Notifiche
Cancella tutti

Migration truffa


PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4119
Topic starter  

http://www.repubblica.it/esteri/2016/05/22/news/sessanta_miliardi_per_l_africa_il_patto_della_ue_per_fermare_l_arrivo_dei_nuovi_migranti-140326243/?ref=HREC1-2

Il patto della Ue per fermare l'arrivo dei migranti: sessanta miliardi per l'Africa

Il piano. La Commissione sta lavorando al progetto per lanciare il Migration compact proposto da Renzi. Il 7 giugno il via libera

di ALBERTO D'ARGENIO

SESSANTA miliardi per l’Africa. È questa la difficile missione alla quale sta lavorando la Commissione europea per dare forma e sostanza al Migration Compact chiesto appena un mese fa da Matteo Renzi per fermare i flussi migratori. Da allora la proposta italiana — immaginata sulla falsa riga dell’accordo Ue-Turchia — è stata appoggiata da diversi leader. A partire da Angela Merkel e dal presidente dell'esecutivo comunitario Jean-Claude Juncker. Tanto che Bruxelles sta lavorando a un testo che sarà approvato dal collegio dei commissari Ue il 7 giugno e poi portato al Consiglio europeo del 28 e 29 giugno alla ricerca del via libera da parte dei capi di Stato e di governo dei Ventotto. Un testo decisamente politico, la forma scelta è quella della Comunicazione da attuare poi con provvedimenti legislativi specifici, firmato da due vicepresidenti della Commissione: l'olandese Frans Timmermans e l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione, Federica Mogherini.

Proprio nelle ore in cui la crisi tra Italia e Austria si riacutizza e la sopravvivenza di Schengen resta in pericolo, le prime bozze messe a punto dalla Commissione iniziano a circolare tra le capitali (ovviamente Roma la più interessata) anche se si tratta di testi provvisori, passibili di profonde modifiche da qui al 7 giugno. Il nodo più spinoso è quello dei soldi, di come reperire i fondi per finanziare una serie di progetti per i singoli paesi di origine e di transito dei migranti in Africa in cambio dello stop ai flussi migratori. L'Italia aveva proposto gli Eurobond. I tedeschi, pur favorevoli all'idea di fondo del piano, li hanno bocciati rilanciando con una tassa sulla benzina. Idee che si sono annullate a vicenda con successivo mandato a Bruxelles di trovare la formula capace di mettere d'accordo tutti.

E la risposta della Commissione, se resterà in piedi da qui al 7 giugno, è comunque innovativa: si cerca di costituire un capitale di partenza capace di attrarre investimenti pubblici (governi o veicoli come la Cdp) che probabilmente non saranno contati nei deficit nazionali e investitori privati per finanziare i singoli progetti. Lo stesso metodo usato per il Piano Juncker che con un capitale di partenza di 21 miliardi ha già raccolto 100 miliardi di euro con l'obiettivo di arrivare a 315 per rilanciare l'economia Ue

Le cifre sull'Africa sono inferiori, ma comunque di tutto rispetto visto che in queste ore a Bruxelles pensano di raccogliere dal bilancio della Commissione circa 4,5 miliardi capaci di essere moltiplicati fino a una sessantina appunto con investimenti dei governi nazionali o dei privati (per la Turchia sono stati stanziati 6 miliardi tra Ue e governi). Ma visto che investire in Africa è più rischioso che in Europa, la Commissione pensa anche ad un fondo assicurativo per compensare i rischi e rassicurare i potenziali investitori. Così come per l'Efsi, il salvadanaio del piano Juncker, sarà coinvolta la Banca europea per gli investimenti (Bei), i cui esperti sono già al lavoro per costruire il veicolo finanziario immaginato da Bruxelles e un fondo speciale per i piccoli progetti con un profilo di rischio particolarmente alto.

Al centro del piano i paesi del Sahel e del Corno d'Africa. Il suo funzionamento dovrebbe ricalcare lo schema proposto da Renzi, ovvero vincolare qualsiasi aiuto in cooperazione allo sviluppo e ogni singolo progetto per la creazione di infrastrutture, e dunque foriero di posti di lavoro e stabilità sociale, alla cooperazione sui migranti. L'Unione in cambio di pacchetti di investimenti creati su misura per ogni paese chiederà cooperazione nella gestione delle frontiere, anche costiere, accoglienza nei paesi di transito in campi gestiti anche dall'Unhcr. Inoltre gli europei vorranno un forte impegno ai paesi sicuri sui rimpatri dei propri migranti economici e nell'ospitare i richiedenti asilo. In generale, una stretta sui confini interni all'Africa, anche con personale europeo sul terreno, e la capacità di assorbire richiedenti asilo o migranti economici rimpatriati grazie a progetti di larga portata come le infrastrutture capaci di creare sviluppo, posti di lavoro e stabilità. L'unico modo per fermare i barconi in partenza verso le nostre coste, di evitare altre morti in mare e di bloccare la crisi politica europea su Schengen. [b]Bruxelles cercherà di dare una gittata di lungo periodo al piano, visto che al netto di guerre e crisi umanitarie i flussi migratori sono destinati a rimanere alti per via della crescita demografica dell'Africa e dei cambiamenti climatici.

Ma per la Commissione e i governi alleati dell'Italia non sarà facile portare a casa il Migration Compact visto che diverse capitali del Nord e dell'Est sono pronte a contrastarlo. Per questo il 19 maggio i ministri degli Esteri di Italia, Francia, Germania e Olanda hanno scritto una lettera a Federica Mogherini sostenendo il suo lavoro sull'Africa. Il significato politico di questa lettera, visto da Roma, è il riconoscimento pieno di Parigi, Berlino e l'Aia del Migration Compact chiesto da Renzi. Dal punto di vista di Bruxelles è un rafforzamento politico del complicato lavoro portato avanti da Mogherini e Timmermans con il sostegno di Juncker.


Citazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

non ci credo nemmeno se mi pagano

l'eu usa il linguaggio orwelliano aka lingua dei morti

crescita = fare passi indietro
welfare = smantellamento dello stato sociale
fermare il flusso degli immigrati = andarli a prendere

i 60 MILIARDI, una cifra mostruosa, verranno usati per ulteriori viaggi organizzati dalle ong "internazionaliste"

PGE, non dirmi che non sei d'accordo con me

p.s.

per gli smaliziati, questo è il nome per esteso di chi si occuperà di tutto ciò :

Franciscus Cornelis Gerardus Maria "Frans" Timmermans


RispondiCitazione
Hadrian
Trusted Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 61
 

Così potranno invadere l' euroZocna in comodi motoscafi, traghetti con aria condizionata, navi da crociera con piscine e casinò.


RispondiCitazione
venezia63jr
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1229
 

Spada, affila le lame.


RispondiCitazione
makkia
Prominent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 755
 

Al centro del piano i paesi del Sahel e del Corno d'Africa.

Cioé Etiopia, Eritrea, Sudan, Chad, Mali, Niger, al massimo Senegal.

Che c'azzecca con la favola che ci hanno raccontato fin'ora, che erano tutti siriani e libici? Siaria e Libia non sono proprio menzionate.

O con la REALTA', cioé che sono tunisini, marocchini, algerini, egiziani?
Qualche nigeriano e senegalese arriva, in effetti, ma la massa...


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4119
Topic starter  

Nessun Paese africano è in grado di fermare al confine gente che vuole andare in Europa. Se lo fanno credere è per avere i soldi. Soldi che andranno nelle casse del dittatore locale e il suo clan mentre ai morti di fame continueranno a traversare il deserto per cercare di arrivare in Libia e poi in Europa.

In via di principio non è sbagliato cercare di aiutare i Paesi africani a svilupparsi perché, in effetti, il flusso dell'emigrazione potrebbe ridursi. Senza una politica di disincentivazione all'immigrazione in Europa, però, non si andrà da nessuna parte. PRIMA abolizione del diritto di asilo precedenza per gli autoctoni, rimpatrio obbligatorio per i clandestini, difesa delle frontiere e delle identità europee, POI aiuti allo sviluppo, dove sia garantito che i soldi vadano effettivamente per aiutare l'economia e non nei conti correnti europei dei dittatori africani.

Dopo il ricatto turco ora anche quello africano. E pensare che la Merkel sperava nella manodopera qualificata siriana!. SI sa oggi che quelli i turchi non li lascano andar via mentre gli scarti (compresi forse gli occupanti delle patrie galere) li mandano tutti qui. L'Europa è diventata una discarica.


RispondiCitazione
spadaccinonero
Illustrious Member Guest
Registrato: 3 anni fa
Post: 10314
 

@Ven

8)

@PGE

se pensi che quei miliardi verranno utilizzati per aiutare sei davvero fuori strada...


RispondiCitazione
Condividi: