" Ospedale materno ...
 
Notifiche
Cancella tutti

" Ospedale materno di Mariupol ": cui prodest ?


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 7692
Topic starter  

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ospedale_materno_di_mariupol_cui_prodest/45289_45533/

 

Cui prodest? Ma era davvero un ospedale materno infantile in funzione l’edificio a Mariupol che, secondo l’Ucraina, l Russia ha bombardato durante un cessate il fuoco? Per Mosca, il risultato è che l’Ucraina ha parlato di “genocidio” e “perdita di umanità”, e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky denunciando donne e bambini sepolti vivi ha chiesto con più forza una no-fly zone, con il premier inglese Boris Johnson a promettere maggior sostegno all’Ucraina per difendersi dagli attacchi aerei e a evocare tribunali di guerra per Putin e i suoi orribili crimini.

Guardiamo le notizie e le foto.

Non vale la pena soffermarci sui media e sui politici italiani (prima di un qualunque accertamento e sulla base di notizie anche contraddittorie e di una sola parte).

Guardiamo all'agenzia Reuters che ha aggiornato man mano la notizia. Riferendo stamane (  https://www.reuters.com/world/europe/russia-says-claim-that-it-bombed-childrens-hospital-are-fake-news-2022-03-10/  ), quasi unica, la versione della Russia: "Dmitry Polyansky , primo vice-rappresentante alle Nazioni Unite, ha detto che l'edificio non funzionava più come ospedale materno infantile perché era diventato da tempo una postazione militare dalla quale gli ucraini sparavano”.

L' articolo integrale al link

 
aggiungo solo il post scriptum e il nuovo articolo annunciato lo collocherò in nuovo argomento

P.S. Proprio ora la BBC (sempre su fonte ucraina) comunica che ci "sarebbero tre morti compreso un bambino"

P.s. 2 Sui nuovi video-sceneggiate virali in questi minuti che attesterebbero la presenza di donne e bambini e in preparazione un nuovo articolo che pubblicheremo a breve.

 

 

sarah hanno apprezzato
Citazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 

Tutto nella norma di una guerra moderna:  le armi della informazione, disinformazione e controinformazione sono molto più efficaci dei missili  e degli aerei perchè creano nei civili la disapprovazione ed il distanziamento dal nemico cattivo ed  l'identificazione e l'approvazione delle azioni militari dei nostri buoni.

I veri protagonisti di questa guerra sono i civili che stanno a casa seduti sul divano a guardare la televisione,  sono i civili che col proprio consenso ai buoni e disapprovazione ai cattivi danno forza alle azioni militari e creano le condizioni per accettare il razionamento di gas e benzina e la requisizione delle seconde case per darle ai profughi, pero' solo a quelli bianchi.

I russi non hanno ancora capito la forza dell'informazione/disinformazione pubblica (sono esperti solo di quella segreta) perchè sono rimasti culturalmente ad Albano e Romina ai quali hanno pagato un milione di euro per una comparsata. Contenti loro, contenti tutti, pero' ora ne scontano le conseguenze.

La vera arma vincente di questa guerra sarà la buona vecchia televisione perchè vale sempre il principio di autorità: se lo dice la televisione, anche se è quella di sky o quella del puzzone brianzolo, allora è vero. E le tre grandi televisioni nazionali ormai si sono espanse sugli smartphone e sui tablet. Non importa che una notizia sia vera o falsa, l'importante è che ci faccia piacere ascoltarla, almeno fino a quando avremo tendopoli nei campi profughi come quelli turchi o libici sulle spiagge italiane.

Meglio fare scorta di fiammiferi e candele perchè presto non si troverà più la benzina per lo zippo.

 


RispondiCitazione
esca
 esca
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1041
 

Prof. Sinagra: la paura fa 90, mentitori in fuga.

LA PAURA FA 90 – quasi come il posto che nelle classifiche internazionali ha l’attendibilità e la veridicità dell’informazione pubblica italiana.

https://www.imolaoggi.it/2022/03/11/prof-sinagra-la-paura-fa-90-mentitori-in-fuga/

Credo che arrivera' il giorno in cui ci saranno pochi posti in cui nascondersi.

Ricordiamoci che la categoria dei giornalisti corrotti e, sin'ora, supertutelati, e' quella che ha creato maggiori danni, specie morali. Si sono dilettati con perverso godimento a fare a fette la psiche di milioni di persone rivelando con congruo anticipo le peggiori disgrazie che stavano per calare sulla testa degli italiani, settimane e mesi prima che tali decisioni venissero prese effettivamente in carico dall'altrettanto criminale classe politica, quella delle volpi che ci hanno messo la faccia. Tra le due categorie sarei in seria difficolta' ad assegnare il premio "traditore del millennio".


sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 193
 

@ esca

ha perfettamente ragione. Anche nel caso opportunamente citato da Marcopa, si conferma per l'ennesima volta come i signori della stampa seria non perdano occasione per gettare benzina sul fuoco di un'opinione pubblica stremata e disorientata, per esacerbare ulteriormente gli animi e rivolgere un'insensata furia verso il nemico del momento. Questa è l'informazione oggi ma già lo sapevamo. Se è poi vera la regola del giornalismo secondo cui una notizia smentita è una notizia data due volte, allora lo scopo è comunque raggiunto, in sprezzo del più comune senso della vergogna. Altro che fonti attendibili e caccia alle bufale...


RispondiCitazione
cedric
Noble Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 1697
 
 sarah wrote: allora lo scopo è comunque raggiunto, in sprezzo del più comune senso della vergogna

Per chi non lo avesse ancora capito l'informazione/disinnformazione  è un'arma di guerra  e come tutte le armi ed in tutte le guerre viene usata senza pensarci due volte. Un tale diceva che ne ammazza più la penna della spada e le psy-op, anche su scala planetaria, non sono mica vietate da qualche convenzione internazionale.

In guerra non c'è distinzione fra civili e militari, entrambi ammazzano e vengono ammazzati.


RispondiCitazione
sarah
Estimable Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 193
 

@ cedric certo che lo è, un'arma da guerra. In Medio Oriente, la seconda grande intifada scoppiò per cause note ma senza dubbio un effetto determinante fu giocato allora dalla diffusione mondiale del breve filmato che ritraeva un padre intento a proteggere il proprio bambino dai tiri di un carro che poi l'avrebbero ucciso. Una scena raccapricciante, rilanciata specialmente da al jazeera. A detta di molti, si trattava di un fake, ma lo scopo era appunto comunque raggiunto.


RispondiCitazione
Condividi: