Notifiche
Cancella tutti

La polizia reprime una manifestazione filo-palestinese a New York


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14446
Topic starter  
Diversi manifestanti filopalestinesi sono stati arrestati a Manhattan, New York, durante gli scontri con la polizia della città statunitense.
 
Gli scontri sono scoppiati sabato dopo che la polizia ha tentato di rispondere a una presunta minaccia di bomba a Times Square, dove i manifestanti avrebbero bloccato il movimento dei veicoli dell'Unità dei servizi di emergenza (ESU) del Dipartimento di polizia di New York City (NYPD). 
 
Un autista di Uber ha riferito di aver trovato una granata nel suo veicolo dopo aver lasciato un passeggero. Secondo gli artificieri, l'oggetto ritrovato era una granata inattiva. 
 
Il vicecommissario del NYDP Kaz Daughtry ha commentato l'incidente in un post su X, scrivendo: “Buon sabato a tutti! Tranne le persone che pensavano fosse una buona idea bloccare un veicolo dell'ESU della polizia di New York mentre si recava a una chiamata per minaccia di bomba. Trascorreranno il sabato dove meritano: in prigione!”. 
 
Secondo i funzionari della polizia di New York sono stati arrestati circa 11 manifestanti.
 
In tutto il paese nordamericano si sono svolte proteste per chiedere il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza, sotto assedio, che da quasi cinque mesi è oggetto di brutale aggressione da parte di Israele, che gode dell'appoggio illimitato della Casa Bianca.
 
Centinaia di migliaia di americani hanno marciato sabato attraverso il paese in solidarietà con la Palestina per esprimere il loro rifiuto dei crimini israeliani a Gaza.
 
“Giù le mani da Rafah”, “Giù le mani da Gaza”, hanno gridato all’unisono migliaia di manifestanti mentre circondavano l’ambasciata israeliana a Washington, calpestando la bandiera di Israele.
 

Citazione
Condividi: