Take care of Maya (...
 
Notifiche
Cancella tutti

Take care of Maya (salvate Maya). Docufilm 2023


LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 481
Topic starter  

Anche su Netflix che ha distribuito questo film si trovano cose interessanti.

Non è un film ma un documentario su dei fatti realmente accaduti negli USA

È la storia di Maya una ragazzina che all'epoca aveva solo 10 anni che è affetta da una di quelle malattie rare e misteriose, la CRPS, non molto riconosciute e di difficile approccio terapeutico. La CRPS da dolori in tutto il corpo molto forti e la semi paralisi degli arti. 

Dopo vari approcci e consulti in cui nessuno sembra capire nulla, i genitori trovano uno specialista che gli fa una diagnosi accurata e gli prescrive la cura che è a base di Ketamina. Una droga che viene usata anche in maniera illegale. I dottori gli prescrivono il farmaco e per un po' sembra avere effetto finché non ha una ricaduta e si rivolgono al pronto soccorso.

Da lì inizia il calvario della ragazza e della famiglia in quanto i dottori non credono alla diagnosi nonostante ben due specialisti l'avessero confermata, e credono che la ragazza stia fingendo in seguito a una pressione psicologica da parte della madre che gli somministrava il farmaco ad alte dosi. Non prendono in considerazione minimamente che il farmaco e le relative dosi non erano arbitrariamente assunti ma venivano prescritti da medici.

Il risultato è che la ragazza viene allontanata dalla famiglia, specialmente dalla madre che non la vedrà mai più, con l'accusa verso i genitori, di abuso medico sui minori (esiste almeno negli USA questo tipo di abuso).

Da qui la famiglia si scontra con un sistema medico, di assistenza sociale e in seguito col sistema giudiziario, in maniera pesante. Inascoltata la famiglia, inascoltati i pareri dei medici che l'avevano in cura. Il tutto sulla base della perizia di una singola persona, l'assistente sociale, con l'appoggio dei medici. La ragazza viene praticamente rapita nell'ospedale, viene negata alla madre di poterla vedere. Viene concessa la visita solo al padre e al fratello ma con tutta una serie di regole molto restrittive su quello che si potevano dire e le visite sono sempre ascoltate da qualcuno. Vengono concesse anche delle telefonate in cui può partecipare la madre ma sempre ascoltate e regolamentate.

Chiaramente la famiglia è distrutta e specialmente la madre che ha un tracollo psichico che la porterà al suicidio. E solo allora la ragazza viene rimandata a casa dal padre ma sempre con certe regole da seguire. Come la non somministrazione della Ketamina, unico farmaco a quanto sembra in grado di lenirgli i dolori in maniera efficace.

Qui inizia il calvario giudiziario in  cui la famiglia rifiutando una sorta di patteggiamento intenta causa all'ospedale e all'assistenza sociale. Ma anche qui troveranno un muro di un sistema che si auto difende anche se in pieno torto. Udienze che vengono rinviate continuamente, il rifiuto di ascoltare i membri della famiglia e Maya stessa, e così via.

Finché della storia si interesserà una giornalista che la seguirà e la pubblicherà e diventerà pubblica, fino a portare alla realizzazione di questo docufilm. Ma il processo vero e proprio si deve ancora fare e sono passati anni dagli eventi. 

Siamo di fronte a un misto di arroganza, incompetenza, superficialità, corruzione, e difesa di un sistema marcio. Poiché il caso di Maya non è unico ma ve ne sono a centinaia, anche più gravi. Minori sottratti alle famiglie con estrema superficialità con le scuse più incredibili. Gente che viene sbattuta in galera con accuse infamanti con pochissima possibilità di difendersi (non tutti si possono permettere processi del genere).

La storia non riguarda solo questo ma è per me anche una metafora della situazione del potere, qualunque potere, in quest'epoca. Un potere autoreferenziale, corrotto, che difende le sue storture e che si sente Dio in grado di giudicare con estrema superficialità la vita degli altri a suo piacimento. In cui l'abuso mascherato dalle buone intenzioni è la regola.

Ricorda molte cose vero?

Il film è in inglese ma si trova facilmente con i sottotitoli in italiano. Se vi va di "ribollire" un po' vedetelo.

 


sarah e Brule hanno apprezzato
Citazione
sarah
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 532
 

Uno dei tanti casi emblematici che, in varie forme, non mancano neanche qui. Quando il pragmatismo alla base di "grandi democrazie" non esita a buttare nel tritacarne soggetti incolpevoli solo perché sfortunati. Nell'indifferenza generale. In questo sistema autoreferenziale e arrogante l'importante è asserire a gran voce, nelle occasioni ufficiali, che noi si vive in "uno stato di diritto". Si potrebbero scrivere dei trattati sulla perdita di significato di questa espressione ( se mai ne ha avuta una di senso definitivo e compiuto ), se ci si ostina a non voler rivalutare le nostre regole alla luce dei cambiamenti che ormai ci allontanano anni luce dal secolo breve in cui sono state scritte.


RispondiCitazione
Condividi: