Notifiche
Cancella tutti

IL GRANDE SQUALO A DAVOS


mystes
Prominent Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 827
Topic starter  

Geroge Soros, il grande squalo della finanza internazionale tanto atteso alla tribuna degli oratori ha emesso le sue sentenze, dando per scontata la sconfitta della Russia, che vede come il fumo negli occhi, perché è l’unico paese che ha osato sfidare il nuovo ordine mondiale, new ordem che ha classificato, come vedremo dalle sue parole, “nostra civilizzazione”. Ignora, il grande pescecane, che la “nostra civilizzazione” si basa sull’umanesimo e sui valori veri della tradizione greco-latina. La “sua civilizzazione” è quella del denaro dato ad usura che il grande Ezra Pound in una sua celebre poesia bollò con i seguenti versi: “Con usura nessuno ha una solida casa/di pietra squadrata e liscia/per istoriarne la facciata…”. Volendo con ciò dire che l’usura produce la distruzione della famiglie e dello stato, distruzione fermamente perseguita dal sig. Soros e dai suoi compari presenti a Davos.

Ecco poche, ma eloquenti parole tratte dal discorso di Soros a Davos.

Il finanziere George Soros ha parlato a Davos e ha affermato che il presidente della Russia, Vladimir Putin, dovrebbe essere sconfitto il più presto possibile perché è "il migliore e forse l'unico modo per preservare la nostra civilizzazione".

"Dobbiamo mobilitare tutte le nostre risorse affinché la guerra (in Ucraina) finisca presto", ha aggiunto Soros in un discorso durante la tradizionale cena con la stampa al Forum economico di Davos.

Il miliardario ungherese-americano ha anche commentato, "Mentre la guerra continua, la lotta contro il cambiamento climatico deve restare in secondo piano. Tuttavia, gli esperti ci dicono che siamo già molto in ritardo e che il cambiamento climatico sta per diventare irreversibile".

"Questa potrebbe essere la fine della nostra civilizzazione", ha avvertito Soros, e ha detto di credere che questa prospettiva sarà "particolarmente terrificante". "La maggior parte di noi accetta l'idea che alla fine dobbiamo morire, ma diamo per scontato che la nostra civilizzazione sopravviverà", ha commentato.

Per Soros, Putin "sa bene quanto sia vulnerabile la sua posizione", "sembra aver riconosciuto" il suo "terribile errore" nell'invadere l'Ucraina e ora "sta preparando il terreno per negoziare un cessate il fuoco".

Tuttavia, ha detto, "il cessate il fuoco è irraggiungibile perché non ci si può fidare. Putin dovrebbe iniziare i negoziati di pace, cosa che non farà perché equivarrebbe a rinunciare".

Gli auspici di George Soros e le parole di condanne di Putin confermano che Nato e l’Alta Finanza mondialista avevano scommesso sull’Ucraina per allargare i loro sporchi affari. Per adesso le loro aspettative sembrano frustrate dalla determinazione della Russia a dare un altro assetto geo-politico al mondo dove i loschi figuti come Soros non dovrebbero avere voce in capitolo.

 

NB – Fonte della Gazeta do Povo per le frasi tra virgolettate.

 

 

Questa argomento è stata modificata 1 mese fa 2 volte da mystes

ekain3 hanno apprezzato
Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 2688
 

E' una sentenza di morte per Vladimir Putin: chiara e inappellabile.

Se questo avverrà sapremo chi siano i mandanti. Ma temo che dopo sarà inutile chiederselo. Non vi sarà alcuna possibilità di scampare alla ritorsione.


RispondiCitazione
Condividi: