Notifiche
Cancella tutti

Un punto di vista russo sull'Operazione Militare Speciale in Ucraina


Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

Stamane (24/2) trovo sul sito della Tass questo interessante articolo (tr. quasi automatica):

Collasso dell'Operazione Cittadella 2.0

Konstantin Sivkov

Vicepresidente dell'Accademia russa delle scienze missilistiche e di artiglieria per la politica dell'informazione, dottore in scienze militari

Gli obiettivi dell’offensiva dell’esercito ucraino nell’estate del 2023 e la dimensione dei gruppi di combattimento formati per portarla a termine sono in una certa misura paragonabili a ciò che l’esercito tedesco mise in campo per l’Operazione Cittadella nel 1943. Questo ci dà le basi per chiamare l’offensiva di Kiev nell'estate del 2023 Operazione Cittadella 2.0.

Considerando le sue conseguenze politico-militari, il crollo della Cittadella 2.0 ha significato non solo la sconfitta strategico-militare dell’esercito ucraino, ma anche il crollo della consolidata guerra lampo ibrida dell’Occidente.

Possiamo affermare con coraggio che la cosiddetta controffensiva tentata dall’esercito ucraino nell’estate del 2023 è stato un evento sullo sfondo del quale tutti gli altri sviluppi difficilmente avrebbero potuto attirare così tanta attenzione. Ciò non sorprende perché questa controffensiva è stata di fondamentale importanza nella situazione di stallo tra Occidente e Russia poiché il suo esito ha in gran parte influenzato non solo la situazione nell’area delle operazioni militari speciali, Russia e Ucraina, ma anche le tendenze della mutevole situazione globale.

Pertanto, è del tutto naturale che tutti i principali media abbiano prestato molta attenzione ai fronti dell’operazione militare speciale, fornendo dettagli della situazione tattica nelle principali aree del fronte. Tuttavia, le fonti di informazione aperte non hanno ancora offerto un'analisi strategico-operativa di questo evento chiave dell'anno trascorso, almeno a grandi linee. Questa analisi è, forse, disponibile nella letteratura riservata speciale, ma è inaccessibile al grande pubblico. Questo è il motivo per cui ciò richiede una revisione operativo-strategica degli eventi che hanno avuto luogo nell’estate del 2023 in fonti mediatiche aperte poiché questo sforzo è vitale affinché la nostra gente ne comprenda la portata e il significato. A parte l’aspetto strategico-operativo vero e proprio, dovremmo prestare attenzione alle implicazioni politico-militari di questi sviluppi. È del tutto naturale che difficilmente potremo fare un'analisi così dettagliata in un unico articolo e, quindi, ci concentreremo sugli aspetti più importanti che mostrano la dimensione e il significato di questi eventi.

La formidabile forza d’attacco dell’esercito ucraino

Innanzitutto bisogna dire che le azioni intraprese dall’esercito ucraino nell’estate dello scorso anno non sono state una vera e propria controffensiva. Si trattava di una classica operazione offensiva strategica condotta dal gruppo dell’esercito ucraino.

Per questa operazione, il nemico creò un formidabile raggruppamento di forze, che contava quasi 160.000 effettivi (110 battaglioni), 2.100 carri armati e altri veicoli corazzati, 960 cannoni di artiglieria da campo e 114 aerei. Una tale quantità di artiglieria ha contribuito a creare una densità di fuoco fino a 10 cannoni per km della linea del fronte nelle direzioni dell'attacco principale. L’esercito ucraino ha costituito notevoli scorte di munizioni: oltre 500.000 proiettili da 155 mm, più di 150.000 proiettili di altri calibri, 560.000 colpi di mortaio e 50 missili da crociera di precisione a lungo raggio Storm Shadow. Questa densità delle scorte di artiglieria e munizioni dell’esercito ucraino gli ha permesso di effettuare fino a 190 missioni di fuoco al giorno.

La cosiddetta riserva strategica, creata con il supporto degli aiuti occidentali, costituiva la base di questo raggruppamento di forze e comprendeva 20 grandi unità a livello di brigata per un totale di 80.700 effettivi, di cui più di 60.000 avevano seguito corsi di formazione nei centri di addestramento occidentali sul territorio di Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Lituania, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Pertanto, oltre il 45% del personale del gruppo e oltre il 75% della riserva strategica sono stati addestrati secondo gli standard NATO. In altre parole, proprio il personale addestrato dalla NATO ha affrontato le truppe russe

 

Un’analisi della struttura e della quantità dell'equipaggiamento da combattimento rivela un quadro interessante. Complessivamente, al momento dell’offensiva, i paesi occidentali avevano consegnato all’esercito ucraino circa 600 carri armati, più di 2.000 veicoli corazzati da combattimento e oltre 1.000 diversi sistemi di artiglieria. Naturalmente, come suggerisce la struttura delle forze d'attacco, non tutte vi furono incluse. Tuttavia, possiamo presumere che l’attrezzatura da combattimento di fabbricazione occidentale fosse inclusa quasi completamente nella forza d’attacco dell’esercito ucraino. Ciò includeva 60 carri armati tedeschi Leopard 2, 14 carri armati britannici Challenger 2, 109 veicoli da combattimento di fanteria (IFV) americani Bradley, 50 IFV CV90 svedesi, 40 IFV Marder tedeschi e 90 veicoli corazzati da trasporto truppe (APC) Stryker di fabbricazione statunitense, per un totale di 363 carri armati. IFV e APC.

Inoltre, l'esercito ucraino ha ricevuto un gran numero di vari veicoli corazzati leggeri di fabbricazione occidentale, che ha utilizzato attivamente nell'offensiva. A giudicare dalle riprese video ricevute dalla zona delle operazioni di combattimento, queste hanno prevalso nelle formazioni di combattimento dell’esercito ucraino. L’esercito ucraino ha ricevuto anche aiuti occidentali che includevano carri armati, IFV e APC di fabbricazione sovietica, che erano stati sottoposti a pesanti aggiornamenti presso le imprese dei paesi della NATO, il che ci dà motivo di considerarli in gran parte hardware occidentale.

Tuttavia, per compensare le ingenti perdite di personale e mezzi di combattimento nel corso dell’offensiva, il comando militare ucraino ha rifornito le sue forze d’attacco con contingenti aggiuntivi e armamenti spostati dalle retrovie e raccolti durante la campagna di mobilitazione, compreso l’equipaggiamento fornito dall'ovest. Possiamo stimare da fonti open source che il numero totale di truppe e attrezzature militari coinvolte nell’offensiva dell’esercito ucraino fosse circa il doppio di quello del raggruppamento originale.

Per avere un’idea della sua portata, la forza d’attacco dell’esercito ucraino dovrebbe essere confrontata con gruppi di combattimento e capacità che hanno preso parte alle battaglie registrate nella storia del mondo. A questo proposito, sarà interessante confrontarlo con il gruppo tattico che la Wehrmacht della Germania nazista schierò contro l'esercito sovietico nell'operazione Cittadella nella battaglia di Kursk nell'estate del 1943. Secondo i dati tedeschi (Mueller-Hillebrand, Esercito tedesco. 1933-1945), due forze d'attacco avevano una forza totale di circa 780.000 effettivi, 2.540 carri armati e sistemi di artiglieria semoventi (con 218 armi extra in riparazione), circa 10.000 cannoni da campo e oltre 2.000 aerei a quel tempo.

Uno sguardo alla struttura della forza d'attacco dell'esercito ucraino mostra che, in termini di quantità di mezzi corazzati e di artiglieria, può essere paragonato a quello che la Wehrmacht schierò vicino a Kursk nel luglio 1943. Allo stesso tempo, la forza d'attacco dell'esercito ucraino aveva considerevolmente meno personale e aerei. Per quanto riguarda gli aerei, ciò è comprensibile perché l’esercito russo ha mantenuto per tutto questo tempo la sua supremazia aerea. Per quanto riguarda il personale, occorre fare chiarezza. Il punto è che la potenza di fuoco complessiva per soldato nel 1943 era considerevolmente inferiore a quella odierna. Pertanto, i principali carri armati della Wehrmacht dell'epoca (Pz. III e Pz. IV) erano dotati di cannoni da 50 mm e 75 mm rispetto agli attuali calibri da 120 mm e 125 mm. L'obice da campo principale della Wehrmacht era il cannone d'artiglieria LeFH 18 da 105 mm con una gittata di 11 km, mentre oggi si tratta di cannoni d'artiglieria da 152 mm e 155 mm con una distanza di tiro di 24-30 km. Inoltre, l’esercito ucraino utilizza sistemi missilistici a lancio multiplo HIMARS, Grad, Uragan e Smerch, sistemi missilistici balistici tattici e missili da crociera di precisione lanciati da aerei con una forte potenza di fuoco, mentre nel 1943 non esistevano armi simili.

Pertanto, un raggruppamento di forze in qualsiasi paese oggi necessita di un numero notevolmente inferiore di personale rispetto a quello necessario a metà del XX secolo per ottenere una potenza d’urto paragonabile. Inoltre la Wehrmacht schierava due raggruppamenti di forze che avanzavano dai fianchi settentrionale e meridionale del saliente di Kursk, mentre il raggruppamento di base ucraino operava effettivamente solo in direzione meridionale. Pertanto, ad eccezione degli aerei, la forza d’attacco ucraina potrebbe essere paragonata, in una certa misura, a quella schierata dalla Wehrmacht per l’operazione Cittadella in una delle due direzioni.

Anche gli obiettivi strategici erano praticamente simili. Il comando militare del Terzo Reich riponeva grandi speranze in quell’operazione, aspettandosi di prendere l’iniziativa strategica lungo tutto il fronte sovietico-tedesco. L'operazione Cittadella perseguiva l'obiettivo di infliggere una sconfitta decisiva al gruppo strategico sovietico nel saliente di Kursk, accerchiandolo, modificando a proprio favore il rapporto di forza sull'intero fronte orientale e creando condizioni favorevoli per le successive offensive per invertire il corso generale della guerra con l’Unione Sovietica nella direzione voluta dalla Germania nazista.

L'offensiva dell'esercito ucraino nell'estate del 2023 perseguiva un obiettivo altrettanto decisivo: raggiungere la costa del Mar d'Azov tagliando il gruppo di forze russo sul fianco meridionale del fronte russo-ucraino e bloccando così gli approvvigionamenti via terra tra la Russia continentale e Crimea per creare condizioni favorevoli all’isolamento della penisola di Crimea. Questo scenario potrebbe essere percepito come una pesante sconfitta strategica dell’esercito russo, a seguito della quale la leadership ucraina e i suoi sostenitori occidentali potrebbero aspettarsi di costringere la Russia a porre fine all’operazione militare speciale alle loro condizioni.

A sua volta, l’Occidente credeva che in questa situazione avrebbe raggiunto il suo obiettivo geopolitico generale dell’aggressione ibrida contro la Russia: prendere il controllo del nostro paese rovesciando le autorità in carica e installando un regime liberale fantoccio in stile occidentale simile a quello stabilito in Ucraina.

 

Pertanto possiamo affermare che gli obiettivi di entrambe le operazioni e la portata dei raggruppamenti di forze creati per questi scopi erano in una certa misura paragonabili. Ciò ci dà le basi per definire l’offensiva dell’esercito ucraino nell’estate del 2023 Operazione Cittadella 2.0.

Le difese senza precedenti della Russia dalla Seconda Guerra Mondiale

Le truppe russe si prepararono sostanzialmente a respingere questa offensiva. Hanno adottato misure per costruire difese su tutta la linea del fronte di oltre 1.000 km. Il gruppo congiunto di forze russo concentrò i suoi maggiori sforzi nelle direzioni Zaporozhye, Vremevka e Soledar-Artyomovsk dove si aspettava l’attacco principale del nemico. Preparò gruppi di truppe per la difesa in quelle direzioni che comprendevano grandi unità con armi combinate rinforzate da forze per operazioni speciali, unità di artiglieria e del genio e formazioni di altri servizi armati. Le unità aeronautiche delle forze aerospaziali e della flotta del Mar Nero dovevano fornire supporto aereo alle forze di terra mentre uno stock di armi missilistiche di precisione terrestri, aeree e marittime era pronto a colpire siti chiave nella profondità operativa e strategica del gruppo nemico. .

Le truppe russe costruirono due, e nelle direzioni più importanti, tre linee difensive, con riserve attaccate a vaste distese davanti alle prime posizioni fondamentali nella zona tattica di difesa con sentinelle e campi minati. Lungo tutta la linea del fronte, le forze russe hanno equipaggiato oltre 3.000 roccaforti di plotone, 45.000 rifugi e oltre 150.000 rifugi per le attrezzature. Costruirono circa 2.000 km di fossati anticarro e posarono oltre 7.000 km di campi minati, piantando circa 5 milioni di mine. I campi minati erano profondi il doppio di quanto previsto dalla normativa, raggiungendo i 600 metri di profondità. Tutta questa enorme mole di lavoro è stata svolta da costruttori militari, ingegneri e truppe ferroviarie. Anche le organizzazioni civili hanno assistito le truppe russe. L'azienda statale Avtodor e gli specialisti di Mosca, della Regione di Mosca, della Crimea e di altre regioni russe hanno fornito un notevole aiuto nell'equipaggiamento delle aree di difesa.

Un sistema così potente di strutture e fortificazioni ingegnerizzate contribuì a creare una difesa sostenibile, anche se il nemico godeva di una superiorità sulle truppe difensive di 1,5 volte in termini di manodopera, 1,2 volte in termini di veicoli corazzati e 1,3 volte in termini di artiglieria nelle principali direzioni di attacco.

Oltre alle truppe di difesa, il comando militare russo ha costituito notevoli riserve destinate a rafforzare le forze di difesa e lanciare contrattacchi. Le riserve comprendevano due eserciti a pieno titolo con una forza numerica totale di circa 60.000 effettivi e oltre 8.600 veicoli da combattimento e speciali, inclusi 980 carri armati e altri veicoli corazzati, e anche più di 2.200 diversi veicoli a motore. Forze considerevoli dell'esercito, dell'aviazione tattico-operativa, a lungo raggio e persino strategica fornivano supporto alle truppe russe.

Nella pianificazione della difesa, lo Stato Maggiore russo ha prestato particolare attenzione all'impegno approfondito del nemico attraverso la potenza di fuoco combinata, concentrandosi sugli attacchi sulle rotte di schieramento del gruppo ucraino verso le posizioni di attacco iniziali e sul suo movimento vicino all'avanguardia delle truppe russe. Ha prestato molta attenzione anche alla difesa anticarro, in particolare alla distruzione combinata della forza corazzata nemica mediante l'uso congiunto di armi anticarro delle truppe avanzate, fuoco di artiglieria e attacchi di aerei dell'esercito.

Per proteggere le truppe e le riserve in difesa, la Russia ha istituito difese aeree a strati basate sul principio della difesa ad area, che comprendeva in gran parte sistemi missilistici terra-aria a lungo, medio e corto raggio che operavano congiuntamente con aerei da combattimento delle forze aerospaziali. .

Il gruppo di forze russo ha utilizzato anche vari efficaci sistemi di guerra elettronica che gli hanno consentito di combattere veicoli aerei senza pilota e di interrompere il funzionamento delle apparecchiature di comunicazione e sorveglianza nemiche e dei suoi sistemi di posizionamento di precisione.

L’esercito russo ha anche predisposto una scorta sufficiente di munizioni per battaglie ad alta intensità per un lungo periodo, compresi UAV di varie designazioni, il cui numero totale ammontava a 10.000, a giudicare dall’intensità del loro utilizzo riportata da fonti aperte.

Pertanto, l'esercito russo ha creato difese profondamente stratificate basate su una rete ramificata di fortificazioni, campi minati e capacità di potenza di fuoco integrate destinate a infliggere pesanti perdite al personale addestrato e all'attrezzatura da combattimento del nemico nel tentativo di colpirlo, compromettendo così sostanzialmente l'efficienza di combattimento delle forze del suo raggruppamento strategico nell'est dell'Ucraina.

A questo proposito, le operazioni delle truppe russe assomigliavano all’operazione difensiva strategica di Kursk dell’esercito sovietico nella campagna estiva del 1943. Pertanto, le battaglie sul saliente di Kursknell’estate del 1943 si ripeterono strategicamente nell’Ucraina sudorientale nel 2023.

 

Duello tra scuole militari russa e occidentale

L’esercito ucraino ha pianificato la sua offensiva dell’estate 2023 sotto la guida e con la partecipazione diretta di ufficiali e generali della NATO. La pianificazione si basava ampiamente su modelli simulati al computer delle operazioni di combattimento e delle tecniche utilizzate dal quartier generale del comando militare della NATO. Pertanto, la strategia e la tattica dell’offensiva estiva dell’esercito ucraino sono state in realtà sviluppate dalla NATO. Le scuole militari russa e occidentale sono entrate in uno scontro diretto sul fronte dell'operazione militare speciale.

Secondo le regole della scuola militare occidentale, la forza attaccante deve avere la capacità di scoprire l’ordine operativo di battaglia delle truppe in difesa e colpirle attraverso l’intera profondità della difesa con l’emissione dell’acquisizione del bersaglio richiesta per superare le difese a più livelli. Ecco perché il raggiungimento di una superiorità aerea, almeno temporanea, da parte delle forze attaccanti è una delle condizioni per violare con successo tali difese. Se guardiamo all’esperienza riportata sull’uso delle truppe statunitensi e della NATO nei conflitti armati degli ultimi decenni, possiamo vedere che ottenere la supremazia aerea è la principale e in realtà unica condizione chiave per impegnare in battaglia i loro gruppi di truppe di terra. Ma la Russia continuava a godere di un’indiscutibile superiorità aerea. A quanto pare, il comando militare ucraino e i suoi supervisori della NATO contavano sull’aviazione senza pilota. Ma anche in questo campo non riuscirono a raggiungere la superiorità.

Pertanto, l’esercito ucraino ha dovuto avanzare contro le difese russe potenti e profondamente stratificate praticamente senza alcun supporto aereo significativo, ad eccezione degli UAV che erano per lo più di piccole dimensioni, avevano un raggio operativo breve e piccoli carichi utili. In questa situazione, secondo l’esperienza occidentale, la parte attaccante non ha alcuna possibilità di successo. Su cosa contavano? Apparentemente, su fattori non militari e politici. Fattori specifici sono emersi il 24 giugno, il 20° giorno dell’offensiva dell’esercito ucraino, quando i leader della compagnia militare privata russa Wagner hanno tentato un colpo di stato militare che, fortunatamente, è fallito.

Un’altra caratteristica specifica dell’offensiva Cittadella 2.0 dell’esercito ucraino è stata che è stata ampiamente pubblicizzata, con gli obiettivi e il luogo dell’operazione, la struttura delle forze coinvolte e le capacità menzionate con sufficiente precisione. Solo il momento del suo inizio non era del tutto chiaro. Ma questo potrebbe essere previsto con una precisione abbastanza elevata, partendo dall'analisi degli sviluppi politici in Occidente e in Ucraina. Anche la nostra intelligence strategica e la ricognizione tattico-operativa di tutti i tipi hanno funzionato bene. Ecco perché il comando militare ucraino non poteva contare su alcuna sorpresa operativa.

L'esercito ucraino ha iniziato la sua offensiva il 4 giugno 2023 sferrando un massiccio attacco di artiglieria e successivamente impegnando in azione un numero considerevole di truppe meccanizzate con armature pesanti, in particolare unità che utilizzavano potenti carri armati di fabbricazione occidentale consegnati all'Ucraina, in particolare il Leopard 2A6 carri armati e anche veicoli da combattimento della fanteria Bradley di fabbricazione statunitense. A questo proposito, l’esercito ucraino ripeté le azioni della Wehrmacht del 5 luglio 1943.

Il nemico concentrò le sue operazioni nella direzione sud di Donetsk e poi in quella di Zaporozhye. Cercando di distrarre l'attenzione delle truppe russe dalla direzione del suo attacco principale, l'esercito ucraino ha tentato simultaneamente offensive limitate nelle direzioni Krasny Liman, Soledar-Bakhmut e Donetsk. Tuttavia, la supremazia generale del gruppo di truppe russo nell’operazione militare speciale, combinata con le potenti difese schierate nelle direzioni principali e in altre direzioni, ha reso inefficace la manovra di distrazione dell’esercito ucraino.

Le unità corazzate del nemico che avanzavano nella direzione principale inizialmente subirono perdite a causa degli attacchi degli equipaggi russi  dei sistemi missilistici anticarro schierati nelle posizioni avanzate e degli elicotteri. In questa difesa, i sistemi missilistici anticarro russi Kornet hanno dimostrato la loro capacità di colpire efficacemente i carri armati Western Leopard 2A6 più nuovi e ben corazzati. Successivamente, l'esercito ucraino si è imbattuto in campi minati e ha dovuto spostarsi in una lunga colonna dietro i dragamine. Dopo che i primi veicoli corazzati del nemico furono colpiti, le colonne dovettero fermarsi, cercare una deviazione e tentare la ritirata. Le truppe russe hanno sferrato attacchi di artiglieria contro i corazzati nemici concentrati su un terreno limitato al di fuori della copertura delle già ridotte difese aeree dell'esercito ucraino, mentre gli aerei dell'esercito hanno effettuato sortite per distruggerli con missili anticarro, e hanno operato anche aerei d'attacco e veicoli aerei senza pilota, efficacemente. Di conseguenza, il nemico subì pesanti perdite. Tuttavia, per altre due settimane, ha continuato i suoi tentativi di sfondare le difese russe con i mezzi corazzati.

Il nemico impegnava in battaglia in sequenza le unità più efficienti e addestrate in combattimento, sperando di ottenere almeno un risultato operativo limitato. Tuttavia, non riuscì a raggiungere nemmeno il limite anteriore della linea difensiva tattica di base delle truppe russe. Durante questo periodo, il nemico perse 12.575 membri del personale, 12 aerei, 4 elicotteri, 810 carri armati e altri veicoli corazzati, 167 cannoni di artiglieria da campo, 13 sistemi di razzi a lancio multiplo e 227 UAV. I mezzi corazzati distrutti dalle truppe russe comprendevano 15 carri armati tedeschi Leopard 2A6, 5 carri armati francesi AMX e 7 veicoli da combattimento di fanteria Bradley. Se confrontiamo le perdite con la forza iniziale del raggruppamento dell'esercito ucraino, possiamo vedere che le perdite di personale non furono così grandi: meno del 10%, mentre le perdite di mezzi corazzati e di artiglieria si rivelarono considerevoli e ammontarono a circa il 40% e 20%. rispettivamente.

Fu in quel momento che, nel mezzo dell'offensiva chiaramente vacillante dell'esercito ucraino, i leader della compagnia militare privata russa Wagner, che avevano cercato a lungo, con il sostegno di alcuni giornalisti popolari, cosiddetti "esperti militari", di alcuni conduttori televisivi e politici di guadagnare buona reputazione nell’esercito e tra l’opinione pubblica in generale, diffamano infondatamente la leadership militare russa e il quartier generale del comando militare , e hanno organizzato un fallito colpo di stato il 24 giugno.

Successivamente il nemico cambiò tattica e passò alle operazioni di piccoli gruppi di fanteria d'assalto con il supporto di artiglieria. Tuttavia, anche questa tattica non è riuscita a produrre il risultato auspicato. Pertanto, l’esercito ucraino ha dovuto impegnare in azione sei brigate di secondo livello con una forza totale di 24.200 persone. Anche queste forze non sono riuscite a ottenere un risultato operativo significativo. Non sono riusciti a sfondare nemmeno la prima linea difensiva tattica delle truppe russe. Durante la sua offensiva in direzione di Zaporozhye, il nemico riuscì a incunearsi nelle formazioni di combattimento delle truppe russe solo a una profondità di diversi chilometri. È diventato chiaro che l’esercito ucraino non aveva alcuna possibilità di successo in quella zona e doveva cambiare la direzione del suo attacco principale.

Il comando militare ucraino ha deciso di sferrare un attacco in direzione di Kherson. A tale scopo, ha istituito una forza d'attacco composta da quattro brigate di fanteria marina con una forza numerica totale di oltre 17.000 membri, consolidata nel 30° Corpo di fanteria marina. Tuttavia, il fiume Dnepr rappresentava per loro un ampio ostacolo d'acqua nel suo corso inferiore e mancavano di moto d'acqua sufficienti per consentire alle grandi unità di attraversarlo simultaneamente o di supporto di artiglieria, aerei e difesa aerea per proteggerli. Per questo motivo anche l’offensiva dell’esercito ucraino in questa direzione è fallita e il nemico è riuscito a prendere piede solo su una piccola testa di ponte vicino all’insediamento di Krynki. Nel complesso, il nemico aveva subito pesanti perdite in quella zona entro la metà di dicembre: perse oltre 13.500 uomini o il 79% della forza iniziale del 30° Corpo di fanteria marina che perse completamente la sua efficienza di combattimento e fu ritirato per essere rimontato e sostituito. da altre unità.

A metà dicembre tutti, anche i politici occidentali, si erano resi conto che la tanto pubblicizzata offensiva strategica dell’esercito ucraino era fallita e che l’operazione Cittadella 2.0 era stata completamente sconfitta.

 

Le perdite dell’esercito ucraino durante la sua offensiva si rivelarono enormi e superarono considerevolmente la forza iniziale della forza d’attacco, che veniva rifornita durante le battaglie da personale mal addestrato e lontano dalle migliori attrezzature da combattimento delle riserve delle retrovie. Le perdite del gruppo ucraino ammontarono a 166.000 effettivi, ovvero il 25% in più rispetto alla sua forza iniziale, 789 carri armati e 2.400 altri veicoli corazzati, ovvero oltre il 50% in più rispetto all'importo iniziale, 132 aerei, ovvero il 15% in più rispetto a quello che l'esercito ucraino aveva al momento della sua mobilitazione offensiva.

Nel frattempo, l'esercito russo ha lanciato attacchi con sistemi missilistici tattici, aerei tattici-operativi, a lungo raggio e strategici e lanciamissili della flotta del Mar Nero nelle profondità strategiche e operative del nemico, danneggiando, distruggendo o inabilitando per lunghi periodi 1.987 strutture, come depositi di munizioni, stazioni di carico di attrezzature, impianti di produzione e riparazione di armamenti, ponti e percorsi di schieramento delle riserve. Questi attacchi hanno sostanzialmente ridotto la manovrabilità operativa dei gruppi di combattimento dell’esercito ucraino e la loro efficienza in combattimento. Secondo i dati di varie fonti di ricognizione, le truppe russe hanno distrutto in quelle aree circa 4.500 membri del personale ucraino, mercenari stranieri e istruttori occidentali.

Va notato che, nel respingere l’offensiva dell’esercito ucraino nell’estate del 2023, l’esercito russo ha impiegato attivamente vari tipi di UAV, superando notevolmente in numero i veicoli aerei senza pilota del nemico. Le truppe russe hanno utilizzato 1.200 munizioni Lancet e 4.400 droni FPV solo in battaglia.

Le difese aeree russe create nell’area dell’operazione militare speciale si sono rivelate altamente efficienti, distruggendo 1.062 razzi MLRS, bombe intelligenti, missili tattici e da crociera nemici, che costituivano l’87% dello stock totale utilizzato dal nemico.

Conseguenza globale del collasso dell’Operazione Cittadella 2.0

L’Ucraina e in generale anche l’Occidente collettivo hanno subito gravi conseguenze militari e politiche dal fallimento dell’Operazione Cittadella 2.0. Il fallimento dell’offensiva dell’esercito ucraino ha significato non solo una sconfitta strategica delle forze di Kiev, ma anche il collasso dell’ibrido blitzkrieg dell’Occidente unito, le rilevanti perdite economiche legate a sanzioni senza precedenti e le enormi consegne di vari armamenti non hanno prodotto risultati. Si è intensificata la tendenza dell’Occidente a perdere il suo status di sovrano dei destini del mondo. A sua volta, ciò ha innescato il processo di riduzione delle sfere di influenza della civiltà occidentale, considerando che l’associazione BRICS si è estesa a 11 paesi e altri 27 stati hanno chiesto di aderire all’organizzazione.

Queste tendenze negative per l’Occidente hanno portato a processi distruttivi all’interno dei paesi che costituivano quella civiltà e i loro popoli hanno iniziato a rendersi conto che il corso seguito dalle élite globaliste era dannoso per la loro esistenza.

Le forze focalizzate sul nazionalismo iniziarono a rafforzare le loro posizioni e l’influenza nello spettro politico dei paesi europei e degli Stati Uniti. Tali forze hanno già preso il potere in Ungheria e Slovacchia. Negli Stati Uniti è in corso una feroce lotta tra repubblicani e globalisti del Partito Democratico.

Tuttavia, nonostante la pesante sconfitta subita dall’esercito ucraino, il nemico è ancora abbastanza forte. Questo perché è l’Occidente unito guidato dagli Stati Uniti, piuttosto che l’Ucraina con le sue forze armate, il principale nemico della Russia e l’Ucraina è solo uno dei fronti della guerra ibrida dell’Occidente contro la Russia. Il fallimento della prima guerra lampo ibrida non significa la cessazione della guerra contro la Russia. Al contrario, ciò implica espandere l’aggressività e rafforzare l’intero insieme di azioni che costituiscono la guerra ibrida, compresa l’apertura di nuovi fronti del confronto armato.

Ecco perché, proprio come l’esercito sovietico ha percorso un lungo cammino verso Berlino dopo aver vinto la battaglia di Kursk, oggi la Russia deve ancora affrontare una lunga lotta dopo la fallita Operazione Cittadella 2.0 di Kiev fino alla vittoria finale che sicuramente vincerà. Ma ha già ottenuto la prima e vera Grande Vittoria.

 

Da qui:

https://tass.com/defense/1750919


Hospiton e Brule hanno apprezzato
Citazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4095
 

Finalmente ti rifai vivo. Questo non è un articolo, è un libro!  A leggerlo ci vuole un'ora. Del  poco che ho letto ho apprezzato il riconoscimento che la cosiddetta 'offensiva ucraina' è sempre stata una bufala. Non c'è bisogno di essere esperti militari per capire che un paio di incursioni con qualche centinaio di uomini per testare le difese avversarie non sono una offensiva. Viene spacciata per tale per ottenere armi e finanziamenti dall'occidente, in sostanza una offensiva 'mediatica'. Non è possibile riguadagnare terreno senza una aviazione, una flotta, un sistema missilistico efficiente e un numero di soldati superiore a quello di chi ti sta di fronte. Secondo me l'articolo dovrebbe spiegare :

  • Perché è fallita l'offensiva iniziale contro Kiev, contro un esercito armato di ferraglia sovietica vecchia di 70 anni. Quella era secondo me l'unica vera operazione militare con un senso compiuto. Si è scelto invece il 'tritacarne' dove vince chi ha più 'carne' da tritare.
  • Perché da quasi 2 anni le linee del fronte sono praticamente rimaste le stesse e la gente deve morire a migliaia per conquistare 100 metri quadri di rovine.
  • Quale sarebbe lo scenario di pace o di tregua accettabile per Mosca. Quello attualmente più probabile, cioè lo scenario coreano è quello che da mesi auspicano gli americani con mezzo milione di soldati russi dislocati in permanenza a difendere il terreno conquistato.
  • Cosa è rimasto delle motivazioni iniziali dell'operazione militare : smilitarizzazione e neutralizzazione del Paese. È evidente che a meno di un collasso totale dell'esercito ucraino la conquista del Paese risulta impossibile e le perdite di uomini sarebbero difficili da accettare per l'opinione pubblica russa. Sapere con precisione quanti soldati russi sono già morti è impossibile le fonti ucraine non sono credibili, quelle occidentali più o meno indipendenti danno una cifra di circa 300 000 tra morti e feriti e qualcuno dice che sono solo i morti . La cifra per gli ucraini dovrebbe essere più o meno uguale.
  • La guerra è diventata un massacro senza senso. Prima finisce e meglio è per tutti.

RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Molto interessante: rende chiaro che l’occidente ho tentato un colpo di maglio con centinaia di migliaia di ucraini per umiliare e poi distruggere la Russia intera. Non è stata e non è certo ancora una Operazione Speciale limitata ma una vera e propria guerra, combattuta con estrema violenza, cosa di cui noi qui non eravamo a piena conoscenza quanto a dimensione degli effettivi impiegati. Due considerazioni si impongono. Per la prima, gli Usa difficilmente possono ritirarsi dall’impegno come in Afghanistan: troppo importante il paese come troppo grande l’impegno militare Nato finora profuso. In secondo luogo, l’ Italia con le affermazioni insensate della Meloni si pone come cobelligérante con tutti i rischi ed i pericoli che questo comporta.

E’ una guerra vera e propria e questa dimensione deve essere valutata con estrema gravità sia per oggi come per domani.


Brule, Hospiton e Primadellesabbie hanno apprezzato
RispondiCitazione
Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

Vista la qualità dei politici occidentali, compresi quelli in panchina, e data la passività della pubblica opinione, priva di energia e infrattata stabilmente in oscuri vicoli ciechi, c'è da avere paura.


Brule, Hospiton e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Tra l’altro, l’ articolo dice una cosa importante, cioè che sarebbe in concomitanza la falllita ribellione Wagner con l’attacco ucraino. Non so se sia attendibile questa connessione, che farebbe sospettare di Prighozin ome anche di eventuali quinte colonne del Kremlino, mentre è assai ‘diplomatico’ il silenzio sulla sua fine...

Altro aspetto da considerare è il link tra Siria e Ucraina, che l’articolo non approfondisce. Qui invece c’è davvero materia per una connessione strettissima dei due teatri, entrambi iniziati per responsabilità diretta del sionismo internazione, anzi il secondo come ‘vendetta’ per aver la Russia sabotato il Piano Ynon del grande Israele aiutando la povera Siria di fronte ai cani arrabbiati degli uccidentali e dei loro complici.

Questo link trova oggi un richiamo in Blondet, con riferimento al prezzo che Mosca dovrà pagare per aver osato ostacolare i piani dei cabalisti.

Dopo tutto quello che ho letto, e da ultimo l’articolo in epigrafe per cui ringrazio @Prima, mi sento di dire che certamente l’ inizio del terzo conflitto mondiale è sotto i nostri occhi. Chi li vuole chiudere, a torto o a ragione, non potrà sfuggirne le conseguenze e chi, come la Meloni ed altri ( anche sotto traccia la Schlein ) vuole schierarsi con l’atlantismo di matrice sionista, non potrà fuggire le proprie responsabilità.  

 


RispondiCitazione
Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

@oriundo

Da notare che la difesa, predisposta dai russi con un impegno che lascio immaginare, rivela che evidentemente conoscevano con largo anticipo la dimensione che avrebbe assunto lo scontro.

Da considerare anche che l'Occidente ha dato il via all'attacco, e alla campagna mediatica fuorviante, nonostante avesse la piena consapevolezza del possibile esito in quanto, grazie alla sorveglianza del territorio (si parla di 6-700 satelliti dedicati a questo scopo), non poteva non conoscere l'entità della resistenza che avrebbe incontrato.

A meno che gli alti gradi militari sovrastimassero l'efficenza delle proprie attrezzature belliche o non contassero su una escalation che, fin qui, certi ordigni nella accertata disponibilità dei russi, hanno sconsigliato di intraprendere.

C'è anche da supporre che, da qualche parte, ci siano reparti d'assalto russi pronti all'impiego, quando la situazione politica lo rendesse opportuno o utile: fin qui abbiamo visto all'opera solamente le loro unità difensive.

PS - Credo che, in Russia, il lavorio in materia di quinte colonne, risalente ai tempi di Lenin, non abbia mai goduto di pause.

 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Dunque, se ti devo dar ragione sulla prima parte del tuo discorso, esisterebbe una ‘combine’ tra gli uni e gli altri.

Possibile..possibile, come è senz’altro possibile che entrambi i contendenti sapessero del Piano Kazaria 2.0 del rav Schneerson Lubavitch e si siano ‘accomodati’ a realizzarlo, con massacro dei goy ucraini in gran numero: materiale umano ‘semivocalis’ ritenuto sacrificabile in quanto poco intelligente, mangiatore ( e bevitore ) inutile.

I russi, sornioni, felici di esser dalla parte del vincitore, di diritto e di fatto, hanno mandato in azione il ‘tritacarne ben collaudato, ed i ‘nazisti’ sempre dalla parte dei perdenti, come vuole la storia ed anche la cronaca, visti gli eccidi inutili a cui si sono dati facendosi esecrare anche qui come sempre: ed il povero 'materiale umano' disprezzato e massacrato come sempre, mandato a crepare solo per far spazio ad altri e senza neppure sapere realmente il perchè.

Poveri esseri che hanno lasciato le loro donne ed i loro figli a piangerli senza fine.

Una riedizione sanguinosa del 'passato che non passa', sempre ad uso e consumo dei 'soliti noti’, infami spregiatori dell’ umano genere, criminali disumani senza pietà e odiatori del Bene comune.

Con qualche differenza rispetto al passato.

Come ho già detto, a livello esoterico esiste oggi un elemento che è entrato in azione e sconvolgerà i loro piani. 

Dobbiamo avere fiducia e non cessare di difendere i deboli ed indicare le malefatte dei criminali dovunque siano, anche in luoghi insospettabili, anche solo con questi pochissimi mezzi che abbiamo.


Brule hanno apprezzato
RispondiCitazione
Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

Non credo che esista una 'combine', piuttosto credo che, vista la situazione generale non possano fare altro che quello che stanno facendo, con scarso margine di operatività in tutti i sensi.

Il passato e i suoi cultori, nei diversi campi, stanno condizionando il presente e il futuro.

Dobbiamo sperare che giunga quanto prima, se nel frattempo non accadrà l'irreparabile, il momento in cui sia il futuro a plasmare il presente.


RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4095
 

Per la prima, gli Usa difficilmente possono ritirarsi dall’impegno come in Afghanistan: troppo importante il paese come troppo grande l’impegno militare Nato finora profuso.

Agli USA interessa la guerra in Ucraina nel contesto dello scontro per la leadership globale contro la Cina. Degli ucraini non gli interessa un fico secco, l'importante è che muoiano il più gran numero possibile di soldati russi e che la Russia non sia in grado di venire in aiuto della Cina quando (non 'se') ci sarà lo scontro diretto. È la vecchia politica del divide ed impera in questo caso resa assolutamente necessaria dal fatto che lo scontro militare con la Cina avverrà lontano dalle coste USA e sarà di esito incerto. Lo si vede dalla politica di rifornimento della armi all'Ucraina, praticamente con lo scopo di contenere l'avanzata russa e basta.

Interessante è invece la connessione tra la guerra e la potente lobby. Tra ebrei e ucraini esiste una vecchia 'ruggine' che data da prima della WWII, cioè dalla morte per fame di milioni di ucraini. A questo riguardo Blondet ha scritto articoli molto belli. Chi andava a rubare le ultime sementi e a condannare a morte  per  fame le famiglie ucraine era la polizia segreta allora con forte componente ebraica. Non ci si può meravigliare poi se gli ucraini si sono arruolati in massa nelle Waffen SS e servivano come guardie nei campi di concentramento tedeschi. A questo si deve aggiungere una forte componente russa presente in Israele.  In Siria i russi hanno permesso per molto tempo agli aerei israeliani di colpire le basi dei combattenti iraniani alleati dei russi contro l'ISIS, poi si sono stufati, ora hanno appoggiato la causa palestinese senza se e senza ma. Secondo me agli ebrei sta bene che si ammazzino entrambi tra di loro in gran numero. Del " Piano Kazaria 2.0 del rav Schneerson Lubavitch" non so nulla. Ci sono riferimenti nel web?


RispondiCitazione
Hospiton
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 146
 

#PietroGE sul legame tra Schneerson e il progetto Khazaro non ho trovato granché, anche se ho svolto solo brevi ricerche...segnalo però questo articolo sulla Khazaria storica, interessante, ma soprattutto consiglio di tener d'occhio il sito dove è stato pubblicato, "top war", che vanta uno delle migliori sezioni commenti in cui mi sia imbattuto sul web (credo che quella nel link sia una versione italiana del sito, in cui presumo partecipino molti russi piuttosto preparati sulle vicende del loro Paese e sulle beghe storiche-politiche-sociali-etniche con nazioni e popoli confinanti).  https://it.topwar.ru/163894-tajna-russkoj-hazarii.html


PietroGE hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Sulle idee di Schneerson segnalo questi articoli:

https://www.andreacarancini.it/2020/04/i-cattivi-maestri-chassid-da-shneur-zalman-di-liadi-a-menachem-mendel-schneerson/

https://numidia-liberum.blogspot.com/2016/02/lhistoire-occulte-de-la-diabolique.html ( e seguenti )

Sul Piano esiste solo una intervista facilmente reperibile. Sui dettagli di Kazaria 2.0 appena posso indico qualcosa...

 

 


Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3145
 

Qui Zé si pregia di indicare le sue finalità politiche ( essendo Zé ebreo sono finalità concordate col rabbinato ):

https://www.aljazeera.com/news/2022/4/5/zelenskyy-says-wants-ukraine-to-become-a-big-israel

 


Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

In questo video, la cui visione integrale (1h 34') può essere istruttiva, c'è un'affermazione particolarmente interessante a 1h 04' 00" su un'argomento scabroso sul quale però, a parer mio, bisognerebbe tenere i nervi saldi (almeno chi è in grado di farlo):

https://www.youtube.com/watch?v=gYYjaWE8PiM

Questo post è stato modificato 3 settimane fa 2 volte da Primadellesabbie

Hospiton hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4095
 

In questo video, la cui visione integrale (1h 34') può essere istruttiva, c'è un'affermazione particolarmente interessante a 1h 04' 00" su un'argomento scabroso sul quale, però a parer mio, bisognerebbe tenere i nervi saldi:

Quello che dice Rimondini e cioè che gli ebrei sarebbero vittime dei Kazari è poco credibile. Evidentemente lui considera solo i Sefarditi come veri ebrei, e infatti solo questi ultimi sono semiti. La realtà però è che c'è stata una assimilazione tra Sefarditi e Aschkenaziti, forse non nella diaspora ma sicuramente in Israele. Di fatto non c'è una opposizione degna di questo nome al genocidio palestinese. Anche gli ultimi sondaggi danno un consenso alla 'guerra' contro Hamas (cioè al genocidio contro i palestinesi) fortemente maggioritario  in tutte le componenti dell'ebraismo israeliano.

 


RispondiCitazione
Condividi: