de Benoist-Perché i...
 
Notifiche
Cancella tutti

de Benoist-Perché il fascismo non può risorger


bysantium
Reputable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 481
Topic starter  

Perché il fascismo non può risorgere oggi

di Alain de Benoist - 01/06/2016
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=54330

Fonte: Azione Culturale

In questo breve articolo pubblicato per la rivista spagnola “Elementos”, Alan de Benoist spende poche ma chiare parole sulla nozione filosofico-politica di Fascismo; delineando di tale portata ideale le ambizioni, i traguardi, ma anche i tanti limiti che ne hanno portato all’inevitabile tramonto.

De Benoist ci spiega in maniera inequivocabile come legrandi rivoluzioni anticapitaliste del ‘900 (il Comunismo, i Fascismi) siano, al netto di qualsiasi giudizio di merito, relegate ai contesti storici in cui sono sorte e crollate senza alcuna possibilità di “riesumazione”. La rivoluzione europea deve trovare una nuova strada per abbattere il mostro liberalcapitalista e quella strada si chiama Comunitarismo.

Qui di seguito, il testo.

“Innumerevoli sono state le definizioni di Fascismo proposte nella storia. La più semplice, però, rimane la migliore: il Fascismo è una prassi politica rivoluzionaria, caratterizzata dalla fusione di tre elementi sostanziali: un nazionalismo di tipo giacobino, un socialismo non democratico ed il richiamo autoritario alla mobilitazione delle masse.

Nella misura in cui lo si legge come ideologia, il Fascismo sorge come tentativo di orientare il Socialismo in una direzione ostile all’internazionalismo quanto al materialismo. In tal senso, pur indirizzandosi verso un elettorato “di destra”, il Fascismo ha avuto per lo più promotori “di Sinistra”. Né il razzismo né tantomeno l’antisemitismo sono consustanziali al concetto fascista (Zeev Sternhell).

Nelle sue incarnazioni concrete è stato modellato dagli eventi storici degli inizi del XX secolo (Grande Guerra, Rivoluzione Sovietica), dallo stato generale dell’epoca (la modernizzazione della società globale) e dalla natura del suo elettorato (essenzialmente le classi medie, con qualche componente proletaria). L’esperienza delle Trincee assieme al disincanto per la tecnologia (come ha rilevato molto bene Jünger) ha segnato una fondamentale rottura con il passato. Durante la Grande Guerra, la società appariva divisa in due macro-gruppi: i combattenti e gli altri.

Ritornati dal Fronte, i primi sentivano di essersi guadagnati in qualche modo maggiori diritti rispetto a quelli che non avevano combattuto. I combattenti avevano creduto in una società dove le virtù della guerra (il coraggio, lo spirito di cameratismo e la mutua disponibilità permanente) avrebbero regnato anche in tempi di pace. La retorica patriottica, una volta sviluppata come fondamento della questione di classe, non poteva essere altro che un’ingannevole illusione.

Dopo la Grande Guerra si era vista, per la prima volta, la convergenza dell’esaltazione nazionalista e l’ abbattimento delle differenze sociali. Alla fin fine, è anche con la Prima Guerra Mondiale che lo spirito anti-democratico “cessò di cercare il suo principale supporto nel passato” {Georges Valois}. Una miscela esplosiva. La rivoluzione bolscevica, allo stesso tempo, aveva mostrato che il movimento rivoluzionario può effettivamente raggiungere il potere mobilitando le masse.

Questo introduceva l’idea dell’Uomo Nuovo ed imponeva la dedizione politica quasi a un livello sacerdotale; un apostolato politico. Le forme prese dal Fascismo per contrastare la minaccia comunista avrebbero spesso assunto un aspetto mimetico: imitavano quelle dell’oppositore così tanto, che potevano effettivamente combatterle. {Ernst Nolte}

In un contesto politico in quel tempo tradizionalista, percepito come arcaico, il Fascismo fu a tutti gli effetti moderno: esso aveva incoraggiato e sostenuto losviluppo delle scienze e dell’industria, aveva favorito l’emergere di una specie di tecnocrazia (si trova un chiaro esempio di questa tendenza nelle tesi del sindacalista sansepolcrista Massimo Rocca, ndr), aveva contribuito alla razionalizzazione dell’economia e all’istituzione di un vero stato sociale in Italia.

Per la misura in cui esso aveva intravisto la soppressione delle classi sociali del XIX secolo, d’altra parte, aveva proposto una volontà di potenza che non poteva respingere qualsiasi strumento messo a disposizione dalla tecnologia e dalla scienza.

Come Adorno e Horkheimer hanno già osservato, all’alba del Secondo Conflitto Mondiale il Fascismo, il Comunismo ed il New Deal rappresentavano diverse visioni di una ricostruzione sociale dove lo Stato era chiamato a giocare un ruolo estremamente rilevante nella razionalizzazione dell’economia e nelle riconfigurazione dei rapporti sociali.

Il Fascismo era nato basandosi su un trittico di concetti moderni: Stato – Popolo – Nazione. Tutto il suo sforzo era diretto a rendere sinonimi questi tre termini, oggigiorno sono del tutto separati. Nato sotto il segno delle “Fasce”, prima di tutto ha voluto apparire come loro parte integrante. Ecco perché aveva raccolto, come in un fascio, tutte le classi sociali e le famiglie politiche, opposte in altre epoche, per creare l’unità reale della Nazione.

Il XX secolo è stato senza dubbio alcuno il secolo dei Fascismi e dei Comunismi. Il Fascismo è nato ed è morto con una guerra. Il Comunismo è nato in un’implosione politica e sociale ed è morto in un’implosione politica e sociale. Non avrebbe potuto essere il fascismo, se non in una determinata fase del processo di modernizzazione e di industrializzazione (uno stadio che ormai appartiene al passato) almeno nei Paesi dell’Europa occidentale. Il tempo del Fascismo e del Comunismo è finito.

Nell’Europa Occidentale, tutto il “Fascismo” odierno non può essere nient’altro che una parodia. Stesso discorso si applica per il supposto “Anti-Fascismo”, il quale risponde al fantasma fascista con parole ancora più anacronistiche. Questo perché l’epoca dei Fascismi è morta in maniera così evidente da poterne parlare senza indignazione morale o nostalgia compiacente, come una delle pagine centrali della storia di un secolo che si è appena concluso.”

(di Alain de Benoist, tradotto da Lorenzo Nicola Roselli)


Citazione
gigio
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 50
 

Intanto il Nazismo non è mai morto e si nasconde in piena luce.

Purtroppo la maggior parte è talmente presa a correre dietro all'ultima carabattola, lanciandosi a capofitto nel programma di disumanizzazione voluto e imposto da pochi.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 3899
 

Articolo interessante per le tematiche storiche che presenta.
Certamente, la storia non ritorna mai in tutti i suoi dettagli e forme, perché queste dipendono sempre da situazioni contingenti. La storia ritorna spesso e volentieri, però, nei suoi concetti essenziali : la volontà di potenza, il popolo, la nazione, il controllo del territorio le identità etniche culturali e religiose.

Sono quindi d'accordo con de Benoist quando dice: il fascismo non può ritornare in tutte le sue forme esteriori così come non può ritornare l'impero romano. Sarei più cauto invece quando si tratta di concetti come il razzismo, ruolo dello stato nella economia, disprezzo dell'universalismo e legame tra etnia cultura e religione.

Anche la sua osservazione, condivisibile , che il fascismo e il nazismo hanno avuto bisogno del colpo di stato (non rivoluzione) bolscevico in Russia e che quindi la mancanza di un nuovo comunismo garantirebbe la non rinascita del fascismo, va presa con le molle.
Oggi al posto del pericolo sovietico c'è l'invasione dell'Europa da parte dei popoli del terzo mondo e la minaccia della scomparsa della etnia europea.
Anche se non nelle forme del passato, fascismo e razzismo ritorneranno, non fosse altro che per difendere l'esistenza stessa dei popoli europei che questa caricatura di democrazia, corrotta e gestita dalle lobby, ha messo in pericolo.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 2774
 

@Gigio: non ti capisco. In che cosa e dove si nasconderebbe tale ‘nazismo’ ?
Esso fu l’esaltazione della razza germanica, innanzitutto, perchè ritenuta ancora ‘pura’ e poi per estensione di quella ‘bianca’, come ‘superiore’ culturalmente e moralmente rispetto alle altre.
Queste erano ritenute mescolanze esaltatrici di caratteri deteriori perchè ‘infettate’ da razze negroidi e semitiche, tutte decadute ed inferiori perchè unioni non ‘organiche’ di ‘untermenschen’ senza valore, dal ’sangue’ bacato e immondo.
Oggi dove mai c’è tale ideologia di ’superiorità’ ? Solo in un paese: Israele. Si è ebrei per nascita, ovvero per caratteristiche DNA. E tanto basta circa la propria ‘superiorità’, condito inoltre dalle assicurazioni di un preteso ‘dio’ circa il potere definitivo e supremo di costoro sull’intera umanità. E non si nascondono proprio nel dirlo...
Saluti.
P.S.: il ‘nazismo’ è finito nella tragedia: vediamo di non seguirlo anche in questo...


RispondiCitazione
Condividi: