Petizione online-L'...
 
Notifiche
Cancella tutti

Petizione online-L' Italia sostenga la richiesta di Guterres al Consiglio di Sicurezza ONU di pronunciarsi ufficialmente per un cessate il fuoco a Gaza


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 8321
Topic starter  
Per firmare andare al link
 
 
Alla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni,
Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
 
Ai segretari dei partiti di opposizione
Giuseppe Conte  e Elly Schlein
 
 
Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha invocato l' art.99 della Carta ONU per chiedere al Consiglio di Sicurezza dell' ONU di pronunciarsi a favore di un cessate il fuoco a Gaza.
 
La richiesta del Consiglio di Sicurezza, a differenza delle mozioni dell' Assemblea generale ONU, avrebbe valore vincolante.
 
Probabilmente una richiesta di cessate il fuoco da parte Consiglio di Sicurezza sarebbe bloccata dal veto degli Stati Uniti e Regno Unito, ma avrebbe ugualmente un' enorme importanza simbolica.
 
Noi con questa petizione
 
Chiediamo al governo italiano,
al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e
ai segretari dei partiti di opposizione, Elly Schlein e Giuseppe Conte
 
di sostenere la richiesta di Antonio Guterres, sostegno che  il commissario europeo agli Affari esteri Josep Borrell ha già assicurato,
 
e di pronunciarsi pubblicamente per una decisione del Consiglio di Sicurezza che accolga la richiesta del Segretario Generale ONU.
 
Questa argomento è stata modificata 6 mesi fa da marcopa

Citazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 8321
Topic starter  

Lettera al Consiglio di Sicurezza del Segretario Generale ONU che invoca l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite

Dic 6, 2023 | Notizie

Antonio Guterres

L’articolo 99 dello Statuto ONU recita: “il Segretario Generale può richiamare l’attenzione del Consiglio di Sicurezza su qualunque questione che, a suo avviso, possa minacciare il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale” (NdT)

New York, 6 dicembre 2023

Sua Eccellenza

José Javier de la Gasca Lopez Domínguez

Presidente del Consiglio di Sicurezza, New York

Egregio Signor Presidente,

Le scrivo ai sensi dell’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite per portare all’attenzione del Consiglio di Sicurezza una questione che, a mio avviso, può aggravare le minacce esistenti al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale.

Più di otto settimane di ostilità a Gaza e in Israele hanno creato spaventose sofferenze umane, distruzione fisica e traumi collettivi in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati.

Più di 1.200 persone sono state brutalmente uccise, tra cui 33 bambini, e migliaia sono rimaste ferite negli abominevoli atti di terrore compiuti da Hamas e da altri gruppi armati palestinesi il 7 ottobre 2023, che ho ripetutamente condannato. Circa 250 persone sono state rapite, tra cui 34 bambini, più di 130 dei quali sono ancora prigionieri. Devono essere rilasciati immediatamente e senza condizioni. Le testimonianze di violenza sessuale durante gli attacchi sono spaventose.

I civili di tutta Gaza sono in grave pericolo. Dall’inizio dell’operazione militare israeliana, sarebbero state uccise più di 15.000 persone, di cui oltre il 40% erano minori. Migliaia di altre persone sono rimaste ferite. Più della metà delle case è stata distrutta. Circa l’80% della popolazione, pari a 2,2 milioni di persone, è stata sfollata con la forza in aree sempre più piccole. Più di 1,1 milioni di persone hanno cercato rifugio nelle strutture dell’UNRWA in tutta Gaza, creando condizioni di sovraffollamento, indecorose e antigieniche. Altri non hanno un posto dove ripararsi e si ritrovano per strada. I residuati bellici esplosivi stanno rendendo le aree inabitabili. Non c’è un’efficace protezione dei civili.

Il sistema sanitario di Gaza è al collasso. Gli ospedali si sono trasformati in campi di battaglia. Solo 14 ospedali su 36 sono anche solo parzialmente funzionanti. I due ospedali principali nel sud di Gaza stanno operando con un numero di pazienti tre volte superiore al numero dei loro posti letto e stanno esaurendo le forniture di base e il carburante. Stanno anche ospitando migliaia di sfollati. In queste condizioni, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane un numero sempre maggiore di persone morirà senza essere curato.

Nessun luogo è sicuro a Gaza.

Tra i costanti bombardamenti delle Forze di Difesa Israeliane, senza un riparo e senza l’essenziale per sopravvivere, mi aspetto che l’ordine pubblico crolli completamente a causa delle condizioni disperate, rendendo impossibile anche una limitata assistenza umanitaria. Potrebbe verificarsi una situazione ancora peggiore, con malattie epidemiche e un aumento della pressione per lo sfollamento di massa nei paesi vicini.

Nella Risoluzione 2712 (2023), il Consiglio di Sicurezza “chiede di aumentare la fornitura di tali beni per soddisfare i bisogni umanitari della popolazione civile, in particolare dei bambini”.

Le condizioni attuali rendono impossibile la conduzione di operazioni umanitarie significative. Stiamo comunque preparando delle opzioni per monitorare l’attuazione della risoluzione, anche se riconosciamo che nelle attuali circostanze ciò è insostenibile.

Sebbene le consegne di rifornimenti attraverso Rafah continuino, le quantità sono insufficienti e sono diminuite da quando la pausa è terminata. Non siamo in grado di raggiungere i bisognosi all’interno di Gaza. La capacità delle Nazioni Unite e dei suoi partner umanitari è stata decimata dalla carenza di rifornimenti, dalla mancanza di carburante, dalle comunicazioni interrotte e dalla crescente insicurezza. Il personale umanitario si è unito alla stragrande maggioranza dei civili gazesi per evacuare a sud di Gaza in vista dell’avanzare delle operazioni militari. Almeno 130 colleghi dell’UNRWA sono stati uccisi, molti con le loro famiglie.

Siamo di fronte a un grave rischio di collasso del sistema umanitario. La situazione sta rapidamente degenerando in una catastrofe con implicazioni potenzialmente irreversibili per i palestinesi nel loro complesso e per la pace e la sicurezza nella regione. Un tale esito deve essere evitato ad ogni costo.

La comunità internazionale ha la responsabilità di usare tutta la sua influenza per prevenire un’ulteriore escalation e porre fine a questa crisi. Esorto i membri del Consiglio di Sicurezza a fare pressione per evitare una catastrofe umanitaria. Ribadisco il mio appello a dichiarare un cessate il fuoco umanitario. È urgente. La popolazione civile deve essere risparmiata da danni maggiori. Con un cessate il fuoco umanitario, i mezzi di sopravvivenza possono essere ripristinati e l’assistenza umanitaria può essere fornita in modo sicuro e tempestivo in tutta la Striscia di Gaza.

La prego di accettare, signor Presidente, le assicurazioni della mia più alta considerazione.

Il Segretario Generale

António Guterres

https://mail.google.com/mail/u/0/?shva=1#inbox/WhctKKZPFSNvtKNpshlJLhZXcTGPFTQlpcpJqbnkblPJTTVkZQfCnNMFJBSkwnlDbwHhgpQ

.


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: