Giovani e vecchi ne...
 
Notifiche
Cancella tutti

Giovani e vecchi nel voto inglese


ancona_pietro
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 564
Topic starter  

Il laboratorio massmediatico preposto alla "educazione" della opinione pubblica occidentale ha tentato una operazione con risultati insignificanti: ha tentato di definire il voto contro l'Europa come il voto di anziani zoticoni mentre i giovani acculturati avrebbero votato a favore di questa,.

Credo che come cultura politica e coscienza delle problematiche riguardanti l'Europa ed il mondo i giovani di oggi siano molto ma molto meno preparati dei loro padri e nonni. La fine delle ideologie voluta per sdradicare il socialismo dal mondo ha avuto un esito fatale per la cultura e l'impegno politico delle nuove generazioni.

L'immagine di file interminabili di giovani in attesa della apertura dei negozi per l'ultima variazione di SmartFone ha sostituito quella dei giovani che si riunivano ad Helsinki per il festival della gioventù comunista,.

Sistemi politici sempre meno aperti alla dialettica ideologica e rivolti soltanto a realizzare il Pensiero Unico hanno banalizzato la culura politica e provocato un allontanamento da essa delle masse giovanili.

In sostanza gli anziani votano non perchè ignoranti ma certamente più colti politicamente dei loro figli e nipoti. Un ex minatore inglese è certamente più colto ed avveduto politicamente del suo figliolo cresciuto a TV e Telefonino.

I pennivendoli si sono accostati al tema con animo servile verso il Potere. Hanno preso una cantonata ed invertito le parti.


Citazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 679
 

Concordo pienamente.


RispondiCitazione
bertol
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 69
 

il problema non si pone, ha votato solo un terzo dei giovani a fronte di una affluenza di oltre il 70 %


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 2 anni fa
Post: 10314
 

se gli anziani votano quello che fa comodo a lorsignori vengono osannati, altrimenti sono dei bacucchi ignoranti...

come risolvere facilmente il problema della strisciante nonché vomitevole propaganda?

nulla di più semplice :

SPEGNETE LA TELEVISIONE

ADESSO


RispondiCitazione
Jor-el
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 990
 

La sinistra europeista alla Saviano ha letteralmente la bava alla bocca e vomita odio antipopolare e antiproletario dagli editoriali della stampa filo-NATO di tutto il continente. Cercano di dimostrare che le forze "vitali" della nazione hanno votato compatte per l'UE, mentre gli "scarti", le palle al piede, hanno votato LEAVE. E chi sono gli scarti, secondo lorsignori?
I pensionati. I poveri. I lavoratori. I ceti colpiti dalla crisi e dalla globalizzazione. E chi sono i "vitali" che hanno votato REMAIN? Ma gli intellettuali, gli artisti, i geni della new economy, i laureati plurispecializzati, i ciofani delle startup, i rampanti professionals della cultura, della moda e del design. I gay e le lesbiche, of course.

E, soprattutto, i GIOVANI, la "Generazione Erasmus", come la chiamano loro.

Ma la verità è che non è vero che i giovani hanno votato REMAIN. I giovani, semplicemente, NON hanno votato:
Nella fascia fra i 18 e i 24 anni si sono recati alle urne soltanto il 36% degli aventi diritto.
Il 64% dei giovani britannici, la crema della crema della "generazione Erasmus", erano talmente favorevoli alla UE e preoccupati della tragedia del BREXIT che... se ne sono rimasti a casa!

Ma che bella sinistra, sempre e comunque avanzano uniti e compatti CONTRO il popolo!

In realtà, a leggere puntualmente i risultati distretto per distretto, si vede che il LEAVE prevale soprattutto nei quartieri delle ex zone industriali, nelle aree periferiche dove vivono - gomito a gomito con gli immigrati - i lavoratori espulsi dai centri urbani terziarizzati.

I giovani? Precarizzati e disoccupati, non ci hanno nemmeno creduto al referendum.


RispondiCitazione
istwine
Prominent Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 824
 

"Il popolo? Eh eh, quello che votò Mussolini e Hitler?!?"

Questa è la risposta più gettonata Jor-El. La mia generazione è orrenda.


RispondiCitazione
adestil
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2314
 

appena dopo il voto hanno dato questo dato..
ma come hanno fatto?
al voto si firma e si mostra il documento..
quindi non c'è alcun dato ufficiale che dimostri quel dato..
invece pochi minuti dopo l'esito si esce con questo dato dei vecchi contro i giovani..

ma se lo diamo invece per buono,forse lo sapevano già ma non lo dicevano..
ecco spiegata la rapidità di diffusione..

ma ci sta..

si dimenticano di dire che è lo stesso motivo per cui a Torino,città ben amministrata,vincono 5s.

non si tratta infatti di vecchi ma andando nel particolare
di persone dai 50anni in su..
di fatto come a Torino,quelli che hanno perso il posto di lavoro nelle fabbriche(e a Torino il nemico numero 1 è Marchionne,che aumenta i suoi stipendi e chiude le fabbriche, e quindi Renzi,suo amico fidato),ossia il cosiddetto manifatturiero,la chiusura di molte di queste fabbriche che infatti sono (negli uk)site nelle periferie delle città e nelle città minori(penso a Birningham),mica la metti in pieno centro una fabbrica di acciaio..

ecco quindi che l'identikit è perfetto..
infatti dicono
hanno votato contro i vecchi(falso hanno 50anni)
e le periferie(ma nelle periferie che hanno fatto i giovani o meglio 30-40-50?)
non è chiaro
è chiaro solo che i centri delle città penso a Londra dove tutti lavorano con finanza e multinazionali ovvio che votano remain..
cosi' come chi ha i locali(al centro) che servono queste elite ..(ristoranti ,negozi etc..)

quindi il dato giusto è questo
nelle periferie e piccole città dove si vive di lavoro vero si vota leave
nei centri di grandi città dove si vive di lavoro cartaceo(e chi li ciba e serve)
si è votato remain..
ovvio poi che chi fa il lavoro di tipo cartaceo è quasi sempre giovane e viene(o meglio va) da ogni parte del mondo
quindi ovvio voti remain..

quindi fare queste la distinsione fatta dai media ha ovviamente un doppio fine...
senza contare che nelle periferie ,come in quella di roma,l'impatto degli immigrati sia visivo che di servizi(meno efficienti e preparati all'impatto)è
più evidente..

dico l'ultima su chi è vecchio o giovane..

hanno intervistato parecchi 50enni che hanno votato leave
risposta ''sappiamo che nel breve potremmo avere ulteriori disagi economici e ulteriore peggioramento dei servizi,ma lo facciamo per i nostri nipoti''

quindi come si fa a dire a costoro che sono vecchi?
quando costoro pensano non a loro o ai loro figli ma ai nipoti che magari ancora non hanno?
sono ultragiovani..
ce ne avessimo noi di tale lungimiranza..
ma i media ovviamente distorcono tutto


RispondiCitazione
Condividi: