MPS e derivati, un ...
 
Notifiche
Cancella tutti

MPS e derivati, un amore (im)possibile?

Pagina 1 / 2

Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

Non so quanto possa interessare il discorso dei problemi della banca MPS avuti nel 2011-12 ma visto che le leggende metropolitane sono dure a morire “mi hanno deciso” di scrivere due righe sintetiche per chiarire ciò che è successo, per quanto mi è dato sapere della vicenda.

Viene narrato che i problemi di MPS siano stati causati dai derivati (i cattivi derivati, quelli usati per speculare, si dice) denominati Santorini e Alexandria all’incirca negli anni 2010-2012.

In realtà i problemi per MPS sono stati originati nel lontano 2008 a causa dell’acquisizione del gruppo Antonveneta, un affare che ha coinvolto Santander e ABN AMRO (con l’aggiunta di Royal Bank of Scotland) per un ammontare di circa 9 miliardi di euro. I soldi per l’operazione sarebbero arrivati da diverse parti tra cui un aumento di capitale e l’intervento di JPMorgan per una operazione di emissione di obbligazioni convertibili (nominate “Fresh”).

Gia all’epoca gli analisti hanno storto il naso per il valore dell’operazione ritenuta eccessiva, a tutto vantaggio di Santander.

Gia all’epoca Bankitalia aveva avvertito MPS di rientrare nei parametri di liquidità e di capitale secondo le norme vigenti all’epoca.

Successivamente sono “apparse” alla vigilanza operazioni di pronti contro termine (REPO) sostenute da titoli di stato italiani, queste operazioni hanno determinato un peggioramento della liquidità di MPS (a causa di continue richieste di margine per il modificarsi delle condizioni di mercato).

Queste operazioni sono risultate essere accordi tra MPS e Nomura (nominato Alexandria) e con Deutsche Bank (DB) (nominato Santorini -CORREZIONE-).

Il peggioramento della situazione finanziaria di MPS è avvenuta a causa di diversi fattori tra loro legati in quel periodo ovvero il rischio sul debito sovrano, il rischio sui tassi d’interesse e il rischio liquidità.

 

In sintesi, si sono modificati in peggio per MPS i tassi di interesse (specie Euribor), si sono modificati i valori del portafoglio titoli (la crisi dello spread con conseguente perdita del valore di mercato dei titoli di stato), la crisi di liquidità determinata dalle continue richieste di margine per tenere aperte lo loro posizioni derivate.

Il tutto condito da omissioni nella documentazione fornita dai vertici di MPS dell’epoca a CONSOB e BANKITALIA. 

 

Per concludere, i famosi Santorini e Alexandria (poi hanno fatto anche Nota Italia, un contratto derivato legato all’assicurazione contro un default sovrano dell’Italia ma che non rientra direttamente in questo discorso),  NON HANNO DA SOLI causato tutti i problemi di MPS, NON SONO LA CAUSA PRINCIPALE dei problemi di MPS. Essi hanno contribuito al peggioramento e hanno dato (forse) il colpo di grazia ad una situazione già precaria, se non critica. 

La situazione particolare del mercato dell’epoca ha fatto il resto.

Bankitalia dice esplicitamente:

“Le norme, stabilite nel 2004, stabiliscono che le banche che trattano derivati del credito – come per le transazioni effettuate da MPS – devono essere in grado di valutare quotidianamente gli sviluppi dei prezzi dei singoli prodotti e del profilo di rischio complessivo dei loro portafogli. Più in generale, le norme stabiliscono che le banche che non sono in grado di misurare e gestire correttamente i rischi associati a strumenti finanziari complessi devono astenersi dal negoziare tali strumenti.”

Significa che un accordo su un prodotto derivato non è un salto nel vuoto, un acquisto alla cieca o come dicono i più accorti “una scommessa”. 

Ogni momento un derivato può essere valutato come prezzo e come profilo di rischio in base alle mutate condizioni di mercato, sta al gestore decidere cosa farne ovvero programmare perdite e profitti futuri, in poche parole i derivati, nel corso della loro vita finanziaria possono essere sempre gestiti, nel bene o nel male.

Deheb 

 

Fonti:

Reuters: https://www.reuters.com/article/us-montepaschi-derivatives-factbox-idUSBRE90O0XJ20130125

Bankitalia: https://www.bancaditalia.it/media/approfondimenti/2013/interventi-gruppo-mps/index.html?com.dotmarketing.htmlpage.language=1

MPS: https://www.gruppomps.it/en/media-and-news/press-releases/alexandria-santorini-and-nota-italia-transactions.html

Milanofinanza: https://www.milanofinanza.it/news/mps-acquista-antonveneta-per-9-mld-plusvalenza-di-2-3-mld-per-il-santander-in-volata-a-madrid-200711081558301399?refresh_cens

 

Mi scuso per la forma (la fretta è cattiva consigliera) e per l’eccessiva sintesi e semplificazione con possibili mancanze.


Pfefferminz hanno apprezzato
Citazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Evidentemente ad MPS non sono stati in grado di gestire le perdite future sui loro derivati…. potevano chiamare Tu, che ci dici essere in grado di farlo tranquillamente.

Saper gestire le perdite equivale a saper gestire le vincite…. e quindi, Tu, ci stai dicendo che i derivati, se gestito da esperti possono generare profitti garantiti. Perché se non è così….. e Megas ti dice che non è così, poiché a fronte di chi vince abbiamo una controparte che perde in ugual misura…… beh, allora abbiamo di fronte due scommettitori…. uno che vince e l’altro che perde e se non esiste la garanzia contabile che possano vincere entrambi, allora trattasi di scommesse.

Nessuno ha mai detto che la causa del fallimento tecnico di MPS è riconducibile esclusivamente ai derivati. I derivati sono stati messi in atto per coprire i buchi di bilancio provenienti da altre operazioni, vedi Antonveneta e NPL (al Monte, per conoscenza diretta si prestava agli amici massoni, senza garanzie).

Quando scommetti nel gioco punti soldi per guadagnare esattamente come con i prodotti finanziari, abbiamo la presenza di uno che vince ed uno che perde in ugual misura, abbiamo il diversi grado di rischio in base al gioco o alla struttura del prodotto finanziario ed anche al gioco come nell’acquisto dei prodotti finanziari puoi gestire quanto perdere e quando fermarti.

stiamo parlando della stessa identica cosa……

 


RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 3221
 

Ma perchè MPS voleva o piuttosto DOVEVA comprare Antonveneta ? Questa è la domanda fondamentale. Antonveneta era legata al Vaticano ? C'entra Baffino ? E quando a Bankitalia si sono resi conto che la 'due diligence' era inesistente, che hanno fatto PRIMA del tracollo a parte chiosare lettere inutili ? 

Tante domande a cui non saprei rispondere. Nei fatti MPS era LA BANCA dei DS, PDS e altre sigle vecchie e nuove della sinistra. Era il contraltare della Popolare di Milano, finanza 'laica' milanese, con le consuete e disinvolte manovre finanziarie: prestare senza garanzia era la loro specialità, non divulgare i nomi dei 'favoriti' è la specificità di MPS ancora esistente, mentre Pop. Mi ha dovuto alla fine estrarre dai suoi archivi almeno parte delle segrete carte, accontentare le differenti correnti della politica la loro inossidabile 'mission'...e tanto altro.

I derivati sono FORSE il modo di costituire una provvista estera a favore di soggetti 'innominati'. Quali ? Si sa che la politica costa...ed in sede europea avere danaro fresco aiuta...eccome.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Con le Tue domande hai toccato il punto fondamentale..... cosa c'è dietro ad un fallimento tecnico di una delle nostre principali banche (certamente la più vecchia), che in pochi tempo ha fumato tutto il suo patrimonio e quello della Fondazione..... mentre tutti (Bankitalia compresa e Draghi che ne era a capo), apparentemente dormivano???

Se poi aggiungiamo che un suo alto dirigente appartenente al "sistema" dopo aver dichiarato di voler parlare e fare i nomi, vola giù dalla finestra.... 

Le risposte si potrebbero facilmente trovare con il sistema-Falcone, ovvero follow the money - è seguendo i soldi ed accertando in che mani sono finiti che potremmo fare chiarezza su chi sia la mente di tutto questo ed i complici.

Perché a dispetto di chi cerca di far apparire le pietre come oro.... tutti questi soldi persi dal Monte e dalla Fondazione non sono stati bruciati (come in gergo si usa dire nel mondo finanziario) - ma sono stati trasferiti in altre mani.

Certo, fare l'elenco di chi ha ricevuto prestiti dal Monte senza garanzie (in quanto amici/fratelli del Sistema), e poi non gli ha riportati, contribuendo in parte al buco, è semplice.... a partire da De Benedetti per finire ad una azienda toscana oggi non più esistente - che ben conosco - la quale pochi giorni prima del fallimento ha ricevuto da MPS una diverse decine di milioni di euro. Per trovare il resto invece dobbiamo andare a toccare i "poteri forti", quelli che comandano il nostro paese spalleggiati anche dai poteri internazionali.

E si rischia di volare giù da qualche finestra!!!!

"I derivati sono FORSE il modo di costituire una provvista estera a favore di soggetti 'innominati'." - come ti ho spiegato in finanza non si bruciano ne si moltiplicano soldi, ma solo si trasferiscono ed i derivati (come gli altri prodotti finanziari o le acquisizioni), sono spesso usati come mezzo per procedere a questo trasferimento di denaro, naturalmente con la complicità di chi ha la gestione interna dell'istituto e che ha i poteri per sottoscrivere tali operazioni.

I derivati (Draghi docet) possono essere anche momentaneamente usati per mascherare perdite di bilancio agli occhi di chi vuole controllare e quindi mandare avanti la baracca.... per mungerla ancora!!!!

Ma poi, quando la scommessa è persa..... ti ritrovi con il buco più grosso ancora. 


oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

Ma perchè MPS voleva o piuttosto DOVEVA comprare Antonveneta ?

Bella domanda....perchè Telekom Italia comprò Telecom Serbia...? A quel prezzo?...Mistero.

 

I derivati sono FORSE il modo di costituire una provvista estera a favore di soggetti 'innominati'. Quali ? Si sa che la politica costa...ed in sede europea avere danaro fresco aiuta...eccome.

Non direttamente, possono però essere "progettati" per creare profitti ad un determinato evento. E magari l'evento, miracolosamente si verifica....è tutta una questione di rischio, del concetto di speculazione, un'altra ottica.

Speculare è rischioso e costa e magari ci perdi. Se invece hai modo per minimizzare i rischi (magari avendo informazioni privilegiate, garanzie, modi per influenzare l'esito che speri....allora vai sul velluto e speculi). Soros docet. Mica ha scommesso, lui è andato (quasi) a colpo sicuro nel 92, capaci tutti a fare così. Mica la speculazione, le scommesse, il visionario, il finanziere col fiuto...sehhhh.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

Evidentemente ad MPS non sono stati in grado di gestire le perdite future sui loro derivati…. potevano chiamare Tu, che ci dici essere in grado di farlo tranquillamente.

No Megas. Non è che non sono stati in grado, la terza banca italiana per dimensioni e importanza NON PUO’ DIRE che non è in grado. Hanno un loro reparto derivati, “credo” gestito da specialisti. Un’operazione chirurgica la fanno i chirurghi non gli iscritti al primo anno di medicina. Idem in questo caso.

Io faccio altro nella vita, non è il mi mestiere.

Sono marginati Megas, se le perdite raggiungono un certo valore o metti i soldi o ti chiudono la posizione. Ne è la prova ciò che ho scritto, il rischio liquidità determinato dalle continue chiamate a margine per mantenere le loro posizioni derivate. HANNO CONSAPEVOLMENTE MANTENUTO APERTE POSIZIONI IN PERDITA e hanno continuato a perdere. Lo sapevano cosa stavo facendo e vedevano le perdite. ERANO PARTE ATTIVA. 

e quindi, Tu, ci stai dicendo che i derivati, se gestito da esperti possono generare profitti garantiti. Perché se non è così….. e Megas ti dice che non è così, poiché a fronte di chi vince abbiamo una controparte che perde in ugual misura……

Non io sto dicendo, tutti quelli che sanno come funzionano i derivati te lo direbbe, una cosa veloce e classica (ma complessa), un BUTTERFLY SCHEME

https://en.wikipedia.org/wiki/Butterfly_(options)

TRAD:”In finanza, una butterfly (o semplicemente fly) è una strategia di opzioni a rischio limitato e non direzionale, progettata per avere un'alta probabilità di ottenere un profitto limitato quando si prevede che la volatilità futura dell'attività sottostante sia più bassa (quando la butterfly è long) o più alta (quando la butterfly è short) della volatilità implicita attuale di quell'attività.”

Ovviamente nessuno può prevedere il futuro, lo scopo è di limitare il più possibile il rischio. Con questo schema hai alta probabilità di guadagnare (poco ma meglio piccolo guadagno a basso o quasi nullo rischio che viceversa). 

Se la tua controparte ci perde a te cosa importa? Basta che non fallisca.

(Ps: volatilità implicita è cosa diversa da alta o bassa volatilità)

 

stiamo parlando della stessa identica cosa……

Apparentemente si ma sono i dettagli che fanno la differenza.

abbiamo il diversi grado di rischio in base al gioco o alla struttura del prodotto finanziario

Solo nel PF hai diversi gradi di rischio IN ORIGINE E DURANTE LA VITA DEL PRODOTTO (che poi il nostro concetto di rischio è differente dai professionisti), nelle scommesse hai un rischio fisso (alla roulette se punti sul colore hai 50%-50% di vincere/perdere, se lanci un dado hai 1/6 di probabilità che esca il numero deciso (16,6%).

Nelle scommesse hai una vincita o una perdita secche: punti 10 sul rosso ed esce bianco…perdi 10. FINE DELLA SCOMMESSA. Ne puoi fare un’altra ma avresti lo stesso profilo di rischio.

La scommessa dura il tempo che si verifichi un evento in un più o meno breve periodo e tu sei SEMPRE parte passiva, non hai modo di intervenire.

Coi PF hai il tempo dalla tua parte che ti permette di “programmare” e “guidare” profitti/perdite o chiudere anticipatamente o rielaborare le condizioni. 

Sei parte attiva, hai modo di intervenire, cosa che la classica scommessa non permette.

Queste per me sono differenze fondamentali.

anche al gioco come nell’acquisto dei prodotti finanziari puoi gestire quanto perdere e quando fermarti.

Parzialmente vero, nella scommessa punti TOT e vinci o perdi TOT in egual misura. Coi PF hai un ventaglio di profitti perdite e decidi tu se chiudere o continuare e quando farlo.

Il concetto di “scommessa” va a braccetto col concetto, anch’esso distorto, della speculazione.

 

 


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

@Megas

A parte i concetti di scommesse e derivati, condivido il tuo secondo commento.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Deheb: "Soros docet. Mica ha scommesso, lui è andato (quasi) a colpo sicuro nel 92, capaci tutti a fare così".

Megas: allora ammetti che sono scommesse!!! non per Soros che è il banco... ma per i comuni mortali lo sono.... Se Soros vince... un comune mortale perde!!!! Anche chi scommette sul cavallo vincente sapendo che vincerà perché si sono accordati, va sul sicuro!!!!

Deheb: "Non direttamente, possono però essere "progettati" per creare profitti ad un determinato evento. E magari l'evento, miracolosamente si verifica....è tutta una questione di rischio, del concetto di speculazione, un'altra ottica.

Megas: progetti per creare profitti, i quali profitti verranno interamente pagati attraverso il denaro di chi ha perso la scommessa!!!!.... oppure tu vorresti farci credere che a fronte di chi incassa 1 milione al verificarsi dell'evento non ci sarebbe chi perde 1 milione??? lo chiedo a Te... che per giorni mi hai sfinito sostenendo che non erano scommesse..... quando su questo post lo hai affermato chiaramente.....


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Quando gioco a carte ho modo di intervenire??? quando scommetto una pizza in una partita a Tennis ho modo di intervenire??

Quando faccio una strategia alla roulette ho modo di intervenire??? e potrei continuare.....

La struttura è esattamente la stessa..... ripeto con diversi gradi di rischio e di possibilità di intervento per ridurre le perdite. In MPS non si sono fermati... esattamente come quello che non si è fermato davanti alla roulette ed ha finito tutti i soldi......

Deheb: "Con questo schema hai alta probabilità di guadagnare (poco ma meglio piccolo guadagno a basso o quasi nullo rischio che viceversa)". 

Megas: quindi tu stai vendendo uno schema, una strategia di gioco per limitare le perdite e garantire i profitti... questo tu affermi..... ecco allora sei disposto a firmare un documento nel quale tu mi garantisci un certo profitto seppur minimo???? se non sei disposto a fare questo... significa che non hai garanzie certe e che quello che ti è andato bene fino ad oggi, ti può andare male domani!!! quindi niente certezze.... sono scommesse. Tu confondi la struttura di una scommessa con la strategia di gioco per non perdere tutto..... ma l'evento è imponderabile per i comuni mortali.....e non esiste nessuna strategia che  ti da la certezza di vincere..... per questo alla fine si riducono a scommesse!!!!

Lo so che ti senti più a posto con la tua coscienza a giocare in borsa invece che andare a Montecarlo..... ma, dispiace dirtelo..... a livello tecnico stai facendo la stessa cosa..... a livello di divertimento, investendo in borsa ti privi anche del piacere di vedere una bella donna che gira intorno ai tavoli da gioco del Casino'.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Alla fine dovrai condividere anche questo concetto..... non si scappa di fronte alla Verità provata!!!.... non per niente si usa il termine "giocare in borsa" e non l'ha inventato certo Megas!!!

Ripeto se io e te giochiamo una partita a Tennis e scommettiamo 1000 euro per chi vince, è una scommessa.... una scommessa dove io posso intervenire.... certamente molto di più di quanto lo possa fare con un sistema come indichi tu!!!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

allora ammetti che sono scommesse!!!

No Megas, il contrario. Ho detto "mica ha scommesso" ma era ironico e nel contesto speculazione. Si dice sempre che abbia "scommesso e vinto" ma è il contrario. Soros non era il banco. Soros era l'effetto non la causa.

oppure tu vorresti farci credere che a fronte di chi incassa 1 milione al verificarsi dell'evento non ci sarebbe chi perde 1 milione???

Un'altra verità vera per definizione. Se uno guadagna l'altro perde necessariamente. Come la cosa dei PF che sono a rischio, lo sono sempre e necessariamente. Come per i "bit" dei dollari che vengono "coniati" solo dalla FED. 

Se queste sono verità non necessariamente le considerazioni dei discorsi successivi lo devono essere.

Quando gioco a carte ho modo di intervenire??? quando scommetto una pizza in una partita a Tennis ho modo di intervenire??

Certo e lo fai direttamente in base alle tue capacità. Ma statisticamente la cosa è differente: se tu fossi nettamente più forte di me a tennis io col cavolo che scommetterei. Scommetterei se me la potessi giocare, diciamo un 50/50 o 60/40. Se fossimo 50/50 ma quel giorno avessi mal di schiena eviterei di scommettere per non perdere. Ma in questo modo tu sei parte integrante e determinante della scommessa.

E' come se tu facessi mercato (come Soros diciamo), e comunque scommetti o giochi solo se ritieni di avere possibilità di successo.

Ma una volta che la scommessa inizia il profitto/perdita è bloccato. Non puoi prevedere quanta perdita potresti sicuramente avere se non il 100%. Non puoi dire "scommettiamo 100€ che vinco a tennis e se perdo ...ti pago il 10%!, non puoi dire se perdi il primo set "dai finiamola qua e ti pago il 25% della scommessa". O meglio, potresti ma dipende, se il tuo avversario accetta (quindi non è dipendente dalla tua volontà).

Se scommetti al Casinò €10 o €100 o €1000 per qualcosa, non puoi prevedere quanto sarà la tua perdita se non del 100%, non hai altre possibilità. Tu puoi perdere tutto con una singola scommessa o con 10/20/30 scommesse ma la perdita sarà sempre del 100% di ciò che punti.

Puoi andare dal banco e dire "io ho previsto di perdere il 24%, ho scommesso €100, ho perso ma vi pago solo €24?

E' possibile fare in questa maniera?

quindi tu stai vendendo uno schema, una strategia di gioco per limitare le perdite e garantire i profitti... questo tu affermi

Io non vendo niente, ma in sintesi è così. Non so cosa ci sia scritto sui contratti ma uno schema come quello è costruito apposta per limitare le perdite e darti un profitto. Ma penso anche che il lavoro di un professionista vada pagato, ci sono le commissioni, il mantenimento etc etc etc quindi non credo possa essere appannaggio di tutti, ne deve valere la pena. Qui bisognerebbe parlarne con un professionista che io non sono.

significa che non hai garanzie certe

Nessuno può essere sicuro del futuro (altra verità vera). O hai la sfera magica o puoi andare avanti e indietro nel tempo.

L'esempio della bicicletta che ti ho fatto precedentemente. NIENTE è certo.

non per niente si usa il termine "giocare in borsa" e non l'ha inventato certo Megas!!!

Vero, ma è un modo di dire basato sulla falsa idea che ci sia gente che lavora nel settore e il lavoro consiste nel chiudere gli occhi e sperare che vada bene. Questo lo fanno gli inesperti che vedono solo se hanno vinto o perso. E per la gente è un concetto semplice, veloce e comprensibile. E funziona.


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

Deheb: "Un'altra verità vera per definizione. Se uno guadagna l'altro perde necessariamente. Come la cosa dei PF che sono a rischio, lo sono sempre e necessariamente. Come per i "bit" dei dollari che vengono "coniati" solo dalla FED. 

Se queste sono verità non necessariamente le considerazioni dei discorsi successivi lo devono essere".

Megas: stessa tecnica di infondere dubbi su cose accertate.... Se per te il fatto che la Fed è l'unico soggetto, non per definizione, ma per legge, che può creare i dollari in regime di monopolio. Dimmi tu chi altro può bloccarli se non la Fed stessa, stante il fatto che i "bit" sono nei loro computer e gli altri posseggono solo in estratto-conto.

Oppure tu vuoi farmi credere che la BCE ha la facoltà di creare i dollari... e di bloccarli???!!!

Già questo ti rende ridicolo ed io sono stanco di rispondere scendendo al tuo livello!!!!!

Tu confondi struttura della scommessa con la scommessa stessa. Tu vorresti farci credere che la professionalità debba esistere solo in chi opera in borsa e non in chi opera nel campo del gioco (carte, roulette, ecc.). E' quello che ti ho scritto prima.... il tuo è un problema di moralità a livello mentale..... non vuoi accettare che "giocare in borsa", equivalga a scommettere con il gioco.

Su questo non posso farci nulla.....mi dispiace, dovrai fare da solo!!!

Hai introdotto il concetto del ritirarsi dalla scommessa quando l'avversario lo ritieni più forte di te (hai fatto l'esempio del tennis). Bene nella partita a tennis, hai un solo avversario che può essere più forte di te..... quando giochi in borsa tu sei un pesce piccolo in mezzo agli squali che sono più forti di te. Che tu lo voglia ammettere o meno, in borsa c il gioco non è equo, perché chi ha disponibilità finanziarie immense può indirizzare l'evento.... senza poi parlare, dei sistemi tecnici sofisticati che sono nelle mani di pochi e che permettono loro di giocare già conoscendo l'esito dell'evento.

Deheb: "Se scommetti al Casinò €10 o €100 o €1000 per qualcosa, non puoi prevedere quanto sarà la tua perdita se non del 100%, non hai altre possibilità. Tu puoi perdere tutto con una singola scommessa o con 10/20/30 scommesse ma la perdita sarà sempre del 100% di ciò che punti.

Puoi andare dal banco e dire "io ho previsto di perdere il 24%, ho scommesso €100, ho perso ma vi pago solo €24?

E' possibile fare in questa maniera?"

Megas: stai ancora parlando della struttura della scommessa, la stessa domanda te la posso fare riguardo al prodotto finanziario.... ed anche qui dipende dalla struttura. E la natura dell'essere scommessa non dipende dalla struttura.... 

Quindi questo sistema sicuro che prospetti non c'è.... ed addirittura prospetti il pagamento di commissioni per un sistema che non darebbe certezze... .ma sai un promotore di piattaforme??? attento devi essere soggetto autorizzato... 

I "modi di dire".. sono spesso per non dire sempre lo specchio della realtà.... (proprio perché coniati sulla scorta dell'esperienza e della condivisione di molte persone), non vedo perché in questo caso dovrebbe essere diverso, solo perché ce lo dice Deheb!!!!

Porta la documentazione a sostegno che questo modo di dire non ha attinenza con la realtà.... e poi fallo cambiare su tutti i dizionari.... 

Non mi scrivere più Deheb, su questi due temi.... le nostre posizioni sono chiare.... la Verità altrettanto.... ed la tua tattica sistematica - per costringermi a rispondere - di infondere i dubbi sulle Verità assolute....anche!!!!

Non ti rispondo più!!!!!


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

Quindi questo sistema sicuro che prospetti non c'è.... ed addirittura prospetti il pagamento di commissioni per un sistema che non darebbe certezze... .ma sai un promotore di piattaforme??? attento devi essere soggetto autorizzato... 

Se hai capito questo sei un po’ idiota e io non so cosa farci. 
questo è un insulto? Si perché mi sono stancato di retificare o giustificare frasi o pensieri che non ho ne scritto ne pensato. (Ricordi cosa dicevi sul riferire in maniera erronea il pensiero altrui?)

Te lo ripeto: non mi importa nulla di quello che pensa Megas Alexandros, se per te il dubbio è deleterio è un problema tuo. 

Quello che volevo scrivere l’ho scritto, lascio al lettore (se ci sarà un lettore) la possibilità di valutare e verificare la bontà di ciò che ho scritto e che penso, non ho la pretesa di portare la verità, anzi, la Verità. 

I "modi di dire".. sono spesso per non dire sempre lo specchio della realtà....

E si….i proverbi racconano sempre la verità!!

Non ti rispondo più!!!!!

Per me va bene anche se, in verità, non ho fatto domande e le risposte che ti ho dato gia le conoscevi e ho detto, magari in forma diversa, le stesse cose. 
E questo piccolo post l’ho fatto io su tuo invito (anonimo cagasotto, rimembri???)

se non ti va ancora bene dimmi tu cosa devo scrivere, anzi scrivi tu così andiamo sul sicuro e non la tiriamo per le lunghe.


RispondiCitazione
Deheb
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 238
Topic starter  

Aggiungo una cosa…come dire…piuttosto rischiosa.

se uno volesse farsi un’idea reale e non favolistica del fantastico mondo dei derivati, potrebbe leggere qualcosa di un libro di un tale, un certo John C Hull. (Ma ce ne sarebbero anche altri, a scelta).
Non è per te Megas che gia hai studiato queste cose, è per qualcun’altro a cui magari, forse, può interessare e può verificare la bontà o meno delle affermazioni che ho fatto. 
E’ rischioso dare queste fonti perché può essere scambiata per istigazione alla lettura. Molto pericoloso. 


RispondiCitazione
Megas Alexandros
Estimable Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 171
 

A mia precisa domanda tu rispondi:

"Io non vendo niente, ma in sintesi è così. Non so cosa ci sia scritto sui contratti ma uno schema come quello è costruito apposta per limitare le perdite e darti un profitto. Ma penso anche che il lavoro di un professionista vada pagato, ci sono le commissioni, il mantenimento etc etc etc quindi non credo possa essere appannaggio di tutti, ne deve valere la pena. Qui bisognerebbe parlarne con un professionista che io non sono".

Io ti rispondo in base alla tua risposta dove dichiari in modo contradditorio, che "non vendi niente ma che in sintesi è così".... salvo poi affermare di non sapere cosa c'è scritto su questi contratti, ma senza saperlo affermare poi che questo sistema (piattaforme), sono costruite per limitare le perdite e soprattutto per darti un profitto (perché è questo, ovvero il profitto, che interessa alla nostra discussione)..... a quel punto poi introduci il concetto che tutto questo sarebbe un lavoro fatto da un professionista retribuito attraverso delle commissioni.

Di fronte a questo tuo ondeggiamento a 360 grada..... io cerco di destreggiarmi, e ti rispondo di conseguenza in base a quello che ho compreso dalla tua risposta, ovvero che il sistema non è sicuro al 100% e ti chiedo nuovamente con 3 punti interrogativi se si un promotore di piattaforme, con la seguente frase:

"Quindi questo sistema sicuro che prospetti non c'è.... ed addirittura prospetti il pagamento di commissioni per un sistema che non darebbe certezze... .ma sei un promotore di piattaforme??? attento devi essere soggetto autorizzato... "

Io ti posso sembrare "idiota", ed in un certo senso, ti confesso (ma te l'ho detto anche nel post precedente), a concedere relazione e rispondere a te, devo darti ragione.... .mi sento un po' idiota...... perché devo scendere su un livello che mai sono sceso..... e nel quale tu mi batti facilmente per la tua enorme esperienza!!!!

PS: non ho capito l'ultimo tuo passaggio..... avresti risposto con il tuo vero nome dopo un anno di discussioni...... io vedo sempre Deheb, magari mi sbaglio perché i social, i forum e c. non sono la mia materia.

Quindi, perdonami ma il tuo nome non lo vedo..... se mi delizierai, ti farò i complimenti......

Ora veramente.... lasciamo i lettori giudicare!!!! 

 


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: