Qualche concordanza...
 
Notifiche
Cancella tutti

Qualche concordanza da studiare


oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3223
Topic starter  

Data I Guerra Mondiale:

28 Luglio 1914. Scomponendo viene: 28+7+19+14 ovvero: 68 che dà: 6+8= 14 ed infine 5

Data II Guerra Mondiale:

1 Settembre del 1939. Scomponendo viene: 1+9+19+39= 68 che dà: 6+8= 14 ed alla fine 5

Data Operazione Speciale Russa:

24 febbraio 2022= Scomponendo ancora è 24+2+20+22= 68 che dà: 6+8= 14 ed infine 5

Se ho fatto bene i calcoli ( non sono un matematico: mi sono fermato con gran difficoltà alle tabelline ! ) la concordanza numerica indicherebbe che la III Guerra Mondiale è già iniziata.

Accetto volentierissimo critiche...

( N.B. ho preso spunto da quanto ho letto qui e là )


IlContadino hanno apprezzato
Citazione
Tag argomenti
mystes
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1475
 

Lo spunto é molto bello, nessuna critica, la numerologia era ed é una scienza sacra. Pitagora docet

La III guerra mondiale non é la terza ma sará la Resa dei Conti finale.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3223
Topic starter  

Salve Mystes, penso che SE ribadisco SE quanto ho indicato è 'giusto' ALLORA la MANO E' LA STESSA PERCHE' LA FIRMA E' la STESSA: ovvero la firma di chi fa le cose, le fa accadere, in connessione a calcoli cabalistici esatti, studiati e riferiti con precisione ad avvenimenti che vengono fatti 'passare' attraverso il Nome Divino ( per due volte ) perchè poi avvengano. Così mi risulta, salvo E & O come si suol dire.

Ribadisco tutti i SE possibili ed immaginabili: e ricordo però la congiunzione astrale favorevole ai cambiamenti sociopolitici avvenuta la sera prima dell' Operazione Speciale. 

A questo punto mi fermo perchè avete capito che, a prescindere dalla 'mano', gli avvenimenti di cui siamo spettatori ( ma non complici ), si prestano a molti e differenti punti di vista in connessione a molte e differenti opzioni, sulle quali non mi voglio dilungare perchè già in precedenza ne abbiamo parlato: pare indispensabile allora chiarire chi davvero gioca su due tavoli, anche se qualche sospetto lo abbiamo.

Nel frattempo, ribadisco il mio punto di vista finale: questa ( eventuale ) 'guerra' od 'operazione speciale' SE e ribadisco SE è volta a costringere la nascita di un mondo 'unito', ovvero unificato dopo avvenimenti tragici e assolutamente imperscrutabili da noi in anticipo ( ma qualche insight ci viene eccome ), è assolutamente e completamente INUTILE: PERCHE' IL MONDO E' GIA' STATO UNIFICATO DA SCIENZA, TECNICA, RELIGIONE E COMUNE SENTIRE UMANO.

Questo è il segno morale ed intellettuale, spirituale direi, della 'modernità' nella sua logica migliore: far apparire il risultato a prescindere dagli attori politici.

Ribadisco: il mondo è già unificato a prescindere da qualsivoglia 'guerra', 'rivoluzione' eccetera eccetera che tutt' al più potra suggellare nel sangue quanto è già nella COSCIENZA COMUNE DI MILIARDI DI ESSERI UMANI.

Il fattore 'guerra' 'sangue' nulla aggiunge a quanto è già avvenuto e che peraltro sta già avvenendo dispiegato nel campo russo-cinese, che a questo punto traendo lezione dal passato, presenta l' unificazione umana oltre i postulati politici 'occidentalisti' ed oltre parziali ed interessate vedute ideologiche.

L' occidente 'collettivo' non presenta ( ribadisco ) alcuna 'unificazione umana al di là dei suoi ristrettissimi vincoli ideologici ( liberisti in senso spurio ma coercitivi in senso assoluto nella realtà ), e dunque non è il contraltare dell' opzione 'comunitaria' ( possiamo ben dirlo così ) rappresentata dai BRICS e dai suoi ulteriori membri venturi: è il passato coloniale che domina ancora una collezione eterogena di popoli 'subjecti' ad una visione del mondo e della vita che li vide primeggiare nel sangue ma a cui oggi è stato dato finalmente il benservito.

L' Occidente ha già perso e con lui hanno perso quelli che ne hanno fatto strame in nome dell' eccezionalismo americano e del suprematismo sionista. Simul stabunt vel simul cadent.

E si spera che noi, con quelli che vogliono davvero voltare pagina su di un mondo dominato da moloch con i suoi sacrifici umani, ovvero quelli che vogliono davvero la Pace in Unione col Principio Supremo della Vita Universale, si possa tutti insieme rimanere in piedi...


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3223
Topic starter  

Perchè si rimanga in piedi e si eviti il tracollo del mondo occorre chiarire le posizioni in gioco sperando in una loro revisione almeno in base a quanto oggi appaiono.

E' la contrapposizione tra i due fronti in lotta riassumibile nella 'lotta per il riconoscimento' di origine hegeliana ? In parte direi di sì.

Da un lato l' occidente collettivo pare dire: ti riconosco nei tuoi diritti e nelle tue prerogative se stai dalla mia parte. Dopo di questo dice: siccome stai dalla mia parte devi obbidire a quanto io voglio e comando perchè è giusto ( buono, utile, necessario eccetera ). 

Dall'altro lato i BRICS paiono voler dire: io ti riconosco nei tuoi diritti per il fatto semplice che tu ci sei ( come attore internazionale ). Dunque nessun riferimento ad una volizione ma rimando ad un mero fatto esistente.

Entrambe le posizioni sono in parte o in tutto assai criticabili anzi criticabilissime se non addirittura fallaci.

L' ultima è debole perchè congela la situazione internazionale sullo status quo derivante dall'esistenza di uno 'stato' attualmente presente: ne rimangono fuori i popoli che mirano a costituirlo ex novo o che sono stati 'accorpati' nolenti ad entità statuali già esistenti ma 'leonine'. Che dire e che fare di loro ? Il passo ulteriore perchè la posizione russo-cinese sia realmente completa è l'accettazione piena anche nei loro stessi confronti dell'accordo di Helsinky dello scorso secolo sui diritti dei popoli ( che fra l' altro è a base del riconoscimento della Novorossia ). La cosa peraltro pare fantascientifica...sopratutto per la Cina...ma anche per gli altri attori. Questa posizione fissa l'attuale situazione politica in una dimensione certa e attuale, cosa buona e giusta di per sè, meno se la si vede 'in statu nascendi'. E' la posizione del 'cuius regio eius religio'. Insostenible alla lunga.

La prima è temeraria ed instabile perchè rinvia al momento unitivo sulla base di una asserzione di volontà, coatta o meno, che può tuttavia cambiare nel tempo: non ammettere una revisione pattizia delle 'regole' famose significa anche qui congelare nel tempo una situazione che nella realtà può essere mutata anche profondmente...ed ogni rimando al Trattato Nato, Eu e simili è pienamente appropriata. In realtà è la posizione di chi dice '' se non sei con noi sei contro di noi''...e allora bomb bomb bomb oppure a piacere terremoti, disastri naturali, rivoluzioni colorate eccetera ecetera. E' la posizione del criminale mafioso, di cui abbiamo avuto nella storia ampie e ripetute applicazioni, specie in chiave 'religiosa' ma anche in chiave strettamente politica.

Conclusione: potrebbe la guerra attuale, perchè di questo si tratta, servire a dirimere il conflitto attuale fra i blocchi e quelli presumibilmente venturi fra stati e popoli, sulla base dell' una o dell'altra visione politica così come si presenta oggi ?

Ne dubito. Anche sotto questo aspetto chi l'ha resa inevitabile ha sbagliato.

 

 


RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 485
 

@oriundo2006

A mio avviso, la vera data di inizio della 2GM è il 3 settembre 1939, con la dichiarazione di guerra anglo-francese, ossia l'aggressione occidentale contro la Germania, che dell'"occidente" allora non faceva ancora parte; il 1 settembre fu solo l'inizio della campagna di Polonia, la quale nelle intenzioni di Hitler doveva restare una campagna circoscritta. Detto questo, pur facendo benissimo a ribadire il "SE", è alquanto improbabile che a quei livelli si verifichino simili coincidenze, soprattutto considerando il fatto che cabala e numerologia svolgono un ruolo essenziale nella filosofia che ispira la punta della piramide.

È piuttosto evidente che la mano è la stessa. Ed è anche facilmente individuabile. Basta aver chiaro cosa si intenda in realtà per "occidente collettivo". Basta capire quale componente di tale "occidente" bisognerebbe togliere, perché esso cessi di essere quello che è, e si trasformi in qualcosa di completamente diverso. Se invece non si toglie il componente misterioso, tale entità rimarrebbe esattamente la stessa, non importa quali popoli e nazioni fossero cooptati in essa, e in che posizione geografica si muovesse il suo baricentro.

È per questo che sono abbastanza scettico sul fatto che "l'occidente" abbia già perso, o che la sua elite abbia commesso errori. L'Europa ha sicuramente perso, e forse anche gli USA insieme ad altre pedine minori; ma nel caso della famosa mano, quella che gioca su tutti i tavoli, non sarei così sicuro. L'unico dettaglio che lascia effettivamente perplessi, e che potrebbe giustificare moderate speranze, è che coloro cui mi riferisco non possono fingere di essere cinesi. D'altra parte, se l'alternativa fosse il modello cinese, preferisco una capanna nel bosco.

La guerra non serve a dirimere nessun conflitto, costituisce un sacrificio umano al loro dio, dunque dal loro punto di vista è essenziale, e non si può considerare un errore. Che poi alla fine si riveli tale, è mia viva speranza.

Questo post è stato modificato 1 anno fa da BrunoWald

PietroGE, R66 e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 4112
 

la storia sembra ritornata al vecchio conflitto per territorio e risorse, tra nazioni o gruppi di nazioni. Ci sono però cambiamenti evidenti nelle strategie e nei mezzi utilizzati. La novità principe, ideata e portata avanti senza scrupoli o compromessi dopo la WWII è la manipolazione, prima attraverso i giornali ora con tutti i media possibili, della masse. È cominciata 'gestendo' il passato perché, come dice un vecchio detto : che controlla il passato controlla il presente e chi controlla il presente ha una buona possibilità di controllare anche il futuro. Poi si è passati dalla 'narrazione storica' alla manipolazione sociologica : fine della famiglia tradizionale, individualismo, criminalizzazione delle identità fino alla decadenza terminale che si vede oggi.  Immune, almeno sino ad oggi è stato il mondo islamico, sostanzialmente perché non c'è nell'islam una separazione tra religione e società. Inoltre si sono rivelati refrattari a questa manipolazione tutti i Paesi che praticano il nazionalismo etnico. Che si sarebbe arrivati allo scontro e quindi alla WWIII non deve appunto meravigliare.

La gente crede, sbagliando che la WWIII cominci quando partono i missili a testata nucleare. Errore! allora è quando finisce! La guerra è già cominciata, come qualcuno, ma non i media del mainstream, ha già capito. Quella russo-ucraina è solo una appendice di un conflitto globale che si estende al controllo delle risorse, della tecnologia e dei media. Solo la Cina e gli USA (tardi) hanno compreso che la posta in gioco è il dominio sul mondo, qui in Europa ci si illude su un miraggio multipolare che non contiene le prerogative per uno stato di equilibrio stabile. 

La guerra attuale in Europa  rappresenta lo scontro in atto solo marginalmente perché se da una parte l'occidente con le sanzioni non è riuscito a mettere in ginocchio la Russia, dall'altra il tentativo di ricatto energetico della Russia è fallito, la parte della guerra quindi che coinvolgeva l'occidente contro la coalizione estemporanea russo-cinese si è risolta con un pareggio. I destini dell'occidente e del mondo non occidentale si decidono altrove, non in Ucraina. Si decidono nella scoperta e gestione di tecnologie dual use, nella risoluzione o meno delle crisi finanziarie e negli scontri ( al plurale) di civiltà. 


oriundo2006 e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
mystes
Noble Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 1475
 

In questo momento storico noi viviamo nel KALI YUGA, l’ultimo dei quattro periodi (o ere) che, secondo la tradizione vedica, si susseguono ciclicamente come le stagioni. L’epoca del KALI (termine Sanscrito che significa nero/oscuro) nonostante i grandi progressi tecnologici e le scoperte in campo scientifico, viene considerata un’epoca di declino.

I precedenti Yuga o cicli, invece, erano caratterizzati da una vasta conoscenza spirituale dell’individuo, lunga vita e dalla più alta virtù. Tuttavia, ogni Yuga è seguito dalla decadenza della virtù. Dopo l’epoca d’oro del Satya Yuga, in cui dimorava l’armonia, la purezza e la virtù, viene il Treta Yuga, in cui la virtù deve essere acquisita attraverso le pratiche mistiche; nel Dvapara Yuga vige la passione, e le pratiche religiose sono sostenute dai sacrifici, chiude per ultimo il Kaly Yuha etá di morte e di sofferenza, la nostra.

Corrisponde nella Teogonia di Esioso all´ultimo dei cinque cicli di Esiodo, quella dell´Età del ferro: è la stirpe che tuttora vive sulla terra caratterizzata dalla sofferenza, dall'ingiustizia e dal fatto di dover lavorare per sopravvivere. Esiodo non intravede alcuna possibilità di salvezza per l'uomo.


RispondiCitazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 686
 

Il 14 gestisce e rimpone le antinomie, polarità maschile e femminile, sono i guaritori e la medicina.  Il 5 è il ponte, interfaccia tra realtà o dimensioni diverse di un unico processo. La differenza è 9, il saggio e la comprensione della propria identità.

 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: