In the Land of Grey...
 
Notifiche
Cancella tutti

In the Land of Grey and Pink


Rugge
Estimable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 110
Topic starter  
In the land of grey and pink
Where only boy-scouts stop to think
They'll be coming back again
Those nasty grumbly grimblies
And they're climbing down your chimney
Yes, they're trying to get in
Come to take your money
Isn't it a sin
They're so thin

They've black buckets in the sky
Don't leave your dad in the rain
Cigarettes burn bright tonight
They'll all get washed down the drain

So we'll sail away for just one day

To the land where the punk weed grows
You won't need any money
Just fingers and your toes
And when it's dark our boat will park
On a land of warm and green
Pick our fill of punk weed
And smoke it till we bleed
That's all we'll need
 

ducadiGrumello e Hospiton hanno apprezzato
Citazione
ducadiGrumello
Trusted Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 71
 

e dire che erano considerati i più "facili" del gruppo Canterbury...il paragone con la roba che gira adesso è impietoso. Va bene, probabilmente ogni generazione dice questo confrontando la musica della propria epoca con quella attuale


Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
Rugge
Estimable Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 110
Topic starter  

Su questo mi viene una riflessione... Il rock progressivo è stato chiamato "progressivo" solo dopo, allora era il rock. E anche allora c'era parecchia spazzatura. Ma gruppi come i Caravan, anche se non facevano i dischi, e i soldi, dei Pink Floyd, venivano prodotti e distribuiti e mandati dalle radio. Oggi il 90% della musica "di massa" è spazzatura, il 10% è ascoltabile. Gente che fa bella musica c'è, poca, ed è difficile da trovare. Ascoltata da molti pochi. Ecco, i Caravan erano musica "di massa". In quell'epoca c'erano gruppi che facevano grande musica che erano anche di massa, che oggi non ci sono più. Quindi è vero che in quest'epoca si è peggiorati, perchè della musica di massa è rimasta solo la spazzatura. Mi è capitato distrattamente di vedere Sanremo. Sto casino del Covid è quasi l'ultimo dei nostri problemi! Ci stanno resettando il cervello da decenni.


Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: