Notifiche
Cancella tutti

voci dallo spazio


paolodegregorio
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1630
Topic starter  

- voci dallo spazio -
di Paolo De Gregorio, 30 luglio 2019

Ecco arrivare dallo spazio una voce colta e indipendente, di un militare astronauta italiano, Luca Parmitano, attualmente in orbita nella stazione spaziale internazionale in qualità di comandante.
Riportiamo le sue testuali parole: “Negli ultimi sei anni ho visto i deserti avanzare e i ghiacci sciogliersi. Spero che le nostre parole e visioni possano essere condivise per allarmare davvero le persone verso quello che oggi è il nemico numero uno, cioè il riscaldamento globale”
Purtroppo per arrivare a invertire la tendenza al riscaldamento globale bisogna superare la ignorante e ottusa tesi dei negazionisti (Trump in testa), che non considerano l’economia mondiale basata sull’uso dei fossili (carbone, petrolio, gas) responsabile dei cambiamenti climatici, contrapposta a quella degli scienziati, che da 30 anni avevano previsto il fenomeno, confermato dalle osservazioni di Parmitano e dai fenomeni estremi che osserviamo sempre più di frequente.
Senza una drastica “decarbonizzazione” del modo di produzione industriale, degli spostamenti delle merci e delle persone, dell’illuminazione e del riscaldamento, buona parte degli abitanti della terra, soprattutto quelli che vivono in climi già caldi rischiano un futuro tragico.
A livello globale abbiamo una classe politica totalmente assente che, dal Trattato di Kyoto in poi, pur firmando solennemente impegni per diminuire le emissioni di gas serra e Co2, ha ottenuto il brillante risultato di aumentare l’inquinamento, senza mai produrre decisioni vincolanti e operative.
Tutti coloro, soprattutto giovani e giovanissimi che vogliono un futuro senza tragedie, devono avere l’obiettivo di dare il potere politico a chi si impegna a decarbonizzare il pianeta lasciando carbone, petrolio e gas sotto terra.
Paolo De Gregorio


Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3192
 

Sottoterra insieme a parecchi miliardi di esponenti dell' umano genere: senza carbone, petrolio, gas la vita diventerebbe impossibile quasi dappertutto, tranne forse le selve dell'Amazzonia e qualche altra landa impervia. Come ho già fatto notare, c'è un problema-tempo: anche con tecnologie sostitutive il tempo necessario per la loro messa in opera, diffusione, controllo sarebbero come minimo di 1020 anni. Tutti i discorsi sono inoltre viziati da un pregiudizio 'antropocentrico', ovvero si ragiona a partire dai NOSTRI bisogni MA la Terra abbisogna di tempi lunghissimi per ricostituire le sue riserve, sanare le sue ferite, ripristinare il suo equilibrio. Tempo che non c'è. Energeticamente parlando, il nostro Pianeta sta morendo. La catastrofe ambientale, come viene chiamata, è semplicemente il fatto che la Terra è in preda alle convulsioni ultime del suo organismo vivente. Che è un 'soggetto' appunto vivente, e non mera 'materia' insenziente.


RispondiCitazione
esca
 esca
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 1072
 

Se penso a quello che la Terra e i suoi abitanti hanno subito e continuano a subire grazie a pazzi fanatici.....
5G, geoingegneria, esperimenti nucleari ad alta quota, esplosione di ordigni micidiali nei piu' bei paradisi terrestri (gran parte ad opera del complesso militare-industriale o sbaglio?)
Le giovani generazioni zelanti, come molti di noi qua, nella difesa della Terra, si documentino circa le pratiche di offesa planetaria a partire dalla seconda meta' del secolo scorso. Loro non c'erano ma non significa che non sia successo, anzi. Forse si pensa che tutte quelle bombe atomiche servissero a dare vigore al delicato sistema vivente e climatico.
Come mai le realta' piu' spaventose vengono scientemente rimosse dalla vista virtuale della massa, tipo elefante nella stanza, e si continua a complottare contro i fantasmi, che' e' quello che succede al povero CO2?
Moltissimi hanno VISTO che il clima si e' alterato artificialmente in seguito ad una certa data a partire dalla quale il mondo intero e' stato sottoposto ad una sorta di cablaggio metallico-elettronico attraverso chemtrails che evidentemente, una volta allargatesi per bene, rispondono all'azione di determinate frequenze (satellitari ma pure terrestri) e questo lo si vede molto chiaramente osservando le quotidiane poltiglie biancastre elettrizzate nel cielo.
Per cui chiedo gentilmente: per favore basta con sta propaganda. Manca davvero solo piu' che venga chiesto di smettere di respirare. Ma non e' necessario: la Terra sopravvivera' ben oltre la fine dell'ultimo degli imbecilli. Scommettiamo??


RispondiCitazione
comedonchisciotte
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 634
 

"Non vorrei sembrare troppo catastrofico, ma dalle informazioni di cui posso disporre come segretario generale si tra una sola conclusione: i paesi membri dell'ONU hanno a disposizione a malapena dieci anni per accantonare le proprie dispute e impegnarsi in un programma globale di arresto della corsa agli armamenti, di risanamento dell'ambiente, di controllo dell'esplosione demografica..."
[I limiti dello sviluppo, 1972, ma la frase risale al 1969].

Già cinquant'anni fa, mentre giravano il famoso film di Kubrick con i finti viaggi sulla luna, era in corso la propaganda sul degrado dell'ambiente. Cinquant'anni di balle da parte dei massimi vertici della tecnocrazia qualcosa dovrebbero far capire.


RispondiCitazione
Sirius
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 287
 

Veramente basta con questa propaganda. Voce indipendente...di un militare.
Non si nota già all'inizio la contraddizione, no?
Dobbiamo allarmarci, vivere con il panico, così non ragioniamo giusto?
Ma il meglio è che dobbiamo dare il potere a chi ci fa la faccia bella e dolce e ci dice che vuole salvare il mondo, perchè tra 17 mesi 9 giorni 2 ore e 14 minuti il mondo finisce, ooooh siete proprio forti voi ecofascisti fanatici, sopratutto perchè la vostra becera propaganda la indirizzate sui giovani/issimi che sono molto più facili da plasmare, ragazzi che non hanno mai visto un clima e un cielo naturale non ricoperto di schifezze militari, bravi bravi


RispondiCitazione
Condividi: