Notifiche
Cancella tutti

L'AUSTRIA SANCISCE NELLA COSTITUZIONE IL DIRITTO DI PAGARE IN CONTANTI

   RSS

1
Topic starter

L'Austria sancisce nella costituzione il diritto di pagare in contanti

Rhoda Wilson

Fonte: The Exposé

Martedì 8 agosto 2023

Link: https://expose-news.com/2023/08/08/austria-to-enshrine-right-to-cash-into-constitution/

 

Poiché i pagamenti contactless con carta diventano sempre più popolari in Europa, il 4 agosto il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha annunciato l'intenzione di sancire nella costituzione del paese il diritto di pagare in contanti [1].

 

Nehammer ha proposto l'emendamento dopo che il Partito della Libertà austriaco, attualmente in ascesa nei sondaggi [2], ha accusato l'attuale governo di aver cospirato per vietare il contante per poter rintracciare i suoi cittadini. Nehammer è il leader del Partito popolare conservatore austriaco, che governa in una coalizione con il Partito di sinistra dei Verdi.

“Solo in Austria, ogni anno vengono prelevati 47 miliardi di euro dagli sportelli automatici e in media ogni austriaco ha con sé 102 euro in contanti”, ha  scritto Nehammer in un tweet [3] (originale in tedesco). "Ecco perché io... mi impegno a garantire che il contante sia costituzionalmente protetto come mezzo di pagamento".

Il piano garantirebbe contanti come opzione di pagamento e istruirebbe la Banca Centrale austriaca a garantire una fornitura di base di valuta cartacea. Nehammer ha incaricato il ministro delle finanze Magnus Brunner di guidare lo sforzo collaborando con altri ministeri del governo e rappresentanti del settore privato.

 

Le società di carte di credito vendono i tuoi dati agli inserzionisti

I sospetti su grandi banche e istituzioni finanziarie che tracciano i loro clienti ed estraggono dati personali hanno sollevato campanelli d'allarme sulla transizione a una valuta digitale, con gli attivisti che sostengono che il contante [4] è l'unico modo per garantire la privacy.

Sempre più spesso società di carte di credito, tra cui Visa, American Express e Mastercard, effettuano una compilazione e la vendita di dati sulle transazioni personali alle società pubblicitarie come una delle principali fonti di profitto [5]. I dati alla base della maggior parte delle transazioni digitali vengono attualmente trasmessi a operatori di marketing, aziende e altre società che estraggono tali dati per monitorare le tendenze e creare annunci personalizzati.

Questa violazione della privacy è legale a causa di una  scappatoia nota come tokenizzazione [6], una tecnologia

finanziaria pionieristica negli anni '90 che rende anonimi i dati personali delle transazioni tramite un codice identificativo univoco, che può essere successivamente correlato da un'azienda con il file del singolo cliente di una banca.

Questi sistemi sono diventati così sofisticati che spesso sono predittivi. Ad esempio, molti negozi sono in grado entro pochi giorni di scoprire con accuratezza che le loro clienti sono incinte tramite le loro abitudini di acquisto. Nel 2012, il New York Times ha riferito [7] di un padre che ha scoperto che sua figlia adolescente era incinta attraverso messaggi mail mirati a casa che pubblicizzavano abbigliamento premaman e mobili per l’infanzia.

Inoltre, i pagamenti non in contanti comportano un  onere finanziario per le imprese [8], con le principali istituzioni finanziarie che addebitano una commissione per l'elaborazione della carta di credito. Queste commissioni possono arrivare fino al 3,5%, interessando sia i commercianti che i clienti.

Quanto sopra è un estratto da un articolo pubblicato da Quartz. Leggi l'articolo completo QUI [9].

 

Note e riferimenti

  1. https://twitter.com/karlnehammer/status/1687329203346198529?s=20
  2. https://www.euronews.com/2023/05/08/polls-suggest-austrias-populist-freedom-party-is-on-course-to-lead-the-country
  3. https://twitter.com/karlnehammer/status/1687329203346198529?s=20
  4. https://www.cashmatters.org/blog/how-cash-protects-the-publics-right-to-privacy
  5. https://www.aclu.org/news/privacy-technology/why-dont-we-have-more-privacy-when-we-use-credit-card
  6. https://www.techtarget.com/searchsecurity/definition/tokenization
  7. https://www.nytimes.com/2012/02/19/magazine/shopping-habits.html ?
  8. https://www.cnbc.com/2023/07/30/credit-card-fee-fight-pits-payment-companies-against-retailers.html
  9. https://qz.com/the-right-to-pay-anonymously-has-become-part-of-an-eu-c-1850708074

 

 

 

Questa argomento è stata modificata 10 mesi fa da oldhunter

"L'Austria sancisce nella costituzione il diritto di pagare in contanti"

Il titolo non è del tutto corretto. È vero che Nehammer ha preso l'impegno di inserire il diritto al contante in Costituzione, ma per fare ciò deve convincere altri due partiti. Pare che abbia preso di sorpresa anche i Verdi con questa sua iniziativa. Alla fine saranno le banche a decidere sull'uso del contante, diradando o meno la rete dei bankomat.

Un emendamento costituzionale sul contante è invece avvenuto in Slovacchia:

"Allo stesso tempo, il 15 giugno, il Consiglio nazionale slovacco ha approvato a larga maggioranza un emendamento costituzionale che obbliga i rivenditori ad accettare i contanti. La modifica si applica dal 1° luglio. Tuttavia, è pieno di scappatoie. I negozianti avranno il diritto di rifiutare l'accettazione per "motivi ragionevoli o generalmente validi". Numerose sono le possibili eccezioni a tale formulazione, che spetta al diritto ordinario decidere.

Non è chiaro se il diritto al pagamento in contanti sia stato effettivamente rafforzato, ma non si può trascurare l'effetto simbolico. Alcuni media hanno riferito anche all'estero. La Slovacchia è il primo Paese al mondo a includere i pagamenti in contanti nella Costituzione."   Fonte in tedesco:  https://norberthaering.de/bargeld-widerstand/slowakei/

 

Condividi: