Valerio Evangelisti...
 
Notifiche
Cancella tutti

Valerio Evangelisti - Compagni che sbagliano

Pagina 1 / 3

Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

«Il diritto di manifestare liberamente e pacificamente è una pietra angolare della democrazia: deve essere difeso e garantito sempre, indipendentemente dal giudizio che si dà sui contenuti o sui promotori delle singole manifestazioni». Bella frase, in apparenza, quella che apre l'appello di un po' di radicali e di gente di sinistra a favore di un corteo ora vietato. Peccato che si riferisca a una manifestazione del Blocco studentesco, emanazione di Casa Pound. E che il divieto sia intervenuto dopo che sindacati, associazioni antifasciste, partiti e singoli cittadini lo avevano invocato in rappresentanza di una Roma democratica. Dopo la mobilitazione degli studenti di sinistra dell'Università di Roma, dopo l'uscita di un video che denuncia che cos'è realmente la "Giovinezza al potere" (la parola d'ordine dell'iniziativa dei giovani neonazi italiani). E dopo un appello sottoscritto da Alberto Asor Rosa, Erri De Luca, Marco Tullio Giordana, Margherita Hack e altri 250 tra docenti, ricercatori, registi, giornalisti e scrittori.

Dove vivono, gli appartenenti alla sparuta pattuglia dei sostenitori del diritto a manifestare del Blocco studentesco? Non sanno che l'Italia è ormai ai primi posti, in Europa, per la frequenza e la gravità degli agguati xenofobi? Non leggono le cronache? Non hanno visto il filmato in cui i giovani neonazi del Blocco aggrediscono a cinghiate (la loro arte marziale si chiama "cinghiamattanza") un corteo di studenti medi, salvo prenderle all'"arrivano i nostri" dei centri sociali, per poi trovare riparo dietro i cordoni della polizia?
Esiste in questo paese un'emergenza neofascista, cresciuta sotto la protezione del "partito dell'amore". Si è affermata la libertà totale di insultare l'extracomunitario, il gay, l'ebreo, il "diverso". Ogni settimana vanno a fuoco negozi di bengalesi, sudamericani, stranieri in genere (spesso con il permesso di residenza, o con la cittadinanza italiana). I giornali filogovernativi riciclano firme di fascisti e nazisti notori, tranquillamente ammessi in un contesto che si pretenderebbe "liberale". Da Ciarrapico in giù, la melma nera dilaga. Se dal piano delle idee si passa all'attività pratica, troviamo in primo piano proprio i promotori della manifestazione che era prevista per oggi. Innocenti "teorici"? Basta ascoltare le canzoni di cui si dilettano: puri incitamenti al razzismo e alla violenza cieca contro il più debole - contro chi, per povertà e condizione di sfruttato, non può e non sa difendersi. La fedina penale di alcuni di questi "teorici" è lunga quanto un verbale condominiale, e comprende solo crimini abietti.

Non è un problema solo italiano. Su Internet sono reperibili filmati girati nei paesi in cui il dilagare della melma nera non è stata bloccata per tempo, come in Russia o in altri paesi dell'Est. A parte bastonature e accoltellamenti di immigrati e di ebrei, esecuzioni di giudici e giornalisti, ecco l'impiccagione tra le betulle di due poveracci dalla pelle scura, l'assassinio a freddo di un gay a coltellate. Ciò non ha nulla a che vedere con il Blocco studentesco o con Casa Pound? D'accordo. Però la cultura è la stessa. Ciascuno a casa propria, preserviamo l'identità nazionale, non lasciamoci "invadere", difendiamo le nostre città dalla sporcizia umana. Più qualche invettiva di rito contro il Fondo monetario internazionale e il "signoraggio bancario". Se questa visione del mondo dovesse prosperare, anche qui conosceremmo tragedie e delitti.
Le anime belle che difendono il diritto dei neonazi a manifestare, quasi si trattasse di una placida congrega di semplici ideologi, paiono ignorare questa realtà. Ignorando che la libertà di manifestare non può essere anteposta e contrapposta ad un principio fondante della nostra democrazia come l'antifascismo.

Valerio Evangelisti
Fonte: www.ilmanifesto.it
Link: http://www.ilmanifesto.it/archivi/commento/anno/2010/mese/05/articolo/2717/
7.05.2010


Citazione
Tao
 Tao
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 33516
Topic starter  

DI “ANTISEMITISMO” E “ANTIFASCISMO”. OVVERO COME CONTINUARE A FARSI DEL MALE

Che brutte cose che succedono di questi tempi — “ti sei svegliata adesso?”, chiederà qualcuno.
No, è che ci sono giorni in cui si accumulano tali e tante negatività che non vedo nessun rito capace di farne piazza pulita.

Per esempio 1: l’altro giorno segnalavo di passata l’indagine sull’antisemitismo portata avanti da una commissione parlamentare: non ho sentito tutta la registrazione (e lo farò), ma ora diversi amici-di-tastiera mi segnalano di essere in qualche modo coinvolti nelle conclusioni dell’indagine, che prevede e invoca censure, oscuramenti e repressioni varie.
Pessimo segno, direi: perché confondere artatamente il più becero e volgare antisemitismo con un dignitoso antisionismo declinato in sfumature diverse è un escamotage che non fa onore a nessuno, e anzi serve soltanto a fomentare una campagna di odio reciproco che sicuramente a tutto può contribuire tranne che a una distensione del clima in vista di un pacato confonto.
Personalmente, rivendico il diritto di sostenere forte e chiaro che nulla, neppure gli orrori reali e/o (secondo alcuni) presunti subìti dalle comunità ebraiche negli anni 1938-1945, può giustificare o legittimare o rendere tollerabile in qualche modo la politica genocidaria condotta scientemente dall’entità sionista (vulgo: Stato di Israele) ai danni dei nativi palestinesi.
Non ho nulla contro gli ebrei: non posso dire lo stesso riguardo ai sionisti, segnatamente quelli che ebrei non sono e che — volendo essere più realisti del re — si comportano proprio come i filo-americanisti di casa nostra, pronti a qualsiasi (dico qualsiasi) cosa pur di compiacere i loro modelli di riferimento.

Per esempio 2: il Blocco studentesco, movimento studentesco “fascista”(ah, queste categorie…) nato a Roma e oggi presente a livello nazionale, ha organizzato una manifestazione per venerdì 7 maggio. L’autorizzazione della Questura di Roma è stata prima concessa e poi revocata su insistenza di alcune realtà avverse (PD, ANPI, centri sociali etc.) e poi in qualche modo concessa di nuovo. In ogni caso, non è bello. Non è bello per niente che un’autorità pubblica, per ciò stesso super partes, si lasci condizionare nell’esercizio del potere che le compete da organizzazioni politiche che non hanno in vista il bene comune bensì il prevalere della propria ideologia e la tutela dei propri privilegi. E poco importa che ci siano stati dei ripensamenti. Tant’è vero che circola in rete un appello per scendere in piazza il 7 maggio con il Blocco (si può firmare presso [email protected]; gira anche un appello firmato dalle “sinistre”, ma non trovo un link).

Ma veniamo al punto. La brutta, bruttissima cosa che accomuna i due episodi — e che a mio avviso dovrebbe essere la sola vera fonte di preoccupazione — è il fondare le due accuse/repressioni sull’applicazione di un medesimo meccanismo che, per essere già ampiamente noto e consolidato nella pratica degli ultimi sessantacinque anni di repubblica democratica, dovrebbe pure aver insegnato qualcosa. E invece no.
Il meccanismo è quello — oh quanto trito e ritrito e tritacarne di generazioni! — del mantenimento e foraggiamento degli opposti a maggior gloria di un potere unico che nulla più ha a che vedere con la sovranità nazionale; e a maggior rovina delle forze sane che ancora fortunosamente resistono in questo sciagurato Paese che fu grande per poco e non lo è più da tempo.

Che fare, dunque? Per quanto mi riguarda, non voglio perdere qui neanche un minuto a chiedermi (ancora?!?) il come e il qualmente di certe situazioni; mi sfilo, semplicemente. E mi dedico ad altro.

Alessandra Colla
Fonte: www.alessandracolla.net
Link: http://www.alessandracolla.net/?p=430
6.05.2010


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 14020
 

Evangelisti si erge quindi a giudice accusando Casa Pound che manifesta per i 9 ragazzi finiti in ospedale perché affiggevano manifesti per le elezioni universitarie, accuse di cantare canzoni razziste.
Dove sono? Dov'è il testo di queste canzoni?
Di quali aggressioni xenofobe si è resa rea Casa Pound?
Quale sentenza li condanna?
Quale processo li accusa di ciò e di tutte le nefandezze esperite dall'Evangelisti?

Per alcuni non esiste l'onere della prova, ma il diritto di accusa senza fondamento

Una curiosità:
Il manifesto ha scritto una lettera dicendo i compagni che sbagliano indirizzata a coloro che diversamente da Turigliatto e Rossi votarono si alle missioni di guerra?

"Più qualche invettiva di rito contro il Fondo monetario internazionale e il "signoraggio bancario"
che il manifesto sostenesse il neoliberismo non avevamo dubbi


RispondiCitazione
dana74
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 14020
 

qui l'appello e l'elenco firmatari
http://www.noreporter.org/index.php?option=com_content&view=article&id=14283note&Itemid=18

Tra i firmatari mi colpisce il nome di Antonella Serafini di censurati.it

Se Casa Pound fosse così xenofoba come qualcuno vuol far credere non si spiegherebbe come mai Antonella che si occupa di migranti avrebbe dato il sostegno alla manifestazione.


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 12 mesi fa
Post: 4113
 


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 30947
 

questi signori qui sopra non sembrano così pacifici...


RispondiCitazione
Melkitzedeq
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 42
 

Quando il signor Evangelisti parla di "paesi in cui il dilagare della melma nera non è stata bloccata per tempo, come in Russia o in altri paesi dell'Est" che cosa intende?

La solita propaganda atlantista "colorata" che dipinge la Russia e altri Paesi ex sovietici come il paradiso del nazismo e Putin come una specie di nuovo Hitler in incognito immagino.

E poi non poteva mancare la sparata sull'"antisemitismo" a livelli stratosferici con i poveri ebbrei accoltellati e impiccati per strada (ma dove???), pura propaganda sionista per diffondere il vittimismo in Europa e farla sprofondare ancora di piu' sotto lo stivale di Israele.

Complimenti signor Evangelisti, il suo antifascismo le ha fatto chiudere non uno ma entrambi gli occhi, lei si che e' un vero campione della propaganda atlantista e sionista.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 30947
 

@Trman. Ottime le foto.Significative. E inequivocabili. Dimostrano più di tanti discorsi cosa e come questi squadristi intendano manifestare. Manca però quella foto in cui il secondo manifestante da sinistra sta "in amorosi sensi" con un funzionario di polizia a cui addirittura apre la porta del blindato. Per me quella foto è la quintessenza del significato della parola "provocazione". Il paradosso è che c'è qualcuno che ha la sfacciataggine di dipingerli come vittime.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 30947
 

@colla. Le dedico le foto postate dal sig. Truman e le invio il mio ringraziamento. Lei mi fa sentire bene, leggendo il suo post mi sono infatti detto "Avrò sicuramente tanti difetti, non sempre ho fatto la cosa giusta ma perlomeno non sono diventato fascista nè liberale, nè filoamerikano, nè laziale e neanche come le signore Serafini e Colla. Insomma leggendo il suo post mi sono sentito bene: certe coglionerie ancora non le ho fatte nè dette. Grazie di esistere


RispondiCitazione
Drachen
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 40
 

ah si? allora le manifestazioni dei tifosi di calcio dovrebbero essere proibite per sempre.
sino a che non vengano commessi reati il diritto di manifestare è legittimo e sacrosanto. tutto il resto son scemenze, pretesti e contrapposizioni ideologiche. contrapposizioni frutto anche di una mancata assimilazione del concetto di democrazia.
leggitimo essere comunisti e antidemocratici, meno essere democratici solo quando fa comodo.


RispondiCitazione
Anonymous
Illustrious Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 30947
 

@Drachen. Guardi le foto opportunamente postate dal signor Truman. E dopo averle guardate mi spieghi per quale motivo al mondo le teste dei signori e delle signore a cui sono destinate, il bersaglio insomma, quelle mazze da baseball non si dovrebbero allarmare e chiedere l'annullamento di certe parate paramilitari. Lei dice :"allora anche le manifestazioni sportive etc" Ed io le rispondo : "Si, se sono fatte con i coltelli e le mazze da baseball." In Inghilterra dopo tanti incidenti hanno risolto la faccenda con le telecamere e con leggi apposite che fanno trascorrere ad i più esagitati il periodo della partita in commissariato. Sarà eccessivo, forse ma quelle norme hanno drasticamente risolto il problema. Mi stupisco che lei solitamente acuto nei suoi commenti si unisca al coro di chi vuol far passare per vittime gli energumeni ben descritti dalle foto.


RispondiCitazione
Drachen
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 40
 

@Drachen. Lei dice :"allora anche le manifestazioni sportive etc" Ed io le rispondo : "Si, se sono fatte con i coltelli e le mazze da baseball."

nel caso di coltelli si commette reato. nel caso di mazze da baseball non saprei. non si può bloccare una manifestazione perché qualcuno non si sente tranquillo. il processo alle intenzioni, per fortuna, non esiste.
bisogna verificare il contesto di quelle foto, ciò non toglie che il divieto di manifestare non riguarda MAI un gruppo politico o culturale ma riguarda
le metodologie delle manifestazioni.
allora un conto è proibire di manifestare perché in un caso specifico si è fatto uso di mazze da baseball (ordine pubblico), un altro è vietare in base ad una motivazione politica (il che è antidemocratico).

In Inghilterra dopo tanti incidenti hanno risolto la faccenda con le telecamere e con leggi apposite che fanno trascorrere ad i più esagitati il periodo della partita in commissariato.

ci sono appunto telecamere che controllano, non c'è un divieto preventivo.
la differenza è evidente.
]


RispondiCitazione
Melkitzedeq
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 42
 

Caro Truman da questo video non sembra che dall'altra parte ci fossero dei poveri pacifisti non violenti indifesi:

http://www.youtube.com/watch?v=5wTeI_tatoY

gli aggrediti in questo caso sono stati quelli di casapound.

P.S. non faccio parte di casapound ne' condivido la loro politica, a scanso di equivoci.


RispondiCitazione
Truman
Membro Moderator
Registrato: 12 mesi fa
Post: 4113
 

non sembra che dall'altra parte ci fossero dei poveri pacifisti non violenti indifesi

Per fortuna dall'altra parte non c'erano pacifisti. Faranno bene a ricordarlo.
E comunque quella volta gli andò bene. Troppo bene.
Da qui non vedo il video, ma i fatti dell'epoca furono abbastanza chiari: dopo una mattinata di violenza dei "giovani" del blocco che si accanivano contro i ragazzi delle medie, arrivarono, disarmati, gli studenti dell'università.
E lì quelli del blocco si rifugiarono tra le braccia della polizia, che fino a quel momento aveva dormito.


RispondiCitazione
Drachen
Eminent Member
Registrato: 12 mesi fa
Post: 40
 

non sembra che dall'altra parte ci fossero dei poveri pacifisti non violenti indifesi

Per fortuna dall'altra parte non c'erano pacifisti. Faranno bene a ricordarlo.
E comunque quella volta gli andò bene. Troppo bene.
Da qui non vedo il video, ma i fatti dell'epoca furono abbastanza chiari: dopo una mattinata di violenza dei "giovani" del blocco che si accanivano contro i ragazzi delle medie, arrivarono, disarmati, gli studenti dell'università.
E lì quelli del blocco si rifugiarono tra le braccia della polizia, che fino a quel momento aveva dormito.

che grande vittoria rivoluzionaria. ne parleranno per decenni. hanno già costruito dei busti commemorativi? 🙂


RispondiCitazione
Pagina 1 / 3
Condividi: