Notifiche
Cancella tutti

Ius Soli: riparte il digiuno, semiclandestino. Ho aderito schierandomi contro le guerre italiane

Pagina 1 / 2

marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8226
Topic starter  

Ius soli, riparte il digiuno in modo semiclandestino. Ho aderito ancora schierandomi anche contro le guerre italiane.

http://lecorvettedellelba.blogspot.it/2017/11/ius-soli-in-modo-semiclandestino.html

Riparte da oggi fino al 30 novembre il digiuno per lo Ius Soli lanciato dal sen. Manconi e dal segretario dei radicali italiani Magi. Fino a ieri però non si rintracciava sui media nessun cenno sulla ripresa dell’ iniziativa.
Probabilmente lo Ius Soli ora fa parte della trattativa elettorale tra il Pd, il gruppo di Piasapia e i radicali italiani di Riccardo Magi ed Emma Bonino. Il senatore Manconi ha partecipato anche, forse nelle vesti di mediatore, all’ incontro tra Fassino e Pisapia tenuto nei giorni scorsi.

Io digiuno domani, ma ci tengo a segnalare che lo faccio solo per un mio bisogno personale di coerenza.
Solo oggi infatti, a digiuno ormai iniziato, troviamo sui media qualche comunicato stampa ed è stato finalmente corretto sul web l’ elenco degli aderenti che annoverava fino ad alcuni giorni fa: Matteo Salvini, Adolf Hitler ed altri impossibili digiunatori, inseriti da qualche buontempone un po’ razzista, senza che nessun dei promotori avesse controllato la lista dei nomi inseriti online.

Digiuno per lo Ius Soli perché è un provvedimento importante per centinaia di migliaia di giovani che stanno crescendo nel nostro paese anche se hanno i genitori di origine non italiana,
Ma aggiungo anche la mia più ferma opposizione alle politiche guerrafondaie del governo Pd che dovrebbe varare la legge.

I nostri governi hanno contribuito e contribuiscono a mettere a ferro e fuoco Libia, Siria e Yemen. Sono responsabili di migliaia di morti, feriti e sfollati. Anche se la legge a favore dei giovani nuovi italiani fosse varata, questo non eliminerebbe certo le tremende responsabilità dei governi di centro sinistra. Tremende dal punto di vista delle vittime. Noi invece possiamo continuare a considerare una tragedia nazionale l’ eliminazione del nostro paese.dalla Coppa del Mondo di calcio e cambiare canale quando la televisione è costretta a parlare dei bambini e dei civili uccisi nei bombardamenti o colpiti dal colera.

Marcopa


Citazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3055
 

Lo "Ius soli" in una situazione di frontiere colabrodo (sostenuta tra l'altro - e guarda caso! da chi proprio del'assenza di qualsiasi filtro alle frontiere fa una bandiera) è un ATTENTATO all'esistenza stessa della nazione. Chi sostiene una cosa del genere è un defraudatore della cittadinanza di tutti i cittadini italiani, colpevole di tradimento manifesto. Che sorte gli spetta?


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8226
Topic starter  

E' per questo che digiuno,

perchè è un provvedimento giusto e molto avversato da Salvini, Meloni, probabilmente, vedremo presto, Movimento 5 Stelle, tutta la stampa di destra e anche purtroppo da moltissime brave persone.

Ed è importante per migliaia di giovani e giovanissimi che stanno crescendo insieme ai nostri giovani e giovanissimi.


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3107
 

In un post precedente del Forum e' stato affrontato lo stesso argomento. Dunque non mi ripetero' nel merito dello Jus Soli: c'e' GIA'. E' solo una sua estensione che viene ad esser dibattuta oggi. Pregherei chi pensa che siamo cattivi solo perche' bianchi di leggersi un po' la legislazione attuale e di verificare quanto accade oggi nelle nostre citta', ad esempio Milano e Roma la sera...a meno che non si cerchi la robba bona e non si veda tutto il resto...
Vi sono pero' anche altri aspetti da mettere in rilievo, a parte quelli giuridici.
Il primo: mi pare che MarcoPa non si renda conto che cosi' facendo, sponsorizza implicitamente le spedizioni militari di cui l'Occidente e' stato autore, ratificandole in nome di un internazionalismo buonista che vuole che alla fine 'tutto vada a posto': insomma, d'accordo, li abbiamo bombardati PERO' diamo loro la cittadinanza e consentiamo che possano farsi una vita QUA in nome dell' 'integrazione' ( gia' come ho detto AVVIENE OGGI ).
Attenti a questa parola: e' pericolosa. Significa che costoro debbano dimenticare la LORO cultura, la LORO maniera di vita per ASSIMILARE la nostra senza residui che non siano il folklore cui gia' siamo abituati a vedere nelle nostre citta' ( folklore straccione ed a volte criminale ).
Attenzione dunque perche' le buone intenzioni spesso e volentieri coprono i sepolcri che altri hanno contribuito potentemente a creare. NO alla guerra significa NO allo sradicamento di milioni di persone, alla perdita della LORO identita' umana, civile e religiosa, alla loro prigionia ( dorata a volte, molto spesso infame nei centri di raccolta ) in Paesi come i nostri che sono anch'essi VITTIME di questa redistribuzione umana.
Infine, digiuniamo per degli scopi spirituali. Lasciamo stare quelli politici e le strumentalizzazioni inevitabili che comportano.


RispondiCitazione
olmo
 olmo
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 209
 

La tua risposta a Mario è pura patafisica, come cantare bella ciao per l'arrivo di monti!
Non c'è mai stata in questi anni una sola voce del "del vero potere", come lo chiama il depresso cronico, contro l'immigrazione di massa in qualunque forma essa è avvenuta o avviene, men che meno contro questa carnevalata del povero ragazzo che ha problemi di identità perchè solo a 18 anni può ottenere la cittadinanza!
C'è stato un tempo in cui per i compagni fare l'opposto di quello che diceva il "vero potere" era la cosa "giusta".
Si vede che oggi il post-capitalismo ultrafinanziario si cela dietro salvini e 5 stelle ed io non ho capito una mazza!


RispondiCitazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8226
Topic starter  

La legge aiuterebbe migliaia di giovani, che hanno i genitori di origine non italiana, ad avere gli stessi diritti di altri giovani con i quali condividono già scuole, campi da gioco, discoteche.

Contro le guerre faccio quello che posso, cioè poco.

Sono due temi che meriterebbero un grande impegno di tutti. Il mio contributo principale è ricordarli sempre a chi frequento o divido spazi su internet.

Lo farò sempre con grande convinzione.


RispondiCitazione
fuffolo
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 686
 

VeritàperlaSiria;236449 wrote:
La legge aiuterebbe migliaia di giovani, che hanno i genitori di origine non italiana, ad avere gli stessi diritti di altri giovani con i quali condividono già scuole, campi da gioco, discoteche.

Prima dei diciotto anni non è che cambi molto essere o meno nazionalizzato, potendo accedere ad assistenza, istruzione etc, in base alla semplice residenza anagrafica.


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3055
 

Erompe, come predetto, il piagnisteo sui giovani esclusi dai diritti (falso, come dice fuffolo).
Se uno si limitasse a leggere solo il semplice piagnisteo, dando per scontata la buona fede, potrebbe anche lasciarsi invogliare a discutere le loro istanze.
Il problema è che il quadro che hanno in mente questi signori è:

1) ius soli puro e semplice (magari fin dalla nascita?)

2) obbligo di accogliere ("soccorrere" nel loro linguaggio di legno) CHIUNQUE sbarchi (che dico: chiunque si imbarchi - dall'altra sponda).

Fate la somma dei due addendi, e vedete il risultato.
Ecco allora che il paravento di bonario "buonsesno" cade e si manifesta il progetto ideologico. Sono, nella misura in cui una tale espressione abbia un senso, "nemici del popolo", puramente e semplicemente.


RispondiCitazione
riefelis
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 679
 

VeritàperlaSiria;236449 wrote: La legge aiuterebbe migliaia di giovani, che hanno i genitori di origine non italiana, ad avere gli stessi diritti di altri giovani con i quali condividono già scuole, campi da gioco, discoteche.

Questo è un esempio grandioso di come certa gente è lontana dalla realtà.
I minori senza cittadinanza italiana godono comunque di tutte le tutele e i diritti che ricevono tutti i minorenni italiani. Avranno solo ritardi per i rilascio dei passaporti per effettuare le gite scolastiche. Problemone espresso dagli stessi apostoli dello ius soli.
Lo ius soli comporterebbe mostruosità giudiriche che vedrebbe figli minori con cittadinanza italiana e genitori stranieri. E se la famiglia volesse rientrare? Ci ritroveremo sempre con minori con cittadinaza italiana residenti altrove da tutelare (disagi familiari, zone di conflitto) con le nostre reti diplomatiche. Peggio ancora in futuro sarà facile per queste anime belle apostoli dello ius soli avanzare anche il diritto dei genitori per ricevere subito la cittadinanza italiana.
Siamo un paese di confine in pieno declino, non possiamo permetterci tutto questo.


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Bravo marco


RispondiCitazione
MarioG
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3055
 

Bravo riefelis!


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

Per me doppia razione di dolce fino al 31/12


RispondiCitazione
[Utente Cancellato]
Noble Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 2066
 

Quei ragazzi che vivono nelle viscere di Roma.
Bambini e adolescenti invisibili. Migranti ma anche italiani, integrati nella disperazione. Ecco come vivono, negli edifici abbandonati e negli anfratti di una Capitale che non si accorge di loro

di Floriana Bulfon

"Esistenze condivise con i topi. In fuga da famiglie che non ci sono, assistenze pubbliche che non assistono, carenze di personale, controlli che latitano, centri che dovrebbero accoglierli e li considerano come cambiali da riscuotere. Uno entra; un altro esce. Italiani e migranti, integrati nella disperazione.

«Vedi: anche gli italiani sono come noi; dormono per strada»."

http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/11/17/news/quei-ragazzi-che-vivono-nelle-viscere-di-roma-1.314033?ref=HEF_RULLO


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3107
 

Insomma Marco: non capisci che le guerre servono proprio al trasferimento forzato di queste popolazioni, ad una nuova deduzione in schiavitù ? Come fai a volere il fine ed insieme a rifiutare il mezzo? Qui non c'entra la politica, c'entra la ragione...


RispondiCitazione
Georgejefferson
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4401
 

Le migrazioni massicce (insieme alla circolazione di merci e capitali senza giusta regolamentazione internazionale) sono conseguenze del modo di produrre e organizzare oggi, la società mondiale, ferocemente competitiva in un gioco truccato alla radice. L'illusione di fare, da soli, l' isola felice senza responsabilità, e' una chimera buona per le elezioni.


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: