Notifiche
Cancella tutti

Contro cosa abbiamo a che fare? Come siamo arrivati ​​qui? Cosa possiamo fare al riguardo?

   RSS

0
Topic starter
 
Simposio Think Twice , 20 gennaio 2023
di Simon Elmer
Organizzato e presieduto da Abir Ballan e Sinead Stringer
Relatori: Dr. Aaron Kheriaty , Dr. Simon Elmer, Dr. Daniel Broudy , Dr. David Thunder
 
Quando ho iniziato a scrivere il mio libro, The Road to Fascism, nel febbraio 2022, le persone a cui ne ho parlato erano confuse e persino arrabbiate per il mio uso della parola "fascismo" per descrivere il mondo che si stava costruendo sulla giustificazione della "crisi" del coronavirus. Quando l'ho pubblicato, lo scorso settembre, più lettori hanno capito perché avevo fatto questo paragone con quello che è successo in Europa un secolo fa, ma hanno detto che avevamo bisogno di un nuovo termine. Questa settimana, in risposta agli straordinari discorsi scaturiti dall'incontro annuale del World Economic Forum di Davos, ho chiesto, sul mio account Twitter, quale parola userebbe la gente per descrivere il futuro pianificato per noi da questa organizzazione terrorista e sempre più apertamente genocida. La mia domanda era intesa retoricamente: se questo non è fascismo, che cos'è?
 
È una testimonianza di 50 anni di propaganda neoliberista che alcune persone, ancora, continuino a descrivere ciò che il WEF chiama "capitalismo delle parti interessate" come "comunismo" o "socialismo internazionale" - questo, nonostante il fatto che il modello di lavoro per questa nuova economia politica del capitalismo occidentale è la piattaforma d'azione COVID-19, lanciata dal WEF lo stesso giorno in cui l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato la "pandemia", e i cui partner includono oltre 1.100 tra le più potenti aziende e banche del mondo. 
 
 
Altre risposte alla mia domanda includevano "tecnocrati feudali", "sociopatici oligarchi", "corporativisti" e "plutocrati". Ci sono elementi di verità in tutte queste descrizioni, ma la risposta più interessante che ho ricevuto è stata che la parola "fascismo" è una parola troppo debole per descrivere ciò che stiamo affrontando.
 
Il termine che sono stato invitato a discutere oggi, invece, ha un valore più descrittivo e meno emotivo, ed è “totalitarismo”. Non mi sembra contestabile che le finalità, almeno, dell'Identità Digitale, della Moneta Digitale della Banca Centrale, del Reddito di Base Universale, del Sistema del Credito Sociale, degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, dei Criteri Ambientali, Sociali e di Corporate Governance, della Prevenzione della Pandemia, del Trattato di risposta e preparazione, delle città di 15 minuti, dell'intelligenza artificiale, della tecnologia di riconoscimento facciale, Internet delle cose e Internet dei corpi, e di tutti gli altri programmi e tecnologie del Grande Reset del capitalismo occidentale, siano il controllo totalitario sulle popolazioni, i governi e le economie del mondo.
 
Tuttavia, la prova del totalitarismo del Global Biosecurity State in formazione non è solo nei suoi programmi e regolamenti che stanno cambiando radicalmente il contratto sociale tra cittadino e stato, ma anche nei cambiamenti nelle nuove pratiche e comportamenti sociali, nei nuovi significati e valori, nelle nuove relazioni e tipi di relazioni abbracciate dalle popolazioni sottoposte agli ultimi tre anni di terrore. È su questi cambiamenti nell'ideologia tanto quanto sui cambiamenti nelle nostre leggi e infrastrutture statali - entrambe ampliate e radicate da molteplici "crisi" fabbricate - che il nuovo totalitarismo della governance globale è sorto senza subire sfide significative.
 
Se viviamo o meno in un sistema di governo totalitario non mi sembra sia  la questione più importante che dobbiamo affrontare oggi. La teorica politica Hannah Arendt sosteneva che, sebbene i programmi e i regolamenti del Terzo Reich iniziassero ad essere attuati non appena Hitler fu nominato cancelliere, la Germania non divenne una società propriamente totalitaria fino al 1939, quando la guerra diede al governo NSDAP la copertura di cui aveva bisogno per perpetrare i suoi crimini contro l'umanità su scala internazionale. Direi che, dall'11 settembre e dalla colonizzazione delle democrazie neoliberiste da parte del modello statunitense dello Stato di sicurezza nazionale, viviamo in Occidente in una società proto-totalitaria; ma che la cosiddetta "guerra" al COVID - che è stata seguita dall'altrettanto chimerica "guerra" al riscaldamento globale e ora dalla "guerra" alla Russia - ha fornito alle tecnocrazie internazionali e ai governi nazionali del capitalismo occidentale la copertura per attuare quella che è ora una società propriamente totalitaria.
 
Ciò non significa che sia completo. Non esiste una definizione di totalitarismo a cui una società debba aderire prima di poter essere definita "totalitaria". Sono state proposte numerose definizioni per fare proprio questo, ma queste sono un prodotto o del feticismo del discorso accademico e del suo rifiuto di guardare al presente o di una deliberata strategia politica che spesso impiega il primo. Esistono diverse forme di totalitarismo così come diversi sono i gradi della loro formazione.
 
Direi, quindi, che la questione più importante che dobbiamo affrontare oggi non è se lo stato di biosicurezza globale sia "totalitario", ma quanto segue:
 
Quali forme di sorveglianza, controllo e dominio ci impone lo Stato di Biosicurezza Globale?
Quali sono i suoi obiettivi immediati e gli obiettivi a lungo termine?
Come si procederà alla loro attuazione e applicazione?
Quali discorsi scientifici, quadro giuridico e strategie politiche impiegherà per farlo?
Quali modifiche alle nostre attuali e già residuali forme di governo comporterà questo processo?
In che modo questo processo differirà a seconda del paese, della nazione, dell'ideologia e della cultura?
In che modo le indiscutibili, istituzionalizzate e sempre più legalmente applicate ortodossie del risveglio (orthodoxies of woke) vengono utilizzate come ideologia ufficiale del capitalismo occidentale?
In che modo la supposta potenziale opposizione, ad esempio, della sinistra si è trasformata in una fervida collaborazione?
Quali modelli adotterà il nuovo totalitarismo dal passato (es. Terzo Reich e URSS stalinista) e dal presente (Cina e USA)?
Il Global Biosecurity State opererà all'interno del quadro geopolitico esistente di Occidente e Oriente, o dovrà essere implementato su quello che i leader contemporanei in Occidente descrivono come un asse di potere "unipolare"?
Significa qualcosa come una terza guerra mondiale e, in caso affermativo, tra quali nazioni, economie ed eserciti?
Chi e quali sono i driver principali di questa politica?
Quali organizzazioni di governance globale li stanno affrontando e quali forze economiche li stanno guidando?
E, soprattutto, quali sono le possibilità reali per opporsi a questa nuova forma di totalitarismo?
Queste, mi sembra, sono alcune delle questioni sollevate dal Global Biosecurity State.
 
Come siamo arrivati ​​qui?
 
La risposta breve è, attraverso cinquant'anni di neoliberismo, che tra molti altri disastri ha prodotto quanto segue:
 
Il neoliberismo ha supervisionato il trionfo del capitalismo finanziario sulla produzione di merci come modello dominante del capitalismo in Occidente, e con esso il vasto aumento della ricchezza e del potere delle banche centrali e dei gestori di attività finanziarie sui governi nazionali, e la crescente influenza del "denaro sporco" e lo stato profondo che finanzia, sull'economia globale.
Sia privatizzandole, diventando la loro principale o unica fonte di finanziamento, sia spingendo attraverso le restrizioni legali al loro operato, il neoliberismo ha rimosso le istituzioni politiche, giudiziarie, mediatiche, civili, sindacali, sanitarie, educative e culturali in cui la resistenza a questo colpo di stato globalista avrebbe potuto trovare un punto d'appoggio organizzativo, istituzionale o legislativo. Invece tutte queste istituzioni hanno collaborato senza riserve, volentieri, con entusiasmo e obbedienza.
Il neoliberismo ha permesso l'ascesa delle società di tecnologia dell'informazione fino a farle diventare cinque delle dieci società più ricche e potenti del mondo, che ora hanno un controllo crescente sul contenuto dei nostri media, delle nostre industrie educative e culturali, del nostro parlamento (che è diventato il teatro settimanale della telenovela quotidiana dei social), il nostro governo e quindi sulla nostra politica e ideologia.
Di conseguenza, il neoliberismo ha preparato questa rivoluzione nel capitalismo occidentale dallo stato nazione e dalla sovranità del parlamento come arbitro finale delle leggi in base alle quali vivono le popolazioni nazionali, all'ascesa di una forma tecnocratica di governance globale che attua i programmi del capitalismo degli stakeholder, in cui le corporazioni e le banche internazionali stabiliscono le politiche attuate dai governi nazionali e che vengono fatte rispettare da tutte le forze di cui dispone lo stato.
 
Cosa possiamo fare al riguardo?
 
Man mano che più persone sono arrivate alla consapevolezza di ciò che stiamo affrontando, sempre più persone hanno chiesto cosa possiamo fare al riguardo. La grande risposta è che dobbiamo rovesciare questo sistema di politica ed economia, e dobbiamo creare un nuovo sistema di politica ed economia. Ma questa è una risposta molto importante, il cui effetto più comune è convincere coloro che pongono la domanda che non possono fare assolutamente nulla. Quindi abbiamo bisogno di risposte più piccole. Queste sono alcune di esse.
 
1. Non conformità (individuale)
 
Non osservare mai il "distanziamento sociale".
Non indossare mai una maschera.
Non rispettare mai nessuno dei requisiti di "tracciamento dei contatti".
Smetti di usare i cosiddetti‘smart’ phones, che sono dispositivi di localizzazione.
Non sottoporsi mai al test PCR o qualsiasi altro test che stabilisca il nostro stato di biosicurezza.
Non farti mai iniettare terapie geniche sperimentali.
Non utilizzare mai alcuna forma di Identità Digitale imposta sotto qualsiasi forma.
Non pagare mai e contesta sempre la legalità degli avvisi di penalità fissa.
Conoscere i limiti delle forze dell'ordine (il tempo di non conoscere la legge del Regno Unito e i nostri diritti e libertà protetti è finito).
Conoscere i nostri diritti sul lavoro e contestare qualsiasi tentativo di interferire con essi (ad esempio, chiedendo una valutazione del rischio sui mandati delle mascherine).
Usa sempre contanti e cassieri umani e boicotta le aziende che non accettano o non usano nessuno dei due.
Negare il consenso affinché i nostri figli vengano iniettati, ri-genderizzati o trasferiti da scuole, cliniche e ospedali e chiarire che non hanno il diritto di fare quella scelta per noi o di incoraggiare i nostri figli a farlo alle nostre spalle .
Difendere la privacy delle nostre case dall'ingresso illegale da parte della polizia o degli agenti comunali o dei cosiddetti "marescialli COVID".
E ogni volta che possiamo, dimostrare pubblicamente i nostri diritti e le nostre libertà (ad esempio coprendo le telecamere alle casse dei supermercati quando le utilizziamo). I codardi in Parlamento hanno dimenticato il significato del termine, ma la statua della suffragetta Millicent Fawcett in Parliament Square regge un cartello che dice: "Il coraggio chiama al coraggio ovunque". Unisciti a quella chiamata.
 
2. Disobbedienza civile (collettiva)
 
Partecipa alle manifestazioni, il cui scopo non è quello di venire riportate dai media che continuano a censurarci garantendo al contempo una copertura globale a ogni attivista finanziato dalle aziende per Just Stop Oil. Si tratta di sostenere coloro che sono sotto pressione finanziaria ed emotiva per aver preso posizione.
Partecipa alle riunioni in cui possiamo discutere di ciò che ci è vietato discutere sui social media.
Crea organizzazioni di resistenza per ciò che verrà dopo. Non c'è nulla che impedisca a ciò che sta accadendo in Cina ora di accadere a noi nel prossimo futuro.
Unire la nostra azienda, ufficio, officina o fabbrica. Stiamo vedendo cosa stanno facendo ora i sindacati affiliati al lavoro con i diffusi scioperi industriali nei settori dei viaggi e della salute, il che dimostra cosa avrebbero potuto fare contro l'imposizione di mascheramento, blocco e iniezioni obbligatorie. Ciò non significa che non possiamo unirci in un sindacato contro la reimposizione di queste restrizioni e contro la futura imposizione di restrizioni ugualmente fondamentaliste giustificate dall'ambiente al nostro movimento, lavoro, consumo, ecc.
Creare reti di supporto reciproco per condividere informazioni e pratiche.
Educare noi stessi e gli altri, e non dare mai per scontato che perché sappiamo cosa sta succedendo anche gli altri lo sanno o nella stessa misura. Coloro che ottengono le loro informazioni del mondo dai media mainstream, non sanno quasi nulla di ciò che sta accadendo e sta per accadere. C'è una quantità crescente di informazioni disponibili ora rispetto ai giorni bui del 2020.
A sostegno di ciò, produrre e diffondere contropropaganda che trasformi tali informazioni in una forma accessibile a coloro che non hanno il tempo, la capacità o la disposizione per leggerle.
Volantinaggio presso case e aziende (vedi il modello di condivisione esponenziale di Not Our Future) https://notourfuture.org/
Quando il disegno di legge sulla sicurezza online diventerà legge, i social media come forum di dibattito finiranno effettivamente e dobbiamo creare altri mezzi per comunicare  e mobilitarci a vicenda.   https://bills.parliament.uk/bills/3137
La maggior parte di noi ha vissuto la maggior parte della propria vita dipendendo dalle nostre catene per sentire il loro tintinnio sui polsi degli altri. Se vogliamo liberarci da loro, abbiamo bisogno di qualcos'altro per connetterci.
 
Testimoniare ogni volta che possiamo, e a quante più persone possibile, sugli effetti negativi del blocco, della brutalità della polizia, della censura, dell'essere iniettati, licenziati per non conformità, ecc. Dare voce alle nostre esperienze libererà le voci degli altri vittime di bullismo e spaventate nel silenzio.
Creare economie indipendenti (con bitcoin, ecc.), che la Central Bank Digital Currency, tra le altre cose, è stata creata per distruggere.
 
Produzione alimentare collettiva e produzione di energia off-grid.
Formare una milizia collettiva per difendersi da ciò che sta accadendo in Cina ora e che alla fine accadrà qui. I gruppi che, ad esempio, organizzano proteste o portano cartelli lungo le strade o irrompono nelle cliniche di "vaccinazione" o vandalizzano le antenne 5G dovranno diventare più militanti. Ad esempio, alcuni gruppi stanno già distruggendo le infrastrutture a livello stradale delle "città di 15 minuti" imposte illegalmente.
 
 
3. Rivendicare la politica dell'amicizia (sociale)
 
Durante il famoso discorso di Nikita Krushchev al 20° Congresso del Partito Comunista dell'Unione Sovietica nel 1956, in cui denunciava i crimini di Stalin e il suo uso del terrore, un disturbatore gridò: "Eri suo compagno, perché non l'hai fermato?» Krushchev ribatté: «Chi l'ha detto?» Nessuna mano, naturalmente, si alzò per identificare l'oratore. Krushchev ha continuato tranquillamente: "Ora sai perché non l'ho fermato". Questa codardia di affrontare la tirannia è tornata oggi in ogni parlamento in ogni democrazia nominalmente neoliberista dell'Occidente.
 
Il mese scorso, a quasi tre anni dall'inizio della "pandemia", quando un membro del parlamento del Regno Unito ha finalmente trovato il coraggio di sottolineare che più persone hanno riportato reazioni avverse alle iniezioni di mRNA per COVID-19 rispetto a tutti gli altri vaccini combinati nel corso dei quarant'anni precedenti, e ha invitato il nostro primo ministro non eletto a fermare il programma di "vaccinazione" del Regno Unito, i suoi commenti sono stati universalmente condannati dai suoi colleghi parlamentari, prima come "pericolosi" e poi come "antisemiti", e lo stesso deputato, Andrew Bridgen, è stato liquidato come un "teorico della cospirazione", accusato di molestie sessuali, sospeso dal Parlamento per aver infranto le regole sul lobbismo (che è un po' come distribuire multe per eccesso di velocità a Silverstone), e infine espulso dal suo partito.
 
Diffuso 8 anni dopo la pubblicazione del suo libro, Le origini del totalitarismo,  https://cheirif.files.wordpress.com/2014/08/hannah-arendt-the-origins-of-totalitarianism-meridian-1962.pdf,  è stata la sua occasione per riflettere ulteriormente su come un nuovo inizio possa germogliare all'interno di un mondo totalitario, e lo ha fatto intorno a una discussione sulla politica dell'amicizia, che eleva in questo testo a un rapporto politico sia con gli altri che con il mondo in cui viviamo con gli altri.
La Arendt sosteneva che, per gli antichi greci, l'amicizia tra i cittadini era uno dei requisiti fondamentali per il benessere della città-stato su cui si fonda la democrazia occidentale. Questo concetto di amicizia, tuttavia, è diverso da quello dell'individuo nei tempi moderni o anche nei nostri tempi postmoderni. Per noi l'amicizia è vissuta come l'intimità in cui sfuggiamo alla nostra alienazione dal mondo condividendo i dettagli della nostra vita privata in incontri faccia a faccia. L'amicizia, per noi, è l'opposto della nostra vita pubblica all'interno del regno sociale e politico. Ma per gli antichi greci, i cittadini erano uniti solo in una polis - costituivano solo questo regno pubblico - nel costante scambio di discorsi. L'essenza dell'amicizia, quindi, consisteva nel discorso.
È, credo che una misura del potenziale politico di questo concetto di amicizia, sia il fatto che, nei due anni durante i quali abbiamo vissuto sotto restrizioni alle nostre libertà giustificate da una "pandemia" dichiarata politicamente, l'amicizia sia stata sotto attacco inesorabile da parte dello stato. Lo spazio dell'amicizia è stato esplicitamente preso di mira da "misure" di biosicurezza che continuano a istruirci a mantenere il distanziamento sociale, stanno cercando di cancellare i nostri volti dietro una maschera indossata in modo permanente, ci incoraggiano a vedere gli altri come una minaccia per la nostra salute e la nostra vita, hanno ordinato alle persone di rimanere nelle loro case per mesi e mesi, hanno normalizzato il lavoro da casa per le classi medie, promosso l'interazione online rispetto alle relazioni personali e, più in generale e progressivamente, stanno rimuovendo il nostro accesso al mondo in cui viviamo, e della cui colonizzazione da parte del Global Biosecurity State ci è stato vietato di discutere.

Questo attacco, che continua ancora oggi, ha provocato la diffusa rottura dei rapporti tra compiacenti e non compiacenti che si è estesa da amici e colleghi alle famiglie, mariti e mogli, genitori e figli, fratelli e sorelle. Forse la cosa più importante è che l'assalto concertato all'amicizia da parte dello stato di biosicurezza ha servito questa forma politica in modo più esplicito nel divieto imposto di discutere la Nuova Normalità a cui siamo stati costretti senza dibattito nel nostro Parlamento, nei nostri media e in gran parte nell' assenza di discussione tra di noi.

 

Il discorso tra cittadini sul mondo, che gli antichi greci individuavano come fondamento del benessere dello Stato, non solo è stato represso ma è ora criminalizzato sulla giustificazione di quel 'bene comune' per il quale alla biosicurezza è stata riconosciuta una valore assoluto rispetto ai valori ormai sussidiari della cittadinanza, dell'amicizia, della libertà di parola e della democrazia. Forse il carattere più distintivo del consenso su cui si è costruito lo stato di biosicurezza del Regno Unito in poco più di due anni e mezzo è la disponibilità della stragrande maggioranza della popolazione, di quasi tutti i nostri cosiddetti intellettuali e tutti i nostri politici, non solo a sottomettersi alla censura, ma anche ad abbandonare il pensiero critico.

Non sorprende, quindi, che le norme di biosicurezza abbiano preso di mira proprio questa dimensione politica dell'amicizia, poiché è proprio sulla cancellazione del politico — di quel dibattito costante su cui si fonda la polis democratica — che i programmi e le tecnologie transumane del Global Biosecurity State sono in fase di attuazione.
Se vogliamo formulare una "politica del futuro" che ci aiuti, prima di tutto, a conservare la nostra umanità e, un giorno, a superare il mondo totalitario che vuole distruggerla, dobbiamo partire dal rivendicare la dimensione politica dell'amicizia. Senza dimenticare o, da parte mia, senza perdonare, dobbiamo continuare a cercare di parlare a coloro che si rifiutano di parlarci, ascoltare coloro che da tempo hanno chiuso le orecchie a tutto tranne che alle bugie e alle minacce dei loro superiori, e cercare di educare e persuadere coloro che erano e sono ancora disposti a bandirci dalla loro società per la nostra mancanza di fede nel loro dogma fondamentalista. Perché se non lo facciamo, il fascismo trionferà più sicuramente di quanto, forse, lo farebbe comunque, anche se lo facessimo.
Dall'incontro annuale del World Economic Forum, 2023
Klaus Schwab, fondatore e direttore del World Economic Forum, dopo aver previsto che "i sistemi energetici globali, il sistema alimentare e le catene di approvvigionamento" saranno "profondamente influenzati" dai "cambiamenti sistemici e strutturali" dell'economia globale, ha dichiarato che noi (loro) dobbiamo "padroneggiare il futuro'.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea non eletta, ha predetto che ci troviamo di fronte alla "più grande trasformazione industriale dei nostri tempi e forse di qualsiasi altro tempo", e ha affermato che "coloro che svilupperanno la tecnologia che sarà la base della futura l'economia avranno il massimo vantaggio competitivo'.

Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, la seconda più grande azienda farmaceutica al mondo, ha annunciato che quest'anno usciranno le terapie geniche dell'RNA messaggero vendute e rese obbligatorie come "vaccini" sia per il COVID-19 che per l'influenza stagionale combinati.

Tony Blair, l'ex primo ministro del Regno Unito e criminale di guerra, ha chiesto una "infrastruttura digitale nazionale" per i sistemi sanitari di tutti i paesi.

Keir Starmer, il leader del partito laburista, ha promesso che se diventerà primo ministro del Regno Unito, lo stato lavorerà attivamente con il settore privato per sfruttare "la più grande opportunità che ci è stata data da molto tempo per la transizione verso il futuro'.
Jim Hagemann Snabe, presidente di Siemens, la più grande azienda manifatturiera industriale in Europa, ha chiesto non una riduzione della produzione e dei profitti, ma che un "miliardo di persone smettano di mangiare carne".
Jim Wray, direttore del Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti, si è vantato che la "collaborazione tra il governo degli Stati Uniti e il settore privato" ha fatto "passi da gigante" nelle "opportunità" fornite dalle nuove tecnologie di sorveglianza.
John Kerry, l'inviato presidenziale degli Stati Uniti per il cambiamento climatico, ha osservato che il fatto che "pochi eletti" a Davos abbiano il potere di "salvare il pianeta" è "extraterrestre".
Al Gore, l'ex vicepresidente degli Stati Uniti, membro del consiglio di amministrazione di Apple e consigliere senior di Google, ci ha minacciato di "bombe a pioggia", "oceani in ebollizione" e un miliardo di "rifugiati climatici" che ci toglieranno la nostra "capacità di autogoverno" - a meno che non "agiamo ora".
Volodmyr Zelenskyy, l'ex comico e ballerino e attuale presidente fantoccio dell'Ucraina insediato nel 2014 da un colpo di stato politico progettato dagli Stati Uniti, ha invitato il "mondo intero" a opporsi al "male" e all'esportazione del "terrore" da parte della Russia.

©Bob Moran, Not Our Future (2022)

Questa argomento è stata modificata 1 minuto fa da ekain3
Condividi: