Raffinate intellige...
 
Notifiche
Cancella tutti

Raffinate intelligenze e orrende ritualità: in margine ad un articolo di Blondet

Pagina 1 / 2

oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Cito questo articolo perchè fa luce sui retroscena di quanto sta accedendo in israele ed in Gaza:

https://www.maurizioblondet.it/wolfgang-eggert-il-culto-ebraico-del-giorno-del-giudizio-controlla-loccidente-complotta-la-terza-guerra-mondiale/

Molte domande ed assai poche risposte, molti perchè ... che si dipanano nella storia tremenda di questa nostra povera ed immensamente dolente umanità.

Questa notte, oramai insonne come tante altre, mi sono sovvenuto di una illuminante intuizione di C.G.Jung che, a proposito della fase terminale del nazismo, parlò del 'Wotanismo' come residuo mentale ANCESTRALE che aveva preso posto sempre più nella psiche collettiva della Germania avviata alla sconfitta e che volendo esorcizzarne le terribili conseguenze sull' identità stessa della Nazione, si era gettata nel 'maelstrom' della guerra di per sè come mezzo, anzi l'unico, per risolvere le tante, troppe contraddizioni politiche ed umane circa il prezzo della 'vittoria' che andavano facendosi chiare a tutti.

Oggi possiamo parlare di un analogo residuo filogenitico per quanto riguarda la mentalità collettiva di israele, almeno parzialmente ? Innanzitutto gli ebrei hanno ottenuto di poter attivare una qualità da tempo scomparsa negli altri consorzi umani, quella concernente una propria mente collettiva attiva e dirigerla cabalisticamente ( o 'talmudicamente' se si preferisce ) per gli scopi prefissati dai rabbini. Chi dice 'no' ne viene pesantemente colpito e chi ne svela le azioni ancora di più. Resistere è compito immenso.

Ma non è questo il punto decisivo, probabilmente. E' un altro. Sono gli attuali omicidi mirati ai civili, sopratutto in aree dove maggiori sono le concentrazioni di bambini con le loro mamme.

Deliberati omicidi di bambini: cosa c'è di peggiore, di più aberrante ? E gli ebrei di tsahal ne vanno fieri, ballano addirittura di gioia sulle mattanze di questi poveri infanti ( le immagini sono sul web ), ne vanno addirittura complimentandosi tra loro per il numero che va ingigantendosi sempre più che il tempo passa e che nessuno li ferma. Pensano che così facendo ( mi ricollego a Blondet ) costoro accellerino la venuta del Messia.

Di quale 'messia' si parli non è chiaro, ma delle mattanze sì, come è chiaro quel video che alla vigilia di altri immensi eccidi di innocenti, fecero i giudei americani in cui inneggiavano a Baal esplicemente simulando un sacrificio di un infante a scopo apotropaico ( l' ho citato tempo fa ).

Mettiamo insieme i vari aspetti sopradetti: possiamo dire che esiste una mente ancestrale degli ebrei volta al ripristino dei riti antichssimi dei semiti di sacrifici umani in nome di Baal, loro 'dio' di 'riserva' ( ma in verità il loro VERO 'd-o' di ieri, di oggi e probabilmente anche di domani ), le cui caratteristiche si perpetuano nell'ebraismo ( unicità univoca di tale 'entità', 'gelosa' del suo primato sugli altri 'dei' ) come nel cristianesimo ( paternità univoca del genere umano ) come nell' Islam ( sottomissione univoca della volontà ) ?

Si tratterebbe di un analogo portato del 'wotanismo' citato e che si potrebbe indicare come chiaro e semplice 'satanismo' immerso nella storia antica degli ebrei e che di quando in quando torna a presentarsi, satanismo del sacrificio degli innocenti.

Se sì, ed io credo proprio di sì, allora sono in atto veri e propri sacrifici umani ( completamente ininfluenti sullo stretto aspetto bellico e che dunque hanno altra ragione ) attraverso i bombardamenti che inceneriscono centinaia ( ad oggi tante centinaia, anche si supera il migliaio ) di bambini come olocausto preferito dal demone evocato per ottenere l'esito sperato: la realizzazione dei propri desideri, univocamente indirizzati dalla 'mente collettiva' e supportati di fronte a tale 'entità' con adeguati riti, il tutto per la supremazia incontrastata.

Veniamo ad israele ( minuscolo ): oggi gli ebrei protestano in massa contro Nethaniau, come già da qualche tempo fanno per l' abrogazione della 'legge sulla ragionevolezza', oggi per fermare l' olocausto in atto a Gaza o almeno così si può pensare. Anche qui le immagini sono sul net.

Chiaramente non vogliono fare 'carne di porco' domani come già accadde ieri colle modalità di 'ritorno' in terra santa ( minuscolo: perchè oggi è insozzata dal sangue degli innocenti ), modalità favorita, anzi, dovuta ad analogo sacrificio umano olocaustico fatto fare ad altri, pena la distruzione della loro nazione attraverso i poteri ed i saperi segreti che i rav detendono da tempo immemorabile.

La protesta è sacrosanta, dunque, anche se intorbidata dalla contraddizione fondamentale dello stato ebraico, definitosi tale perchè univocamente stato degli 'ebrei' e basta ).

Notate il termine 'univoco' che ripeto: indica l'assenza di ogni possibile critica o dubbio. E' la fonte e lo scopo del dogmatismo monoteista: sopprimere ogni voce contraria.

E' troppo per voi ?

Sono pensieri a margine, a latere di quanto accade oggi nel silenzio complice della nazioni occidentali sotto presumibile ricatto cabalistico ma in fondo desiderose di assidersi anch'esse alla tavola dei 'giusti' un domani, a banchetto del 'vitello grasso', stando dalla parte 'giusta' della storia e servendosi copiosamente delle vittime sacrificali senza troppo farlo sapere.

Ovvero a finale banchetto di tutti noi, delle nostre libertà di cartapesta, dei nostri semplici ed ingenui desideri di 'pace', delle idee irrealistiche di modifica dello 'stato', della 'politica' e di tutto l'apparato repressivo infame che ci circonda, chiedendo ( io no ) ad una religione, quella cristiana ufficiale una voce nettamente contraria. Che non verrà mai: ha un posto fisso a tavola anch'essa.

Quello che sta accadendo a Gaza deve essere fermato a tutti i costi se non si vuole che la follia omicida si estenda ovunque: il demone una volta scatenato non si fermerà se non con la completa distruzione del nostro mondo. Gli ebrei non ne sono consapevoli ma non è questo il punto determinante: non sono così importanti come credono.

Tocca a noi adesso.

Deus Vult.

 


ducadiGrumello, sarah, Darkman e 4 persone hanno apprezzato
Citazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Solo per darvi idea di COSA STIA DAVVERO ACCADENDO LAGGIU', solo ieri sono morti 117 bambini, molti al mercato con le loro mamme, molti nelle case apposta incenerite con raid aerei appositi contro cui Hamas non può NULLA, altri morti stretti nelle braccia dei loro papà anch'essi straziati dallo stato omicida.

Ripeto: non c'è assolutamente nulla di 'militare' in tutto ciò. La ragione è un'altra e non è solo 'terrore' verso la popolazione civile, è la sua eradicazione attraverso l'assassinio deliberato di chi sarebbe stato destinato a succedergli nel tempo, i suoi figli.

E' insopportabile tutto questo ed è magra consolazione che tutto ciò erode alle fondamenta la legittimità dello stesso stato ebraico, già di suo stato-fantoccio di un sionismo omicida ( https://biancaneve.substack.com/p/israele-e-fondata-sulle-menzogna?publication_id=1301573&post_id=138175328&triggerShare=true&isFreemail=true&r=b07l3 ) di cui qui su CDC a più riprese abbiamo svelato la sua storia nascosta e le sue finalità suprematiste sull' intero genere umano.


sarah, Hospiton e BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4108
 

Di Wolfgang Eggert ho letto 'Erst Manhattan - Dann Berlin: Messianisten-Netzwerke treiben zum Weltenende. Ha fatto benissimo Blondet a citarlo perché chi non introduce le categorie religiose e para religiose non capirà mai le dinamiche dell'ebraismo, la sua visione del mondo, il suo concetto di appartenenza ad un 'Volk' (per usare il termine tedesco) per il quale la nazione è un concetto secondario e asservito a quello primario di popolo, i suoi riti, la tenacia con la quale impone i suoi interessi, fa distruggere i suoi nemici al 'golem' americano, l'ossessione per la manipolazione mediatica dei non ebrei attraverso il controllo dei media e del 'discorso' in generale. Un assaggio di questo tipo di analisi lo si può facilmente derivare da come è stata definita la persecuzione ebraica durante la WWII : 'olocausto'. Il ricordo va al sacrificio (simulato!!) di Abramo e del figlio Isacco che istituisce la fedeltà al Dio degli ebrei e che costituisce la base per la rivendicazione della Terra promessa. L'olocausto quindi 'autorizza' Israele a impossessarsi della Terra promessa cacciando via gli 'usurpatori' palestinesi. Non meraviglia quindi che esiste una giornata della memoria per questo evento e che chi osa negarlo rischi la galera. I nazisti avevano capito tutto già da tempo e nel programma del NSDAP avevano inserito  due clausole che avrebbero azzerato il potere delle lobby ebraiche : chi gestiva il credito e possedeva i mezzi di comunicazione di massa (al tempo i giornali) doveva essere di razza ariana. Ora, uno può anche cambiare (o far finta di cambiare) religione, certamente non può cambiare la sua etnia. Ovviamente la risposta ebraica è stata del tipo : 'Carthago delenda est' con Germania al posto di Carthago. Ora tocca ai palestinesi.

 


ducadiGrumello, sarah, oriundo2006 e 1 persone hanno apprezzato
RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 14384
 

sono d'accordo ma se ci si riferisce al sionismo, sempre più una parte massiccia di ebrei ne prende le distanze, soprattutto gli ortodossi ma non solo, stanno condannando la mattanza e contestano vivamente il regime di Bibi. Secondo me i veri ebrei sono stati derubati del loro credo dagli ashkenaziti, che ne hanno fatto quello che volevano della loro religione, attirandosi l'odio buona parte del mondo che appunto si riversa sugli ebrei senza distinzione. 

solo a titolo di esempio, ma ce ne sono molti altri, come gli arresti di 500 manifestanti a Washington, buona parte ebrei

 

AMMUTINAMENTO NELL'ESERCITO SIONISTA! 𝐀𝐦𝐦𝐮𝐭𝐢𝐧𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐧𝐞𝐥𝐥'𝐚𝐞𝐫𝐨𝐧𝐚𝐮𝐭𝐢𝐜𝐚 𝐬𝐢𝐨𝐧𝐢𝐬𝐭𝐚: 𝟒 𝐠𝐞𝐧𝐞𝐫𝐚𝐥𝐢 𝐝𝐢 𝐛𝐫𝐢𝐠𝐚𝐭𝐚 𝐬𝐢 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐫𝐢𝐭𝐢𝐫𝐚𝐭𝐢 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐛𝐚𝐬𝐢 𝐚𝐞𝐫𝐞𝐞 𝐦𝐢𝐥𝐢𝐭𝐚𝐫𝐢, 𝐜𝐨𝐬𝐢̀ 𝐜𝐨𝐦𝐞 𝐚𝐥𝐭𝐫𝐢 𝟐𝟎𝟎 𝐩𝐢𝐥𝐨𝐭𝐢 𝐞 𝐚𝐬𝐬𝐢𝐬𝐭𝐞𝐧𝐭𝐢. Le voci di un folto gruppo di soldati sionisti in fuga dal campo di battaglia sono vere e le notizie di suicidi di soldati sono confermate. Stanno iniziando ad arrivare notizie riguardanti profondi disaccordi interni
LO STATO DI ISRAELE E' IL CAPO DELLE IMPURITA'
“𝐃𝐨𝐛𝐛𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐬𝐚𝐩𝐞𝐫𝐥𝐨, 𝐞𝐬𝐬𝐞𝐫𝐧𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐬𝐚𝐩𝐞𝐯𝐨𝐥𝐢, 𝐧𝐨𝐢 𝐍𝐎𝐍 𝐚𝐛𝐛𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐧𝐞𝐬𝐬𝐮𝐧 𝐫𝐮𝐨𝐥𝐨 𝐧𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐨𝐧𝐢𝐬𝐦𝐨. 𝐍𝐨𝐧 𝐩𝐫𝐞𝐧𝐝𝐢𝐚𝐦𝐨 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞 𝐚𝐥𝐥𝐞 𝐥𝐨𝐫𝐨 𝐠𝐮𝐞𝐫𝐫𝐞. Non abbiamo ruolo nello Stato di Israele. Lo stato di Israele è il capo delle impurità. Non prendiamo parte alle elezioni di un governo impuro. Non riconosciamo queste leggi. Dichiariamo a tutti gli ebrei timorati di Dio di separarsi da loro e di compiere le Sue parole: “io odierò i nemici di Dio”, di nutrire in cuore un odio contro il sionismo e contro tutto ciò che lo riguarda"
Diciamo che i veri ebrei hanno le idee molto chiare!
 
 
 

emilyever hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Che vi sian un deliberato piano cabalistico di utilizzo dellle vittime dei martiri palestinesi, bambini in primo luogo, ne parla anche Salvatore Brizzi:

http://www.salvatorebrizzi.com/2023/10/la-situazione-in-medioriente.html?m=1

''..Da un punto di vista prettamente occulto, periodicamente devono essere compiuti dei sacrifici umani che implicano un grande spargimento di sangue (magia nera): stragi, attentati, guerre, disastri “naturali”, ecc..''.

Questo per le tante anime belle che non credono a queste ritualità occulte di 'magia della mano sinistra'...eppur si muovono così le raffinate intelligenze: se il mondo è fondato sul 'sacrificio del Purusa' ( uomo primordiale ), allora il sacrificio con numerose vittime fa girare la ruota della storia umana: chakravartin che danzano sulle pile di cadaveri che procurano in salmodiante riverenza verso il loro 'dio' di morte e sangue, facendosi credere puri e mondi da ogni peccaminosa responsabilità, quando è vero il contrario ( notare nel testo citato da Dana che si parla di 'impurità' non a caso: in israele sanno perfettamente quanto succede e perchè ).

I razionalisti, che abbondano qui come altrove, non capiscono che questo è il 'modus vivendi atque operandi' di costoro: indicarlo a chiare lettere non significa dare un giudizio sull' efficacia ultima della ritualità in sè considerata ma solo sul suo accadimento ed i suoi autori.

Sulla efficacia possiamo solo notare che se da tempi immemorabili è perseguita allora sicuramente una qualche forma di validità deve avere...purtroppo.


ducadiGrumello e sarah hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

@dana74

Secondo me i veri ebrei sono stati derubati del loro credo dagli ashkenaziti, che ne hanno fatto quello che volevano della loro religione, attirandosi l'odio buona parte del mondo che appunto si riversa sugli ebrei senza distinzione. 

Non lo metto in dubbio, ed è evidente che molti ebrei si stanno rifiutando di avallare le atrocità perpetrate dall'entità sionista, come dimostrano le manifestazioni in tutto il mondo. Ciò fa loro onore, ma rimangono pur sempre una minoranza invisa... un pò come i "no-vax". D'altra parte, l'invito al massacro dei goyim e degli "idolatri", esteso a donne e bambini, è parte integrante della Bibbia pre-ashkenazita, che dunque rappresenta il loro credo originale. Non mi sembra che ci siano differenze significative.

Questo post è stato modificato 7 mesi fa da BrunoWald

ducadiGrumello e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

@oriundo2006

Wotan (Odino) era un dio sciamanico e guerriero, estatico e psicopompo, come dimostrano le sue note caratteristiche (sospensione sull'Albero/Axis Mundi, perdita di un occhio per ottenere la sapienza, spiriti guida in forma di lupi e corvi che lo accompagnano, caccia selvaggia, ecc.). Penso anch'io che costituì un atavismo manifestatosi nel Terzo Reich, con una energia propria, di natura inconscia, basti pensare all'onnipresente simbologia runica. Ma non ritengo giustificato accostarlo al demone sanguinario adorato dai semiti fin da prima che assumesse la forma monoteistica a noi nota. Chi adorava Odino perseguiva il sapere iniziatico o il valore guerriero, mentre Geova, come tu stesso osservi, agisce sulla mente collettiva.

Sono pienamente d'accordo con te sulla natura rituale dei massacri operati dagli ebrei, in particolare l'uccisione di bambini: il sangue versato e le sofferenze prodotte servono ad alimentare il demone, sono veri e propri sacrifici umani, deliberati e consapevoli, per produrre un certo tipo di energie. Forse non è questo il caso di tutti gli esecutori, la manovalanza, ma sicuramente lo è a livello di vertice, soprattutto di quelli che non appaiono. I razionalisti e i superficiali non lo accetteranno mai perché, come in fondo tutti noi, semplicemente non sono disposti a rinunciare alla loro immagine del mondo. Neppure di fronte all'evidenza. Aspettarsi il riconoscimento del fatto che il mondo è governato da maghi neri, sarebbe chieder troppo.

Deliberati omicidi di bambini: cosa c'è di peggiore, di più aberrante ? E gli ebrei di tsahal ne vanno fieri, ballano addirittura di gioia sulle mattanze di questi poveri infanti ( le immagini sono sul web ),

Esatto: ma a differenza del passato, non lo nascondono più, si mostrano senza maschere in mondovisione, a futura memoria.

Sulla efficacia possiamo solo notare che se da tempi immemorabili è perseguita allora sicuramente una qualche forma di validità deve avere...purtroppo.

Ed anche su questo, direi che sussistono pochi dubbi. Il problema è l'educazione che abbiamo ricevuto. Io stesso, pur nutrendo fin dall'adolescenza interessi esoterici, ci ho messo parecchio tempo prima di cominciare a farmi un'idea un pò meno naive di come funzionano le cose su questo pianeta.

Questo post è stato modificato 7 mesi fa da BrunoWald

sarah, PietroGE e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Io intendevo l'accostamento come segno della possessione attraverso un chiaro rituale sacrificale, indice di una deliberata volontà di immergersi nell' 'archetipo'.

A tanto invitano i rabbini che accompagnano l' esercito: ed anzi, l'ammissione che a Gaza non verranno osservate le regole di guerra internazionali verso i civili o i nemici arresi ma non vi sarà alcuna pietà per nessuno con ogni mezzo, ebbene questo lo dimostra senza ombra di dubbio.

Che poi questi archetipi siano differenti nei due casi, secondo me non conta troppo. Conta  l'abbassamento del livello mentale che ne deriva, con la perdita di sè e la sua sostituzione con un modulo 'eteronomo': qui il demone con cui si viene ad identificarsi facendone oggetto di 'dedizione' delle proprie forze intime, spirituali e psichiche per comandare a sè stesso, considerato 'terzo' rispetto alla propria coscienza, qualsiasi nefandezza.

Insomma, abbiamo a che fare con degli indemoniati, riveriti ed osannati in occidente per il potere che detengono e di cui vanno fieri.

Quanto alla nota scissione askenaz - sefarad non mi sento di separare le due etnie quanto a responsabilità.

Il gran rabbinato di Gerusalemme, quello che comanda le azioni della politica di Nethaniau e degli altri psicopatici suoi ministri, è composto da due rabbini, esponenti delle due etnie: entrambi sono responsabili ed il peggiore è il sefardita, anima nera da tante incarnazioni.

Ma su questo non voglio dilungarmi. Potreste prendere paura di fronte al Tempo lunghissimo in cui si snoda il Piano...

 


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
sarah
Honorable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 532
 

@PietroGe. Davvero indovinatissima e opportuna la sua citazione di Eggert. Questo autore, coraggiosamente, introduce un approccio alla storia basato anche sulla componente religiosa. Ciò che mi sembra più significativo, come chiave di lettura degli eventi di questi giorni, è la necessità di poter comprendere da quali presupposti muovano certi sistemi di potere. Il nostro dare per scontato che tutti, universalmente, applichino il pensiero razionale che abolisce del tutto l'importanza della ritualità, restringe il punto di vista e lascia molti fatti avvolti da un alone di mistero. Eggert, con la sua riflessione storica, ci invita a considerare la possibilità che non tutti muovano dai nostri stessi presupposti e che dunque ciò che "noi" riteniamo inammissibile possa in realtà essere ben accetto da altri. Un esempio è il concetto di sacrificio, anche della vita: è evidente che questo assume connotati ben diversi se lo si analizza da un punto di vista materiale o spirituale. Certe forme di spiritualità non negano a priori l'utilità di questo mezzo ed anzi lo annoverano anche tra le possibili variabili delle scelte umane di fronte a certe necessità. Eggert ricorda il "fondamentalismo cristiano" che, nella sua interpretazione, eleva e nobilita l'idea di guerra attraverso la narrazione dei profeti. Quanto all'ebraismo, e sottolineo così una parte della riflessione di @dana74, lo storico tedesco riconosce l'esistenza di due correnti all'interno della componente chassidica ( più osservante ). L'una ( a sua avviso prevalente ) sosterrebbe l'idea di "accelerare" gli eventi storici al fine di giungere alla venuta del vero "messia" mentre l'altra sarebbe contraria ad ogni azione umana che modifichi la stessa volontà divina. Se davvero la prima fosse ad oggi maggioritaria in certe sfere di potere, si comprenderebbe la ferma volontà di scatenare guerre in zone critiche del mondo, proprio quelle zone in cui, secondo le scritture, dovrebbero "accadere cose" che porteranno al compimento del progetto divino di trionfo di un certo popolo. Noi non ragioniamo in questi termini, ma ragioneranno tutti come noi? 


BrunoWald, oriundo2006, ducadiGrumello e 1 persone hanno apprezzato
RispondiCitazione
ducadiGrumello
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 186
 

bellissimo post e discussione molto stimolante, grazie a tutti. A proposito della possessione, penso si possa dire che il distacco da sè che ne è condizione preliminare ineludibile è caratteristico di gran parte delle prassi religiose, come mezzo più rapido, o forse unico, per attingere all'inconoscibile; ma, tornando sulla terra, è pur vero che mette l'individuo in una condizione vragile, in cui è facilmente manipolabile da volontà più forti e ostinatamente dedite al male. Credo che sia successo più volte nella storia; ma non ho dubbi sul fatto che la pratica sia stata portata alle vette più eccelse da quelli che vediamo operare in questi giorni cupi


BrunoWald, sarah e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
BrunoWald
Reputable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 448
 

Io intendevo l'accostamento come segno della possessione attraverso un chiaro rituale sacrificale, indice di una deliberata volontà di immergersi nell' 'archetipo'.

Certo, ma visto il banner che uso mi sono sentito in dovere di fungere da avvocato d'ufficio del Signore degli Aesir. 😉

La possessione, o anche l'immersione in uno stato di trance che, sospendendo la mente razionale, permette il contatto con le entità spirituali, è una pratica che accompagna la nostra specie dalla notte dei tempi, e che può essere rivolta a fini positivi oppure al male. Gli indemoniati di cui stiamo discutendo sono un esempio abbastanza estremo della seconda opzione. E concordo sul fatto che non esistano soverchie differenze tra i due rami in cui si dividono costoro: stiamo parlando di una religione che non si propone l'unione dell'anima individuale con il divino, ma il dominio di una tribù sul resto del genere umano, considerato alla stregua delle bestie. Esattamente l'opposto dell'amor che move il sole e le altre stelle, e con ciò ritengo si sia detto l'essenziale.

Il fatto è che per molti di noi, che a dispetto di quanto affermano i nostri detrattori, non siamo motivati affatto né dall'odio né dal "pregiudizio", si tratta di un qualcosa di talmente paradossale, talmente inverosimile, che la mente a volte si arrampica sugli specchi pur di trovare spiegazioni "razionali", o rintracciare differenze e sfumature che permettano di alleviare lo spirito dal malessere che produce l'osservazione di un simile fenomeno. Quelli di loro che sono brave persone hanno tutta la mia simpatia: non deve essere facile mantenere l'equilibrio in un ambiente del genere.

Questo post è stato modificato 7 mesi fa da BrunoWald

oriundo2006 e PietroGE hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

Caro Bruno, hai toccato un punto dolente, quello in definitiva che organizza tutta la base dell' opposizione 'noi vs loro' e che funge da base 'valoriale' di quanto sta accadendo in MO: ''..noi, che a dispetto di quanto affermano i nostri detrattori, non siamo motivati affatto né dall'odio né dal "pregiudizio''.

Sul 'noi' e 'loro' occorre capire.

Cominciamo da 'loro', ' giusti di Sion': come organizzano il loro discorso, espresso e celato, loro e dei loro 'sostenitori' occidentali: perchè in quello che celano è la chiave per capire tanto.

Innanzitutto si potrebbe dire che 'il monopolio dei Valori' di cui si sono impossessati gli occidentali a guida ebraica, sopratutto questi ultimi,  consegnando gli oppositori all' indice dei disvalori, è l' 'incipit' primario.

In altri termini, paiono dire gli invasati del 'dio degli eserciti', 'noi' siamo i 'buoni', noi siamo gli 'inoffensivi' che solo perchè dobbiamo confrontarci con i 'cattivi' dobbiamo a malincuore essere 'violenti' nostro malgrado, tant'è che la 'colpa' di quanto accade ha da ricadere sopra costoro. Bontà loro farcelo sapere...anche se questo può valere solo per i vivi e non per i morti.

Perchè a ben vedere, tutto quello che è 'successo' nel 'mondo' di buono, che lo ha 'migliorato', continuano costoro, lo è stato a nostra iniziativa, a nostra volontà e per tramite nostro: non altro. Tutto è dunque nostro e niente ci è negato o negabile, in conclusione. I goy ci sono debitori di tutto in tutto ( e se non lo sono 'aggiustiamo' le cose con i poteri che abbiamo ).

Il discorso si snoda dunque attraverso diversi punti che si corroborano a vicenda e che indimostrati permettono una dimostrazione 'a fortiori' dei valori di appoggio: ovvero la propria invitta 'superiorità. Si potrebbe parlare di una dimostrazione perchè 'quia absurdum esse' il suo contrario. Raffinatezza estrema che sposta l' onere della prova e che giustifica l' ingresso in armi in terra santa, l'eccidio di ieri e di oggi dei popoli che ne erano i legittimi proprietari, la pretesa assoluta sul territorio stesso, 'purificato' dalle presenze indesiderate perchè ( geneticamente e dunque religiosamente ) 'peccaminose'.

Vediamone alcuni altri punti determinanti:

A ) Queste raffinate intelligenze del 'buoni' 'tzaddik' ( il termine dovrebbe essere a sua volta raffinato ma noi in italiano non ne abbiamo di migliori ), si dedicano loro malgrado ad orrende ritualità solo perchè inserite in un mondo 'malvagio' perchè 'malvagi' ne sono gli abitanti: dunque 'licet' tutto ed il suo contrario perchè, a ben vedere 'costoro', i subumani 'bestie' goy non ne sono che gli occupanti primitivi da estirpare, in terra santa come altrove ( attenzione sul termine primitivi e sulla liceità nonchè sull'altrove: la pretesa è universale a partire dalla sua origine ).

B ) Ecco, punto conseguente, la violenza diventa 'lecita' anche oltre il ragionevole, proprio perciò e la sua base è che non esista da parte dei 'cattivi' alcun 'legame' 'essenziale' con questo Pianeta a parte la loro indesiderata presenza. Diventa quindi lecito ogni abominio a fin di bene, ovvero ai fini del proprio 'superiore' interesse: la 'superiorità' è ontologica oltre ogni dimostrazione del suo contrario da parte dei goy, animali 'semivocalis' ottenebrati dalla loro 'naturale' inferiorità genetica.

C ) Questo aspetto motiva oggi la ricerca dell' Uomo Artificiale in tutte le sue applicazioni, corroborate a livello ideologico dal noto discorso delle stille di Luce imprigionate nella materia e che per essere 'liberate' necessitano di una nascita umana non più nella 'matrice', fonte di 'peccaminosità' estrema ed irrimediabile se matrice 'goy' ma anche matrice da superare in ogni caso perchè fondatrice della naturalità dell' 'essere', che disgraziatamente in virtù di questo legame deteriore e deformante diventa insensibile al richiamo del suo dovere di 'superiorità': l'aspetto genetico 'superiore' è messo ufficialmente in sordina sia perchè contraddittorio esteriormente con il discorso politico di 'uguaglianza' somministrato ai 'goy' imbecilli, sia perchè interiormente confligge con quanto è in progetto.

D ) Questo è il giudaismo talmudista sia dei sionisti sia degli altri, tipo i 'neturei karta', divergendone tutt'al più le sfumature di applicazione: con o senza la resezione violenta degli 'altri', con o senza il loro consenso, da ricercare attraverso l'esposizione dei poteri cabalistici in gran spolvero ( sono tanti e superano persino le 'siddi' induiste ), con o senza esperimenti genetici estremi che farebbero impallidire quelli assai esaltati dei nazisti: questo è il progetto del giudaismo postesilico, da implementarsi con alcune 'stazioni' eminenti, prima delle quali è il ripristino dei sacrifici ( forse anche umani ) da officiarsi sul Monte del Tempio, distrutti ovviamente gli altri culti.

Qui è la radice dell' opposizione 'noi vs loro', da parte degli ebrei come anche degli 'altri', data la nota reciprocità speculare che domina le interazioni umane con tutte le conseguenze del caso, nessuna esclusa: il punto fondamentale è l' origine degli 'ebrei' in quanto ed in tanto perchè differente da quella degli altri popoli: dunque superiore ad essa perchè...

Riempite i puntini e capirete.

A dopo, cari amici.

 


BrunoWald e PietroGE hanno apprezzato
RispondiCitazione
PietroGE
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 4108
 

Gli ebrei si sono impadroniti del concetto di etica, e quindi della definizione di bene e male, e lo coniugano così : etica = interessi del popolo ebraico. Il fondamento di questa arroganza sta sia nel concetto ebraico di Dio come datore della Legge Morale sia nella 'alleanza' con Dio concretizzata nella famosa 'Arca'. I nemici del popolo ebraico quindi fanno parte del male e devono soccombere per intervento divino (vedere ad esempio il finale del film di Spielberg Dove Indiana Jones fa la parte della marionetta e Dio stesso punisce i nazisti) o per intervento umano. Alla domanda : se il popolo ebraico è l'eletto da Dio, che cosa ci stanno a fare gli altri popoli della Terra, si risponde quindi : per servirlo. Una simile forma mentis radicata nella religione costituisce un ostacolo insormontabile per la convivenza con altri popoli, spiega perché in 2000 anni gli ebrei non si sono assimilati agli altri europei e perché stanno facendo pulizia etnica in Palestina, spiega il perché il popolo tedesco (colpevole nella sua identità etnica e culturale) doveva essere eliminato fisicamente e non solo sconfitto (vedere il libercolo 'Germany must perish' di Theodore Kaufman) e perché il fine ultimo sociale del popolo ebraico è di dominare come entità etnicamente pura su un meticciato mondiale a suo servizio. A questo serve la cosiddetta 'religione olocaustica' imposta in tutti i modi possibili, dove i concetti cristiani vengono rivisitati e ridefiniti : al posto della croce la camera a gas, al posto di Cristo il popolo ebraico, al posto dei romani i tedeschi e al posto della resurrezione il dominio del popolo ebraico nel mondo.


sarah, BrunoWald e oriundo2006 hanno apprezzato
RispondiCitazione
oriundo2006
Famed Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 3203
Topic starter  

L' isteria dei giudei 'ufficiali' verso il Segretario dell' Onu che ha osato l' inosabile, cioè mettere sullo stesso piano gli uni e gli altri ed anzi accusare esplicitamente gli ebrei delle sevizie a cui i palestinesi sono stati vittime per settant'anni e più, dipende strettamente da quanto ho scritto, cioè dall' idea che l' Onu è stata creata da 'loro' e dunque non si può permettere di andare contro 'loro' ( attenzione ).

La condizione dipende anche da una regola cabalistica secondo cui l' origine 'padre' determina i suoi effetti nei 'figli' e questi ultimi non possono andare contro il suo volere nè sostituirsi ad esso: solo realizzarlo, anche contro tutto e contro tutti, sino alle estreme conseguenze ( attenzione ).

Da questa teurgia applicata solo a parte del genere umano ne deriva la conseguenza della liceità di ogni metodo, di ogni aberrazione a danno di tutto il resto ( attenzione ). Quanto il rappresentante israeliano ha detto ne è l'esplicita dimostrazione, insieme al futuro diniego di autorizzazione all' Onu intera di poter entrare in israele o passare attraverso i suoi valichi per arrivare in Gaza.

Più nel dettaglio di questa insana follia, risalendo per le 'autorizzazioni' si viene a capire il terminus finale: il 'dio' degli ebrei e solo questi ( attenzione ) è l' 'origine' del genere' umano, in quanto sua 'ragion prima', da cui discende 'per li rami' la primazia dei giudei, insieme a tutto il resto, compresa l' arroganza ed il rifiuto di ogni altra autorità o consiglio che da loro stessi non provenga: dopotutto li ha 'scelti' proprio per questo...

E proprio per questo sono legittimati a tutto, in quanto detengono 'anime' simili alla divina radice ( i goy non hanno anime vere e proprie ma solo simulacri, tipicamente come quelle degli animali: attenzione ): come si permette quell' 'animale parlante' del Segretario di accusarli ?

Questa idea, anzi questa pretesa 'generatrice' o 'emanatrice' con quello che ne discende è propria, anche se dissimile, ai tre monoteismi: ma è produttrice di effetti cui dobbiamo inchinarci 'a prescindere' ?

La risposta dovremmo lasciarla a chi se ne fa autore...autore primo, chiaramente. Nel frattempo non possiamo che censurarne le aberrazioni politiche, ben sapendo che qualsiasi dimostrazione è oramai superflua.

Il mondo va verso la sua tragica fine a meno che 'qualcheduno' non ci metta un ostacolo, una pietra d'inciampo.

Chi mai potrà essere ? Il 'kathekon' ? O qualcun altro ?

 


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
betelges
Active Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 5
 

Non è che per caso, lo scaltro "Dio" venerato dagli ebrei sia solo un demone camuffato da dio


RispondiCitazione
Pagina 1 / 2
Condividi: