Notifiche
Cancella tutti

Timpsila, Medicina per la tecnologia senza logica

   RSS

0
Topic starter
 
di Alison McDowell
John Trudell, attivista e poeta nativo americano, ha parlato profeticamente di un'energia predatoria che mina "l'essere parte degli umani". Lo chiamava tech-no-logic. Ogni gennaio dall'inizio degli anni '70, gli intermediari del potere del World Economic Forum (WEF) si sono riuniti a Davos per tracciare i prossimi passi del loro pianificato colpo di stato tecnologico.
 
Ora abbiamo raggiunto un punto di svolta con l'introduzione del "capitalismo degli stakeholder". È un vasto programma di mining  https://it.wikipedia.org/wiki/Data_mining   della povertà inteso a trasformare le masse in beni di capitale umano per la speculazione finanziaria e la sorveglianza onnipresente. Questo settore degli investimenti emergente si basa su povertà e traumi, due cose che la risposta al Covid-19 ha prodotto in abbondanza.
 
Stiamo sperimentando il percorso verso il futuro transumanista pianificato dal WEF. Il Covid ha aperto la strada a un reset destinato a inaugurare la loro quarta rivoluzione industriale. Questa è una rivoluzione in cui intelligenza artificiale (AI), sensori Internet of Things (IoT), 5G, robotica e biologia sintetica minacciano di consumare l'umanità. Siamo sull'orlo della normalizzazione del biocapitalismo: gli esseri umani e la natura come batterie per i mercati finanziari. Derivati dell'immagine (picture derivatives)  mescolati con l'eugenetica bioingegnerizzata, venduti ingannevolmente al pubblico con il marchio di capitalismo "verde". 
Il piano prevede di incanalare la ricchezza concentrata dei maggiori detentori di asset del mondo attraverso accordi strutturati in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.
Tiriamo indietro il sipario e guardiamo un programma abbracciato senza pensarci da così tanti progressisti e liberali esposto per quello che è: non giustizia climatica e non liberazione dei poveri e dei diseredati, ma un' orgia cannibale e onnivora di  spirito meccanicistico.  
 
La fase successiva del programma di mining di Davos prevede l'implementazione di interfacce di computer umano nanotecnologico a livello di popolazione per iniziare a fonderci in un'unica mente alveare (a single hive mind) . 
Questa tecnologia sarà confezionata come terapeutica all'avanguardia destinata a mantenerci "al sicuro e in salute".
 
Verranno messe in atto esenzioni di responsabilità per garantire che le aziende che sviluppano tali abomini, in coordinamento con gli scienziati pazzi della DARPA, non siano mai ritenute responsabili del danno che causano.  
 
Prevedo che "medicina personalizzata" e "cure preventive" sotto forma di una serie di vaccini mRNA saranno incaricati di imbrigliare l'umanità nel "software della vita" di Bill Gates.
 
 
 

mRNA Software Of Life Moderna
Moderna Gates

 
 
L'Harvard Business Review afferma che questa campagna globale deve essere lanciata "in modo equo". I satelliti sono pronti a tracciare i corpi delle persone di colore nere e marrone ( Black and Brown bodies) dallo spazio e imporre la copertura vaccinale completa necessaria per portare a termine queste intenzioni malevole.
Cerca computer planetario di Microsoft. (Microsoft’s planetary computer.)   https://planetarycomputer.microsoft.com/
 
Gli oligarchi parlano di un mondo in cui “nessuno è lasciato indietro”. Tutti etichettati e rintracciati nel database principale di Internet of Humans, bestiame addomesticato senza autonomia la cui forza vitale viene risucchiata per soddisfare l'avidità implacabile dell'energia dei predatori. I vaccini di GAVI, che vengono integrati nei sistemi di identità digitale, potrebbero benissimo spingere l'umanità oltre la soglia nella terribile visione del WEF.

 

Harvard Vaccines Satellite

I globalisti hanno a lungo preso di mira le popolazioni vulnerabili come carburante di "impatto sociale", questa è predazione aziendale bollata come "cura" paternalistica. All'interno del sistema tech-no-logic, sarà richiesta la totale conformità. Il comportamento approvato diventa valuta, tokenizzato su blockchain e monitorato da sensori e IA. Ci stanno allenando per un futuro in cui gareggiamo l'uno con l'altro per vedere chi è il più educato, il più docile. Sopravvivere significherà conformarsi ai termini stridenti di accordi finanziari psicopatici. Per ottenere i dati necessari per verificare le affermazioni incorporate in contorte accordi "pay for success", nostra madre, la terra, deve essere ricostruita come una prigione digitale geo-recintata utilizzando 5G e costellazioni satellitari. Tutti i tuoi dati verranno aggiunti al tuo "archivio permanente"  “permanent record”   per valutare il tuo valore come capitale umano per i portafogli degli investitori. I miliardari immaginano un futuro in cui la libertà è un privilegio limitato a se stessi, ai loro funzionari e ai robot che controllano.

Siate certi che l'IA ci sta già tenendo d'occhio e il punteggio di credito sociale è a buon punto.

Sofisticate campagne di propaganda e la cooptazione strategica dei movimenti di base hanno spinto il pubblico ad abbracciare questo modello a braccia aperte.
 
La trappola è stata tesa e OGNI aspetto della vita, che attraverso la bioingegneria può ora essere modificato a livello cellulare, sarà controllato per trarre profitto da parte dell'élite globale.
Non si tratta solo di sorveglianza e polizia, si tratta del dominio totale di mente, corpo e spirito attraverso tecnologie intelligenti. I passaporti sanitari biometrici porteranno questi sistemi a diffondersi in modo scalare attraverso ID2020. Le banche centrali porteranno presto online i mercati obbligazionari del capitale umano latenti.
 
 

 

moreauriver

Questo futuro pianificato, tuttavia, NON è preordinato. Il transumanesimo totalitario non è una conclusione scontata. Il rimedio di Trudell? Cambiare la nostra percezione della realtà attraverso la non-cooperazione attiva. Manifestiamo nei nostri cuori, nelle nostre menti e nelle nostre azioni il mondo che desideriamo. Laddove progettano, cerchiamo di disconnetterci, RICONNETTERCI con intenzione; non solo l'uno con l'altro, ma con TUTTE le nostre relazioni, la terra e gli esseri spirituali che esistono oltre i nostri sensi. Dobbiamo sincronizzarci per cambiare la realtà vibrazionale e quel potere che esiste dentro di noi come figli della terra.

La nostra relazione con il sole, il cielo e l'universo è la rete cosmica che deve essere ritessuta. Secondo Trudell, gli umani risvegliati hanno la responsabilità di usare l'intelligenza data loro dal creatore per affrontare la violenza della macchina tecnologica. Spetta a quelli di noi che vedono di farlo con chiarezza e coerenza. Diventando "pensatori" rivendichiamo la nostra stabilità ed usciamo dal sistema di controllo che manipola coloro che "credono" passivamente.

 
La filosofia di Trudell mi ispira e offre un baluardo contro il panico che provo guardando l'ascesa del fascismo tecnologico intriso di legge marziale medica. Per contrastare questa cupa visione, voglio condividere con voi una storia della treccia timpsila appesa nella mia cucina. Per me, incarna il trionfo del creatore e della vita indigena sul disastroso pensiero tecnologico occidentale bianco. È un promemoria per controllare le mie tendenze alla disperazione e per lavorare per manifestare una realtà diversa nel mio cuore come essere umano che pensa e sente con lucidità. Quando sarò tentata di scendere più a fondo nell'oscurità, mi sforzerò di accendere una luce e immaginare un futuro di reciprocità, gratitudine, comunità e cura.

 

timpsila

 

Timpsila, Psoralea esculenta o rapa della prateria, è un alimento selvatico raccolto dal popolo Lakota. Le sue foglie verdi argentate e i suoi penetranti fiori viola punteggiano le colline della prateria. I suoi tuberi vengono raccolti spontaneamente a giugno dopo la fioritura. Le cime vengono accuratamente riposte in ogni buca scavata in modo che i loro semi possano completare il ciclo di vita e ripristinare ciò che è stato prelevato. Radici sottili intrecciate insieme consentono di essiccare i tuberi per la conservazione. Reidratati, vengono utilizzati in umido o macinati come farina. È un alimento durevole, un alimento di sopravvivenza. Una treccia Timpsila è un segno di abbondanza e di un profondo legame con la terra.
 
Quest'estate mi sono stati fatti due regali, il primo era un dono di un mese a contatto con la terra e il secondo era il dono della treccia. Quel primo regalo mi ha dato la possibilità di ritrovare me stessa nel cosmo. Il mio essere era arrivato pericolosamente vicino a scivolare nell'oscuro abbraccio della "vita" algoritmica. Wrenchinthegears.com è il mio blog ed è stato letteralmente straziante vedere i piani infidi su cui ho studiato per anni emergere in piena regola sullo sfondo del Covid. Il tempo e lo spazio per disconnettersi dall'energia predatoria della tech-no-logic è stata un'offerta inaspettata e preziosa che mi ha colta di sorpresa.
 
Fare questa scelta mi è sembrato del tutto irregolare, ma anche profondamente giusto. I tempi incerti mi hanno portato a guardarmi dentro e a fidarmi del processo. Se siamo impegnati a cambiare il paradigma dominante, quello plasmato da impero, violenza, concorrenza e iperconsumismo, dobbiamo essere disposti a rischiare di guarire quando si apre una porta – per seguire le linee, come ha detto John Trudell, con intelligenza e coerenza. Forse nel fare il lavoro di guarigione noi stessi possiamo aiutare a guarire il mondo e costruire di nuovo.

Prima di partire, un amico che dirige una fattoria urbana della diaspora africana mi ha detto di muovermi lentamente. Impara prima la terra. Il lavoro doveva venire da un luogo spirituale. Ha offerto una guida orticola, ma ha avvertito che avrei potuto non finire per fare ciò per cui pensavo di andare lì. La sfida era essere sintonizzati e umili. Guarda attentamente e ascolta attentamente. Un altro amico mi ha suggerito di scendere al fiume, lo Schuylkill, prima del mio viaggio e di chiedere una guida durante il viaggio. Sono nuova e piuttosto goffa riguardo alle cerimonie e sono finita fino alle caviglie nel fango appiccicoso della marea. In un certo senso speravo che questo dono di tempo e spazio offrisse una misura di trasformazione. Quindi la lezione che ho tratto dalla mia visita al fiume è che se il tuo obiettivo è la trasformazione, non c'è niente da fare in punta di piedi. Devi essere disposto a fare un passo avanti con entrambi i piedi e sporcarti.

Nei giorni prima della mia partenza ho visto molti preziosi serpenti giarrettiera, tra cui uno che era annidato in una pianta di fragole in un letto che stavo diserbando. Un bellissimo serpente corridore blu è uscito di corsa dall'erba alta per salutarmi in giardino uno dei miei primi giorni lì, e il giorno prima che me ne andassi un serpente toro di un metro e mezzo si è allungato lussuosamente su una strada secondaria come un amico e io ho guardato con apprezzamento . Sicuramente in questo viaggio dovevo liberarmi di un po' della mia vecchia pelle.
 
Per cambiare il mondo, dobbiamo essere disposti a guardare in profondità dentro di noi. Dobbiamo disimballare i modi in cui l'istruzione obbligatoria, la religione, la politica e la cultura del consumo cercano di contenerci all'interno di un sistema di controllo più ampio. Così confinata, l'energia predatoria di cui parlava Trudell può facilmente nutrirsi della discordia fabbricata che è continuamente infiammata per trarre profitto da parte dell'élite di Davos. Se riusciamo a garantire una nuova lente e impegnarci a ripristinare le giuste relazioni, potremmo essere in grado di tracciare un nuovo corso. In questo momento di pandemia del tentativo di ripristino economico globale del WEF (noto anche come colpo di stato globale tramite impoverimento di massa), il mio obiettivo era staccare la spina, uscire dal tempo e realizzare il mio riavvio interno.
Quindi, ho indirizzato la mia vecchia Subaru lontano dalla vita in una città "intelligente" verso una terra di erba, vento e cielo. In fondo alla strada mi aspettava l'IDEA di un orto in una tranquilla vallata fluviale. Coloro che mi avevano chiesto di venire volevano costruire un giardino che integrasse uno sforzo di allevamento di polli: letame, controllo degli insetti, mangime, un sistema circolare. L'obiettivo era sviluppare un prototipo che, con materiale e supporto tecnico, potesse consentire alle piccole comunità di accedere a cibo più sano e più conveniente.
 
L'indipendenza alimentare è radicale. Questo è il motivo per cui la guerra contro i ribelli prende di mira la capacità delle persone di nutrirsi. Questo è il motivo per cui le Black Panthers erano considerate così pericolose per la struttura del potere. Questo è il motivo per cui le aziende ci fanno ammalare con materiali di consumo OGM altamente trasformati. Questo è il motivo per cui stiamo assistendo al consolidamento delle catene di approvvigionamento sotto Covid. Il progresso della produzione vegetale idroponica, a base di fertilizzanti petrolchimici e della "carne" coltivata in laboratorio sono una caratteristica centrale della Quarta Rivoluzione Industriale. 
 
Il cibo deve essere una medicina per il corpo e lo spirito. Mettere le mani nella terra è una medicina. Salvare i semi a impollinazione aperta è una medicina. I semi di cimelio contengono storie di lotta e sopravvivenza. Sono arrivata con una vanga e una pala cercando di far parte di questo lavoro di medicina, le mie mani erano pronte.
Quando l'ho vistoa per la prima volta, l'area per il giardino pianificato era un rigoglioso tappeto di erbe, achillea, cipolle selvatiche e artemisia. Sono cresciuti da un terreno argilloso limoso diverso da qualsiasi cosa in cui avessi mai messo le mani prima. È il tipo di terreno che una volta umido può trasformarsi in un vaso di terracotta, ma una volta asciutto si indurisce come cemento e si scheggia in una rete infinita di crepe delicate che riparano ragni lupo vellutati grandi quanto la tua mano. Terreno Vertisol: ci siamo conosciuti bene nelle settimane a venire.
 
Sulla terra iniziò il mio apprendimento. Prima di partire ho raccolto guide di uccelli, carte di identificazione dell'erba, trattati di etno-botanica delle praterie settentrionali. Ho assorbito la parola scritta, ma il lavoro del cuore fiorisce davvero attraverso l'esperienza vissuta del corpo. In quelle settimane di quarantena ho percorso strade sterrate verso orizzonti lontani e ho incontrato i diversi residenti della nazione dell'erba. Ho vissuto la bellezza di ogni momento: ogni settimana nuove teste di semi, fiori, insetti e uccelli da salutare. Come dice Robin Wall Kimmerer, siamo i giovani fratelli con molto da imparare dagli esseri più grandi che ci circondano. La prateria è stata la mia insegnante e sarò per sempre grata per le lezioni che mi sono state impartite al di fuori della matrice di controllo.
 

 

cottonwood

I paletti di legno posti in mezzo all'erba dietro i pollai offrivano solo un vago accenno di ciò che sarebbe emerso lì. Abbiamo deciso di sperimentare diversi approcci utilizzando materiali locali e vedere cosa funzionava meglio e cosa poteva essere portato in scala. L'ultimo giardino comprendeva tre aiuole coltivate con colture di copertura, otto aiuole scavate a mano con nuovo terriccio introdotto, un letto trincerato per patate, dieci zolle di zolle e tre cumuli di compost. C'era anche un letto coltivato modificato con letame di bestiame dove piantavamo mais, fagioli e zucca: le tre sorelle.
 
All'inizio il mio amico mi ha visitato in giardino. Ha cercato di convincermi che il terreno, anche se ai MIEI occhi sembrava impossibile, sarebbe andato bene. I suoi antenati avevano coltivato il fondo del fiume.
 
Possedeva quella conoscenza e mi vergogno che nella mia incertezza e preoccupazione per il "successo" in questo progetto di giardino, non ho abbracciato completamente quegli insegnamenti. E così nelle prove che abbiamo fatto, il letto che è stato dissodato solo con un po' di letame – il letto delle tre sorelle – è cresciuto come il mio amico mi ha assicurato. Le foglie di mais si spiegarono, poi i fagioli, poi la zucca. Quando me ne andai, tutti i semi avevano manifestato la loro presenza. Abbiamo deciso di chiamarlo Santuario delle Tre Sorelle. Dopo una notte tempestosa che ha versato un pollice di pioggia sulla terra screpolata, ho preparato la mia tenda fangosa e mi sono diretto verso est sapendo che il santuario sarebbe stato ben curato dal mio amico. Dopotutto, era la sua terra. Conosceva la sua forza vitale nel suo cuore.
 
Durante il mio soggiorno, questo amico ha condiviso generosamente aspetti della vita vicino alla natura nella prateria. La luna di giugno a Lakota è chiamata tinpsinla itkahaca wi o luna quando i baccelli della rapa selvatica vanno a seminare. Riempì un secchio da cinque galloni e mi mostrò come prepararli per la conservazione. I miei primi tentativi di sbucciare i tuberi con il mio coltellino usato di rado furono piuttosto tristi. Ero troppo incerta, ma alla fine ho imparato come far scorrere la lama vicino all'estremità del gambo e staccare la buccia ruvida per esporre la carne liscia e umida della rapa all'interno. Estremamente soddisfacente. In quello spazio liminale tra i fusi orari, per molti versi completamente al di fuori del tempo, una pausa di mezzogiorno seduti all'ombra per sbucciare la timpsila sembrava perfettamente giusta. C'era un ritmo per riintrecciare connessioni lacerate tra un essere umano e la terra. A poco a poco, tubero dopo tubero, lento, lento, lento, il secchio si è svuotato: un piccolo atto di non cooperazione contro un mondo meccanizzato definito da velocità, industrializzazione e catene di approvvigionamento globali.
 

 

peeledtimpsila

Mi è stata concessa l'opportunità di vedere timpsila al loro posto tra altri esseri vegetali, stagni limpidi e anelli di roccia sotto un cielo dipinto di nuvole che filtravano una drammatica luce prima della tempesta. Queste non sono le piante addomesticate di un orto, non pomodori o peperoni, ma offerte selvagge fatte dal creatore per essere parte dell'uomo. Li salutai su quelle colline la notte del Solstizio su una terra che apparteneva a un'unica famiglia da oltre un secolo. Quel morso croccante di una rapa fresca scavata su quella terra sacra era una medicina potente. Lo porterò nel mio cuore e ne sono profondamente grato.
La notte in cui il mio amico mi ha regalato la treccia è uscito nella mia tenda. Stava piovendo e, mentre girava la testa, il suo faro si vedeva brevemente sulla staccionata. Lì, un ragno tesseva abilmente una tela. Luccicava di gocce di pioggia e mi toglieva il respiro. Ci fermammo un momento a guardare nella fresca aria notturna il ragno che faceva il suo lavoro. Proprio come il ragno, quelli di noi che sono svegli hanno il potere di essere costruttori di mondi. Anche se possiamo sentirci sopraffatti dal buio e dalla pioggia, abbiamo la possibilità di creare una nuova storia: il potenziale del filo di seta che sta al centro del nostro essere. Non dobbiamo rimanere intrappolati nel paradigma attuale. La vecchia rete sbrindellata può essere consumata e ricostruita. Insieme abbiamo il potere creativo di tessere un futuro in cui la tecnologia non logica è bandita dalle nostre vite.
Immagina se le persone non indigene avessero dentro di sé la possibilità di diventare "pensatori" come li descrive Trudell. Non più indottrinati dalla matrice di controllo che si nutre del loro dolore e del loro conflitto, ma invece intenti a coltivare una cultura di gratitudine, cerimonia, comunità e reciprocità, il tutto fondato su una connessione con la terra e il cosmo. QUESTO potrebbe benissimo essere l'antidoto allo spirito meccanicistico che divora tutto del capitalismo “verde” tecnologico. Ucciderebbe il mercato obbligazionario del capitale umano prima che il 5G e le catene della tecnologia indossabile uscissero dal tavolo da disegno, scatenando un potere al di là di qualsiasi cosa possiamo immaginare. Possiamo farlo così.
 
Se sei in grado di sostenere gli sforzi per l'indipendenza alimentare dei Lakota, regali di qualsiasi dimensione  aiuteranno a pagare i semi della prossima primavera. Chas Jewett su Venmo @chas-jewett-1. Wopila.
 
Questo è un tour del Santuario delle Tre Sorelle. Conosci il passato e costruisci un futuro migliore.
Questo pezzo è esso stesso una rete di molti fili di seta gentilmente offerti da amati collaboratori. Grazie amici.
Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 2 volte da ekain3
5 risposte
0

Bella storia.

Sarebbero loro i popoli primitivi?

0
Topic starter

LuxIgnis:   Alison McDowell è una ricercatrice americana molto brava, la 'storia' fa parte del suo percorso personale, e ho scelto condividerla, ma a me interessava postare soprattutto la prima parte, quello che scrive sul transumanesimo verso cui stiamo tutti quanti accelerando in modo suicida.  Ma la prima parte diventa una testimonianza di vita anche grazie alla seconda: lei è un'attivista, non un politico.

https://www.johntrudell.com/biography/

Questo post è stato modificato 1 mese fa 4 volte da ekain3
0

La conoscevo almeno di sfuggita visto che mi sono interessato e mi interessano i nativi americani e quello che hanno da dire. 

A me invece è interessata di più la storia. La questione del transumanesimo è qualcosa che ha origine molto molto prima di adesso. In fondo il transumanesimo è solo una conseguenza e non una causa. Per questo per me non è un problema di per sé. Il problema sta a monte. Cosa che il racconto della nativa, tra le righe, ha detto. E anche i rimedi per combatterlo.

lei comunque non è una nativa americana, è una ricercatrice, secondo me una delle migliori al mondo. Quando dice: ''La filosofia di Trudell mi ispira e offre un baluardo contro il panico che provo guardando l'ascesa del fascismo tecnologico intriso di legge marziale medica. Per contrastare questa cupa visione, voglio condividere con voi una storia della treccia timpsila appesa nella mia cucina. Per me, incarna il trionfo del creatore e della vita indigena sul disastroso pensiero tecnologico occidentale bianco. È un promemoria per controllare le mie tendenze alla disperazione e per lavorare per manifestare una realtà diversa nel mio cuore come essere umano che pensa e sente con lucidità. Quando sarò tentata di scendere più a fondo nell'oscurità, mi sforzerò di accendere una luce e immaginare un futuro di reciprocità, gratitudine, comunità e cura.'' Penso che se si guarda lucidamente la realtà che sta accadendo, è facile cadere nella disperazione totale. Lei segue la strada dei nativi americani, è fortunata perché ha amici Lakota che le insegnano a restare in contatto con la terra, fa bene a farlo, secondo me.

0

Che bella testimonianza. Il legame con la natura, tipico della cultura nativa americana, è la forza che permette di opporsi e resistere all'abiezione dei progetti che minacciano l'immediato futuro dell'uomo, inteso come essere umano e non solo come corpo politico o membro di una comunità. L'autore, fedele alle sue tradizioni, ha ragione. Io credo anche che questa interpretazione sia in realtà una delle numerose prove della fallibilità assoluta dei programmi dei signori del wef o chi per essi. Ci saranno anche altri, che attraverso altre vie interpretative, dimostreranno che costoro si sono illusi. Illusi di poter controllare l'imprevedibilità del caso e la complessità umana e naturale in genere. Sono illusi che i loro sistemi avranno ragione del caos e degli effetti non previsti ( tecnologia senza logica, appunto ). Sono anche tremendamente illusi di possedere una superiorità morale che è nei fatti più debole di un castello di carte. L'intelligenza dell'uomo che offre una treccia di tuberi come buon auspicio di legame proficuo con la natura è già infinitamente superiore a quella artificiale dei satelliti che daranno loro la caccia. Bisogna esserne consapevoli, anche se non è facile perché siamo bombardati di messaggi e stimoli di segno opposto. Una breve ma ottima lettura.

Questo post è stato modificato 1 mese fa da sarah

grazie del tuo commento, anche se io sono più pessimista di te, e penso che proprio perché i nativi americani erano vicini ai cicli della natura e meno egocentrici di noi occidentali, sono stati massacrati,  ma anch'io penso che sul valore dei riti che ci connettono all'universo, alla terra, e sulla sacralità di tutte le forme di vita, anche quelle non umane, avevano ragione loro, è quella la via per salvarci.

Oh niente, anzi mi fa piacere partecipare al dibattito. Non è necessariamente ottimismo, piuttosto è una riflessione generale. Sono d'accordo e hai ragione: non basterà la consapevolezza interiore o la purezza dell'animo a cambiare il corso degli eventi in modo rapido e forse incruento. L'agenda politica si è posta obiettivi ambiziosi e intende sostenerli concretamente soprattutto assicurandosi il controllo sempre più massiccio del denaro per metterli al sicuro dal normale dibattito a livello nazionale o internazionale. Leggendo però questi documenti del wef ( anche quelli non commentati che si possono trovare direttamente sul sito internet del forum ), si nota ormai la loro natura quasi "profetica" che parte dal presupposto che esista un gruppo di persone dotate di insindacabile superiorità morale che ha il diritto/dovere di cambiare e plasmare il mondo secondo i loro desiderata. Non è più solo politica o economia in senso stretto, è messianismo vero e proprio. L'obiettivo è niente di meno che la conquista del mondo. In certi tratti queste dichiarazioni programmatiche appaiono persino un po' patetiche e infantili. L'essere "padroni del mondo" è un'impresa che finora non è riuscita mai a nessuno in modo compiuto: mi si dirà che oggi non è più necessario impadronirsi dei beni e delle terre altrui con le armi e le vecchie strategie militari ma che si può controllare chiunque e qualsiasi cosa, ovunque e per questo oggi l'ambizioso progetto sarebbe più che mai a portata di mano. Tuttavia, oggi come allora, mi sembra che si getti un po' troppo il cuore oltre l'ostacolo: l'agenda procede a strattoni, con alti e bassi e presto se si vuol tener fede agli impegni, occorrerà di nuovo alzare i toni e non poco. Qual è allora il punto debole di tutta questa macchina infernale? La sottovalutazione dell'uomo stesso, le famose conseguenze non intenzionali, l'estrema semplificazione del concetto di uomo ridotto a "prodotto". Ma il loro "prodotto" nonostante tutto pensa e segue la propria natura ( come il nativo americano che trova risposte nel suo culto animista ) che rifiuta il culto di morte, contempla il bello e l'armonia di ciò che lo circonda, si aggrega e si dimostra un essere spirituale oltre che un nudo corpo. Scusa la lunghezza, si potrebbe parlare fin troppo.

sì, certo, io sono forse troppo pessimista, anche sulla natura del potere, e sul gregarismo della maggioranza degli umani, ma soprattutto sui crimini dei potenti, e ho paura, adesso, di quello che sta succedendo, di questa propaganda martellante, che nasconde uno stato di polizia permanente e della fragilità del linguaggio che serve solo a nascondere il sadismo e il desiderio di morte della classe dominante. Tutto quello che ci è stato insegnato, sui diritti, sul bene, era solo un velo sottile che nasconde i rapporti di forza, la legge del più forte, e che anzi, nascondendola, la tutela. Non vedo per ora via d'uscita, se non provare a resistere e a informarci, quello.sì. Certo, più siamo, più c'è possibilità di opporsi e provare a cambiare le cose.

0

Quello che dicono le varie profezie dei nativi americani è che verrà presto il tempo della "purificazione". Questo fa parte di una serie di cicli cosmici di cui alcuni nativi ne erano e ne sono consapevoli. Gli Hopi, mi sembra, ne indicano 5.

Questa purificazione non sarà indolore e sarà piena di tribolazione. D'altronde è anche naturale che sia così. Quando, nel piccolo, una persona singola passa per un periodo di trasformazione intensa, magari per liberarsi da qualche dipendenza fisica o psicologica, attraversa quella che spiritualmente viene chiamata "la notte buia dell'anima", ed è tremenda, dolorosa e può anche portare alla morte fisica. E' il momento più buio di una notte senza luna. Ma anche in una notte siffatta se si alza lo sguardo vi sono le stelle a illuminare il cammino.

E questo vale ancor di più globalmente.

Non si può fare nulla. E probabilmente come dicono i nativi è già successo. Le agende globali proseguiranno il loro cammino e siccome il loro cammino è un cammino senza cuore e fuori dall'equilibrio, sarà questo stesso che decreterà la loro fine. La Natura riporta sempre tutto in equilibrio. In fin dei conti l'uomo ha scelto e non è vero che non ha facoltà di scegliere. Lo può fare, e l'uomo ha scelto questo non le elite. Le elite fanno quello che devono fare ma non lo potrebbero fare se non avessero un potere che gli uomini gli danno.

Chi non ha invece scelto questo ma altro, deve solo continuare a guardare le stelle, comunque andrà lì siamo diretti nel giusto orientamento.

Condividi: