Ma in Italia la lot...
 
Notifiche
Cancella tutti

Ma in Italia la lotta nonviolenta per Gaza è possibile ! Bloccare il transito di armi, BDS, e speriamo altro


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8226
Topic starter  

Ma in Italia la lotta nonviolenta per Gaza è possibile !

https://lecorvettedellelba.blogspot.com/2023/11/ma-in-italia-la-lotta-nonviolenta-per.html

L' azione di Hamas del 7 ottobre ha reso evidente anche la poca incisività che hanno avuto in Palestina le lotte nonviolente. Potremmo scrivere libri sulle esperienze di lotta nonviolenta in Palestina, ma in questi giorni è davvero difficile pensare a forme di lotta nonviolente in quel territorio martoriato.

Questo scetticismo mi pare anche di averlo letto nell' articolo di Mao Valpiana "La sconfitta della nonviolenza incompiuta.." e nell' intervista a Judith Butler di Giansandro Merli, pubblicati su il manifesto nei giorni passati.

E' possibile invece praticare forme di lotta nonviolente in altri luoghi per tentare di aiutare i palestinesi. Per esempio quello che fa Israele ha il consenso, fino a prova contraria, del governo italiano e di Ursula Von der Leyen ed anche l' opposizione italiana e parte della sinistra europea non hanno criticato apertamente l' operato di Netanyahu e del suo attuale governo.
L' appoggio di USA e di altri paesi occidentali non è un aiuto da poco per Israele e questo potremmo contestarlo con decisione con pratiche nonviolente, organizzate nel modo migliore possibile.
 
Quindi, dato purtroppo che l' attuale crisi con scontri armati rischia di non finire presto, dovremmo organizzarci, al meglio che possiamo, per contestare l' aiuto italiano ed europeo alle operazioni militari di Israele. Non faccio neanche un accenno a come farlo o a parlare di Hamas. L' unico scopo di queste righe è affermare con forza che in Italia la lotta nonviolenta in aiuto ai palestinesi è possibile e, se fatta bene, potrebbe anche essere a loro utile.
 
Marco Palombo
 
 

Citazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8226
Topic starter  

https://www.ilfattoquotidiano.it/2023/11/05/governi-complici-dei-massacri-fermiamo-la-lobby-delle-armi-appello-dei-portuali-di-genova-a-bloccare-gli-armamenti-diretti-in-israele/7343429/

video Appello dei portuali genovesi a bloccare gli armamenti per israele

Fonte ilfattoquotidiano

Diverse organizzazioni di lavoratori portuali hanno indetto mobilitazioni e iniziative per protestare contro i bombardamenti della striscia di GazaVenerdì prossimo a Genova si svolgerà il presidio indetto dai portuali del capoluogo ligure. La mobilitazione raccoglie l’appello lanciato lo scorso 16 ottobre dai sindacati palestinesi per “smettere di armare Israele”. I lavoratori dello scalo genovese si rifiutano di gestire l’imbarco di carichi di armi diretti in Israele(e non solo). Un’iniziativa simile è in atto nel porto di Sidney, in Australia, dove si protesta contro l’attracco di una nave della compagnia israeliana Zim.
 
All’appello dei colleghi palestinesi hanno aderito ieri anche i lavoratori dello scalo di Barcellona, annunciando che impediranno “le attività delle navi che portano materiale bellico”. Come lavoratori, si legge nel comunicato degli spagnoli, “difendiamo con veemenza la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo“, aggiungendo che “nessuna causa giustifica il sacrificio dei civili”. 
 
In Belgio a rifiutarsi di caricare armi sono da alcune settimane gli addetti aeroportuali che nel comunicato spiegano “caricare e scaricare ordigni bellici contribuisce all’uccisione di innocenti“. Solidarietà con i lavoratori palestinesi è arrivata inoltre dal sindacato francese Cgt, così come è molto attivo il coordinamento dei sindacati greci Pam
 
da peacelink.it
 
BDS - Boicottare, Divestire e Sanzionare Israele per la sua occupazione dei territori palestinesi

Con la spesa critica si può colpire l’occupazione militare israeliana: i marchi da boicottare

Tanti in questi giorni si stanno chiedendo cosa poter fare concretamente per mostrare il proprio sdegno nei confronti della carneficina di civili palestinesi che sta compiendo Israele e, più in generale, per diventare parte attiva nella lotta contro l’occupazione. Ecco una risposta.
Monica Cillerai

Roma - Boicottaggio dei prodotti israeliani a Carrefour

La buona notizia è che non serve inventarsi nulla di particolarmente nuovo: basta prendere esempio dalla storia. La ricetta l’hanno scritta nel lontano 1959 un gruppo di militanti sudafricani che si battevano contro il regime di apartheid coloniale che esisteva in quel Paese: «Non vi chiediamo niente di speciale – scrissero – vi chiediamo solamente di ritirare il vostro sostegno al regime di apartheid smettendo di comprare prodotti sudafricani». Ci vollero anni ma alla fine la decolonizzazione divenne realtà, e il boicottaggio – colpendo al cuore l’economia del colonizzatore – ebbe un ruolo cruciale.

 
l' articolo segue al link precedente
 
 
 
meteo
 
 


RispondiCitazione
Condividi: