Violenza su donne: ...
 
Notifiche
Cancella tutti

Violenza su donne: piattaforma corteo diventa un caso e divide opposizioni-----Troppo anti israeliana, ma per il Corriere della Sera ci saranno solo "oltre10.000" partecipanti


marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8221
Topic starter  

Violenza su donne: piattaforma corteo diventa un caso e divide opposizioni

 

AGENZIA ADNKRONOS

 24 NOVEMBRE 2023

 

Roma, 24 nov. (Adnkronos) - Diventa un caso la piattaforma della manifestazione contro la violenza sulle donne di domani a Roma e Messina. Il documento di 'Non una di meno' spazia oltre il tema del corteo: reddito di cittadinanza, ponte sullo Stretto, Palestina libera. Sul Medio Oriente le posizioni più nette: "Lo stato Italiano deve smetterla di essere complice di genocidi in tutto il mondo e schierandosi in aperto supporto dello stato coloniale di Israele, appoggia di fatto il genocidio in corso del popolo palestinese".

Ed ancora chiede "un chiaro posizionamento in favore del popolo palestinese e della sua liberazione e una visione antimilitarista che ci permetta di evidenziare come i conflitti armati siano l'espressione più terribile della violenza patriarcale". Tanto basta perchè le opposizioni, pure a favore della manifestazione, si dividano. C'è la condivisione di Nicola Fratoianni: "Contro la violenza sulle donne sarò domani in piazza domani a Perugia. Aderiamo alla piattaforma nazionale di 'Non una di meno'". Mentre Carlo Calenda ne prende le distanze. "Strumentalizzare così un grande moto spontaneo di solidarietà e vicinanza alla causa femminista, non è giusto e non è corretto". Azione domani sarà in diverse città con banchetti e iniziative contro la violenza sulle donne.

Quanto al Pd sarà in piazza con una delegazione mentre è in forse la presenza di Elly Schlein impegnata domani al congresso di Si a Perugia. La segretaria rivendica la vicinanza al tema della manifestazione ma allo stesso tempo ribadisce "la posizione chiara e senza ambiguità" dei dem sul Medio Oriente: "Il Pd ha sempre partecipato e parteciperà anche domani. Il Pd ha portato 50mila persone in piazza su una posizione chiara e senza ambiguità sul Medio Oriente. Io sono a Perugia al mattino, se faro' in tempo parteciperò volentieri come ho sempre fatto. Ma non userei in modo strumentale questo appuntamento".

Per Calenda la strumentalizzazione è quella di 'Non una di meno' sulla manifestazione di domani: "Decine di migliaia di persone, tra cui tutta la mia famiglia dai nonni ai bambini, si preparavano ad andare ad una manifestazione che credevano organizzata per ragioni diverse. Strumentalizzare così un grande moto spontaneo di solidarietà e vicinanza alla causa femminista, non è giusto e non è corretto". E aggiunge: "Questa non è la piattaforma di una manifestazione contro la violenza sulle donne e per una società meno maschilista e più equa. Questa è la piattaforma di un collettivo di estrema sinistra antisraeliano e filo Hamas (notoriamente sostenitore dei diritti delle donne).

Più Europa sceglie una via 'diplomatica': partecipazione al corteo di domani insieme all'adesione all'appello di Liberation "per riconoscere che l'attacco del 7 ottobre è stato anche un attacco contro le donne israeliane, uccise, rapite, stuprate e torturate dai miliziani di Hamas".

Una sottolineatura che oggi fa anche la vicepresidente Pd del Parlamento europeo, Pina Picierno: "Il 7 ottobre Hamas durante le azioni nei kibbutz ha ucciso e stuprato. Gli esiti delle autopsie e delle refertazioni mediche che ho letto in queste settimane sono terribili. Queste donne israeliane, le loro storie, le violenze subite sono state escluse dal dibattito femminista". I componenti Pd della commissione di Vigilanza hanno scritto ai vertici Rai per chiedere la diretta della manifestazione di domani.

 
Questa argomento è stata modificata 2 mesi fa da marcopa

Citazione
marcopa
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 8221
Topic starter  

Alcune ore fa ho segnalato che il Corriere della sera aspetta solo "oltre 10.000" manifestanti.

 

E' ormai chiaro che saranno molti di più e tutti stanno dibattendo sulla piattaforma assai poco accomodante e che scrive anche di Palestina e sanità

Se ne discuterà da questa sera, la politica tratta una cosa per volta e sempre nell' immediato.

Anche quando le cose sono già evidenti prima, ma è sempre meglio non parlare prima di cose scomode, come il grande corteo di domani.

 

Marcopa

https://forum.comedonchisciotte.org/notizie/corriere-della-sera-roma-oltre-10-000-persone-al-corteo-di-non-una-di-meno-del-25-novembre-si-saranno-sicuramente-100-000-forse-200-000-ma-oggi-non-possiamo-dirvelo/#post-365177


RispondiCitazione
Condividi: