6 navi da guerra ci...
 
Notifiche
Cancella tutti

6 navi da guerra cinesi in Medio Oriente


Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 394
Topic starter  

Al contrario di quanto si possa pensare, non necessariamente sono lì per fare la guerra, ma per dare conferma che non ci sarà un'escalation globale. Quando si uniscono Cina, Russia, Iran, Turchia, Libano, Siria, India ecc i malintenzionati psicopatici occidentali non possono fare altro che stare buoni.

https://www.ilgiornale.it/news/cronaca-internazionale/sei-navi-guerra-medio-oriente-manovre-cina-nel-golfo-persico-2230602.html


sarah hanno apprezzato
Citazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 487
 

Si tratta senza dubbio di un fatto rilevante che, anche se viene classificato come esercitazione programmata, ha un carattere di eccezionalità. Il Mediterraneo e il Golfo Persico appaiono ora come un grande teatro dove si pavoneggiano le forze armate dei paesi più importanti facendo prefigurare eventuali schieramenti, alleanze e rivalità. Indubbiamente la Cina non poteva non partecipare. Probabilmente si tratta ancora di operazioni di deterrenza ma in ogni caso la loro portata dà la cifra della gravità della situazione. Credo non si possa, al momento, escludere alcun tipo di sviluppo, anche imprevisto.


Detrollatore II hanno apprezzato
RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 394
Topic starter  

Sì certo Sarah, da un lato lascia presagire scenari di guerra in medio oriente e possibilità di estensione del conflitto, ma dall'altro, oltre a quello che ho scritto precedentemente, dà un senso di  protezione per la Palestina, che vede più di uno spiraglio aprirsi.

Non dimentichiamo inoltre che, in occasione della guerra in Ucraina, inizialmente (e anche successivamente), ci fu un notevole allarmismo su una probabile escalation mondiale, conoscendo bene la natura psicopatica e terroristica della NATO e della sua guida.
Anche allora molti osservatori (anzi molto pochi, direi), in tempi non sospetti, erano sicuri che la NATO era stata messa in condizioni di non nuocere. Cosa che abbiamo potuto desumere dai successivi sviluppi della guerra.

Ne sono sicuro. Il copione sarà molto simile.


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 487
 

@Detrollatore II. Anch'io ho una sensazione simile e mi pare al momento improbabile assistere ad una immediata escalation militare allargata al di fuori del Medio Oriente che tra l'altro, a quel punto, altro non sarebbe che un conflitto mondiale a tutti gli effetti. Si tratta comunque solo di un'impressione personale che non posso supportare con elementi oggettivi. Non è facile, anche se inevitabile, il paragone con l'Ucraina: se da un lato era abbastanza intuitivo che da quel fronte non sarebbe scaturito nell'immediato un conflitto mondiale, dall'altro mi sembra di poter dire che né la nato né la Russia forse avevano questo nei loro obiettivi. La Russia ha mostrato all'occidente "atlantista" di poter reagire fermamente ( anche con la forza militare ) all'evidente provocazione americana, mentre il fronte nato ( credo abbastanza recalcitrante all'idea di un vasto conflitto "caldo") ha più che altro aspirato ad una tattica subdola di indebolimento della Russia. Al momento la situazione è del tutto impantanata e penso che più di qualcuno, in occidente, oggi maledica il giorno in cui ha dato il suo benestare alla partecipazione allo scontro. Mi riferisco più che altro ai convinti fautori britannici. Il Medio Oriente è sicuramente un teatro più pericoloso, tanto è vero che, anche a scopo di deterrenza reciproca, sono diverse la nazioni che si stanno "interessando" allo scenario. Vedasi la Cina con le sue navi. Una cosa del genere, in questi termini, finora in Ucraina non era accaduta. Ora si deve registrare anche la reazione ( per certi versi inaspettata ) di buona parte del mondo che prende le distanze dall'idea di trasmettere il genocidio palestinese in diretta tv. Per questo sono abbastanza certa che, nell'immediato, non sarà molto probabile assistere ad una vera escalation ma che allo stesso tempo non si possa affatto escludere un'intenzione in questo senso da parte di un lato del potere politico. Indovinerai facilmente a quale lato mi riferisco. E' possibile che lo scenario si componga nel tempo e che determinate "fazioni" continuino a spingere gli eventi in quella direzione come i fatti di oggi sembrano un po' confermare. C'è da augurarsi, al momento, che proseguano le ferme prese di posizione contrarie se non altro per contrastare la cieca intenzione sanguinaria e guerrafondaia che oggi sembra non volersi arrestare.


RispondiCitazione
Detrollatore II
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 394
Topic starter  

Sarah, il paragone con l'Ucraina trae maggior forza se si pensa, come penso io, che la guerra a Gaza ora è la prosecuzione dell'operazione speciale di Putin. D'altronde l'Ucraina è come una terza casa degli ebrei, dopo Israele e USA...
Sono circolati anche dei video con i corpi speciali azeri che arrestano generali della difesa israeliana.
Prendo tutto con le pinze ma è un'ipotesi che fa tornare molti conti...


RispondiCitazione
Condividi: