Rifiutata offerta d...
 
Notifiche
Cancella tutti

Rifiutata offerta di meloni deteriorati


Primadellesabbie
Illustrious Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 5039
Topic starter  

Trovo sulla Tass (traduzione automatica):

La Russia non può vedere l'Italia come garante del processo di pace intorno all'Ucraina

Alcuni paesi offrono mediazione nella crisi ucraina, agendo per interesse personale, pensa la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

MOSCA, 4 gennaio. /TASS/. La Russia non può vedere l'Italia come un garante del potenziale processo di pace intorno all'Ucraina a causa della posizione di parte di Roma nei confronti di Mosca, ha detto mercoledì la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Al diplomatico è stato chiesto di commentare le notizie secondo cui Roma sarebbe pronta ad agire come garante di un accordo di pace in Ucraina. In particolare, il primo ministro italiano Giorgia Meloni lo ha annunciato in una conferenza stampa il 29 dicembre 2022.

"Ovviamente, per quanto riguarda la posizione di parte assunta dall'Italia, non possiamo vederla né come 'un onesto mediatore' né come possibile garante del processo di pace", ha detto Zakharova nella sua risposta a una domanda dei media pubblicata sul sito del ministero.

Zakharova ha sottolineato che "molti paesi si impegnano a partecipare alla risoluzione della crisi ucraina, e alcuni ci offrono persino apertamente i loro servizi di mediazione".

"Ne hanno parlato Papa Francesco, il presidente francese Emmanuel Macron, il presidente turco Tayyip Erdogan e altri capi di Stato e di governo, politici e personaggi pubblici", ha proseguito. "Alcuni sono sinceri nel farlo, ma altri sono motivati dal loro interesse personale, cercando di inserirsi nel processo di negoziazione per i benefici della politica estera".

"Tuttavia, troviamo strano sentire proposte di mediazione da parte dei paesi che fin dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina hanno assunto una posizione anti-russa inequivocabile e molto aggressiva, non solo sostenendo il sanguinario regime di Kiev, ma anche fornendo una sostanziale assistenza militare e tecnico-militare e pompando intenzionalmente armi all'avanguardia in Ucraina", ha detto Zakharova.

Secondo il diplomatico, "Insieme a un'ampia gamma di armi e attrezzature militari, l'Italia rifornisce Kiev anche di mine antiuomo".

Zakharova ha sottolineato che "queste azioni irresponsabili non solo moltiplicano le vittime, anche tra la popolazione civile nel Donbass, e trascinano la fine del conflitto, ma rischiano anche di trascinare i paesi della NATO in uno scontro militare diretto con la Russia".

"Tuttavia, i gestori occidentali di Kiev, con l'Italia purtroppo tra loro, non hanno intenzione di fermarsi e, al contrario, stanno intensificando le loro forniture", ha affermato.

"Sarebbe meglio se gli pseudo-operatori di pace europei interrompessero la loro spinta militare a Kiev e concentrassero i loro sforzi su una collaborazione più ferma ed esigente con il presidente ucraino Vladimir Zelensky, che ha ripetutamente ribadito la sua totale avversione a una risoluzione pacifica del conflitto, e ha persino firmato un decreto del 30 settembre 2022 per respingere i negoziati con il presidente russo Vladimir Putin", ha concluso la portavoce del ministero degli Esteri russo.

 

Da qui:

https://tass.com/russias-foreign-policy/1558951


ducadiGrumello hanno apprezzato
Citazione
ducadiGrumello
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 180
 

io mi meraviglio che abbia persino sprecato tempo a rispondere, è pur vero che la diplomazia ha le sue regole


BrunoWald hanno apprezzato
RispondiCitazione
Condividi: