La nuova legge dà a...
 
Notifiche
Cancella tutti

La nuova legge dà a Bruxelles il controllo su Internet


ekain3
Estimable Member
Registrato: 11 mesi fa
Post: 236
Topic starter  
La nuova legge dà a Bruxelles il controllo su Internet
Elze van Hamelen
La Commissione europea avrà presto il potere, senza consultare gli Stati membri, di censurare severamente Internet se ritiene che ci sia una "crisi". Questo risulta da una bozza dell'ultimo progetto di legge del Digital Services Act, che sta per essere approvato, ed è stato visto dall'Altro Giornale. https://www.deanderekrant.nl/
 
La Commissione sta attualmente negoziando in segreto con i rappresentanti del Parlamento europeo e del Consiglio europeo (Stati membri) sulle integrazioni dell'ultimo minuto alla legge che consentirebbero questa censura di vasta portata da parte di Bruxelles.
 
L'European Digital Rights Initiative (EDRI), un organismo di vigilanza sui diritti civili che comprende 45 ONG, tra cui Amnesty International, ha recentemente pubblicato un avviso su Twitter riguardo alla nuova legislazione. “Nei negoziati chiusi sul DSA (Digital Services Act), la Commissione europea ha proposto un 'meccanismo di risposta alla crisi', che le conferisce il potere di dichiarare unilateralmente lo stato di crisi per l'intera UE. Durante tale stato, la Commissione può costringere piattaforme come Facebook, Instagram e Twitter a interferire con la libertà di espressione e la diffusione di informazioni online. Non ci sono quasi controlli e contrappesi e nessun limite di tempo.''
 
In una dichiarazione pubblica, l'EDRI avverte: “clausole di emergenza come queste sono state utilizzate in modo improprio, storicamente e oggi, in tutto il mondo per minare lo stato di diritto e normalizzare le restrizioni sui diritti fondamentali. C'è spesso la tendenza a mantenere le misure di emergenza dopo che la crisi è già passata". La definizione di crisi dovrebbe quindi essere chiarita e specificata, e dovrebbe avere anche un limite di tempo. Secondo l'EDRI, queste condizioni non sono soddisfatte nell'attuale testo legale. La nuova legge, che ufficialmente mira a tutelare i cittadini dall'uso improprio dei dati da parte delle imprese, nonché a combattere la "disinformazione", è in trattativa da più di due anni.
Il 20 gennaio di quest'anno il Parlamento europeo ha votato a favore del disegno di legge. Tuttavia, sono stati aggiunti altri due articoli, gli articoli 25 e 27 bis, che conferiscono alla Commissione il diritto di censurare Internet.
"Quando c'è una crisi", afferma l'articolo 27 bis, "la Commissione ha il diritto, di propria iniziativa, o su richiesta di almeno tre Stati membri, di incaricare i fornitori di "piattaforme molto grandi" di controllare i loro servizi, in caso di “contributi alla crisi” (o di “grave minacce”), e “prendere misure efficaci e proporzionate” per “eliminare o limitare” tali contributi. Esempi di "crisi" o "minaccia grave" includono "conflitti armati o atti di terrorismo, inclusi conflitti emergenti  e atti di sovversione, disastri naturali come terremoti e uragani, nonché pandemie e altre gravi minacce transfrontaliere alla salute pubblica”.
L'articolo 27 bis elenca una serie di misure specifiche che il proprietario della piattaforma potrebbe adottare, come la "moderazione dei contenuti", l'adeguamento delle linee guida di pubblicazione o dei termini di utilizzo, l'adeguamento degli algoritmi, l'intensificazione della cooperazione con i fact-checker ("flagger") e la personalizzazione dell'interfaccia della piattaforma. Queste misure dovrebbero essere adottate molto rapidamente e le piattaforme dovrebbero riferire regolarmente alla Commissione sui loro risultati.
La legge sui servizi digitali era inizialmente destinata a regolamentare le principali piattaforme Internet, come Facebook, Twitter e Instagram, ma oltre alla sezione 27a è stata aggiunta una seconda sezione nell'ultima consultazione chiusa, la sezione 25a, che consente di considerare le piattaforme più piccole come le grandi. Di conseguenza, un gran numero di attività rientreranno nell'ambito della legge: servizi che forniscono infrastrutture di rete, come provider Internet, servizi di registrazione di nomi di dominio, servizi di web hosting e cloud hosting, piattaforme online per la compravendita di articoli, app store e social piattaforme multimediali. In breve, quasi tutta l'attività su Internet. Per le piattaforme più piccole, sarà difficile soddisfare tutti i requisiti di legge, il che faciliterà la loro chiusura.
L'EDRI ha anche fortemente criticato il fatto che gli articoli 25a e 27a siano stati aggiunti solo di recente, nel corso del più recente “trilogo” sulla legge.
Un trilogo è una consultazione informale nata dopo che il Trattato di Lisbona (2007) ha conferito al Parlamento europeo il potere di approvare o respingere le proposte legislative della Commissione.
Se una legge non passa in seconda lettura, può essere istituito un comitato di conciliazione, in cui i rappresentanti del Parlamento europeo e della Commissione devono cercare di raggiungere un accordo. Poiché queste consultazioni sono spesso complesse, in pratica viene utilizzato un percorso non ufficiale, il trilogo, in cui i rappresentanti del Consiglio europeo (Stati membri), il Parlamento e la Commissione si consultano in modo informale. Non sono necessari verbali o informazioni rese pubbliche.
Tuttavia, le decisioni prese nel trilogo sono a livello dell'UE. Ciò rende impossibile il controllo democratico. Secondo una ricerca del difensore civico dell'UE Maddy O'Reilly, il 75% di tutta la legislazione dell'UE viene ora elaborata attraverso il trilogo.
EDRI trova lo stato delle cose inaccettabile: “Nell'ultimo anno, i colegislatori nell'UE hanno votato la loro posizione sulla legge sui servizi digitali attraverso processi democratici consolidati. Nessuno di questi voti ha comportato una procura speciale per la Commissione Europea. Quando un piccolo numero di negoziatori aggiunge unilateralmente tali nuove disposizioni dopo un trilogo a porte chiuse, lo fa senza un mandato e con una legittimità democratica molto limitata”.
"Le decisioni sulla libertà di espressione e di accesso alle informazioni, soprattutto in tempi di crisi, non possono essere legittimamente prese unilateralmente dal potere esecutivo", ha affermato l'EDRI. "
Il Parlamento europeo dovrebbe essere coinvolto nelle decisioni sulle misure di crisi, compresa la decisione se c'è o meno una crisi". Il quinto – e atteso ultimo – trilogo sul Digital Services Act è sttao previsto per il 22 aprile.

Citazione
Condividi: