Notifiche
Cancella tutti

Diritto a vita dignitosa: unico requisito non essere italian


dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14462
Topic starter  

100 clandestini arrivano in Piemonte. Cota: ‘nessuno ci ha avvertito’
sabato, 22, marzo, 2014

“Nessun organismo regionale è stato avvertito dell’arrivo ieri in Piemonte di un aereo carico di immigrati arrivati clandestinamente. Si tratta di un fatto molto grave, anche perché gli amministratori locali segnalano una serie di problematiche sul territorio”.
Cosi’ il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, sull’arrivo ieri sera a Torino di un centinaio di profughi, per lo piu’ siriani, smistati in diverse strutture del territorio piemontese. “Questi sono i bei regali che ci fa Roma e ora vorrei sapere se e quanti ne intendono portare ancora” ha aggiunto l’esponente del Carroccio.
http://www.imolaoggi.it/2014/03/22/100-clandestini-arrivano-in-piemonte-cota-nessuno-ci-ha-avvertito/

Porto Empedocle: 250 immigrati in fuga, emergenza in città (Video)
sabato, 22, marzo, 2014

Almeno 250 dei circa 500 migranti giunti a Porto Empedocle (Agrigento) fono fuggiti dall’immobile all’interno dell’area portuale dove erano stati alloggiati. Polizia e carabinieri stanno cercando di rintracciarli. “La città è piombata in emergenza -ha detto il sindaco, Lillo Firetto- e non è in grado di accogliere numeri così importanti di immigrati extracomunitari, alla luce anche della chiusura definitiva della tensostruttura per la prima accoglienza.
Gli immigrati lasciati sulla banchina del porto -ha continuato il sindaco- stanno di fatto girovagando per la città senza poter ricevere alcun sostegno nè un’adeguata prima assistenza. Faccio appello al ministro Alfano affinchè immediatamente si intervenga con misure straordinarie per poter garantire una decorosa accoglienza degli immigrati sollevando la città da questa gravissima emergenza”. Colonne di migranti sono stati avvistati anche lungo il viadotto Morandi che collega Porto Empedocle con Agrigento. Tra loro molte donne e diversi minori
http://www.imolaoggi.it/2014/03/22/porto-empedocle-250-immigrati-in-fuga-video/

Immigrazione, Donzelli e Coralli (FDI): “Nelle altre regioni i clandestini vanno nei CIE, in Toscana finiscono in un agriturismo con piscina” 21 marzo 2014 15:39Politica e Opinioni Toscana Giovanni Donzelli (foto gonews.it) “20 immigrati clandestini, senza documenti, sono ospitati da oggi a spese della collettività in un agriturismo con piscina e solarium a Vicchio nel cuore del Mugello. Sono stati identificati? Hanno fatto un adeguato screening sanitario su malattie contagiose? Sono tenuti sotto controllo? Quanto ci resteranno? Quanto costa ospitarli in questa bella struttura? Perchè in Toscana non abbiamo ancora un CIE? ”. Così Giovanni Donzelli, Presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in Consiglio Regionale e Caterina Coralli consigliera Comunale a Vicchio in merito all’arrivo di 380 migranti in Toscana, 20 dei quali alloggiati presso l’agriturismo Bonciani nel Mugello. “Nelle altre regioni i clandestini vanno nei CIE dove vengono identificati, tenuti sotto controllo e se del caso espulsi dal territorio italiano, qui invece li ospitiamo a spese della collettività in una villa colonica con piscina, solarium e vista panoramica. Sul sito dell’agriturismo si legge che ‘gli appartamenti sono estremamente confortevoli, ognuno è dotato di due camere doppie (per un totale di quattro posti letto), cucina abitabile e completamente attrezzata, bagno, ripostiglio e lavatrice, riscaldamento singolo, doppi vetri, possibilità di barbecue all’aperto’”. “Se pensiamo a tutti i toscani che pagano le tasse, non arrivano alla fine del mese e sono in attesa da anni di una casa popolare, lo stupore si trasforma in rabbia. Speriamo che almeno in cambio dell’ospitalità gli venga chiesto di svolgere alcuni lavori di piccola utilità” concludono Giovanni Donzelli e Caterina Coralli di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale. Fonte: Gruppo Fratelli d'Italia - Toscana Consiglio Regionale

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2014/immigrazione-donzelli-e-coralli-fdi-nelle-altre-regioni-i-clandestini-vanno-nei-cie-in-toscana-finiscono-in-un-agriturismo-con-piscina/#.Uy3SKvl5M9o
Copyright © gonews.it

VENETO, IN ARRIVO 300 CLANDESTINI: LI MANDA RENZIE, AUTORITÀ LOCALI D’ACCORDO
Mentre in Veneto si organizzano sondaggi online, domani arriveranno a Treviso 40 clandestini, con l’accordo del Comune. In tutto il Veneto saranno oltre 300.

Saranno ospitati in hotels, come in Lombardia e Toscana. A spese dei contribuenti.

La Lega protesta: «Oggi, nonostante la Prefettura abbia informato il Ministero dell’incapacità della provincia di Treviso di farsi carico di altri 40 clandestini, lo Stato ha comunicato che comunque era necessario occuparsene, disponendo che i clandestini fossero alloggiati anche in strutture alberghiere».

«Ci opporremo a questa vergognosa scelta- E da domani i trevigiani sono costretti a far fronte di tasca loro, nonostante la crisi economica e le difficoltà, al sostentamento di nuovi clandestini»

Quei 400 che ieri sera giocavano in piazza al piccolo indipendentista, manifestino contro l’invasione. Pensino alle cose serie.
http://voxnews.info/2014/03/22/veneto-in-arrivo-300-clandestino-li-manda-renzie-autorita-locali-daccordo/

RENZIE CHIAMA PISAPIA: A MILANO IN ARRIVO 500 CLANDESTINI DA LAMPEDUSA

Non sanno più dove metterli. Oggi è il giorno del ‘ponte aereo’ dalla Sicilia alle regioni del sud, del centro e del nord tutte unite nell’invasione.
Dopo la Toscana, e la provincia di Pavia, è la volta di Milano. Pisapia pare abbia accettato l’invio di qualche centinaio di nuovi clandestini in un telefonata con il prefetto del governo.
http://voxnews.info/2014/03/21/renzie-chiama-pisapia-a-milano-in-arrivo-1700-clandestini-da-lampedusa/

QUI L'ACCOGLIENZA RISERVATA AGLI ITALIANI
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=69038

MA naturalmente non e' razzismo

Teramo: Incendio cabina elettrica per alaccio abusivo a una roulotte che ospita donna disagiata. denunciata

22 marzo 2014
Un incendio è divampato in una cabina elettrica e la polizia stradale ha scoperto che una donna si era allacciata abusivamente a uno dei due contatori per rubare energia. È successo a Martinsicuro, in provincia di Teramo. Le fiamme sono state notate da una pattuglia della polizia stradale di Teramo che ha spento le fiamme e notato due contatori, da uno dei quali fuoriusciva un filo di corrente che, snodandosi per il fondo agricolo attiguo, arrivava a una roulotte lasciata in sosta, priva di targhe. La roulotte veniva usata come riparo da una donna, che ha raccontato agli agenti di vivere lì dall’agosto dello scorso anno per problemi familiari e che le sue condizioni disagiate l’avevano portata all’allaccio elettrico abusivo. Alla donna è stato assicurato dagli agenti ogni possibile interessamento per la particolare situazione di disagio, ma è stata denunciata per furto di energia elettrica.
http://www.crisitaly.org/notizie/teramo-incendio-cabina-elettrica-per-alaccio-abusivo-roulotte-ospita-donna-disagiata-denunciata/

Disoccupato 40enne incensurato rapina profumeria per pagare il mutuo

22 marzo 2014
Ha rapinato una profumeria a due passi da casa e ha utilizzato il bottino (160 euro) per saldare immediatamente un debito. La polizia di Bologna ha arrestato l’uomo, un 40enne bolognese, incensurato, rintracciato poche ore dopo il colpo compiuto ieri mattina nel negozio ‘Profumi e Segreti’ di via della Salute, zona Borgo Panigale. L’uomo, ex impiegato senza lavoro da circa due anni, secondo gli agenti che lo hanno catturato è un bandito “improvvisato”: avrebbe ammesso di avere rapinato la profumeria per fare fronte a problemi economici tra cui il mutuo da pagare.(…)

Leggi t
utto su ilrestodelcarlino
http://www.crisitaly.org/notizie/bologna-disoccupato-40enne-incensurato-rapina-profumeria-per-pagare-mutuo/

Latina: Senzatetto muore in incendio in stabile dismesso
adv by Adsense
22 marzo 2014
Un senzatetto è morto in un incendio divampato in uno stabile dismesso a Latina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. L’uomo, che probabilmente dormiva nell’edificio, è stato trovato carbonizzato dai vigili intervenuti per spegnere le fiamme.

Fonte Adnkronos
http://www.crisitaly.org/notizie/latina-senzatetto-muore-in-incendio-in-stabile-dismesso/

Modena: Imprenditore 53enne si suicida impiccandosi nel solaio di casa
22 marzo 2014
Un imprenditore modenese 53enne si è impiccato nel solaio di casa, sede legale della sua azienda. Il corpo è stato trovato da un parente. Secondo il messaggio che ha lasciato ai suoi parenti, era ossessionato dai debiti senza trovare una via di uscita.Il 53enne, che viveva con la moglie e i due figli nel Centro di Modena. Secondo le prime informazioni diffuse avrebbe comunque manifestato le proprie difficoltà nel lavoro.(…)
Leggi tutto su mo24
http://www.crisitaly.org/notizie/modena-imprenditore-53enne-si-suicida-impiccandosi-nel-solaio-casa/

Arezzo: Disoccupato minaccia suicidio puntandosi una pistola alla tempia. Arrestato
21 marzo 2014
Si chiude in auto e minaccia di togliersi la vita con una pistola. È stato salvato dai carabinieri. È accaduto questa mattina alla stazione di Castiglion Fiorentino (Arezzo). L’uomo, un sessantenne della zona attualmente disoccupato, ha parcheggiato vicino alla stazione castiglionese poi, davanti a passanti e automobilisti si è chiuso dentro la sua auto minacciando di togliersi la vita con un colpo d’arma da fuoco. L’allarme è scattato immediatamente, l’intero paese si è mobilitato, i carabinieri sono arrivati sul posto e hanno iniziato una trattativa andata avanti per tre ore fino a che non sono riusciti a convincere l’uomo a desistere. Sul posto è arrivato il 118 che ha subito caricato il sessantenne in ambulanza trasportandolo in ospedale ad Arezzo. Secondo quanto emerso il sessantenne era preoccupato perchè, pur mancando pochissimo tempo alla pensione, essendo disoccupato temeva di non poter raggiungere l’obiettivo. Stamani la figlia 28/enne dell’uomo ha riferito ai carabinieri che il padre si era allontanato da casa e che le aveva inviato un sms con chiare intenzioni suicide a causa delle pessime condizioni economiche in cui versava la famiglia, in particolare dovute alla perdita del lavoro nel 2008, dopo tre anni di mobilità. Circa un’ora dopo, verso le 11.40, l’uomo è stato rintracciato dai carabinieri nel parcheggio della stazione ferroviaria di Castiglion Fiorentino. Era chiuso dentro l’auto, in stato confusionale e con una pistola puntata alla tempia. Dopo oltre quattro ore di trattative condotte dai militari della compagnia carabinieri di Cortona e dal comandante della stazione di Castiglion fiorentino, coaudiuvati dai militari negoziatori della Legione Carabinieri di Firenze, verso le 15.30 desisteva dall’intento suicida, consegnando spontaneamente l’arma, una pistola semiautomatica Beretta cal. 6,35 carica e con il colpo in canna. L’arma era priva di matricola e detenuta illegalmente. Poi l’uomo è stato trasportato all’ospedale ‘Santa Margherita« di Cortona per le cure del caso. I carabinieri hanno fatto una perquisizione domiciliare trovando un’altra pistola, anche questa illegalmente detenuta, e munizioni varie, più armi giocattolo. Il sessantenne è stato arrestato per il possesso di armi clandestine e munizionamento, detenzione abusiva di armi comuni da sparo, e poi rimesso in libertà ai sensi dell’art. 121 delle norme di attuazione del codice di procedura penale.

Fonte Ansa
http://www.crisitaly.org/notizie/arezzo-disoccupato-minaccia-suicidio-puntandosi-pistola-tempia-arrestato/


Citazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 14462
Topic starter  

tutto questo amore e attenzione per le donne?
Non vale se sono italiane?Nessuna solidarietà?

Compagni in parlamento, regioni, provincie, comuni con i loro LAUTISSIMI stipendi non hanno mai uno SPICCIO PER LA SOLIDARIETA'?

Este: Licenziamenti Santa Tecla, le dipendenti salgono su una torre alta 15 metri

21 marzo 2014
Ore 17, scatta l’assalto alla torre da parte delle ex lavoratrici Santa Tecla. Clamorosa manifestazione, ieri pomeriggio, delle ex dipendenti della casa di riposo di via Pra’, da oltre un mese in presidio permanente lungo la regionale 10. Un gruppetto di donne, licenziate il mese scorso dalla struttura atestina, è salito sulla torre che si trova all’ex Saffa, proprio dietro al presidio. Per raggiungere la vetta della struttura hanno utilizzato la scala in ferro che sale su uno dei lati. Dalla torre, alta almeno quindici metri e inutilizzata da anni, le donne hanno fatto calare uno striscione che invoca il commissariamento della casa di riposo e il ritiro dei licenziamenti.
«Noi non andremo via», hanno scritto sul lungo striscione, facendo ben capire che il presidio “d’alta quota” rimarrà attivo fino a che Regione o Fondazione non interverranno positivamente sulla questione. Le ex lavoratrici chiedono in particolare di poter dialogare con don Marco Cagol, delegato vescovile alla pastorale sociale e attuale presidente della Fondazione Santa Tecla. Fino a che non arriverà qualche serio interlocutore.(…)

Leggi tutto su mattinopadova
http://www.crisitaly.org/notizie/este-licenziamenti-santa-tecla-dipendenti-salgono-torre-alta-15-metri/

un commerciante, sarà un evasore per cui muoia lui e tutta la famiglia
Padova: Commerciante si infila il cappio nell’aula del tribunale, «Strangolato dai debiti»

21 marzo 2014
Ancora un gesto estremo, stavolta per fortuna solo dimostrativo e senza conseguenze. Ma il malumore di commercianti e partite iva venete nei confronti di un sistema fiscale «insopportabile» è sempre più visibile. Stavolta momenti di tensione si sono vissuti in tribunale a Padova dove un commerciante era sotto processo per il mancato pagamento di alcune cartelle esattoriali dell’Inps.
Contributi non versati, evidentemente per l’impossibilità di far fronte ai debiti. E la disperazione che sfocia nel gesto disperato di tirar fuori un cappio preparato a casa e stringerselo al collo.(…)

Leggi tutto su mattinopadova
http://www.crisitaly.org/notizie/padova-commerciante-si-infila-cappio-nellaula-tribunale-strangolato-dai-debiti/

Bagheria: Imprenditore 56enne si suicida impiccandosi ad una trave. Vantava crediti per 500mila €

20 marzo 2014
A Bagheria un imprenditore di 56 anni si è tolto la vita: vantava crediti per 500 mila € da aziende per le quali aveva lavorato. E’ il secondo caso nel giro di pochi giorni. Solo pochi giorni fa era successo a Scaletta Zanclea, in provincia di Messina, dove un operaio si è impiccato dopo essere rimasto per mesi senza lavoro. Questa volta la disperazione ha colto un imprenditore edile di Bagheria che si è tolto la vita nel suo magazzino in via Carlo Alberto Dalla Chiesa al piano terra della propria abitazione. L’uomo, di 56 anni, è stato trovato dai familiari appeso a una trave.(…)

Leggi tutto su qds
http://www.crisitaly.org/notizie/bagheria-imprenditore-56enne-si-suicida-impiccandosi-ad-trave-vantava-crediti-per-500mila/

una scusa, era sicuramente un evasore. Come facciamo a pagare alloggi e mense per i poveri profughi se sta gentaglia non paga le tasse?

e questi studenti? Di Trieste, son per forza ricchi. Che non si lagnino
Trieste: Tasse da capogiro, studenti universitari in rivolta

20 marzo 2014
Serpeggia il malcontento tra gli studenti universitari che in questi giorni hanno ricevuto la seconda rata delle tasse universitarie. C’è chi è riuscito a consegnare in tempo il modello Isee entrando così nella fascia assegnata alla propria situazione economica e pagando «il giusto» mentre gli altri che non hanno potuto o non hanno fatto in tempo a consegnare l’Isee si sono visti prospettare aumenti da capogiro con somme variabili dai 1837 euro fino a cifre che supereano ampiamente i 2 mila euro.(…)
http://www.crisitaly.org/notizie/trieste-tasse-capogiro-studenti-universitari-in-rivolta/

Leggi tutto su ilgazzettino

Suzzara: Tasselli, cassa in ritardo. Operai ancora senza soldi
20 marzo 2014
Gli operai della Tasselli, storica fabbrica di frigoriferi fondata nel 1964, divenuta una divisione del gruppo industriale Isa di Bastia Umbra (Pg), sono senza stipendio da giugno. Questo perché l’autorizzazione a pagare la seconda tranche di cassa integrazione in deroga è stata approvata dalla Regione solo il 26 di febbraio, in evidente ritardo.
Il fatto è che i dipendenti stanno ancora aspettando la tranche relativa al secondo semestre 2013. La banca, con cui era stata concordata la possibilità di anticipare gli stipendi, ha chiuso i cordoni della borsa, vista la situazione di stallo, e ha sospeso i pagamenti. Anzi. Alcuni lavoratori hanno firmato clausole di garanzia: se la banca non tornerà in possesso dei soldi anticipati potrà attingere ai Tfr dei dipendenti.
A tranquillizzare gli ex dipendenti Tasselli e a gettare acqua sul fuoco sull’incresciosa situazione è il segretario provinciale della Fillea Cgil Claudio Pasolini: «La richiesta è stata approvata dalla Regione il 26 febbraio. La documentazione è stata spedita all’Inps. Domani mattina (mercoledì), sentirò dagli uffici preposti a che punto è la pratica». E dopo la cassa in deroga, che scade il 31 marzo, con quali altri strumenti si potrà dare una garanzia economica ai dipendenti? «C’è la possibilità di inviare un’ulteriore domanda di cassa integrazione in deroga alla Regione Lombardia, della durata di tre mesi – ha replicato Pasolini della Fillea Cgil – nei prossimi giorni compileremo la modulistica necessaria per inviare la nuova richiesta».(…)

Leggi tutto su gazzettadimantova
http://www.crisitaly.org/notizie/suzzara-tasselli-cassa-in-ritardo-operai-soldi/


RispondiCitazione
sovranista
Active Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 6
 

E anche queste cose si inquadrano nel grande progetto del NWO per eliminare tutte le positive differenze tra i popoli per giungere all'omologazione totale. Aggiungi poi nel nostro caso che secondo me c'è un vero e proprio piano di sterminio (lento, ma del resto mica vuoi che i signori del politicamente corretto usino metodi barbaramente rapidi...) di noi Italiani per sostituirci col melting-pot.


RispondiCitazione
Condividi: