda è la via intermedia ed è quella che può rappresentare la svolta o la condanna delle vite di quei bambini.

Lo sapevi che l'affido si può concedere ai single e che non esistono limiti relativi alla sessualità del richiedente per concederlo?
Vuol dire che un gay single, se dimostra di avere le qualità per fungere da tutore e guida di un bambino che necessiti dell'affido può tranquillamente ottenerlo.

Certo la differenza tra adozione e affido è enorme sia a livello giuridico che pratico.

Ciò non toglie che nonostante un bambino in affido non sia tecnicamente un figlio è sempre un bambino in stato di bisogno.

Quindi parliamo pure di questa cosa ma non per luoghi comuni.


RispondiCitazione
rossland
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 318
 

@Rasna
Ti ringrazio delle precisazioni sulla questione "adozioni". Oggettivamente non conosco nel merito la situazione e diciamo che esprimo solo un orientamento possibilista in questo senso per quanto riguarda l'idea gay del figlio, di per sé discutibile.
Il senso che intendevo dare a ciò che scrivo è che non disconosco a nessuno il diritto di fare come meglio sente per quanto attiene alla sua vita e alla sua sessualità ma che il solo pensiero che una coppia gay vanti il diritto di metter su famiglia, e quindi quello di avere figli, mi pare una negazione della vantata accettazione di sé e della propria omosessualità.


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

@Rasna
Ti ringrazio delle precisazioni sulla questione "adozioni". Oggettivamente non conosco nel merito la situazione e diciamo che esprimo solo un orientamento possibilista in questo senso per quanto riguarda l'idea gay del figlio, di per sé discutibile.
Il senso che intendevo dare a ciò che scrivo è che non disconosco a nessuno il diritto di fare come meglio sente per quanto attiene alla sua vita e alla sua sessualità ma che il solo pensiero che una coppia gay vanti il diritto di metter su famiglia, e quindi quello di avere figli, mi pare una negazione della vantata accettazione di sé e della propria omosessualità.

dal canto mio ammetto di non conoscere bene cosa i gay vogliano in materia di famiglia e concordo con molto di ciò che dici. Neanche io sono per la condanna dell'omosessualità in sé, anzi, ti dirò che sono pure favorevole all'istituzione delle coppie di fatto per gli omosessuali in quanto lo ritengo un diritto derivante dalla libera scelta di due persone di condividere la vita. E' implicito però che condanno con forza l'idea di qualsiasi tipo di adozione, come anche considero strategicamente stupido e autolesionista da parte loro la costante ostentazione di gay pride o polemiche varie. Ma d'altronde credo che i gay siano i primi ad essere strumentalizzati per finalità che solo casualmente implicano per loro un ipotetico vantaggio.


RispondiCitazione
cdc_16
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 186
 

dal canto mio ammetto di non conoscere bene cosa i gay vogliano in materia di famiglia e concordo con molto di ciò che dici.

Della famiglia come istituzione se ne strafregano gli è solo necessaria per far da introduzione alle altre mosse che verranno.
Sono intellettualmente disonesti, in caso contrario direbbero la verità, ossia: vogliamo che ai vostri figli non possiate più dare l'imprintig che ritenete opportuno.

Segnatevelo questo commento, ne riparleremo tra qualche anno, forse meno.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4401
 

Quindi sedici, hai paura di esprimere le tue opinioni, ma segui "il reale", che deciderai tu, presumo. Per esempio mi spieghi quella storia dell'imprinting?


RispondiCitazione
cdc_16
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 186
 

Quindi sedici, hai paura di esprimere le tue opinioni, ma segui "il reale", che deciderai tu, presumo. Per esempio mi spieghi quella storia dell'imprinting?

Non ho mica capito la prima frase.
Cerco di spiegarti quello che io vedo come vero intento.

L'obiettivo finale secondo me è quello di eliminare del tutto l'etichetta, qualsiasi etichetta: eterosessuale, omosessuale, gay, lesbica e tutte le altre nuove che neanche conosco.
Ovvio che con l'etichetta deve scomparire anche l'impostazione che porta ad essa.

Per esempio in un futuro non lontano se tu vorrai fornire ai tuoi figli un'impostazione tradizionale, ti troverai in scontro con la società e magari verrai tacciato con qualche aggettivo negativo costruito ad hoc.

Se mi chiedevi altro spiega meglio non eviterò di dirti come la vedo.


RispondiCitazione
Rasna
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 634
 

dal canto mio ammetto di non conoscere bene cosa i gay vogliano in materia di famiglia e concordo con molto di ciò che dici.

Della famiglia come istituzione se ne strafregano gli è solo necessaria per far da introduzione alle altre mosse che verranno.
Sono intellettualmente disonesti, in caso contrario direbbero la verità, ossia: vogliamo che ai vostri figli non possiate più dare l'imprintig che ritenete opportuno.

Segnatevelo questo commento, ne riparleremo tra qualche anno, forse meno.

dissento: la famiglia è esattamente il target di questa operazione che è partita dall'affrancamento della donna, passando per la rivoluzione sessuale per arrivare agli eventi di oggi. Certamente l'operazione è lontana dall'essere finita e lo sarà solo quando l'intera umanità non avrà più valori, quando le persone avranno perso ogni riferimento e non esisterà più quel luogo di sostegno, comprensione, amore che la famiglia ha sempre rappresentato.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4401
 

Sembra che hai molte certezze, e le proietti sul futuro anche, che pero non ne sai nulla salvo tue impressioni personali. sono molto semplicistiche pero,l'orgia mondiale, un qualcuno di non meglio precisato che vuole comandare sui figli.

Non ti interessano piu i discorsi sul giusto o sbagliato che sarebbero inganni, pero parli di imprinting, e che roba e'? Il genitore che "imprime"? Cioe' il genitore inculca convinzioni, opinioni, visioni del mondo, abitudini? Imprinting intendi quello, l'educazione?

E perche lo chiami imprinting? Cioe le persone le vedi come robottini che con delle manipolazioni costanti del genitore eseguono un modo di vivere prestabilito e irreversibile come degli automi? O e' una questione di inculcare credenze?


RispondiCitazione
cdc_16
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 186
 

@Rasna @Georgejefferson

Per me il target dell'operazione è quello di avere futura voce in capitolo su come tirar su i figli, soprattutto quelli degli altri.

Per vedere questo bisogna ben comprendere cosa pensano dell'eterosessualità.
Mentre alcuni credono che sia naturale, loro credono che sia il frutto di un'imposizione culturale e che senza tale imposizione la maggior parte farebbero come i bonobo, esempio a loro tanto caro.

Ecco cosa vogliono, la società dei bonobo.

Nei miei interventi non sto prendendo le parti di una o un'altra impostazione, sto solo facendo notare che tramite tanti bei discorsi sulla parità dei diritti e sulle libertà di espressione stanno macchinando alla grande.

@Georgejefferson

Non hai compreso affatto il discorso sul giusto o sbagliato, te lo spiego meglio.

La prossima volta che ti capita di parlare con un tuo amico o amica gay, (spero che qualcuno tu ne abbia altrimenti trovo inutile questi tuoi interventi) invece di ragionare concettualmente, ponigli questa domanda: per favore mi illustri il tuo mondo ideale con esempi pratici?

Poi torni e scrivi ciò che ti ha detto.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4401
 

Non so il "targhet" non sono un indovino o profeta. C'e' la scuola, che si divide il compito della crescita e formazione dei figli, presumo con tantissimi problemi come anche tante famiglie, specie se indigenti e con vissuti rancorosi e problematici, ma non farei di ogni erba un fascio e personalmente sono a favore di una via di mezzo, non e' che e' d'obbligo demonizzare la famiglia o l'istituzione pubblica per forza.

Non so chi voglia la "societa di bonomo" se TUTTI, ci sono i fanatici (specie nascosti nei bei discorsi) ma non saprei se tutto il mondo cadrà nelle loro mani. Sono semplificazioni che non comprendo bene.

Non e' con l'aneddoto dell'amico Gay (che potrebbe avere i valori che vuole e diversi dai miei) che profetizzo il futuro, il mondo. Caso per caso potrei avere una opinione, oppure non averla ancora, ma non e' con esempi ipotetici di fanatici che "si dimostra il tutto".

Non mi hai risposto sull' imprinting, che roba e' ?

Nei tuoi interventi non e' che prendi le parti, ma le prendi invece le parti solo che non si capiscono bene, dai casi particolari o dagli esempietti di fanatici profetizzi IL MONDO del futuro, non e' che sono le paure tue a condizionarti , intendi i condizionamenti come imprinting?


RispondiCitazione
cdc_16
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 186
 

@Georgejefferson

Due righette da wikipedia credo possono essere sufficienti.

L'imprinting è un particolare tipo di apprendimento per esposizione, presente in forme e gradi diversi in tutti i vertebrati. Serve a fissare una memoria stabile delle caratteristiche visive degli individui da cui si verrà allevati (imprinting filiale) o degli individui con i quali è possibile riprodursi (imprinting sessuale).

Non vedo cosa ci sia di difficile da capire.

Non credi che gli imput in una fase determinata della vita possono influenzare le preferenze future?

Non ho mai detto di essere ne indovino, ne profeta e ciò che scrivo non sono leggi che devi condividere, ma almeno potresti leggere con più attenzione perchè ogni risposta che mi hai dato non centra nulla con ciò che ho scritto.


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3719
 

Cdc_16
Non mi chieda perché, ma quella che segue è la più grande cazzata che ho letto, non per niente Wikipedia non è la cronaca dell'akasha.

L'imprinting è un particolare tipo di apprendimento per esposizione, presente in forme e gradi diversi in tutti i vertebrati. Serve a fissare una memoria stabile delle caratteristiche visive degli individui da cui si verrà allevati (imprinting filiale) o degli individui con i quali è possibile riprodursi (imprinting sessuale).

Non vedo cosa ci sia di difficile da capire.

Praticamente tutto.


RispondiCitazione
cdc_16
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 186
 

@Gaia invece il perchè te lo chiedo.

Ma definizione gradevole o meno, tu neanche credi (e mi copio) che gli imput in una fase determinata della vita possono influenzare le preferenze future?


RispondiCitazione
Pagina 2 / 3
Condividi: