Il finale a sorpres...
 
Notifiche
Cancella tutti

Il finale a sorpresa Caitlin Johnstone


LuxIgnis
Reputable Member
Registrato: 5 mesi fa
Post: 269
Topic starter  

Caitlin Johnstone è una giornalista australiana indipendente. I suoi articoli per me sono sempre spunti di riflessione, sia in politica, sia in sociale e sia nella spiritualità. Questo riguarda la coscienza.
E' tradotto automaticamente con qualche correzione da parte mia quindi vi sarà qualche errore.

Il risveglio collettivo dell'umanità si svolgerà in modi che nessuno sta anticipando, per le stesse ragioni per cui il risveglio di un individuo si svolge sempre in modi che non si possono anticipare.

Il viaggio di un individuo verso una maggiore consapevolezza è pieno di colpi di scena e finali a sorpresa come in quelli di M. Night Shyamalan (N.d.T. noto regista tra i miei preferiti. Qui si riferisce al film "Il sesto senso"), perché è sempre per necessità un viaggio nell'ignoto. Il successo nella ricerca per diventare un essere umano più consapevole porterà necessariamente delle sorprese, perché stai portando la luce della coscienza a cose che non erano state viste prima. Le cose che scopri ti sorprendono perché non puoi davvero anticipare qualcosa che non hai ancora visto di persona.

Quando il lavoro interiore e la terapia iniziano a produrre intuizioni sulle fonti alla base della propria infelicità o comportamento autodistruttivo, tali intuizioni sono spesso accompagnate da un senso di sorpresa quando ci si rende conto, ad esempio, che un genitore le cui azioni avevano sempre creduto fossero normali erano di fatto offensive e traumatizzanti, o che un incontro sessuale precoce che prima credevano innocente fosse in realtà uno stupro. Le cose che sono state tenute nascoste nell'incoscienza a causa della nostra incapacità di affrontarle all'inizio della vita sono viste chiaramente mentre le conduciamo alla coscienza e la realizzazione che non erano ciò che avevamo precedentemente ipotizzato può cambiare la nostra intera esperienza di vita .

Quando ti viene in mente che devi "trovare te stesso", il finale a sorpresa del "Sesto Senso" del viaggio di quell'eroe è che non c'è mai stato un sé da trovare. Le persone scambiano i pensieri e l'apparente esistenza di un corpo fisico per un "sé", l'identificazione con cui si intrecciano nel loro funzionamento psicologico e nell'esperienza energetica della vita nella prima infanzia. Ma attraverso un'attenta indagine è possibile arrivare alla sconcertante intuizione che nessun aspetto della nostra esperienza contiene effettivamente un "io" intrinseco in essa; che era un presupposto indiscusso che si è intrecciato nelle nostre abitudini di cognizione e percezione all'inizio, e che possiamo consapevolmente separare quelle abitudini dal nostro modo di funzionare portando consapevolezza al modo in cui la vita sta realmente accadendo.

La svolta a sorpresa alla fine della ricerca della liberazione è la consapevolezza che la vera libertà deriva dal rendere la vita libera. Quella libertà dalla schiavitù dei propri condizionamenti e la capacità di vivere la vita nella sua naturale sconfinatezza è possibile solo lasciando andare ogni sforzo per controllare le cose; per controllare i risultati, per controllare la nostra esperienza, per controllare gli altri, per controllare la vita. Tutti gli schemi egoici alla fine sono nati da un desiderio di controllo, e la libertà da quel modello può arrivare solo quando c'è un lasciar andare quel desiderio.

Il finale a sorpresa della ricerca della pace interiore è la consapevolezza che la pace è sempre stata qui, più vicina a te del battito del tuo cuore. Che la nostra esperienza della vita in tutta la sua sciatta tumultuosità è dipinta su una tela di pace infinita, e che questa tela è la tua vera natura. È stato semplicemente trascurata per un po'.

Il finale a sorpresa alla ricerca dell'amore incondizionato è la realizzazione che l'amore incondizionato è già il caso dell'intero universo; che tutto ciò che appare è completamente amato esattamente com'è senza alcun desiderio di cambiarlo minimamente. E anche quel cambiamento è assolutamente amato. E che anche la confusione e l'incoscienza sono assolutamente amate. Anche nelle sue manifestazioni più dolorose.

Ogni cambiamento positivo nel comportamento umano è sempre preceduto da un'espansione della coscienza, sia che si parli di un individuo o di un mondo intero. Ma non puoi mai sapere veramente in anticipo cosa c'è dall'altra parte di quell'espansione finché non accadrà, perché non ne sei ancora consapevole. Un personaggio onirico non può sapere cosa sta succedendo nel letto del sognatore. Un individuo confuso non può sapere cosa significhi essere un Buddha. Un'umanità confusa non può sapere cosa significhi essere un'umanità cosciente. Perché non ne sono ancora consapevoli. Le luci non si sono ancora accese.

E lo faccio notare perché vedo molte persone rinunciare alla speranza per il nostro futuro; sulla base di ciò che possono percepire e capire della nostra situazione, non vedono motivo di credere che l'umanità eviterà di essere rinchiusa in una distopia orwelliana se l'Armageddon e l'estinzione non ci finiranno del tutto. Ma è proprio così: c'è così tanto che non possiamo ancora vedere e capire sulla nostra situazione, perché semplicemente non ne siamo ancora coscienti.

Siamo una specie giovane. Tanto è ancora nascosto nella nostra incoscienza collettiva. Ci sono così tante luci che possono ancora essere accese. Così tante potenziali porte attualmente nascoste nell'oscurità creano l'illusione che non ci sia uscita.

Non so cosa accadrà. Sono altrettanto incapace di vedere cosa c'è dietro tutte le tende della nostra incoscienza collettiva come chiunque altro. Forse ce la faremo, e forse no. Ma c'è una scommessa su cui scommetterei sicuramente dei bei soldi, ed è questa: quando sapremo per certo come andrà a finire, ci saremo sorpresi molte volte.

 

Link originale (in inglese) https://caitlinjohnstone.com/2022/01/18/the-surprise-ending/

Aggiungo. In poche parole: è solo la coscienza che prende coscienza di sé. Non la mente, non l'io, non l'ego, non il corpo.

Nelle pratiche meditative si usa spesso, come tecnica, concentrare la mente su una determinata parte del corpo. Le parti del corpo sono varie e non starò a fare una descrizione ed entrare nei dettagli. Ma quello che non si dice mai, è che questa pratica serve a risvegliare un qualcosa dentro di sé che faccia in modo che non sia più la mente a prendere coscienza di quella determinata parte. Ma sia proprio quella parte che prende coscienza di sé. Allora e solo allora si mette in moto una trasformazione. Finché non si è raggiunto quello è solo una pratica che porta perdita di tempo. Non ci sono modi migliori per descrivere a parole cosa sia questo, E' qualcosa di cui si fa esperienza quando accade. Non si può parlare della coscienza, si può solo essere coscienti.


oriundo2006 hanno apprezzato
Citazione
Condividi: