Il mondo è preparat...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il mondo è preparato alla migrazione di massa dovuta al cambiamento climatico?


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 4927
Topic starter  

Il 18/11, nel sito della BBC, ho trovato questo articolo che ho tradotto (tr. quasi automatica+pazienza), riportando le parti evidenziate in grassetto nell'originale, che metto a disposizione ma non mi sogno di commentare: consiglio di leggerlo e sono sicuro che tra le righe, mescolate e sovrapposte troverete le diverse narrazioni componenti fatte confluire 'sapientemente', ma non abbastanza per noi, in una visione prevalente.

 

Is the world ready for mass migration due to climate change?

Fino a tre miliardi di persone che dovrebbero essere sfollate a causa degli effetti del riscaldamento globale entro la fine del secolo, questo dovrebbe portare a un cambiamento nel modo in cui pensiamo ai confini nazionali, si chiede Gaia Vince?

Ho avuto un'ossessione per le mappe sin da quando mi sono orientata per la prima volta in "Hundred Aker Wood" di Winnie the Pooh, cercando di scoprire dove fosse "bello per i piknick" e le posizioni delle case dei personaggi. La mia infanzia è stata trascorsa studiando e disegnando mappe del tesoro, tracciando mappe di terre immaginarie e tracciando rotte verso luoghi lontani che desideravo visitare.

Oggi la mia casa è tappezzata delle mappe che ho raccolto o che mi sono state regalate, ricordi di luoghi per me speciali. Sulla mia scrivania ho un grande mappamondo, i continenti distinti dagli oceani per il loro mosaico di colori. Ogni macchia colorata è un paese, separato dal suo vicino da una linea netta tracciata su questa rappresentazione bidimensionale del nostro mondo

I confini sono nettamente definiti, l'inchiostro separa le nazionalità destinate a destini diversi. Per me, queste righe segnano possibilità entusiasmanti, con il potenziale per l'esplorazione e l'avventura, per visitare culture straniere con cibi e lingue diverse. Per altri sono muri di prigione che limitano ogni possibilità.

I confini definiscono il nostro destino, la nostra aspettativa di vita, la nostra identità e molto altro ancora. Eppure sono un'invenzione proprio come le mappe che disegnavo. I nostri confini non esistono come sfaccettature immutabili del paesaggio, non sono parti naturali del nostro pianeta e sono stati inventati relativamente di recente.

Si può sostenere, tuttavia, che la maggior parte di queste linee immaginarie non sono adatte al mondo del 21° secolo con la sua popolazione in aumento, i drammatici cambiamenti climatici e la scarsità di risorse. In effetti, l'idea di impedire agli stranieri di utilizzare i confini è relativamente recente. Gli Stati erano molto più preoccupati di impedire alle persone di partire che di impedirne l'arrivo. Avevano bisogno del loro lavoro e delle tasse, e l'emigrazione rappresenta ancora un mal di testa per molti stati.

Esistono, tuttavia, veri confini umani fissati non dalla politica o dai sovrani ereditari, ma dalle proprietà fisiche del nostro pianeta. Questi confini planetari per le nostre specie di mammiferi sono definiti dalla geografia e dal clima. Gli esseri umani non possono vivere in gran numero in Antartide o nel deserto del Sahara, per esempio. Man mano che le temperature globali aumenteranno, causando cambiamenti climatici, innalzamento del livello del mare e condizioni meteorologiche estreme nei prossimi decenni, vaste parti del mondo che ospitano alcune delle popolazioni più grandi diventeranno sempre più difficili da vivere. Le coste, gli stati insulari e le principali città dei tropici saranno tra i più colpiti, secondo le previsioni degli scienziati del clima.

Incapaci di adattarsi a condizioni sempre più estreme, milioni - o addirittura miliardi - di persone dovranno spostarsi.

Le aree più densamente popolate del pianeta sono raggruppate attorno al 25°-26° parallelo nord, che è stata tradizionalmente la latitudine del clima più confortevole e della terra fertile. Si stima che circa 279 milioni di persone siano ammassate in questa sottile striscia di terra, che attraversa paesi tra cui India, Pakistan, Bangladesh, Cina, Stati Uniti e Messico.

Ma le condizioni qui stanno cambiando. In media, le nicchie climatiche - la gamma di condizioni in cui le specie possono normalmente esistere - in tutto il mondo si muovono verso i poli a un ritmo di 1,15 m (3,8 piedi) al giorno, anche se in alcuni luoghi è molto più veloce. Adattarsi al clima che cambia significherà inseguire la nostra nicchia mutevole - che per gran parte della storia umana è stata nell'intervallo di temperatura da -11°C a 15°C (da 12°F a 59°F) - mentre migra verso nord dall'equatore. I veri limiti di vivibilità sono i confini di cui dobbiamo preoccuparci mentre il mondo si riscalda in questo secolo, portando calore insopportabile, siccità, inondazioni, incendi, tempeste ed erosione costiera che rendono impossibile l'agricoltura e sfollano le persone.

Già un numero record di persone viene costretto a fuggire dalle proprie case ogni anno che passa. Nel 2021 c'erano 89,3 milioni di persone, il doppio del numero esposto con la forza un decennio fa, e nel 2022 quel numero ha raggiunto i 100 milioni, con i disastri climatici che hanno provocato lo sfollamento di molte più persone rispetto ai conflitti. Le inondazioni hanno provocato lo sfollamento di 33 milioni di persone in Pakistan quest’anno, mentre altri milioni in Africa sono stati colpiti dalla siccità e dalla minaccia della carestia, dal Corno d'Africa alla costa occidentale del continente.

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi ha fatto appello ai leader mondiali alla conferenza sui cambiamenti climatici COP27 affinché intraprendano azioni coraggiose per affrontare le conseguenze umanitarie del riscaldamento globale. Questo cambiamento deve essere "trasformativo" secondo l'UNHRC. "Non possiamo lasciare milioni di sfollati e i loro ospiti ad affrontare da soli le conseguenze di un cambiamento climatico", afferma Grandi.

I migranti contribuiscono per circa il 10% al PIL globale o $ 6,7 trilioni (£ 5,9 trilioni)

Senza un’azione adeguata, centinaia di milioni di persone dovranno lasciare le proprie case entro il 2050, secondo alcune stime. Uno studio del 2020 prevede che entro il 2070, a seconda degli scenari di crescita e riscaldamento della popolazione, "si prevede che da uno a tre miliardi di persone rimarranno al di fuori delle condizioni climatiche che hanno servito bene l'umanità negli ultimi 6.000 anni".

Con così tante persone in movimento, ciò significherà che i confini politici inventati, apparentemente imposti per la sicurezza nazionale, diventeranno sempre più privi di significato? La minaccia rappresentata dal cambiamento climatico e dalle sue ripercussioni sociali fa impallidire quelle che riguardano la sicurezza nazionale. Le ondate di caldo uccidono già più persone di quelle che muoiono come risultato diretto della violenza nelle guerre.

Ad aggravare questo, la popolazione mondiale è ancora in crescita, in particolare in alcune delle regioni più colpite dal cambiamento climatico e dalla povertà. Le popolazioni in Africa sono destinate a quasi triplicare entro il 2100, anche se quelle altrove rallentano la crescita. Ciò significa che ci sarà un numero maggiore di persone proprio nelle aree che potrebbero essere maggiormente colpite da caldo estremo, siccità e tempeste catastrofiche. Un numero maggiore di persone avrà anche bisogno di cibo, acqua, elettricità, alloggi e risorse, proprio mentre questi diventano sempre più difficili da fornire.

Nel frattempo, la maggior parte dei paesi del Nord del mondo sta affrontando una crisi demografica in cui le persone non hanno abbastanza bambini per sostenere una popolazione che invecchia. La migrazione di massa gestita potrebbe quindi venire incontro a molti dei maggiori problemi del mondo, riducendo il numero di persone che vivono in povertà e devastazione climatica e aiutando le economie del nord a costruire la propria forza lavoro.

Ma l'ostacolo principale è il nostro sistema di confini - restrizioni di movimento imposte dallo stato di qualcuno o dagli stati in cui si desidera entrare. Oggi poco più del 3% della popolazione mondiale sono migranti internazionali. Tuttavia, i migranti contribuiscono per circa il 10% al PIL globale o 6,7 trilioni di dollari (5,9 trilioni di sterline), circa 3 trilioni di dollari (2,6 trilioni di sterline) in più rispetto a quanto avrebbero prodotto nei loro paesi di origine. Alcuni economisti, come Michael Clemens del Center for Global Development negli Stati Uniti, calcolano che consentire la libera circolazione potrebbe raddoppiare il PIL globale. Inoltre, vedremmo un aumento della diversità culturale, che secondo gli studi migliora l'innovazione. In un momento in cui dobbiamo risolvere sfide ambientali e sociali senza precedenti, potrebbe essere proprio ciò di cui abbiamo bisogno.

Rimuovere i confini o renderli molto più flessibili, in particolare per i flussi di lavoro, ha il potenziale per migliorare la resilienza dell'umanità agli stress e agli shock del cambiamento climatico globale. Se gestita bene, la migrazione potrebbe avvantaggiare tutti.

E se pensassimo al pianeta come a una comunità globale dell'umanità, in cui le persone sono libere di muoversi dove vogliono? Avremmo bisogno di un nuovo meccanismo per gestire la mobilità globale del lavoro in modo molto più efficace ed efficiente: dopotutto è la nostra più grande risorsa economica. Esistono già accordi commerciali globali ad ampio raggio per il movimento di altre risorse e prodotti, ma pochi riguardano il movimento dei lavoratori.

Circa il 60% della popolazione mondiale ha meno di 40 anni, metà di questi (e in crescita) sotto i 20 anni, e costituiranno la maggior parte della popolazione mondiale per il resto di questo secolo. È probabile che molti di questi, giovani ed energici in cerca di lavoro, siano tra coloro che si spostano mentre il clima cambia: contribuiranno alla crescita economica per costruire società sostenibili o i loro talenti andranno sprecati?

La conversazione sulla migrazione si è bloccata su ciò che dovrebbe essere consentito, piuttosto che sulla pianificazione di ciò che accadrà. Credo che le nazioni debbano passare dall'idea di controllare la migrazione alla gestione della migrazione. Per lo meno, abbiamo bisogno di nuovi meccanismi per la migrazione e la mobilità economica legale dei lavoratori e una protezione di gran lunga migliore per coloro che fuggono dal pericolo. A tutti potrebbe essere offerta una forma ufficiale di cittadinanza delle Nazioni Unite oltre alla cittadinanza di nascita. Per alcune persone, come quelle nate nei campi profughi, prive di documenti o cittadini di piccoli stati insulari che cesseranno di esistere alla fine di questo secolo, la cittadinanza delle Nazioni Unite potrebbe essere l'unico accesso al riconoscimento e all'assistenza internazionale, anche se la cittadinanza è un diritto umano. I passaporti potrebbero essere rilasciati su questa base.

Il teorico politico David Held ha sostenuto che abbiamo superato i nostri confini nazionali a causa della crescente globalizzazione e ora viviamo in "comunità del destino sovrapposte" da cui dovremmo formare una democrazia cosmopolita a livello globale. Oggi stiamo vivendo una crisi planetaria e credo sia giunto il momento di vederci come membri di una specie dispersa a livello globale che deve cooperare per sopravvivere. La portata della crisi climatica richiede una nuova cooperazione globale e, credo, una nuova cittadinanza internazionale con organismi globali per la migrazione e per la biosfera, nuove autorità pagate con le nostre tasse e verso le quali gli stati nazionali devono rendere conto.

Attualmente, le Nazioni Unite non hanno poteri esecutivi sugli stati nazionali, ma potrebbe essere necessario cambiare se vogliamo abbassare le temperature globali, ridurre la concentrazione di anidride carbonica nell'atmosfera e ripristinare la biodiversità del mondo. La governance globale potrebbe anche essere utile per coordinare la vasta nuova forza lavoro mobile, magari utilizzando un sistema di quote internazionali per aiutare ad assegnare le persone alle posizioni durante le migrazioni climatiche di massa di questo secolo. Ma dovrebbe anche affrontare sfide create dalla burocrazia, dalla corruzione e dalle pressioni esercitate da potenti corporazioni.

Le nazioni sono comunità che fanno le cose insieme – David Miller

Alla base della governance globale, tuttavia, devono esserci anche Stati forti. La tensione tra i desideri e i bisogni dell'individuo e della società è molto reale per tutti noi, e abbastanza difficile da armonizzare quando la nostra società è un piccolo gruppo molto unito, per non parlare della popolazione dell'intero pianeta. È difficile preoccuparsi, ad esempio, di uno sconosciuto senza nome e senza volto in un paese che non hai mai visitato quando fai delle scelte sulla tua vita in una città a migliaia di miglia da loro. La maggior parte delle persone trova difficile bilanciare i bisogni di uno sconosciuto a una strada di distanza. Gli stati nazione di successo aiutano a gestirlo con strutture e istituzioni che assicurano un livello utile di cooperazione tra estranei che alimenta una società forte in cui tutti possiamo avere successo. Facciamo volentieri piccoli sacrifici quotidiani di tempo, energia e risorse come individui - pagando le tasse, ad esempio - per garantire il funzionamento delle nostre società. La maggior parte di noi lo fa perché è la nostra società, la nostra famiglia sociale, il nostro stato nazionale.

L'invenzione dello stato nazione è stata uno strumento molto potente che ci ha permesso di cooperare così bene. Come ha affermato il teorico politico David Miller: "Le nazioni sono comunità che fanno le cose insieme".

Sembrerebbe poco saggio, quindi, tentare di smantellare o abbandonare completamente il nostro sistema geopolitico esistente nel breve tempo che abbiamo a disposizione per prepararci alla massiccia perturbazione che si prevede si verificherà nel corso di questo secolo.

Solo stati nazione forti saranno in grado di istituire sistemi di governance che aiuteranno la nostra specie a sopravvivere al cambiamento climatico. Solo stati nazione forti saranno in grado di gestire un massiccio movimento di migranti provenienti da diverse aree geografiche e culture verso la popolazione nativa.

Potrebbe invece richiedere una mescolanza di internazionalismo e nazionalismo.

Negli ultimi decenni, la crescita della globalizzazione ha portato a un maggiore internazionalismo: un cittadino di Londra può spesso sentirsi più in comune con un cittadino di Amsterdam o Taiwan che con qualcuno di una piccola città di campagna in Gran Bretagna. Questo potrebbe non avere importanza per molti cittadini di successo, ma i nativi di aree più rurali possono sentirsi lasciati indietro dal proprio paese una volta che le industrie dominanti declinano e gli spazi sociali e le tradizioni culturali si assottigliano. Ciò crea risentimento e paura del tipo che può portare a pregiudizi nei confronti degli immigrati, come si è visto in alcune parti del Regno Unito durante il dibattito sulla Brexit.

Tuttavia, i confini aperti non devono significare assenza di confini o abolizione degli stati nazionali. Potrebbe essere necessario esplorare diversi tipi di stati-nazione, con diverse opzioni di governance. Gli Stati più colpiti dal cambiamento climatico acquisteranno o affitteranno territori in luoghi più sicuri? O vedremo città charter che operano sotto giurisdizioni e regole diverse rispetto al territorio che le circonda, o stati galleggianti che costruiscono nuovi territori sulle onde?

Ci vorrà del lavoro per reinventare il concetto di stato-nazione in modo che diventi più inclusivo in modo da rafforzare le connessioni locali mentre crea reti globali più grandi e più eque. Ci sono molteplici vantaggi nell'incoraggiare la comunanza, una parentela con i nostri compagni, basata sul nostro progetto sociale condiviso, lingua e opere culturali. Questi tratti contano abbastanza per le persone da rendere il patriottismo una potente fonte di identità.

Allora perché non generare anche un sentimento patriottico nei confronti dell'aria, della terra e dell'acqua delle nostre nazioni, per incoraggiare le persone a prendersi cura di loro? Un approccio, dal momento che tutti affrontiamo minacce ambientali, potrebbe essere quello di arruolare l'esercito e altre istituzioni di sicurezza nella lotta contro il cambiamento climatico. Il servizio nazionale per i cittadini più giovani e gli immigrati per aiutare con i soccorsi in caso di calamità, il ripristino della natura, gli sforzi agricoli e sociali potrebbe essere un altro passo per creare solidarietà. E potremmo aver bisogno di ripristinare o inventare nuove tradizioni nazionali che siano vantaggiose dal punto di vista ambientale o sociale e per le quali i cittadini possano provare orgoglio e rispetto. Questi potrebbero includere gruppi sociali e club che cantano, creano, praticano sport o si esibiscono insieme e ai quali i membri possono appartenere per tutta la vita. Queste tradizioni possono aiutare a mantenere la dignità nei tempi difficili e fornire un significato patriottico a cui gli immigrati possono assimilarsi.

La nuova narrativa patriottica potrebbe riguardare il nazionalismo civico, basato sul bene comune, con diritti e doveri, e un appassionato attaccamento culturale alla natura e alla protezione e conservazione di luoghi di importanza nazionale (o internazionale).

Il Costa Rica, ad esempio, ha abbracciato il termine pura vida, che significa in senso lato "buona vita", come ethos nazionale, mantra e identità. Il suo uso si è diffuso a partire dagli anni '70, quando i rifugiati dei violenti conflitti nei vicini Guatemala, Nicaragua ed El Salvador si sono trasferiti nel paese in gran numero. Il Costa Rica, un piccolo paese centroamericano che non ha un esercito permanente e investe invece molto nella protezione e nel ripristino della natura insieme a servizi sociali come la sanità e l'istruzione, ha utilizzato questa visione della vita per definire il proprio carattere e integrare i nuovi immigrati.

"Una persona che sceglie di usare questa frase così non sta solo alludendo a questa ideologia e identità condivise, ma allo stesso tempo sta costruendo quell'identità esprimendola", afferma Anna Marie Trester della New York University. "La lingua è uno strumento molto importante di autocostruzione."

Vedi queste linee come fusioni di ricchezza culturale, transizioni piuttosto che barriere.

Questo ci offre un nuovo modo di guardare all'orgoglio nazionale. Non deve significare vedere "la tua gente" come migliore di quella delle altre nazioni, né significa centralizzare il significato e il potere. Al contrario, può comportare la devoluzione delle tradizioni e un apprezzamento della regionalità e dell'enorme valore culturale dei nuovi cittadini. L'Unione europea è un esempio di identità sovranazionale che consente ai cittadini di sentirsi europei e di identificarsi con i valori dell'UE, ma senza dover rinunciare alla propria identità nazionale.

Un'idea simile può applicarsi all'interno delle nazioni così come tra di loro. Nel Regno Unito, ad esempio, la Chinatown di Londra è giustamente una destinazione turistica molto visitata, così come Little India: fanno parte dell'identità della nazione, anche se i cinesi britannici e gli indiani britannici spesso affrontano pregiudizi e svantaggi socioeconomici.

Per guadagnare l'orgoglio nazionale piuttosto che subire il tribalismo divisivo, una nazione deve ridurre la disuguaglianza. Lo stato deve investire nelle persone affinché le persone si sentano investite nello stato. Ciò significa mettere al primo posto le questioni sociali e ambientali in modi che vadano a beneficio di tutti, piuttosto che di una piccola tribù di aristocratici globali. I Green New Deals proposti nell'Unione Europea e negli Stati Uniti sono esempi di politiche volte a ripristinare le economie, fornire posti di lavoro e aumentare la dignità, aiutando nel contempo a unire le persone in un progetto sociale più ampio di trasformazione ambientale.

Prova, se vuoi, a cancellare dalla tua mente l'idea che le persone siano fissate in un luogo in cui sono nate, come se ciò influisse sul tuo valore come persona o sui tuoi diritti come individuo. Come se la nazionalità fosse qualcosa di più di una linea arbitraria tracciata su una mappa. Vedi invece queste linee come fusioni di ricchezza culturale, transizioni piuttosto che barriere attraverso le possibilità che le terre della Terra offrono a tutti noi.

 

Qui l'articolo originale:

https://www.bbc.com/future/article/20221117-how-borders-might-change-to-cope-with-climate-migration

 

 


Hospiton e ducadiGrumello hanno apprezzato
Citazione
ducadiGrumello
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 97
 

"Attualmente, le Nazioni Unite non hanno poteri esecutivi sugli stati nazionali, ma potrebbe essere necessario cambiare...".

Checkmate


Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 4927
Topic starter  

Gira e rigira è sempre lì che intendono portarci (o che saremo costretti ad andare).


RispondiCitazione
ducadiGrumello
Trusted Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 97
 

eh, caro Prima, vuoi mettere quante preoccupazioni in meno per chi aspira alla gestione totalitaria delle plebi. Un governo solo che decreta a piacimento, niente più paesi che pensano di alzare alla testa (non che io stia pensando all'Italia neh...in verità a nessun paese europeo, da quel che si è visto negli ultimi 2 anni)


Primadellesabbie hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: