Il sergente e lo sc...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il sergente e lo scribacchino


Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 33516
Topic starter  

Cosa c'è dietro i crimini sempre più efferati delle truppe americane in Afghanistan

Sono sedici, come minimo, le vittime dell'ennesima strage americana in Afghanistan. Sedici civili - nove bambini, quattro donne e tre uomini - falciati nella notte dalla mano assassina di un invasore che non può vincere la guerra, ma che trema all'idea della sconfitta.

Oggi in Afghanistan, come ieri in Iraq, l'esercito americano compie gli atti più disumani che si possano immaginare. Ma non sono mai atti di singoli soldati. Ieri, in Iraq, le torture di Abu Ghraib erano solo l'altra faccia dei bombardamenti al fosforo su Falluja; le innumerevoli stragi di civili, l'inevitabile prosecuzione della «chirurgica» distruzione pianificata dagli assassini del Pentagono. Oggi, in Afghanistan, le più crudeli stragi affidate a giovinastri imbevuti di razzismo, sono solo il volto terreno della morte che viene dal cielo, sganciata da droni omicidi manovrati da asettiche sale di comando del Nevada.

Ora vorrebbero farci credere che la strage avvenuta l'altra notte nella provincia di Kandahar, laddove la resistenza popolare agli occupanti è più forte, sia stata compiuta da un solo soldato, già denominato come il «sergente impazzito». Sapete, lo stress...

Ma era forse un soldato solo quello che, a gennaio, urinava sui corpi di altri civili afghani uccisi? Era forse un soldato solo quello che, a febbraio, bruciava allegramente le copie del Corano? No, questi criminali agiscono sempre in gruppo. La loro tracotanza può vincere la loro paura solo in quel modo.

Sono perciò penosi gli organi di stampa che cercano di scaricare tutte le responsabilità su un solo soldato. Leggiamo alcuni titoli: «La strage casa per casa del sergente assassino» (Corriere della Sera); «Soldato Usa spara sui civili» (la Repubblica); «Sergente Usa fa strage di civili» (La Stampa); «Soldato Usa fa strage di donne e bambini» (Il Giornale).

A costoro non interessano le testimonianze degli abitanti dei due piccoli villaggi in cui è avvenuta la strage. Secondo questi ultimi la carneficina è stata compiuta da un gruppo di soldati in missione notturna che, ubriachi e drogati come si deve, «sono arrivati ridendo e urlando. Poi sono entrati in casa e hanno sparato».

No, agli scribacchini dei nostri giornali questa verità non interessa, anzi la verità deve essere nascosta dietro la comoda «follia» di chissà quale sergente. Un atteggiamento che non attesta soltanto il solito servilismo verso gli Usa. Un comportamento che denota anche la paura di farsi una domanda che pure dovrebbe essere obbligata.

La domanda è: cosa spinge gli occupanti ad un comportamento sempre più criminale nei confronti del popolo afghano? Il più delle volte l'uso del terrore nei confronti dei civili è il frutto di una decisione militare pianificata fin nei dettagli. I militari sanno perfettamente qual è la situazione quando si affronta un popolo che resiste. E siccome il nemico è ovunque, che si colpisca pure in maniera indiscriminata, che anche colpendo a casaccio qualche nemico lo si centra sempre.

E' stata questa la logica che ha ispirato l'uso del terrore in Vietnam, ma anche in Jugoslavia ed in Iraq. E' questa la logica che fa premere il grilletto ai soldati israeliani ormai da decenni. Il terrore è infatti una delle principali armi nelle mani dell'imperialismo nelle guerre asimmetriche dei nostri tempi. Ma qui c'è di più. C'è l'odio razzista instillato dalla propaganda che ha giustificato ed ancora vorrebbe giustificare le guerre a stelle e strisce, in particolare quella scatenata più di dieci anni fa contro il popolo afghano.

Qualche tempo fa è apparsa una foto assai significativa (vedi sopra). In essa si vedono una decina di militari americani che imbracciano il fucile, in posa sotto una bandiera Usa ed una scritta SS. Una ragazzata? Non crediamo proprio, ed i fatti parlano da soli.

Emmezeta
Fonte: http://www.antimperialista.it/
15.03.2012


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14446
 

ah ecco.La questione è la bandiera delle SS.

Non vorrei ricordare che se siamo in sto casino globale è per aver inneggiato a queste truppe liberatrici.Godetevele.Quindi prima di quella bandiera il dubbio che un impero volesse rimpiazzare un ordine precedente quando vi è sfiorato, se vi è sfiorato.

Ah ps mentre in Libia tutto Ok?
Sarà che è stata un'aggressione amata dalla sinistra?


RispondiCitazione
antiUsrael
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1519
 

ah ecco.La questione è la bandiera delle SS.

Non vorrei ricordare che se siamo in sto casino globale è per aver inneggiato a queste truppe liberatrici.Godetevele.Quindi prima di quella bandiera il dubbio che un impero volesse rimpiazzare un ordine precedente quando vi è sfiorato, se vi è sfiorato.

Ah ps mentre in Libia tutto Ok?
Sarà che è stata un'aggressione amata dalla sinistra?

Si sa i liberatori son buoni e diventano cattivi solo con la bandiera sbagliata..
Ma non è solo un'abile e patetica reductio ad hitlerum per far contenti i pacifinti di Soros sempre intimamente dalla parte dei mondialisti - la bandiera delle SS spiega tutto:
lo hanno fatto per rimanere più simpatici agli afghani dato che nella WW2 molti suoi patrioti combatterono contro le mire agloamericane e il suo pupazzo Mohammed Zahir Shar con Mirza Ali Khan dalla parte di Hitler e Mussolini.

per saperne di più:
http://cca.analisidifesa.it/it/magazine_8034243544/numero71/article_341560634314604843423547210626_5205517820_0.jsp
😆


RispondiCitazione
Giancarlo54
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 2622
 

ah ecco.La questione è la bandiera delle SS.

Non vorrei ricordare che se siamo in sto casino globale è per aver inneggiato a queste truppe liberatrici.Godetevele.Quindi prima di quella bandiera il dubbio che un impero volesse rimpiazzare un ordine precedente quando vi è sfiorato, se vi è sfiorato.

Ah ps mentre in Libia tutto Ok?
Sarà che è stata un'aggressione amata dalla sinistra?

E si, cara Dana. Queste SS sono proprio immortali. Hanno perso una guerra catastrofica 66 anni, ma sono sempre vive e vegete, anzi sono alla conquista del Mondo. Che nel 1945 abbiano vinto? Osssssignore se trovo il mio professore di storia che mi ha raccontato la balla che Hitler aveva perso la guerra, lo strozzo. 😉


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14446
 

caro Giancarlo, quando si ha la coscienza sporca di collaborazionismo si usano tutti i trucchetti possibili, spesso sconfinando nel ridicolo.

No la verità è questa, loro erano i buoni, poi i nazisti incattiviti hanno infiltrato tutte le istituzioni della santa alleanza per il bene a stelle e strisce dirottandola verso il male assoluto....

Poi un'altra parte della feccia osanna al liberatore perché "ripristina la democrazia" e come l'eroe dei cartoni animati fa la bua al "dittatore di turno".

Favoletta semplice per ingenui o appunto, collaborazionisti.


RispondiCitazione
doppio
Eminent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 25
 

caro Giancarlo, quando si ha la coscienza sporca di collaborazionismo si usano tutti i trucchetti possibili, spesso sconfinando nel ridicolo.

No la verità è questa, loro erano i buoni, poi i nazisti incattiviti hanno infiltrato tutte le istituzioni della santa alleanza per il bene a stelle e strisce dirottandola verso il male assoluto....

Poi un'altra parte della feccia osanna al liberatore perché "ripristina la democrazia" e come l'eroe dei cartoni animati fa la bua al "dittatore di turno".

Favoletta semplice per ingenui o appunto, collaborazionisti.


RispondiCitazione
Condividi: