Notifiche
Cancella tutti

Denuncia penale per il Presidente Napolitano

Pagina 2 / 2

gianniguelfi
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 136
 

Ottima iniziativa la denuncia, per quanto siano evidenti le scarse possibilità di successo. Napolitano, il principale responsabile di una sequenza di gravi fatti istituzionali, dovrebbe essere messo in stato di accusa da un Parlamento di pecoroni, designati dai partiti e non dagli elettori. Molto, ma molto improbabile.
Fermo restando che il comportamento di Napoletano nell'aggressione alla Libia è abbondantemente oltre tutti i limiti costituzionali, nel golpe di Monti alla presidenza del consiglio il contributo di Napolitano, dal punto di vista costituzionale è alquanto sopra le righe, ma censurabile con difficoltà.
Sono visibili i comportamenti individuati nella denuncia, ma con scarso rilievo nella Costituzione cartacea. La carenza più grossa si rintraccia nella mancata consultazione dei gruppi parlamentari prima di nominare un nuovo premier.
La scelta di Monti come senatore, di per sé è lecita e non contrasta in modo esplicito con la Costituzione.
Più rilevante il comportamento di Napolitano contro la Costituzione materiale, cioè quel complesso cerimoniale che finora aveva regolamentato le crisi di governo, in base alle disposizioni della Costituzione scritta ed a tutta una serie di regole di buon senso e rispetto delle istituzioni.
Da questo punto di vista Napolitano è stato peggio di Attila e dove è passato lui non crescerà più l'erba.
Vistoso ad esempio l'insulto al Parlamento che deriva dalla scelta di Monti ben prima di ogni consultazione con i gruppi parlamentari.
In quanto alla sovranità del popolo, evidentemente è la sua ultima preoccupazione. A meno che qualcuno non gliela ricordi.

E' semplicemente falso che Napolitano abbia incaricato Monti senza prima consultare i partiti.
LEGGI e in futuro cerca di scrivere meno frottole

Consultazioni al Quirinale

ROMA - Gli incontri con il presidente del Senato Renato Schifani e della Camera Gianfranco Fini hanno dato il via alle consultazioni del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per la formazione del nuovo governo dopo le dimissioni di Silvio Berlusconi da presidente del Consiglio. I presidenti delle due Camere hanno lasciato il Quirinale senza fare dichiarazioni. Poi, il capo dello Stato ha incontrato le delegazioni dei partiti rappresentati in Parlamento. I colloqui, sospesi per la pausa pranzo, sono ripresi alle 16.30 con la delegazione del Partito democratico. Poi è stata la volta del Pdl. In seguito il Capo dello Stato dovrebbe conferire l'incarico di formare un nuovo governo a Mario Monti.

link http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-90eeb29e-8812-49d4-a78c-45a5d485a15d.html?refresh_ce


RispondiCitazione
DILEO
Eminent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 31
 

Su queste vicenda, e in questo post, sono state scritte solo sciocchezze, anche in mala fede o a meglio concedere con la leggerezza del “ povero forumista di CDC ” (una strana categoria come quella degli sciampisti…… a cui dice di appartenere Giancarlo54, vedi il suo commento in SCORREGGE DELLA STORIA SOTTO I TACCHI DEL VERO POTERE ).

La censura che segue è intonsa, letteralmente intonsa, cioè INTATTA, NUOVA.

Ma che bravi: l’autore del post è
Medo, 32 anni, abita in Francia. Di solito non è d'accordo,altre volte è contrario.
Inteso bene: di solito non è d’accordo, e quando non è d’accordo è contrario.
Un vero guru.

Scrive

(nonostante qualche parlamentare avesse gridato al "colpo di stato" nei giorni della fine di Berlusconi, ma la cosa è rientrata presto con le promesse e/o minacce sui vitalizi agli attuali eletti...).

Ma bravo, è comodo inventarsi le cose per la propria verità .

Do you, mr. Medo.

Art. 90 Costituzione

Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell'esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.
In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri
.

Quindi Medo “nonostante qualche parlamentare avesse gridato al "colpo di stato ” liquida la vicenda perché nessuna maggioranza assoluta del parlamento ha mai messo in stato d’accusa il presidente.

Ma la denuncia spiega in altro modo l’alto tradimento: Tutti i Parlamentari che hanno accettato passivamente il “Golpe” .

Interviene Bysantium .

Un conto infatti è il desiderio di veder Napolitano & co. processati e condannati, un altro è provarne i capi d'accusa, e qui la costituzione non lascia dubbi. “

Che cavolo vuol dire ? forse intende che i capi d’accusa non sono provati ? ma, anche fosse questo, che c’entra con “ e qui la costituzione non lascia dubbi ” ?
Forse Bysantium vuol forse dire che la costituzione non lascia dubbi che i capi d’accusa non sono provati ?
Parbleu
! e chi è lui per emettere sentenze ? il giudice dei giudici ? o il santo inquisitore, che era superiore ai giudici ?

Se i dubbi sono quelli di Medo e del Guelfi la riposta è sopra esposta…e dimostra che né l’uno né l’altro ha letto.

Quanto al desiderio di vedere processati Napolitano & C non è solo desiderio ma è garanzia Costituzionale: art. 3 e art. 24, per fare un esempio.
Questo è il link della Costituzione sul sito del Quirinale. http://www.quirinale.it/qrnw/statico/costituzione/costituzione.htm#P1T1

Non fosse quello vi difetta anche la memoria, o la buona fede.
Berlusconi voleva l’immunità per se e per le alte cariche, Quirinale compreso (il cd Lodo Alfano e l’epigone su cui la Corte Costituzionale deve ancora decidere). Giorgino ha detto no, che lui non lo voleva né per fargli il favore né per non essere più uguale degli altri e non essere processato in caso di suo reato.

Berlusconi è rimasto da solo e la Corte costituzionale ha detto che art 3 cost. tutti uguali etc. L’avete dimenticato ?

grillone che scrive

premesso che la ricetta di monti, oltre ad essere quasi inutile da punto di vista economico, non mi piace per niente, non credo si possa parlare di colpo di stato! mica è la prima volta, che si insedia un governo nato in parlamento dopo una crisi di governo. magari sarebbero state meglio le elezioni, ma questo è un altro discorso

Detto che la drammaticità della ricetta di Monti è spiegata in decine di articoli e non con la banalità che vuol fa credere grillone (quasi inutile), anche per lui è comodo inventarsi le cose per la propria verità .

Infatti tale corbelleria non sta scritta nella denuncia. Questo è il limite suo non il limite intellettivo dei querelanti.

Monti nella querela: è Commissione Trilaterale, Bildberg, Goldman Sachs e per questo motivo che
Il principale responsabile Napolitano, demolitore ed usurpatore, sorretto dalla casta dei giornalai, dei pennivendoli (ex di “Lotta Continua” e “Potere Operaio”, e dai vari TG, ha forzato I tempi della crisi, nominando senatore a vita Monti con il chiaro fine di incaricare l’economista della Goldman Sachs e Della BCE alla guida del governo, ancor prima di aver consultato I partiti della maggioranza uscente e dell’opposizione. ……” .

Do you, mr. Medo…, ovvero tutti voi.

Dire che magari la querela finirà sotto i faldoni o chiusa in un armadio è una cosa, dire che invece è propaganda di chi a suo rischio ha fatto la denuncia, o che la denuncia è infondata, o che la Costituzione non lo permette… è da ignoranti e non buona fede.

Chi dice che la querela è propaganda deve avere la dignità e la buona fede di dimostrare quale è l’interesse dei querelanti, oltre quello esplicitamente da loro scritto, o dichiarato nel video.
O lo si dica o si taccia per sempre.

Do you, mr. Medo…siete al limite del patetico: denigrare prima una denuncia e poi dite che Napolitnao & C meriterebbero una sorte peggiore della denuncia.

Poi nessuno ha spiegato la ratio di segnalare la denuncia per alto tradimento quando questa era stata già segnalata.

Vedi qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=41350 di DiLeo

Vedi qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=41361&highlight=alto+tradimento di Anais

Vedi qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&p=96271#96271 di Ryuzakero

Vedi qui
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=41607&highlight=alto+tradimento, guarda un po’, proprio di Giancarlo 54 che a questo punto dovrebbe essere, per essere corerente con se stesso, tra quelli che hanno eletto Napolitnao "Uomo dell'anno".

Se il guelfo ghibellino vuole chiamare censura il fatto di depistare dai problemi presentando l’incoronazione di Re Giorgio da parte del NYT, mainstream dell’Impero, a Uomo dell’anno del Nuovo Ordine Mondiale anche questa censura è intonsa, cioè INTATTA, NUOVA.

Oggi gli italiani guardano a lui perché li guidi.

Eccolo qui il re Giorgio fatto Uomo dell'anno del Nuovo Ordine Mondiale proprio da un giornale mainstream dell'impero.

Re Giorgio, il golpista e terminatare della Repubblica Italiana, quello, unico tra le istituzioni, che ha scritto senza pudore di rinuncia dellla sovranità nazionale che il suo compare Monti renderà IRREVERSIBILE dopo la preannunciata crisi.

La ripugnate biografia del vecchio saggio l’ha chiamata memoria corta Bysantium, che ha allegato pure il link http://lavocedelcorsaro.myblog.it/archive/2011/07/13/giorgino-napolitano-una-cariatide-yankee-e-guerrafondaia-al.html

Se chiedi ad un pollo chi è quello risponde sono un’aquila.

Se chiedi ad un mafioso se esiste la mafia quello dirà che nò

Se chiedi al mainstream se Napolitano è Re Giorgio quello dirà di no è complottismo.

Se lo chiedi all’ufficio stampa del PDS vai a vedere prima il loro portafoglio ad organetto

Attualità e CronacaNews: Omaggio del Nyt a "Re Giorgio" Napolitano: grande mediatore

http://www.mtvnews.it/news/omaggio-del-nyt-a-re-giorgio-napolitano-grande-mediatore/

Ps. se proprio vi fosse sfuggito, la motivazione del mainstream dell'impero è
" ha coronato il mese scorso la sua brillante carriera orchestrando uno dei passaggi politici più complessi della storia italiana del dopoguerra

complimenti.

Si accenna che l’informazione si divide in notizie ed opinioni.
In apposita sede la spiegazione.
In breve, però, notizia è la presentazione di una querela, opinione è ciò che pensa l’autore dell’opinione senza essere giudice, senza aver letto, senza coerenza con se stesso e le sue affermazioni precedenti…

Dopo i due messaggi INTATT I, e NUOVI ci sono stati post di opinioni che hanno coperto i fatti di sopra fino al guelfo ghibellino che scrive a queste opinioni le sue ipocrite verità.

afferma all’opinione di Giancarlo54

Le prove sono sotto gli occhi di tutti, chiaramente non dei ciechi, quelli non le vedranno mai

Sempre all’opinione del forumista giancarlo54 (uno di quelli patetici che prima denigrare una denuncia e poi diicono che Napolitnao & C meriterebbero una sorte peggiore della denuncia ) afferma

Risposta evasiva, more solito. E quali sarebbero le prove, quelle di Fergnani? Sono solo patacche e le ho smontate una per una .

Apoteosi è poi la risposta all’opinione di truman

E' semplicemente falso che Napolitano abbia incaricato Monti senza prima consultare i partiti.
LEGGI e in futuro cerca di scrivere meno frottole
.

Questo specialista della disinformazione, e servo di partito, non si vergogna di usare affermazioni iperboliche in assenza di qualsiasi senso del ridicolo.
secondo lui Le prove sono sotto gli occhi di tutti, chiaramente non dei ciechi quelle di Fergnani ? Sono solo patacche e le ho smontate una per una LEGGI e in futuro cerca di scrivere meno frottole .

E quali sono queste prove ? Le sue parole, le prove sono solo ed esclusivamente le sue parole .

Una persona normale di solito è attenta a dire sciocchezze che si ritorcano contro di lui…. ma lo specialista della disinformazione non ha né morale né pudore.

Si ripete quanto scritto

Monti nella querela: è Commissione Trilaterale, Bildberg, Goldman Sachs e per questo motivo che “ Il principale responsabile Napolitano, demolitore ed usurpatore, sorretto dalla casta dei giornalai, dei pennivendoli (ex di “Lotta Continua” e “Potere Operaio”, e dai vari TG, ha forzato I tempi della crisi, nominando senatore a vita Monti con il chiaro fine di incaricare l’economista della Goldman Sachs e Della BCE alla guida del governo, ancor prima di aver consultato I partiti della maggioranza uscente e dell’opposizione. ……” .

Col chiaro fine di… ancor prima 1

Monti da Napolitano, primo atto del tentativo di formare un governo di emergenza .
È la7, non un giornale o un organo “complottista ”. La prova che porta il guelfo ghibelllino e del 13.11.2011.
Ma qui è il giorno 10.11.2011, caro il mio servo di partito guelfo ghibellino ( se magna coi guelfi se magna coi ghibellini), e la tal cosa è in piena coerenza con quanto è nella denucia.
http://www.diariodelweb.it/Video/Politica/?d=20111110&id=223666

Col chiaro fine di… ancor prima 2

Intervento del Presidente Napolitano al Workshop Ambrosetti in video collegamento con Cernobbio (Saluto cordialmente l'amico professor Mario Monti e tutti gli illustri partecipanti al Forum)
Palazzo del Quirinale, 03/09/2011

Sappiamo bene, e diciamo apertamente, che in particolare nell'ultimo decennio la crescita dell'economia italiana è rallentata, fino a ristagnare, è stata inferiore al pure non elevato tasso medio europeo, ha rispecchiato un andamento non positivo della produttività . Più in generale, l'Italia, dopo aver dato un forte contributo all'ideazione della moneta unica, alla definizione del Trattato di Maastricht e alle decisioni politiche comuni che hanno condotto alla nascita dell'Euro, non ne ha tratto le conseguenze di necessario adeguamento del suo sistema economico e anche istituzionale a questa nuova realtà. Sono state fatte scelte coraggiose riassumibili nella rinuncia alla sovranità monetaria e quindi ad ogni autonoma manovra del tasso di cambio ; ma altre scelte sono mancate. E' questo un tema di seria riflessione per tutte le forze politiche che si sono avvicendate nel governo del paese, e per tutte le forze economiche e sociali. (vedi
http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=3&key=2250 ).

Al momento di cottura della democrazia in Italia Monti dirà obbedisco e rendereà irreversibile la rinuncia alla sovranità nazionale.

Per completezza d’informazione, Napolitano proprio quel 3.9.2011 utilizza per la prima volta la parola ” rinuncia “, perché prima di allora ha usato il termine “ limitazione ” (o vi fidate o vi fate la ricerca, come ho già fatto io).
Limitazione e rinuncia sottintendono a significati (come il caso specifico) diversi.

Il deus ex machina di questa fase è Giorgio Napolitano, va fermato e si può fermare .

Conclusione

Questo chiaro fine è dimostrato dal fatto che, avesse anche solo rilevanza politica (e spero di chiudere con ciò il discorso in punto), né partiti, né parlamento, né Napolitano (o se quel 10.11.2011 tra lui e Monti se lo sono detto in camera caritatis a nessuno è dato sapere), né il popolo italiano sono stati informati del programma del sig. Monti (la rinuncia alla sovranità naizonale).
L’informazione, se c’è stata e come è stata, è di settimane dopo la sua nomina, dopo il suo insediamento, dopo la nomina dei ministri bankster, ministri rambo etc.

Ho sentito uno dire “prima di parlare accendere il cervello ” .


RispondiCitazione
gianniguelfi
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 136
 

Allora DILEO, ricapitoliamo:

Truman ha scritto

La carenza più grossa si rintraccia nella mancata consultazione dei gruppi parlamentari prima di nominare un nuovo premier.

Con quell' articolo del TG1 (è il primo che ho trovato, se non ti piace il TG1 posso fornirti altre fonti che dicono la stessa cosa) ho dimostrato che non era vero. Napolitano i gruppi parlamentari li ha consultati eccome prima di incaricare Monti.
Fin qui ci sei? Spero di si.

Tuttavia tu obietti che BEN PRIMA di consultare i gruppi parlamentari, Napolitano aveva nominato Monti senatore a vita con il CHIARO FINE di dargli l' incarico.
Questo è vero, ma lo ha fatto perché sapeva che i partiti non si sarebbero mai messi d' accordo su di un altro nome. In un primo tempo Berlusconi aveva proposto Gianni Letta, ma poi non ha insistito vista la contrarietà degli altri partiti. Quindi l' incaricato doveva necessariamente essere un esterno.
E chi più di Monti aveva probabilità di ottenere la fiducia dei due maggiori partiti, PDL e PD, visto che avendolo, prima Berlusconi nel 94 e poi D' Alema nel 99, scelto come commissario europeo sicuramente piaceva ad entrambi?

Quanto alla rinuncia alla sovranità nazionale in favore di una più vasta sovranità europea, mi spiace per te ma ci arriveremo. Ci arriveremo all' unione politica e non solo monetaria dell' Europa. Tu e Fergnani però potrete sempre chiedere asilo politico da qualche altra parte.


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 4113
 

E' semplicemente falso che Napolitano abbia incaricato Monti senza prima consultare i partiti.
LEGGI e in futuro cerca di scrivere meno frottole

Guarda che la nomina a senatore di Monti è del 9 novembre e quindi già a quella data Napolitano aveva deciso di dare l'incarico a Monti, come uscì su tutti i giornali e come fu confermato dalla sequenza degli eventi successivi. La notizia a cui fai riferimento è del 13 novembre, quindi di 4 giorni dopo.
Il pesante insulto istituzionale resta, anche se viene messa una pezza a posteriori.


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 4113
 

Napolitano aveva nominato Monti senatore a vita con il CHIARO FINE di dargli l' incarico.
... lo ha fatto perché ...

Non ha importanza il perchè. C'è un insulto istituzionale vistoso che è stato percepibile da parte di chiunque avesse occhi.

Ma non va dimenticato tutto il dibattito costituzionale degli ultimi anni. Dalla nascita del maggioritario alle elezioni politiche e da quella che viene convenzionalmente chiamata "seconda repubblica" c'è stato tutto un dibattito politico ed una serie di leggi per consentire la scelta del premier agli elettori. Sono ormai decenni che gli elettori italiani votano tra più schieramenti in base ai candidati premier. A ciò ha anche contribuito l'istituzione delle primarie nel centro sinistra. Sono state fatte più volte proposte per formalizzare meglio questo aspetto, in modo da evitare gli equilibrismi della "prima repubblica" e andare alle elezioni in caso di caduta della maggioranza di governo. Insomma, sia nel mondo politico che nelle masse, un premier che emerge "a posteriori" viene visto come un premier dimezzato, un premier che ha carenze di legittimazione. E' questo il caso di D'Alema Il Bombardiere (1999), che fu molto criticato e del successivo Amato (2001).


RispondiCitazione
gianniguelfi
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 136
 

Guarda che la nomina a senatore di Monti è del 9 novembre e quindi già a quella data Napolitano aveva deciso di dare l'incarico a Monti, come uscì su tutti i giornali e come fu confermato dalla sequenza degli eventi successivi. La notizia a cui fai riferimento è del 13 novembre, quindi di 4 giorni dopo.
Il pesante insulto istituzionale resta, anche se viene messa una pezza a posteriori.

Non mi risulta che per nominare un senatore a vita il PdR debba prima consultare i gruppi parlamentari. A te si? Prima di incaricarlo alla Presidenza del Consiglio però li ha consultati. Quindi tu hai raccontato una balla.

Che comunque Napolitano si preparasse a nominare Monti è vero. Ma il motivo l' ho spiegato nella risposta a DILEO: perché era l' unico che avesse delle chances per mettere d' accordo tutti. Come infatti è avvenuto.
Anche a me sarebbe piaciuto avere un altro premier. Magari un esponente del CSX. Ma non si poteva, perché dopotutto le elezioni le aveva vinte il CDX. E quello si che sarebbe stato un tradimento della volontà popolare.
E manco un esponente del CDX poteva incaricare Napolitano, perché l' opposizione non lo avrebbe votato. Quindi restava solo Monti.


RispondiCitazione
gianniguelfi
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 136
 

Non ha importanza il perchè. C'è un insulto istituzionale vistoso che è stato percepibile da parte di chiunque avesse occhi.

Ma non va dimenticato tutto il dibattito costituzionale degli ultimi anni. Dalla nascita del maggioritario alle elezioni politiche e da quella che viene convenzionalmente chiamata "seconda repubblica" c'è stato tutto un dibattito politico ed una serie di leggi per consentire la scelta del premier agli elettori. Sono ormai decenni che gli elettori italiani votano tra più schieramenti in base ai candidati premier. A ciò ha anche contribuito l'istituzione delle primarie nel centro sinistra. Sono state fatte più volte proposte per formalizzare meglio questo aspetto, in modo da evitare gli equilibrismi della "prima repubblica" e andare alle elezioni in caso di caduta della maggioranza di governo. Insomma, sia nel mondo politico che nelle masse, un premier che emerge "a posteriori" viene visto come un premier dimezzato, un premier che ha carenze di legittimazione. E' questo il caso di D'Alema Il Bombardiere (1999), che fu molto criticato e del successivo Amato (2001).

Io di leggi per consentire agli elettori la scelta del premier non ne conosco manco una. E finché non ci sarà, quando un premier viene sfiduciato andare automaticamente alle elezioni non sarà obbligatorio (e poi Berlusconi non è stato nemmeno sfiduciato).

Ti dirò di più, nonostante Berlusconi abbia detto decine di volte di essere stato eletto dal popolo, nemmeno la famosa legge porcata voluta dal CDX, e tuttora in vigore, dice che i leader delle coalizioni siano "candidati premier".
Ecco l' art.2 comma 3

Contestualmente al deposito del contrassegno di cui all'articolo 14, i partiti o i gruppi politici organizzati che si candidano a governare depositano il programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come capo della forza politica. I partiti o i gruppi politici organizzati tra loro collegati in coalizione che si candidano a governare depositano un unico programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come unico capo della coalizione.

Visto? Capo della forza politica o capo della coalizione, NON candidato premier. E non poteva essere diversamente, visto che siamo una repubblica parlamentare e non presidenziale. Ma gli allocchi hanno abboccato per anni alla storiella del Cavaliere "eletto dal popolo".


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 3 anni fa
Post: 4113
 

Prima di incaricarlo alla Presidenza del Consiglio però li ha consultati. Quindi tu hai raccontato una balla.

La mia frase, facilmente verificabile qui sopra, era:
Vistoso ad esempio l'insulto al Parlamento che deriva dalla scelta di Monti ben prima di ogni consultazione con i gruppi parlamentari.
Ergo mi hai dato del mentitore due volte, per qualcosa che invece è platealmente vero, ed hai pure confermato.
Questo atteggiamento su questo forum non è consentito, leggi le regole di Comedonchisciotte:
www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6576
Non riceverai ulteriori avvertimenti.

Vorrei qui continuare sui profili costituzionali della nomina di Monti a senatore, subito annunciata dalla stampa come investitura a premier, e dei suoi risvolti.
Se successivamente Napolitano avesse incaricato qualcun altro, previa consultazione con i gruppi parlamentari, il suo atto sarebbe stato del tutto lecito. Invece Napolitano ha vistosamente scelto prima il premier, poi ha consultato il Parlamento, senza nemmeno la finzione di cercare una maggioranza e poi un eventuale premier espresso dalla maggioranza.
Egli ha cercato invece una maggioranza che sorreggesse il premier da lui scelto, che aveva preventivamente nominato senatore allo scopo di farlo apparire un membro del Parlamento.
Come giustamente notava Gianni Guelfi, è stata seguita la procedura formale di consultare prima le Camere e poi nominare il premier.
Ora, qualsiasi parlamentare con un minimo di cervello ha capito bene che la recita fatta in Parlamento copriva scelte a priori fatte da altre parti.
Napolitano ha trattato i parlamentari da imbecilli e questo è stato visibile a tutti. Un parlamento che si fosse sentito espressione della sovranità popolare avrebbe dovuto bocciare sonoramente Monti, per questa presa in giro della sovranità del Parlamento, aggiunta all'insulto istituzionale.

Così non è stato, il Parlamento ha concesso la fiducia a Monti.

Ecco perchè approvo l'estensione della denuncia ai parlamentari, ma allo stesso tempo vedo nettamente che da tale parlamento (mi è scappato il minuscolo e lo lascio) non c'è da attendersi alcun sussulto di dignità.


RispondiCitazione
pippo74
Reputable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 403
 

quando qualcuno in questo blog ha tentato seriamente di far emergere la questione della denuncia per alto tradimento di Napolitano è stato dapprima usato, poi ignorato, in seguito ostacolato e infine bannato. parlo dell'utente Dileo. chi nasconde cosa in CDC?


RispondiCitazione
Pagina 2 / 2
Condividi: