Notifiche
Cancella tutti

VIVERE NELL’ AGONIA: A GAZA ISRAELE VIETA GLI ANESTETICI

   RSS

0
Topic starter

Vivere nell’agonia: a Gaza Israele vieta gli anestetici

Youssef Fares

Mayadeen Net

Lunedì 11 marzo 2024

https://english.almayadeen.net/news/health/living-in-agony---israel--forbids-anesthetics-in-gaza

Dall’inizio della guerra a Gaza, l’occupazione israeliana ha vietato l’ingresso nella Striscia di anestetici, stampelle e datteri. Sono state vietate anche le apparecchiature mediche come bombole di ossigeno, ventilatori e sistemi di filtraggio dell’acqua.

 

Immagine:

Un bambino viene curato in un ospedale di Gaza dopo essere stato ferito durante un attacco aereo israeliano

 

Per la prima volta, ci siamo ritrovati a provare metodi non ufficiali per ottenere una singola compressa di Zaldiar, un potente farmaco antidolorifico che può essere ottenuto esclusivamente da distributori autorizzati o da istituzioni governative. 

A causa dell’aumento della domanda, il farmaco non si trovava da nessuna parte a Gaza, rendendo il sonno quasi impossibile per Um Raed, una malata di cancro in uno stadio avanzato.

I medici hanno informato suo figlio che tutto ciò che può fare per lei è somministrarle potenti analgesici per alleviare il dolore fino a quando morirà. Suleiman dice ad Al Mayadeen Net: “Prima della guerra, erano disponibili tutti i tipi di analgesici. Un mese dopo, e con l’aumento delle lesioni, soprattutto tra i pazienti che avevano subito amputazioni, ne è anche aumentata la domanda, e ottenere una singola compressa è diventato una ricerca di giorni. Ora dobbiamo guardare nostra madre malata di cancro morire 100 morti ogni notte”.

Negli ultimi tre mesi, i sei fratelli si sono assiduamente dati da fare per fornire qualsiasi tipo di medicinale antidolorifico alla madre. Suleiman ha descritto le loro difficili ricerche dicendo: “Non è stata lasciato nulla di intentato. Abbiamo provato in tutte le farmacie private e dai rivenditori del mercato nero. Abbiamo pagato $ 30 per una singola compressa, poi $ 300 per una striscia di pasticche, finché non abbiamo più potuto permettercelo. Mia madre ora se n'è andata. L'abbiamo seppellita nella strada di fronte a dove abitiamo adesso… Non ci perdoneremo mai per ogni secondo di dolore che ha dovuto sopportare”.

Una fonte medica che lavora all’ospedale Kamal Adwan, nel nord di Gaza, ha detto ad Al Mayadeen Net: “Dall’inizio della guerra, nessun potente analgesico è stato ammesso sui camion degli aiuti a Gaza, come la morfina, il Tramadol, lo Zaldiar, il Lyrica e persino il Cetamolo e il Paracetamolo. Il Ministero della Sanità non dispone più di questi farmaci antidolorifici e non si trovano più nelle aziende e nelle farmacie private. In un solo mese la domanda è cresciuta del 1000%. Migliaia di feriti ne hanno bisogno per alleviare il dolore, i magazzini non sono stati riforniti di scorte e le famiglie dei feriti devono patire per procurare loro questi farmaci. Camminando per le corsie dell'ospedale si sentono le urla e i gemiti continui dei pazienti. In circostanze normali, avrebbero ricevuto dosi di antidolorifici per alleviare la loro sofferenza”.

Per strada, i palestinesi di Gaza si sono abituati alla vista di persone amputate trasportate dalle loro famiglie, dice Abou Imad, che abbiamo visto andare in giro portando con sé il suo amico Bilal che aveva perso entrambe le gambe. “È stato dimesso dall’ospedale due mesi dopo l’infortunio. Abbiamo chiesto una sedia a rotelle, ma dall'ospedale dove già scarseggiavano ci è stato detto che non potevano fornircene. Allora ci siamo rivolti ad associazioni specializzate nella distribuzione di attrezzature mediche per i feriti, ma anche queste senza alcun risultato. Tutte queste organizzazioni sono state bombardate o per il momento non sono più attive”.

Secondo una fonte dirigenziale di un'azienda privata di attrezzature mediche, anche quelle durevoli, destinate a migliorare la qualità della vita dei pazienti dopo la dimissione dall'ospedale, non sono più entrate nella Striscia dall'inizio della guerra. La fonte dice ad Al Mayadeen Net: “Israele ha bombardato magazzini e scorte appartenenti a società di forniture mediche. Stiamo parlando della distruzione di 15 farmacie e magazzini appartenenti a Zant Medical, la maggiore azienda e il più grande importatore di queste apparecchiature. L'azienda e tutte le sue filiali non sono più operative e i suoi magazzini sono stati saccheggiati a causa della mancanza di apparati di sicurezza. Trovare stampelle o una sedia a rotelle (elettrica o normale) in questo momento è estremamente difficile, soprattutto con l’elevato numero di feriti e l’assenza di importazioni”.

È interessante notare che l’emittente statunitense CNN ha pubblicato un’indagine che mostra come “Israele”, fin dall’inizio della guerra, ha impedito ad anestetici, stampelle e datteri di entrare a Gaza e ha anche elencato le bombole di ossigeno e i sistemi di filtraggio dell’acqua alla voce “importazioni vietate”, una categoria per i camion degli aiuti umanitari.

 

Youssef Fares

è un neurochirurgo, un accademico e un leader sanitario libanese.  È professore e preside della Facoltà di Medicina dell'Università libanese, dove è anche direttore fondatore del Centro di ricerca sulle neuroscienze. Fares è anche amministratore delegato e presidente del Centro medico universitario dell'ospedale Al-Zahraa, presidente fondatore dell'Associazione libanese di chirurgia della colonna vertebrale e vicepresidente esecutivo senior della World Academy of Medical Scienze. Inoltre, è redattore per la rivista neurochirurgica Surgical Neurology International.

 

 

 

Questa argomento è stata modificata 2 giorni fa 3 volte da oldhunter
1 risposta
0

mostri non rende l'idea di quanto si possa essere abominevoli. Non umani, sicuro.

Condividi: