L'industria europea...
 
Notifiche
Cancella tutti

L'industria europea rischia il collasso


ekain3
Estimable Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 221
Topic starter  

https://deanderekrant.nl/nieuws/europese-industrie-dreigt-ten-onder-te-gaan-2022-09-09

dai nostri editori
 
I prezzi elevati dell'energia minacciano di far crollare intere industrie in Europa. Dalle vetrerie alle fonderie di alluminio e dai produttori di fertilizzanti alle panetterie. Innumerevoli filiere di produzione rischiano di fermarsi a causa della crisi energetica, con conseguenze di vasta portata per tutti.
Mentre i media prestano molta attenzione alle esigenze dei cittadini che non possono più permettersi i prezzi elevati dell'energia, si sta verificando un disastro anche nelle imprese europee, che potrebbe avere conseguenze di vasta portata. C'è un'ondata di fallimenti. Alcuni analisti parlano già di “deindustrializzazione dell'Europa”. Javier Blas, analista di punta dell'agenzia di stampa finanziaria Bloomberg, ha recentemente lanciato l'allarme: “Mentre molti politici e funzionari pubblici erano in vacanza, l'industria europea ad alta intensità energetica viene gradualmente chiusa. Non passa giorno senza che un produttore di metalli, una vetreria, una fabbrica di fertilizzanti o un'azienda chimica chiuda o ridimensioni drasticamente”.
 
I numeri sono drammatici. I più colpiti sono i produttori di alluminio, zinco, acciaio, vetro, carta e generi alimentari. Secondo l'agenzia di stampa Reuters, metà delle fabbriche di alluminio e zinco in Europa sono state chiuse. Nei Paesi Bassi, il produttore di alluminio Damco di Farmsum a Groningen ha chiuso i battenti la scorsa settimana. Il produttore siderurgico spagnolo Acerinox ha annunciato a fine agosto che avrebbe cessato la produzione nella prima metà di settembre, mentre il gigante siderurgico ArcelorMittal ha annunciato restrizioni alla produzione nei siti di produzione in Spagna, Germania e Francia. Anche l'italiana Cogne Acciai Speciali e la svizzera Stahl Gerlafingen hanno interrotto la produzione a causa degli alti prezzi dell'energia.
 
Il 70 percento della produzione europea di fertilizzanti è stato interrotto, ha annunciato il gruppo di interesse Fertilizers Europe. Il gruppo di interesse ha inviato una lettera bruciante alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Il prezzo del fertilizzante è quintuplicato. Gli agricoltori dei paesi più poveri ne sono particolarmente colpiti.
 
In Germania, le associazioni di categoria avvertono che è in gioco la sopravvivenza dell'industria tedesca.
Il consumo di gas industriale tedesco è stato del 21% inferiore a luglio rispetto allo scorso anno. Ciò è dovuto a un "drastico calo della produzione", secondo la Federazione delle industrie tedesche. La Federazione avverte che "l'essenza stessa dell'industria tedesca è in pericolo".
 
Nei Paesi Bassi è in gioco il futuro dell'orticoltura in serra. Anche l'industria dei prodotti da forno teme uno scenario disastroso, ha affermato Arend Kisteman, presidente della fondazione Bakkracht. Degli oltre 3.000 fornai nei Paesi Bassi, dal 40 al 60 percento rischia di non essere in grado di pagare la bolletta energetica dal prossimo anno. Dal 1 gennaio 2023 dovranno firmare nuovi contratti, che aumenteranno la bolletta energetica da sei a dieci volte.
 
Nel frattempo, i politici sembrano sordi ai segnali di allarme del mondo degli affari. Nei Paesi Bassi, il governo ha raggiunto un accordo su un pacchetto di potere d'acquisto di oltre 15 miliardi di euro. Questa cifra deve essere in parte sborsata dagli imprenditori, che pagheranno più tasse e dovranno anche fare i conti con un aumento del salario minimo. Le Piccole e Medie Imprese (MKB)  rischiano di esserne vittime.
Il membro del parlamento Pieter Omtzigt ha detto questa settimana di essere "sbalordito" dalle risposte che ha ricevuto alle domande critiche rivolte al gabinetto. Ad esempio, ha calcolato su Twitter che l'uso del gas in Belgio è molto più economico, la metà in meno rispetto ai Paesi Bassi. I prezzi del gas olandesi sono persino i più alti in Europa, “mentre siamo il Paese che estrae più gas nell'Unione Europea. In effetti, abbiamo contratti a lungo termine per la fornitura di gas in Belgio e Germania".
 
Omtzigt sottolinea che i Paesi Bassi hanno già venduto 7,5 miliardi di metri cubi ("quasi tutto") ai paesi vicini prima del 2022/2023. “Niente per la propria costruzione di azioni e simili. Eh si: i contratti sono segreti". Alla domanda su quale sia la strategia di sicurezza dell'approvvigionamento a lungo termine, ha ricevuto la risposta: "Usa meno gas". "Chi fornisce accessibilità?" ha chiesto Omtzigt. “Il mercato”, ha risposto il gabinetto. "Quanto otterrà effettivamente lo stato in entrate extra di gas naturale quest'anno?" Risposta: "Al momento è ancora molto poco chiaro, anche a causa delle forti oscillazioni dei prezzi, ma ogni volta saranno miliardi in più".
L'Associazione tedesca della classe media (DMB) afferma che le PMI si sentono abbandonate dalla politica. “La fiducia nella competenza del governo sta diminuendo”. La fiducia nel governo non è mai stata così bassa, secondo un sondaggio dell'Unione dei servizi pubblici tedeschi. Il 29 per cento degli intervistati ritiene che i politici siano in grado di adempiere ai propri doveri. L'anno scorso era il 45 per cento.
 
Tuttavia, Annalena Baerbock, ministro degli Esteri tedesco (partito Die Grünen), ha chiarito in una conferenza a Praga che ritiene più importante il sostegno al popolo ucraino. “Qualunque cosa pensino i miei elettori tedeschi, voglio mantenere la mia promessa al popolo ucraino. Ciò significa che qualunque misura io prenda deve essere chiaro che durerà finché l'Ucraina avrà bisogno di me. Le persone scenderanno in piazza e diranno che non possono permettersi i nostri prezzi dell'energia e io dirò: "Sì, lo so, quindi aiutiamoli con le misure sociali". Ma non ho intenzione di dire: 'Va bene, allora metteremo fine alle sanzioni contro la Russia'".
 
Il ministro dell'Economia Robert Habeck (Die Grüne) ha cercato di cambiare la definizione di fallimento in un talk show: "Se un fornaio smette di produrre e vendere, non significa che fallisca", ha detto, con costernazione dell'intervistatore. .
 
"L'élite politica è in fase di totale negazione", ha affermato Benny Peiser, direttore di Net Zero Watch britannico, un'iniziativa mirata alla politica britannica di emissioni zero. "Pregano che sia un problema a breve termine, ma non hanno idea di cosa abbiano fatto nel mercato energetico". Secondo Net Zero Watch, l'Europa sta pagando il prezzo della sua crescente dipendenza dall'energia eolica.
 
Con contributi di Frank Knopers, Dide Pennings e Karel Beckman

Citazione
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 4882
 

Credo sia costoso ma relativamente semplice, per i governi che intendessero agire in questo senso, far fronte alle difficoltà economiche delle grandi industrie, causate da aumenti dei costi dell'energia per lo più arbitrari, mi sembra più complesso salvare la miriade di piccole attività aggredite e scoraggiate da questa politica e salvaguardare l'equilibrio di molti gruppi famigliari improvvisamente disorientati e incapaci di reagire al cumulo di incertezze che si profilano. 


ekain3 hanno apprezzato
RispondiCitazione
ekain3
Estimable Member
Registrato: 9 mesi fa
Post: 221
Topic starter  

sì, in teoria sì, ma è tutto interconnesso, sembra che il piano sia far fallire anche le industrie medie e grandi, per passare alla quarta rivoluzione industriale informatica, lo stanno facendo anche attraverso questa guerra che è aperta all'opzione nucleare, e se non viene fermata, è li che porterà, purtroppo.

Ma spero di sbagliarmi, spesso gli eventi vengono costruiti a scopo di propaganda e non è facile discernere, da qui. 

Comunque la chiamano distruzione creativa, o economia dei disastri, e già la parola Grande Reset, a rifletterci, dà i brividi, potrebbe essere un altro modo di descrivere l'esito di una guerra nucleare.


Primadellesabbie hanno apprezzato
RispondiCitazione
Maryland
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 228
 

Le crisi alimentari ed energetiche erano premeditate ed usano pesudo emergenze come la guerra o il clima per giustificarle agli occhi del popolino che continua a bere.


RispondiCitazione
Condividi: